InfoAut
Immagine di copertina per il post

Rinaudo ora va a “caccia” di presunti terroristi islamici

Se esiste un modo per creare nuovi futuri Kamikaze pronti alla causa, uno è proprio questo. Il ragazzo avrebbe condiviso via web un link dove si parla dello “Stato islamico” con un invito ad accorrere al supporto del Califfato. Grazie ai nuovi decreti “antiterrorismo”, il Magistrato può così accusarlo addirittura di terrorismo.

A nessuno probabilmente potrà interessare, magari qualcuno dirà anche che ben gli sta.

Eppure è una cosa che ci riguarda da vicino. Invece di dialogare con questo ragazzo, capire le sue ragioni e del perchè trova attrazione ideologica per questi invasati, lo si accusa di terrorismo.

Mi auguro che avrà un buon avvocato, ma se mai dovesse essere condannato, lui andrà in prigione, nel regime di massima sicurezza creato appositamente per i detenuti islamici accusati di terrorismo.

Un regime carcerario degradante dove numerose associazioni ne denunciano la pessima condizione al limite della tortura. Il ragazzo , in quel caso, sì che proverà vero odio verso di noi, probabilmente troverà qualche vero invasato che lo manipolerà e , soprattutto, troverà la conferma che l’occidente è suo nemico.

Ecco la funzione dell’apparato giudiziario – repressivo: creare più insicurezza. E crea anche vere e proprie disgrazie. Magistrati che in nome dell’antiterrorismo provocano, indirettamente, delle tragedie famigliari. Anche questa è una notizia passata inosservata, ma sarebbe ora di puntare i riflettori visto il clima.

E’ una triste storia che non crea nessuna indignazione. Nessuna immaginetta virale su Fb. Nulla.

Ve la ricordate Fatima, quella ragazza italiana che si era convertita all’Islam e ha preso parte del Califfato? La madre, Assunta Buonfiglio, morì qualche settimana fa nell’ospedale in provincia di Pavia. Lei e suo marito erano stati arrestati. Due sessantenni privati della loro dignità, sbattuti preventivamente nel carcere. La colpa è quella di aver ricevuto delle telefonate dalla loro figlia Fatima che li implorava di convertirsi e di andare in Siria da lei. E’ bastato questo per sbatterli in isolamento nonostante le condizioni precari della signora. Infatti Assunta morì nell’ospedale per un arresto cardiaco dopo l’intervento chirurgico richiesto con urgenza. E morì – questa è la beffa- dopo aver appreso che sarebbe stata scarcerata visto l’incompatibilità , a causa della sua salute fisica, con il sistema carcerario.

Il terrorismo si alimenta del terrore di Stato, poliziesco e non di diritto.E queste sono storie terrorizzanti.

 

da osservatoriorepressione


Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

rinaudo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le ronde di Rinaudo: da PM con l’elmetto ad assessore col manganello?

Ieri sera il candidato sindaco Paolo Damilano si è presentato nel quartiere di San Salvario per una fantomatica “passeggiata per la sicurezza contro lo spaccio e il degrado”. Secondo i profili social del candidato, l’iniziativa sarebbe stata suggerita dagli abitanti della zona ma a detta della stampa in piazza si sono presentate appena una trentina […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Coronavirus. Dietro il disastro in Piemonte anche una vecchia conoscenza dei notav: il PM Rinaudo

In Piemonte, dopo qualche settimana di contagi relativamente più bassi rispetto alle aree del nord-est, l’epidemia sta esplodendo e seguirà probabilmente molto da vicino la curva di contagio della Lombardia. Venerdi, per la prima volta, il numero di decessi registrati in 24 ore ha segnato cifra doppia, arrivando a 104, senza che nei giorni successivi […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le “presunte violazioni procedurali” di Padalino, quelle di Rinaudo e il parco divertimenti di Bertolino

Dopo i primi fumosi articoli di stampa, nei giorni scorsi sono emersi nuovi ed inquietanti dettagli dell’inchiesta che vede protagonista il “noto” avvocato torinese Bertolino, il pm Padalino e l’Arma dei Carabinieri. Ma partiamo dall’avvocato che ha rappresentato, nel maxiprocesso come in molti altri procedimenti penali che ci hanno visto rispondere nelle aule del Tribunale […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

L’indagine sul pm Padalino (con l’elmetto)

Una fuga di notizie ed ecco che un’indagine che doveva restare riservata finisce sulle prime pagine di alcuni quotidiani locali. Grazie a ciò che viene scritto scopriamo il perché del trasferimento repentino del pm con l’elmetto Padalino (fa anche rima) alla procura di Alessandria. Lui, pm tutto d’un pezzo, ultras del Tav e sempre impaziente […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Chiesti dalla procura 25 anni di carcere e 50.000 euro per 6 No Tav

Si sta avviando verso la conclusione il processo di primo grado per i No Tav arrestati il 5 settembre del 2015 (http://www.notav.info/post/8-arresti-notav-nella-notte-per-iniziativa-contro-il-cantiere/))durante un’iniziativa notturna di disturbo al cantiere. In quel periodo a Venaus si svolgeva il campeggio di lotta denominato “Seminiamo la resistenza” e quello stesso giorno vi era stata, nel pomeriggio, una manifestazione popolare […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il riesame boccia le tesi dei pm. Tutti liberi i No Tav (o quasi)

Da oggi Brescia e Mosca usciranno dai domiciliari con l’obblico di dimora dentro il comune di residenza, mentre Giulia continuerà a firmare giornalmente perchè accusata di aver detto “fascista” ad un carabiniere che affermava che col Duce tutto sarebbe diverso… Per gli altri 5, invece, annullate tutte le misure e quindi Stefanino, Fulvio, Luca, Paolo […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Jacopo, No Tav ai domiciliari per colpa di Rinaudo

Jacopo, insieme ad altri giovani, era stato arrestato ad inizio settembre perché “catturato” durante un’azione notturna al cantiere dalla polizia.Scarcerati dopo pochi giorni dal carcere delle Vallette, la procura torinese si mosse immediatamente col ricorso, poichè riteneva troppo blandi gli obblighi di rientro notturni o i divieti di dimora o altre misure: serviva la galera. […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

I P.M. testimoni? No grazie!

Tutti i fermati furono brutalmente picchiati e riportarono lesioni. Tra questi vi era Marta che denunciò pubblicamente ed in Procura di essere stata picchiata, abusata sessualmente ed ingiuriata anche da un’agente donna. Marta è già stata prosciolta dalle accuse mossele, mentre i suoi compagni sono stati tutti rinviati a giudizio. La posizione degli agenti che […]