InfoAut
Immagine di copertina per il post

Stjepan Filipovic eroe jugoslavo

||||
||||

Breve descrizione dell’esecuzione del partigiano comunista croato Stjepan Filipović da parte dei nazisti nel 1942, resa famosa dal suo ultimo atto di sfida.

Una foto scattata nel 1942 nella città serba di Valjevo mostra il partigiano croato Stjepan Filipović sotto la forca nazista. Pochi secondi prima che fosse impiccato dagli aggressori e dai loro collaboratori, l’uomo condannato a morte spinse con aria di sfida le sue mani in aria e gridò: “Morte al fascismo! Libertà per il popolo! ” Questo momento risuonerà nell’eternità.

Stjepan Filipović fu impiccato dieci minuti prima della scadenza prevista per il 22 maggio 1942. Filipović gridò vigorosamente: “Viva i liberatori del popolo! Abbasso i fascisti e i collaboratori inquieti! Lunga vita al comunismo! ”. Con un cappio stretto intorno alla testa, con le braccia alzate, Filipović diede le sue ultime parole alla folla circostante e forzatamente raccolta: “” Cosa stai aspettando? Perché lo stai permettendo? Prendi quei fucili arrugginiti e libera il tuo paese da questa feccia! Lunga vita al nostro esercito liberatore e ai nostri alleati! ”. Un soldato tedesco diede un pugno a Filipović con il calcio del suo fucile per zittirlo. Filipović ha provato a prenderlo a calci, ha perso l’equilibrio, lo sgabello su cui si trovava è caduto una parte il cappio si strinse ancora più saldamente sotto il suo peso.

Stjepan Filipović è nato a Opuzen, nel 1916. (Impero austro-ungarico, oggi Croazia) come terzo di cinque figli. Nella città di Kragujevac ha lavorato come fabbro. Nel 1937. Filipović si unì al movimento operaio locale e fu arrestato e condannato a un anno di prigione. Nel 1940. si unì al Partito Comunista di Jugoslavia. Nel 1941. Filipović era di stanza nella città di Valjevo quando i nazisti occuparono la Jugoslavia. All’inizio di luglio 1941. Filipović si unì alle truppe di Kolubara del distaccamento partigiano di Valjevo. Successivamente Filipović ha svolto l’incarico di commissario politico nel distaccamento partigiano di Mačva che ha portato alla sua nomina a una posizione di comando superiore come ufficiale comandante di un’unità Tamnavsko-Kolubarski a Valjevo. Il 24 dicembre,i fascisti cetnici lo catturarono e lo consegnarono al quartier generale della Gestapo a Belgrado.

Tutto ciò che riguardava la morte di Stjepan Filipović e l’ammirazione che lo seguiva era sempre supportato da una delle fotografie più forti mai scattate. L’autore di questa foto storica era una ragazza di 17 anni Slobodanka Vasić. Ha lavorato in uno studio fotografico “Foto Kosare” a Valjevo e il suo compito era quello di scattare foto dell’impiccagione. Mostrare le foto di Stjepan Filipović con le mani in alto nello studio ha suscitato molto interesse tra i locali che volevano acquistare le foto. Poiché il comando tedesco era di stanza dall’altra parte della strada, i tedeschi videro che qualcosa stava succedendo e così cercarono nello studio e sequestrarono tutte le foto e le registrazioni video dell’impiccagione. Slobodanka ha trascorso due settimane in prigione dove è stata interrogata per capire se stava lavorando con i partigiani. Tuttavia, una copia della foto si salvo grazie a Branko Kesler, medico locale, che ha lavorato per la resistenza partigiana. Cittadino di origine tedesca, i nazisti si fidavano di lui e un ufficiale decise di mostrare un mucchio di foto a Kesler pochi giorni dopo che ebbe luogo la famigerata impiccagione di Stjepan Filipović. Approfittando di un momento di negligenza Kesler nascose una foto che così si salvo.

Stjepan Filipović divenne il simbolo jugoslavo dell’antifascismo e della lotta per la libertà. Due monumenti sono stati eretti in suo onore, il primo a Valjevo stesso e il secondo in Croazia, nella sua città natale di Opuzen. Il suo atto eroico divenne il ricordo di una lotta comune, sia serba che croata, contro il nazismo e il fascismo. Durante la seconda guerra mondiale, la Jugoslavia aveva organizzato il più grande movimento di resistenza nell’Europa occupata.

Guarda “STJEPAN FILIPOVIĆ (Narodni heroj Jugoslavije) – Dokumentarni Film“:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Storia di Classedi redazioneTag correlati:

Accadeva Oggi

  1. 1888

    Immagine di copertina per il post

    La bandiera rossa, la falce e il martello e l’Internazionale

    Dalle sommosse dei contadini della Russia del XVII secolo giunge fino a noi il più antico dei nostri simboli, la bandiera rossa. Questa riappare nei moti operai di Lione del 1834, e durante la rivoluzione del 1848 viene issata sulle barricate di Parigi. La bandiera rossa veniva ed è usata tuttora come segnale di pericolo. […]

  2. 1969

    Immagine di copertina per il post

    Una vittoria del popolo sardo contro l’occupazione militare

    La fine degli anni ’60 corrisponde con un fermento politico e culturale che non trova confini nazionali. Sono soprattutto le proteste studentesche a tenere banco sui giornali. In Sardegna però l’epicentro di questo fermento non saranno Cagliari e Sassari, dove sono presenti le due università sarde, ma paesi dell’entroterra e soprattutto della Barbagia. I paesi […]

  3. 1970

    Immagine di copertina per il post

    Bruno Breguet combattente internazionalista

    Bruno Breguet, nato a Muralto, cittadina della Svizzera italiana, nel 1950 e, non ancora ventenne, pronto ad arruolarsi tra le fila del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, diventando in seguito il primo membro «straniero» della resistenza palestinese a subire il carcere. Come d’altronde scrive lo stesso Breguet ne La scuola dell’odio, commentando le […]