InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

da Osservatorio Repressione

«Una spranga di ferro… con una spranga di ferro e due colpi di manganello». La voce, travisata per proteggere l’identità del testimone, è quella dell’agente della polizia penitenziaria che avrebbe assistito al pestaggio e all’assassinio di Stefano Dal Corso, il detenuto romano morto in carcere a Massama il 12 ottobre del 2022.

Secondo il testimone, Stefano avrebbe visto qualcosa che non doveva: “Ha aperto la porta dell’infermeria e ha assistito a un rapporto sessuale tra due operatori del carcere. È stato cacciato via e ha fatto ritorno nella sua cella”.

Poi “schiaffi, calci, pugni”, fino all’insabbiamento per tentare di coprire l’omicidio. “Hanno modificato le relazione, hanno cambiato medico legale, hanno vestito tuo fratello con indumenti messi a disposizione della Caritas e hanno fatto sparire quelli sporchi di sangue con le prove e le impronte”, avrebbe detto l’uomo che ha sostenuto anche di essere in possesso dei vestiti realmente indossati dalla vittima e anche di un video che immortala il massacro.

L’audio è stato registrato dalla sorella di Stefano, Marisa Dal Corso, durante una delle telefonate che la donna ha ricevuto proprio dal testimone dopo la morte del 42enne. Dopo l’insistenza di Marisa Dal Corso, che chiedeva come fosse morto il fratello, il testimone cede e racconta di aver visto gli agenti della polizia penitenziaria di Massama pestare il fratello utilizzando una spranga e un manganello. L’audio diffuso dell’avvocata della famiglia Dal Corso, Armida Decina, è solo un frammento delle lunghe conversazioni avvenute tra lei e il presunto testimone che sono state inviate, in forma integrale, al pubblico ministero Sara Ghiani, che sta indagando sulla morte di Stefano Dal Corso.

La legale Armida Decina aggiunge: “sentire dire dal Ministro Nordio che la vicenda di Stefano appare chiara mi sembra una follia perché ci sono numerosi elementi contrastanti intorno alla ricostruzione di quanto accaduto. Ritengo anche assolutamente non condivisibile sostenere da parte del Guardasigilli che non ci sia bisogno dell’obbligatorietà dell’autopsia in caso di morti violente in carcere: in quel momento quelle persone sono sotto la custodia dello Stato che ha il dovere di dare delle risposte alle famiglie”. Per l’avvocata èsconcertante” dati tutti gli elementi emersi “che non si faccia ancora l’autopsia sul corpo di Stefano. Io non so se questo nuovo testimone millanti tutto, una parte o nulla ma comunque credo, considerato che i dati acquisiti ad ora non portano in maniera univoca all’ipotesi del suicidio, che la Procura abbia il dovere di indagare, proprio a tutela dell’amministrazione penitenziaria, per fugare ogni dubbio e il punto da cui partire è uno: l’esame del corpo della vittima. E invece continua a esserci silenzio”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAcarcereOMICIDIO DI STATO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pestaggio al carcere di Venezia, detenuto in rianimazione

Un detenuto ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziario Santa Maria Maggiore di Venezia. Ancora un suicidio a Prato, è il ventunesimo dall’inizio dell’anno

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Per un aumento delle liberazioni anticipate. Lettera dal carcere femminile di Torino

Sta circolando in rete questa lettera-appello da parte delle detenute del carcere Lorusso-Cotugno di Torino. Le detenute ancora una volta cercano di attirare l’attenzione sulle condizioni di vita all’interno dei penitenziari.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: intervista a Khaled El Qaisi, rientrato in Italia tre mesi dopo l’arresto arbitrario da parte di Israele

Radio Onda d’Urto ha avuto la possibilità di intervistare Khaled El Qaisi, lo studente e ricercatore italo-palestinese dell’Università La Sapienza di Roma, fondatore del Centro documentazione palestinese, arrestato senza alcuna accusa formale dalla polizia israeliana lo scorso 31 agosto 2023 al confine tra i territori palestinesi occupati e la Giordania.