InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il caso Luigi Spera: l’accusa di terrorismo e la misura preventiva nel carcere speciale

Domenica 4 luglio ore 10.30 presidio al carcere di Alessandria e consegna premio antifascista “Balmafol resiste”

da Antudo.info

Nei giorni scorsi è stata depositata un’interrogazione parlamentare da parte del deputato di AVS Marco Grimaldi in merito alla detenzione preventiva nel carcere di massima sicurezza di Alessandria di Luigi Spera, da quasi 4 mesi detenuto con l’accusa di terrorismo.

A novembre del 2022 alla redazione della nostra pagina di informazione giunge un video che ritrae un gruppo di persone che di sera, sotto la pioggia, lancia alcuni fumogeni oltre il cancello dell’ingresso della sede palermitana della Leonardo S.p.a., azienda leader nel settore degli armamenti. In seguito alla diffusione del video, alcuni membri della redazione hanno subito una perquisizione e il sequestro dei propri dispositivi informatici.

Dopo circa un anno, tre attivisti di Antudo sono stati denunciati: due con l’accusa di terrorismo, perché sospettati di aver partecipato all’azione di protesta ripresa nel video, e una con l’accusa di istigazione a delinquere per averlo diffuso. Tra questi militanti, a Luigi Spera è toccata la carcerazione preventiva. L’accusa di terrorismo è stata in prima battuta esclusa dal Giudice per le indagini preliminari, ma di seguito riconfermata dal Tribunale del Riesame.

Sono trascorsi quattro mesi dalla carcerazione di Luigi e dall’emissione delle misure cautelari per gli altri due attivisti di Antudo. Numerose le espressioni di solidarietà per questo grave – ma non inconsueto – episodio di repressione, recentemente oggetto di un’interrogazione parlamentare presentata da Alleanza Verdi Sinistra.

La repressione che ha colpito i tre attivisti di Antudo a partire da un impianto indiziario debolissimo, risponde al tentativo dello Stato di difendere gli interessi e la legittimità di una società che in questi ultimi anni ha moltiplicato i suoi ricavi con il mercato degli armamenti. La Leonardo S.p.a., infatti, è una delle tante imprese che traggono profitto dall’escalation bellica contro cui Antudo da anni si mobilita e informa ponendo l’accento sul ruolo di piattaforma militare della Sicilia. Gli sforzi della giustizia italiana sembrano rivolti, allora, alla tutela degli interessi delle imprese di morte come la Leonardo S.p.a. e al tentativo di mettere a tacere ogni posizione in contrasto con lo stato di guerra permanente.

Riteniamo inaccettabile e al contempo altamente significativo che l’azione simbolica di protesta – ripresa nel video diffuso a novembre 2022 da Antudo – sia stata catalogata come azione terroristica. Si vuole così intimidire chiunque manifesti la propria ostilità contro le guerre. Si tratta di un grave precedente a cui occorre opporsi.

Le misure cautelari che hanno colpito i tre militanti di Antudo costituiscono – negli Stati dell’Occidente democratico e “civilizzatore” – l’ennesimo segnale della drastica riduzione degli spazi del dissenso e della contestazione.

Luigi è recluso da marzo e ad aprile è stato trasferito nella sezione di alta sicurezza del carcere di Alessandria. Si tratta di misure cautelari applicate in assenza di prove e sulla base di un discutibile impianto indiziario ripreso dai media come indubbia versione dei fatti: sentenziando prima dei giudici e in contrasto con il principio di presunzione di innocenza. Condurremo in tribunale una battaglia giuridica per dimostrare l’estraneità dei nostri compagni ai fatti a loro imputati.

Tutti siamo chiamati alla battaglia politica per la difesa della libertà di informazione e di espressione contro la criminalizzazione del dissenso e per la libertà di protesta contro la guerra.

Luigi libero. No alla guerra.

Di seguito le dichiarazioni del Vice capo gruppo di Alleanza Verdi Sinistra alla Camera, Marco Grimaldi:

«Luigi Spera è detenuto in carcere, in assenza di prove concrete, con l’accusa di aver compiuto atti di natura terroristica durante un’iniziativa simbolica contro la società produttrice di armi Leonardo, a Palermo. Non ci sono stati danni a persone o cose. Il Tribunale del riesame ha riconfermato la natura terroristica degli atti e la custodia in carcere nonostante il Gip avesse escluso l’aggravante della valenza terroristica. Spera è stato trasferito nella prigione di Alessandria in regime di Alta Sicurezza, lontano da casa e dalla sua famiglia. Ma soprattutto, pare che il suo trasferimento sia stato disposto prima del pronunciamento del tribunale del riesame. Si attivi il Dap per disporre subito il suo rientro in un istituto penitenziario del territorio in cui lui e la famiglia risiedono»

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

antudocarcereLEONARDOluigi libero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorni di protesta nelle carceri italiane

Sono giorni di proteste nei penitenziari italiani, da Trieste a Torino.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Lettera di Luigi dal carcere: “Lottare per un mondo senza colonizzatori e sfruttatori”

Vi scrivo queste righe sull’onda del disgusto provocato dallo star seguendo la campagna mediatica delle ultime settimane sulle elezioni europee.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Senza acqua né cibo e in “condizioni inumane”, così sono stati i giorni in prigione per aver marciato contro la Legge Basi

Sofía Ottogalli si sente una perseguitata politica. Lei, insieme ad altre 32 persone, è stata detenuta la settimana scorsa mentre protestava al Congresso contro la Legge Basi che è promossa dal Governo di Javier Milei.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Strage senza fine in carcere: altri quattro suicidi in meno di due giorni

Altri quattro suicidi in carcere. Salgono a 44 i detenuti che si sono tolti la vita dall’inizio dell’anno, ma al dramma del sovraffollamento il governo risponde con nuovi reati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il caso Luigi Spera, il vigile del fuoco che chiedeva pace, ed ora è imprigionato in alta sorveglianza

Luigi Spera, attivista palermitano del movimento Antudo, arrestato a marzo con l’accusa di aver sanzionato la sede di Leonardo,  si trova recluso nel carcere di Alessandria, rinchiuso nella sezione di alta sorveglianza riservata ai detenuti condannati per reati eversivi

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fino a 25 anni di carcere a chi manifesta per “impedire di realizzare un’opera pubblica”

Con un emendamento presentato al ddl sicurezza dal deputato Igor Iezzi, attualmente in discussione in commissione Affari Costituzionali, la Lega propone l’inserimento di una nuova aggravante dei reati contro la pubblica incolumità che sembra ritagliata sulla variegata rete di attivisti che da anni protestano contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Nascono i Gio, “teste di cuoio” contro le rivolte nelle carceri

È nato per sedare le rivolte in carcere, il Gruppo di intervento operativo (Gio), creato come reparto specializzato della Polizia penitenziaria. Lo ha istituito il ministro di Giustizia Carlo Nordio con un decreto ministeriale del 14 maggio, anche se la pianificazione risale ai tempi in cui Marta Cartabia sedeva in via Arenula.