InfoAut
Immagine di copertina per il post

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

da Osservatorio Repressione

Agenti di polizia in borghese di Chicago hanno sparato quasi 100 colpi di arma da fuoco in 41 secondi durante un blocco del traffico che ha provocato la morte di un uomo e il ferimento di un agente, secondo le riprese video rilasciate martedì da un’agenzia di supervisione della polizia.

Cinque agenti di un’unità tattica che si trovavano in un’unità non contrassegnata Il mese scorso un veicolo della polizia ha circondato un SUV guidato da Dexter Reed, presumibilmente per non aver allacciato la cintura di sicurezza. Il video mostra l’uomo di colore di 26 anni che abbassa brevemente un finestrino, poi lo alza e si rifiuta di uscire dal veicolo mentre altri agenti arrivano, urlano comandi ed estraggono armi. L’Ufficio civile di responsabilità della polizia ha detto che le prove preliminari hanno mostrato che Reed ha sparato per primo, ferendo un ufficiale nel quartiere di Humboldt Park, nel West Side della città. Poi quattro agenti hanno risposto al fuoco, sparando 96 colpi. Gli spari sono continuati anche dopo che “Reed è uscito dal suo veicolo ed è caduto a terra”, ha detto il COPA rilasciando il filmato della telecamera indossata, le chiamate ai servizi di emergenza e i rapporti della polizia. prospettiva rispetto a quella inizialmente offerta dalla polizia il mese scorso. Il sovrintendente di polizia Larry Snelling aveva precedentemente affermato che la sparatoria del 21 marzo era iniziata con un blocco del traffico e l’aveva descritta come uno “scambio di colpi di arma da fuoco”.

I membri della famiglia della vittima hanno messo in dubbio il resoconto delle autorità sulla sparatoria, in cerca di risposte sul motivo per cui Reed è stato fermato. Andrew M. Stroth, un avvocato della famiglia, ha detto che la madre, la sorella, lo zio e il padre di Reed hanno visto il video martedì ed erano emotivamente sconvolti. Ha detto che ricordano il giovane come un talentuoso giocatore di basket del liceo con l’ambizione di diventare un giornalista sportivo. “Non riesco davvero a spiegare il dolore che io e la mia famiglia stiamo attraversando, ma spero solo che ci siano persone là fuori che capire che era un figlio, era un fratello, era uno zio, aveva dei cari”, ha detto ai giornalisti la sorella di Reed, Porscha Banks. “Era una persona molto importante”.

Banks e altri membri della famiglia si sono uniti a una manifestazione martedì sera fuori dalla stazione di polizia dell’11° distretto, dove i manifestanti hanno chiesto il licenziamento degli agenti che hanno sparato a Reed. Una persona è stata ricoverata in ospedale dopo che alcuni manifestanti si sono scontrati con un disturbatore, ha riferito il Chicago Sun-Times. Stroth ha definito incostituzionale il fermo di polizia con agenti in borghese che non hanno dichiarato di essere poliziotti. Ha detto che la famiglia vuole vedere un’indagine rapida e che il dipartimento rispetti meglio un piano di riforma supervisionato dal tribunale. “Niente riporterà indietro Dexter, ma certamente dovrebbero essere compiuti sforzi per assicurarsi che ciò non accada a un altro “, ha detto. Martedì, il portavoce della polizia Thomas Ahern ha detto che il dipartimento stava collaborando alle indagini. “Non possiamo prendere una decisione su questa sparatoria finché tutti i fatti non saranno noti e questa indagine non sarà conclusa”, ha detto. I video mostrano molteplici ricostruzioni, inclusa quella dell’ufficiale a cui è stato sparato. Ma non ci sono filmati chiari della sparatoria di Reed. Una pistola è stata successivamente recuperata dal veicolo. L’unità tattica si avvicina alla scena con diversi agenti che urlano comandi intrisi di parolacce affinché Reed abbassi prima il finestrino e poi apra la porta. Poi esplodono gli spari. Un uomo che ha chiamato i servizi di emergenza sanitaria per denunciare la sparatoria l’ha descritta come “una sparatoria come se stessero combattendo una guerra in Vietnam”. Reed esce dal veicolo e si accascia a terra, finendo a faccia in giù con la testa vicino alla ruota del passeggero posteriore e indossando solo una scarpa. Il sangue scorre in una fogna vicina. Il filmato dell’auto mostra decine di fori di proiettile. L’altra scarpa è appena fuori dalla portiera del conducente. “Non muoverti! Non muoverti!” gli agenti urlano a Reed, alzando le mani insanguinate alla ricerca di una pistola ma senza trovarne una. Lo ammanettano mentre rimane a faccia in giù e immobile. Non so dove sia la pistola”, dice un agente. Successivamente usano una torcia per guardare all’interno del veicolo e localizzare l’arma sul sedile del passeggero. “Ha iniziato a spararci”, dice un altro agente. Successivamente arrivano altri agenti e un’ambulanza. “Stavamo tutti sparando”, uno dice ripetutamente. Il sindaco Brandon Johnson ha promesso un’indagine completa, affermando che il rilascio di martedì faceva parte di uno sforzo per essere più trasparente. I tentativi di nascondere o ritardare le informazioni sono errori del passato”, ha detto in una conferenza stampa con COPA e la contea di Cook procura dello Stato. “Come sindaco e come padre, che ha allevato una famiglia, inclusi due ragazzi neri nel West Side di Chicago, sono personalmente devastato nel vedere un altro giovane uomo nero perdere la vita durante un’interazione con la polizia”. non perdona le sparatorie contro gli agenti di polizia e ha notato che l’ufficiale, anch’egli nero, ha subito un infortunio al polso ma avrebbe potuto passare molto peggio. Se il proiettile fosse andato di qualche centimetro in un’altra direzione,

Johnson ha detto che sarebbe stato qui “a parlare della morte di un altro uomo di colore”. Gli agenti sono stati messi in congedo amministrativo di 30 giorni tra le indagini del COPA e dell’ufficio del procuratore dello stato della contea di Cook. Annuncio Il procuratore dello stato Kim Foxx ha detto che il suo ufficio determinerà se l’uso della forza da parte degli agenti fosse giustificato o rendesse necessarie accuse penali. “Vi assicuro che la nostra ricerca della giustizia sarà incessante, guidata dai fatti, fondata sulle prove e sulla legge”, ha affermato. L’ufficio del medico legale della contea di Cook ha classificato la morte di Reed come un omicidio e ha riferito che è morto per ferite da arma da fuoco “multiple”. Il COPA è stato creato nel 2016 dopo che la città è stata costretta a pubblicare il video della dashcam dell’allora agente Jason Van Dyke che sparava al diciassettenne Laquan McDonald, contraddicendo il resoconto degli agenti secondo cui l’adolescente si era lanciato contro la polizia con un coltello. Le sue responsabilità includono le indagini sulle sparatorie da parte della polizia. Il dipartimento di polizia è soggetto a un decreto di consenso dal 2019, emesso dopo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha riscontrato una lunga storia di pregiudizi razziali e di uso eccessivo della forza in seguito alla morte di McDonald. Il team di monitoraggio indipendente che supervisiona la conformità del dipartimento ha più volte riscontrato che quest’ultimo resta indietro rispetto alle scadenze e agli obiettivi specifici e l’anno scorso ha invitato Snelling in qualità di sovrintendente entrante ad “affrontare le sfide che hanno ritardato in modo sproporzionato i progressi”.

da Washington Post (traduzione di Salvatore Palidda)

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAOMICIDIO RAZZIALEpoliziarazzismoUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’America Latina al crocevia. Tensioni geopolitiche e la sfida dell’Unità Regionale

Il mese di aprile del 2024 ha tratto con sé una rivelazione di grande impatto: un rapporto fatto trapelare dall’ambasciata degli Stati Uniti in Bolivia, meticolosamente elaborato dal Centro di Studi Geopolitici Multidisciplinari (CEGM), getta luce sul nuovo e ambizioso piano di ricolonizzazione dell’America Latina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: Columbia occupata, iniziano le sospensioni, prosegue la repressione poliziesca. Centinaia di arresti

Il campus di New York è off limits anche alla stampa. E i ragazzi erigono le barricate. La Polizia entra a Columbia, centinaia di arresti