InfoAut
Immagine di copertina per il post

41bis = tortura – Solidarietà con Alfredo, Juan, Ivan e Anna, prigionieri anarchici in sciopero della fame

La violenza istituzionale assume le forme di vendetta e tortura nei confronti degli anarchici. Il primo dicembre il tribunale di sorveglianza si pronuncerà sul regime detentivo al 41bis a cui è sottoposto Alfredo.

Questa è una storia di cui difficilmente sentirete parlare, una storia di tortura inflitta per “fare giustizia”, di una tortura codificata per legge nei minimi dettagli, nata in teoria per sconfiggere la mafia e oggi applicata sempre più indiscriminatamente.

da Quarticciolo Ribelle

Dal 20 ottobre scorso, Alfredo Cospito, detenuto del carcere di Bancali in Sardegna è in sciopero della fame contro l’ergastolo ostativo e il 41 bis.

Isolamento pressoché totale in sezione, un colloquio al mese, corrispondenza inibita dal sequestro sistematico, messo a tacere anche se prende parola nei processi in cui è imputato. Il suo sguardo non può allungarsi per più di pochi metri perché l’unico scorcio offerto alle sue giornate sono gli spessi muri di cinta del penitenziario. Le uniche voci che può ascoltare sono quelle gracchianti che gli restituisce il citofono al colloquio. Una tortura per cui l’unica fine prevista è la morte.

Uno sciopero della fame contro la deliberata scelta del tribunale di giocare col suo cervello, di provare a farlo impazzire, di annichilirlo. Uno sciopero della fame a cui a catena si sono aggiunti Juan, Ivan e Anna. Tutti prigionieri anarchici. Mentre si aspetta di sapere se la cassazione metterà fine a l’abominio dell’ ergastolo ostativo, una lotta condotta con gli unici strumenti che i detenuti al 41 bis hanno: i loro corpi.

Il 1 dicembre il tribunale di sorveglianza si pronuncerà sul regime detentivo a cui è sottoposto Alfredo. Più di 200 tra penalisti e giuristi hanno sottoscritto un appello per denunciare l’assurdità di questa vicenda, per raccontare del clima pesante che si respira, delle inchieste associative, delle condanne abnormi (financo per strage!) inflitte agli anarchici in questi mesi. C’è stata un’interrogazione parlamentare. Decine di azioni di solidarietà. Nonostante questo, questa è una storia di cui difficilmente sentirete parlare.

Siamo arrivati al 77esimo suicidio in carcere nel solo 2022. Ennesimo triste record. Bisogna prendere atto che non esiste nessuna funzione rieducativa della detenzione, che rinchiudere le persone in cattività non le rende migliori, che il 41bis di questo sistema assurdo è l’espressione più tragica.

Con Alfredo, Juan, Ivan e Anna. Non lasciamoli soli

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

41bisanarchicicarcereCospito

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Lettera delle detenute della 3^ sezione femminile del carcere di Torino

I governi passano i disagi restano le parole e le intenzioni volano i guai aumentano come la tendenza di farci scontare la pena in un sistema illegale. Una contraddizione che non viene risolta …

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Continua l’epidemia di suicidi nel carcere di Torino, rivolta nel Blocco A

Nel giro di due giorni un uomo si è tolto la vita ed un altro ha tentato il suicidio nel carcere Lorusso Cotugno di Torino. Si tratta del quarto caso in un anno.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Capire, camminare, costruire. Lettera di Giorgio dal carcere, ora ai domiciliari

Di seguito pubblichiamo l’ultima lettera che ha inviato Giorgio dal carcere che approfondisce le condizioni di vita dei detenuti e le mobilitazioni che ci sono state negli ultimi mesi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Alcuni spunti sulla questione giovanile oggi.

Dalla repressione nel mondo studentesco alla criminalizzazione dei giovani.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Un altro suicidio nel carcere di Torino, era dentro per aver rubato delle cuffie

L’epidemia di suicidi nelle carceri non si ferma. Questa mattina un detenuto del Lorusso Cutugno di Torino si è tolto la vita impiccandosi, il giovane era stato arrestato pochi giorni fa per il furto di un paio di cuffie bluetooth.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I detenuti del carcere di Torino inviano una donazione al giovane di Montesilvano attaccato ai macchinari, che rischia a causa delle bollette

I detenuti del Blocco B del carcere delle Vallette di Torino, tra cui Giorgio Rossetto, hanno organizzato una raccolta fondi da destinare alla famiglia di Riccardo, il giovane di Montesilvano obbligato a vivere attaccato ai macchinari.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Sull’uso politico e sociale del 41 bis

Dal 2002, il 41 bis viene applicato come strumento di repressione politica anche ai condannati per terrorismo ed eversione. Nonostante il regime detentivo sia nato per ragioni emergenziali e con periodi di durata limitati, con il passare degli anni si è naturalizzato e strutturato come misura di carattere stabile.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Tentato suicidio di un ragazzo nel carcere minorile di Torino

La caccia al ‘degrado’ imbastita dal comune si concretizza nel relegare i giovani verso zone sempre più periferiche per trovare una propria emancipazione economica.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Appello degli avvocati sul preoccupante slittamento verso il diritto penale del tipo d’autore nei processi contro gli anarchici

Riprendiamo questa lettera-appello di alcuni avvocati che seguono i processi contro gli anarchici e che continuano a notare una progressiva “ideologizzazione” dei tribunali che sempre di più si esprimono in base al tipo d’autore, piuttosto che alla gravità dei fatti contestati.