InfoAut
Immagine di copertina per il post

Rap Brown arrestato a Manhattan

||||

Rap Brown è stato un attivista di primo piano del Black Power. All’inizio aderisce al Comitato di coordinamento nonviolento degli studenti (SNCC) negli anni a venire si convinse della necessità dell’auto difesa armata contro gli attacchi razzisti dei bianchi. Tra il 1971 e il 1976 trascorre cinque anni nella prigione di Attica dopo una condanna per rapina, in quel periodo si converti all’Islam. Attualmente sta scontando l’ergastolo per l’omicidio di due agenti dello sceriffo della Contea di Fulton nel 2000. Adesso è rinchiuso nel penitenziario al alta sicurezza di Tucson in Arizona.

 

lettera che H. Rap ​​Brown (ora Jamil Al-Amin) scrisse dalla Prigione di Parrish (New Orleans) il 21 febbraio 1968. Fonte : https://www.usprisonculture.com/blog/

 

A Letter from Prison from H. Rap Brown (1968)

(Una lettera dalla prigione – H.Rap Brovn(1968)

 

Essere un uomo è la continua battaglia della propria vita: si perde un po ‘di virilità con ogni compromesso con l’autorità di qualsiasi potere in cui non si crede.

 

Nessuno schiavo dovrebbe morire di morte naturale. C’è un punto in cui finisce la prudenza e inizia la codardia.

 

Per ogni giorno in cui sarò imprigionato, rifiuterò sia cibo che acqua. La mia fame è per la liberazione del mio popolo. La mia sete è per la fine dell’oppressione.

 

Sono un prigioniero politico, incarcerato per le mie convinzioni: i neri devono essere liberi. Il governo ha preso una posizione fedele alla sua natura fascista: coloro che non si convertono devono tacere. Questo governo è diventato nemico del genere umano.

 

Questo non può più alterare il nostro percorso verso la libertà. Per la nostra gente, la morte è stata l’unica uscita conosciuta dalla schiavitù e dall’oppressione. Dobbiamo aprire gli altri.

 

La nostra volontà di vivere non deve più sostituire la nostra volontà di combattere, poiché i nostri combattimenti determineranno se la nostra razza vivrà. Desiderare la libertà non è abbastanza.

 

Dobbiamo passare dalla resistenza all’aggressione, dalla rivolta alla rivoluzione.

 

Per ogni Orangeburg, ci devono essere dieci Detroits. Per ogni Max Stanford e Huey Newton, ci devono essere dieci poliziotti razzisti morti. E per ogni morte nera, ci deve essere Dien Bien Phu.

 

Fratelli e sorelle, e tutte le persone oppresse, dobbiamo prepararci mentalmente e fisicamente, perché il grande scontro deve ancora venire. Dobbiamo combattere. Sono le persone che in ultima analisi fanno e determinano la storia, non i leader o i sistemi. Le leggi che ci governano devono essere fatte da noi.

 

Che le ricchezze del ’68 segnalino l’inizio della fine di questo paese. Faccio ciò che devo per amore della mia gente. La mia volontà è di combattere. La resistenza non è abbastanza: l’aggressività è all’ordine del giorno.

 

NOTA PER L’AMERICA:

 

Se ci vuole la mia morte per organizzare il mio popolo per ribellarsi a te e per organizzare le tue carceri per ribellarti contro di te, e per organizzare le tue truppe per ribellarti contro di te, e per organizzare i tuoi figli, il tuo Dio, i tuoi poveri, il tuo paese e organizza l’umanità per rallegrarti della tua distruzione e rovina, quindi ecco la mia vita. MA LA MIA ANIMA APPARNA AI MIEI PERSONE!

 

LASIME TUSHINDE MBILASHAKA! (Tradotto dallo swahili) CONQUISTIAMO SENZA UN DUBBI

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Storia di Classedi redazioneTag correlati:

Accadeva Oggi

  1. 1927

    Immagine di copertina per il post

    Lettera n° 28: alla mamma | Antonio Gramsci: le lettere dal carcere

    Carissima mamma, ho ricevuto la tua lettera proprio oggi. Ti ringrazio. Sono molto contento delle buone notizie che mi dai, specialmente di Carlo. Non sapevo quali fossero le sue condizioni di lavoro e di vita. Credo che Carlo sia un ottimo ragazzo, nonostante qualche sua capestreria del passato e credo anche che sia più solido […]

  2. 1945

    Immagine di copertina per il post

    È l’insurrezione

    Tra febbraio e marzo del 1945, mentre le truppe alleate non sono avanzate rispetto alle posizioni occupate durante l’inverno,l’offensiva partigiana nell’Italia settentrionale si sviluppava con nuova forza. È il 10 aprile quando la direzione per l’Italia settentrionale del partito comunista fa pervenire a tutte le organizzazioni politiche e formazioni militari partigiane la direttiva n. 16 […]

  3. 1974

    Immagine di copertina per il post

    Portogallo la rivoluzione dei garofani

    Radio Renascença trasmette Grândola vila morena di José Alfonso . È questo il segnale di inizio delle operazioni militari rivoluzionarie, con l’arresto degli alti ufficiali fedeli al regime fascista e l’occupazione di luoghi strategici, come l’aeroporto di Lisbona e la prigione politica di Peniche. È la rivoluzione dei garofani!   03:10 – I ribelli prendono […]