InfoAut
Immagine di copertina per il post

Corso Belgio: il Comune impugna l’ordinanza cautelare del Giudice!

Lo Russo e Tresso non hanno alcuna intenzione di deporre l’ascia da guerra contro gli alberi e i cittadini.

Di seguito riportiamo il comunicato stampa del Comitato Salviamo gli Alberi di Corso Belgio in merito agli ultimi sviluppi della vicenda.

Assemblea pubblica a seguito dell’ordinanza del giudice tenutasi in corso Belgio il 16 giugno 2024

Due giorni dopo la pubblicazione dell’ordinanza cautelare del Giudice che accoglieva parzialmente il ricorso promosso dai cittadini di corso Belgio, il Comune e l’assessorato del Verde Pubblico di Torino si dichiaravano nel complesso soddisfatti (1),perché il provvedimento – dicevano – prescriveva misure affini a quelle che la Città intendeva considerare nella revisione del progetto. Il 14 giugno hanno invece impugnato il provvedimento.

Il Comune contesta l’ordinanza del Giudice, che ha riconosciuto la lesione del diritto alla salute in caso di abbattimento integrale dell’alberata nel tempo massimo di 18 mesi.

Ricordiamo che l’ordinanza non ha sospeso il progetto comunale, come era stato richiesto dai ricorrenti, ma ha prescritto modalità e tempistiche che mitigherebbero il danno che esso comunque arrecherà. Non contento, evidentemente, di aver già – per ben vent’anni – causato un danno ai cittadini omettendo di rimpiazzare gli alberi abbattuti in corso Belgio, il Comune nega di nuovo la giurisdizione, la legittimazione dei ricorrenti e, nonostante le affermazioni pubbliche dell’Assessore Tresso e dei tecnici sul rapporto tra verde e benessere psicofisico (2), nega anche l’impatto dello specifico progetto sulla salute.

Quindi, per scelta del Comune, la vertenza prosegue, con ulteriori costi per i contribuenti: l’udienza del secondo grado di giudizio sarà il 31 luglio alle ore 9.30.

Intanto il Sindaco esprime una diversa, cinica soddisfazione, per due aceri caduti in corso Belgio, tra le diverse decine di alberi (compreso qualche pero cinese in corso Umbria) che il nubifragio di lunedì 1° luglio ha sradicato o schiantato in mezza città: “Su corso Belgio avevamo ragione” (3). Tocca informarlo che gli altri 222 aceri che i suoi tecnici (smentendo le loro stesse analisi) considerano a rischio hanno resistito egregiamente anche a questa bufera.

Negli scorsi giorni sono caduti alberi, crollati ponteggi, volati via tetti: la “soluzione” di Lo Russo e Tresso contro il cambiamento climatico pare prevedere l’abbattimento degli alberi di grandi dimensioni… Seguendo questa logica, che interviene sugli effetti e non mitiga le cause, dobbiamo aspettarci anche il divieto dei ponteggi e l’abolizione dei tetti?

Una bieca incoerenza caratterizza l’agire della Giunta in carica e dei suoi tecnici, per questa vicenda come per le altre che riguardano il verde urbano torinese. Si è cominciato con la storia degli alberi da sostituire perché di specie alloctona… ma con altra specie alloctona. Poi si è passati agli alberi da sostituire perché malandati a causa dell’interferenza con il tram, ma intanto abbattuti in corso Umbria dove non passa nessun tram. Eccetera. Sarebbe una farsa se in ballo non ci fossero la resilienza della nostra città al cambiamento climatico, la salubrità dell’ambiente urbano e, in particolare, il diritto alla salute che i cittadini si sono visti costretti a tutelare con il ricorso.

Sappiano quindi i nostri concittadini che, se vogliono difendere la propria salute e l’ambiente, l’unica scelta è mobilitarsi, anche contro i cattivi amministratori e i loro funzionari. Che è quello che noi, Comitato Salviamo gli alberi di corso Belgio, continueremo a fare.

Torino, 4 luglio 2024

Comitato Salviamo gli Alberi di corso Belgio

  1. https://www.rainews.it/tgr/piemonte/articoli/2024/05/alberi-corso-belgio-abbattuti-in-5-anni-i-nuovi-dovranno-essere-gia-grandi-250959f3-6fc5-4fca-806c-d7b4eafd06a9.html
  2. Per esempio durante la seduta del 26 gennaio 2023 della VI Commissione Ambiente presso il Comune di Torino, la cui registrazione è disponibile a questo link: https://servizi.comune.torino.it/consiglio/prg/web/resoconto_ccp1.php. In particolare dal minuto 1h46’25” a 1h47’16, l’Assessore Tresso afferma: “Tenete anche conto che questa multifunzionalità dell’apparato verde non è solo in termini di… diciamo di alberi, come anche l’aspetto paesaggistico, visivo … è vivere bene! è tanto! Noi abbiamo fatto una riunione molto interessante con l’ASL e con diversi soggetti che ci hanno presentato il piano di prevenzione e come ci siano tutta una serie di dati molto interessanti di correlazione tra la presenza maggiore e più massiva del verde e una diminuzione delle patologie o di certi tipi di… Insomma, perché ovviamente non è solo il fatto che assorbe la CO2 ma anche il fatto che vivi… Pensate anche solo col calore di quest’estate, il fatto di avere un quartiere più ombreggiato dove una persona anziana può fare dei percorsi in maniera meno esposta… Insomma, e tutta una serie di elementi correlati che però sono assolutamente urgenti e attuali, quindi bisogna proprio pensare che dobbiamo investirci“.
  3. https://www.lastampa.it/torino/2024/07/03/news/corso_belgio_alberi_caduti_piogge_sindaco_stefano_lo_russo-14442798/

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Un fumetto sulla devastazione del parco della Pellerina a Torino

Riceviamo un prezioso contributo che vuole sostenere il comitato che si batte a difesa del Parco della Pellerina a Torino

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Fermiamo la devastazione del Meisino!

Il Parco del Meisino è il più ricco di biodiversità di tutta la Città Metropolitana di Torino grazie alla sua posizione contigua alla collina e presso la confluenza tra Stura, Dora Riparia e Po. E’ urgente mobilitarsi in sua difesa!

Di seguito le indicazioni per prendere parte al monitoraggio del parco in seguito alla notizia dell’imminente avvio dei lavori.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Strada in Sea, Valli di Lanzo, le ragioni del NO.

Nelle Valli di Lanzo si corre il rischio di vedere realizzato il progetto di una strada di 1.5 km nel Vallone di Sea.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Custodiamo la Val Sessera: le buone ragioni per dire NO alla diga.

Per affrontare il tema della gestione delle risorse idriche occorre partire dall’impatto sui territori che i progetti di accumulo di acqua possono arrecare, considerando vari aspetti.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Le guerre per l’acqua: attualità in Francia, prossimo futuro in Italia?

Lunga intervista realizzata dal progetto Confluenza a un attivista della regione del Poitou dove, in Francia, da quasi dieci anni va avanti un’importante lotta per la difesa del territorio contro il progetto dei mega bacini idrici.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Diga in Val Sessera: quali conseguenze?

Di seguito l’invito alla prima iniziativa pubblica di Confluenza organizzata insieme a Custodiamo la Valsessera e al Circolo Biellese Tavo Burat sul tema degli invasi che si terrà a Biella il 14 giugno alle ore 18.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Meisino: la biodiversità di un territorio da difendere.

Il parco del Meisino è il più ricco di biodiversità dell’intera Città Metropolitana, Zona a Protezione Speciale e area protetta del parco del Po piemontese: in quanto tale è evidentemente un bene comune la cui salvaguardia non è interesse esclusivo degli abitanti dei quartieri limitrofi.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Salvare il Meisino è compito cittadino!

Secondo quanto apprendiamo da giornali e delibere comunali l’avvio dei lavori per cementificare e cancellare l’oasi di biodiversità rappresentata dal parco del Meisino a Torino è imminente.