InfoAut
Immagine di copertina per il post

Strada in Sea, Valli di Lanzo, le ragioni del NO.

Nelle Valli di Lanzo si corre il rischio di vedere realizzato il progetto di una strada di 1.5 km nel Vallone di Sea. Ci troviamo davanti all’ennesimo progetto di devastazione della montagna che viene pensato senza alcuna attinenza alle esigenze del territorio, imponendo gravi impatti ambientali e idrogeologici. Il territorio è infatti soggetto a valanghe e frane e, inoltre, i fondi regionali che sarebbero utilizzati vengono dirottati da attività casearie.

Rimandiamo alla pagina che Valli di Lanzo in Verticale dedica alle ragione del No al progetto di strada in Vallone di Sea. Il progetto, arrivato alla fase esecutiva e promosso dal sindaco di Groscavallo Giuseppe Giacomelli e dall’Unione Montana Alpi Graie, presenta infatti gravi lacune sotto il profilo dei rischi idrogeologici e della tutela paesaggistica, senza che siano comprensibili i vantaggi che offrirebbe a chi vive nella valle.

Il gruppo Valli di Lanzo in Verticale si sta adoperando per contrastare l’opera, e per diffondere nel territorio le ragioni del No, anche proponendo ipotesi alternative per spendere in modo utile i soldi del finanziamento regionale che ora sono destinati alla strada.

Vi invitiamo quindi a monitorare la pagina Facebook Valli di Lanzo in Verticale per rimanere aggiornati sulle prossime iniziative.

Il progetto è sintomatico delle modalità contemporanea di gestione della montagna, che guardano a guadagni a breve termine senza affrontare le questioni ambientali di fondo, e non si curano di coinvolgere nei processi decisionali le comunità che vivono i territori.

Qui si può sottoscrivere la petizione contro il progetto.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Confluenzadi redazioneTag correlati:

CEMENTIFICAZIONEcomitati territorialiCONSUMO DI SUOLOdevastazione ambientalemontagna

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Un fumetto sulla devastazione del parco della Pellerina a Torino

Riceviamo un prezioso contributo che vuole sostenere il comitato che si batte a difesa del Parco della Pellerina a Torino

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Fermiamo la devastazione del Meisino!

Il Parco del Meisino è il più ricco di biodiversità di tutta la Città Metropolitana di Torino grazie alla sua posizione contigua alla collina e presso la confluenza tra Stura, Dora Riparia e Po. E’ urgente mobilitarsi in sua difesa!

Di seguito le indicazioni per prendere parte al monitoraggio del parco in seguito alla notizia dell’imminente avvio dei lavori.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Corso Belgio: il Comune impugna l’ordinanza cautelare del Giudice!

Lo Russo e Tresso non hanno alcuna intenzione di deporre l’ascia da guerra contro gli alberi e i cittadini. Di seguito riportiamo il comunicato stampa del Comitato Salviamo gli Alberi di Corso Belgio in merito agli ultimi sviluppi della vicenda. Due giorni dopo la pubblicazione dell’ordinanza cautelare del Giudice che accoglieva parzialmente il ricorso promosso […]

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Custodiamo la Val Sessera: le buone ragioni per dire NO alla diga.

Per affrontare il tema della gestione delle risorse idriche occorre partire dall’impatto sui territori che i progetti di accumulo di acqua possono arrecare, considerando vari aspetti.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Le guerre per l’acqua: attualità in Francia, prossimo futuro in Italia?

Lunga intervista realizzata dal progetto Confluenza a un attivista della regione del Poitou dove, in Francia, da quasi dieci anni va avanti un’importante lotta per la difesa del territorio contro il progetto dei mega bacini idrici.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Diga in Val Sessera: quali conseguenze?

Di seguito l’invito alla prima iniziativa pubblica di Confluenza organizzata insieme a Custodiamo la Valsessera e al Circolo Biellese Tavo Burat sul tema degli invasi che si terrà a Biella il 14 giugno alle ore 18.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Meisino: la biodiversità di un territorio da difendere.

Il parco del Meisino è il più ricco di biodiversità dell’intera Città Metropolitana, Zona a Protezione Speciale e area protetta del parco del Po piemontese: in quanto tale è evidentemente un bene comune la cui salvaguardia non è interesse esclusivo degli abitanti dei quartieri limitrofi.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Salvare il Meisino è compito cittadino!

Secondo quanto apprendiamo da giornali e delibere comunali l’avvio dei lavori per cementificare e cancellare l’oasi di biodiversità rappresentata dal parco del Meisino a Torino è imminente.