InfoAut
Immagine di copertina per il post

Sorvegliare e punire, anche a sprezzo del ridicolo. Succede a Modena

Perché la digos spia due pensionati modenesi? La denuncia del Comitato Verità e Giustizia per i Morti di Sant’Anna

BREVE INTERMEZZO SU DISPOSITIVI DI TRACCIAMENTO E OPERAZIONI TORBIDE

Esterno giorno, un venerdì di inizio marzo ore 15:30 circa, tranquillo quartiere residenziale in località alle porte di Modena, dell’inizio di provincia ben collegato e comodo lontano dal caos del centro, pochi giovani molte famiglie che si godono la pensione fra piccole villette a schiera.
Il signor Sergio (tutti i nomi sono di invenzione il resto no), è seduto al gabinetto, quando gli cade l’occhio in strada dove nota due uomini ben vestiti che scendono da una Punto grigia parcheggiata all’imbocco della strada. Si avvicinano al camper di proprietà dei vicini, uno dei due si accovaccia e armeggia sotto il parafango anteriore, il secondo si guarda in giro, meno di un minuto e i due tornano all’auto e ripartono.
I rapporti di vicinato sono ottimi, in quella zona basta un’auto in passo carrabile per più di pochi minuti che tutti gli smartphone, dalla casa del benzinaio fino allo spaccio del caseificio, iniziano febbrilmente a vibrare.

– Marta ma state vendendo il camper?
-No, perché?
-Boh, cerano due tizi che armeggiavano dal vostro camper…
La coppia scende a controllare e rinviene l’aggeggio in foto.
Cos’è sta roba?
Se hai fatto l’ingegnere per 40 anni due domande e due conferme a qualche collega possono spiegare molto.
E un tracker che trasmette in banda “tal dei tali”, funziona così e colà…

Chi può tracciare il camper di una coppia di pensionati modenesi in un venerdì di marzo?

Questura? Carabinieri? il Ris? gli alieni? il Comune che prende posizione con toni terrorizzanti rispetto alla mobilitazione?

L’esatta risposta richiederà tempo e approfondimento.

Una probabilità può essere il fatto che il camper in questione sta per partire, preso in prestito dal Comitato verità e giustizia per i morti del carcere di Sant’Anna che dal 2020 promuove iniziative di approfondimento e critica al nostro sistema carcerario, e che nel weekend ha indetto due giorni di mobilitazione che vogliono contestare anche il regime del 41 bis raccogliendo e sostenendo l’iniziativa di sciopero della fame di Alfredo Cospito.

Il pericolosissimo mezzo di lì a poche ore partirà per una losca e rischiosa operazione, prendere la Brennero e riportare a Modena un’installazione smontabile che riproduce una cella di regime 41 bis in modo da mostrarla in piazza nel presidio comunicativo previsto per il sabato pomeriggio. Installazione artistica già utilizzata in numerosi presidi in diverse città d’Italia in questi mesi.

Ma veniamo al giorno del corteo: le stesse finissime menti tornano sul luogo del delitto, forse per recuperare l’oggetto, che però ora è gelosamente custodito dal proprietario del camper come fosse il tesoro di Gollum.

Nel fare questo, però, sfidano di nuovo il potentissimo controllo di vicinato che questa volta si fa trovare pronto e riesce a recuperare l’intera targa della Punto grigia sulla quale agiscono i nostri sveglissimi angeli in divisa: la macchina risulta di proprietà di ALD AUTOMOTIVE ITALIA, società di leasing che noleggia i mezzi al Ministero dell’interno.

Quindi sì, pare troppo anche per noi, ma costoro hanno messo in piedi un finissimo sistema di spionaggio per seguire una persona che aveva dichiarato apertamente dove stesse andando.

Forse questa la motivazione di tanto maldestro interesse.

Le conclusioni le lasciamo a chi legge per ora, intanto nonostante la gravità dell’episodio la mobilitazione coi suoi diversi appuntamenti prosegue senza intimidazioni.

da popoff

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

carceredigosintercettazioniModena

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Per un aumento delle liberazioni anticipate. Lettera dal carcere femminile di Torino

Sta circolando in rete questa lettera-appello da parte delle detenute del carcere Lorusso-Cotugno di Torino. Le detenute ancora una volta cercano di attirare l’attenzione sulle condizioni di vita all’interno dei penitenziari.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Formazione

L’azienda italiana che può localizzare una persona in ogni angolo del mondo

Tykelab offre i suoi servizi tramite la ben più nota azienda di intercettazioni RCS.  RCS e Tykelab sviluppano uno spyware, Hermit, in grado di prendere il controllo del tuo smartphone e ascoltare tutto ciò che dici. 

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: intervista a Khaled El Qaisi, rientrato in Italia tre mesi dopo l’arresto arbitrario da parte di Israele

Radio Onda d’Urto ha avuto la possibilità di intervistare Khaled El Qaisi, lo studente e ricercatore italo-palestinese dell’Università La Sapienza di Roma, fondatore del Centro documentazione palestinese, arrestato senza alcuna accusa formale dalla polizia israeliana lo scorso 31 agosto 2023 al confine tra i territori palestinesi occupati e la Giordania.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Ispezione al centro sociale Askatasuna: Meloni e Salvini ordinano, la Questura esegue

Riprendiamo il comunicato del Centro Sociale Askatasuna su quanto accaduto questa mattina con l’ennesima operazione da parte della questura di Torino atta a colpire i movimenti sociali.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Su Cesare Battisti e Alfredo Cospito il terrorismo dell’antiterrorismo

Repressione senza sovversione fatta da persone in mala fede che mistificano la realtà odierna al fine di sentirsi più importanti.