InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il massacro dei Merkava nel sud del Libano

12 agosto 2006

A causa del fallimento della guerra aerea, che non è riuscita a raggiungere l’obiettivo dichiarato di eliminare Hezbollah o ridurre gli attacchi missilistici e missilistici contro il nord di Israele, il governo di Ehud Olmert ha cercato di cambiare strategia e inviare soldati nel sud del Libano per attaccare le posizioni di Hezbollah.

Hezbollah, dal canto suo, ha intrapreso una guerriglia contro l’esercito israeliano combattendo da postazioni fortificate e impiegando piccole unità ben armate in un terreno propizio, come il sud del Libano, ricco di montagne e gole.

I media israeliani e statunitensi hanno descritto Hezbollah come una fanteria addestrata, qualificata, ben organizzata e altamente motivata, dotata di armi moderne provenienti dagli arsenali di Siria, Iran, Russia e Cina, comprese apparecchiature di comunicazione avanzate e visori notturni. Secondo un soldato israeliano, i combattenti di Hezbollah erano “altamente addestrati e qualificati. Tutti abbiamo avuto una sorpresa”. (Erlanger, Steven; Oppel Jr, Richard A. “Un disciplinato Hezbollah sorprende Israele con il suo addestramento, le sue tattiche e le sue armi.” The New York Times. 7 agosto 2008)

Durante i combattimenti con le truppe israeliane, Hezbollah si è concentrato sull’infliggere pesanti perdite all’esercito israeliano credendo che la riluttanza degli israeliani ad assorbire tali perdite fosse uno dei punti deboli della strategia sionista.

Uno dei giorni più drammatici della storia militare di “Israele” è stato, senza dubbio, il 12 agosto 2006, quando si è svolta quella che è stata considerata da alcuni “la più grande battaglia della guerra” e che i libanesi l’hanno definita ” il massacro dei Merkava”.

Quel giorno, 20 carri armati israeliani Merkavas sono stati distrutti e 32 danneggiati nella valle di Al Huyair al Salluki nel sud del Libano, secondo i dati libanesi. Durante questo confronto, gli israeliani hanno affermato che 23 soldati israeliani sono stati uccisi e 110 feriti (“La guerra in numeri”, Jane’s Defence Weekly, 23 agosto 2006), il numero probabilmente era molto più alto.

Quello fu il giorno in cui la reputazione del carro armato Merkava – descritto come a dir poco invincibile dalla propaganda israeliana – crollò.

Gli israeliani avevano inviato sul suolo libanese i gioielli della loro industria militare, i carri armati Merkava, e contavano di indirizzarli verso il fiume Litani. Appena scoperti nella valle di Al Huyair, a 3 km dal confine, i combattenti di Hezbollah hanno lanciato un attacco con missili anticarro Kornet dalle colline circostanti.

“Abbiamo visto la morte che ci circondava”, ha detto in seguito al quotidiano Yediot Ahanot un soldato israeliano sopravvissuto a questi attacchi.

Guarda “How Hezbollah was able to win the 2006 war vs Israel (Documentary):

Guarda “Merkava 4 during South Lebanon in 2006 & Israeli tank development“:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Storia di Classedi redazioneTag correlati:

hezbollahlibano

Accadeva Oggi

  1. 1911

    Immagine di copertina per il post

    A Itri la strage dei sardi

    “Fuori i Sardegnoli!!!” Era il 1911, anno in cui molti sardi riponevano nell’emigrazione la speranza di una vita migliore, la quale palpitava, fiduciosa e intrepida, sul posto di lavoro. Tuttavia, nel luglio di quell’anno per quattrocento figli della Sardegna, il sogno si frantumò nel suolo italico in una realtà di persecuzione e d’orrore. Essere sardo […]

  2. 1920

    Immagine di copertina per il post

    L’incendio del Narodni Dom di Trieste

    Il 13 luglio 1920 il centro culturale sloveno di Trieste viene dato alle fiamme dai fascisti guidati dal ras Francesco Giunta. È il primo eclatante episodio in cui le frange nazionaliste più aggressive attaccano le minoranze linguistiche, rivendicando l’esclusività italiana delle terre annesse con la Grande Guerra. “Per me il programma elettorale comincia con l’incendio […]

  3. 1954

    Immagine di copertina per il post

    Muore Frida Kahlo

    Frida Kahlo muore il 13 luglio 1954 a Coyoacàn; la causa ufficiale della morte è ”embolia polmonare”, ma si sospetta il suicidio. Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón era nata nel 1907 da Carl Wilhelm Kahlo e Matilde Calderón y Gonzalez a Coyoacàn, una delle sedici delegazioni di Città del Messico. Sentendosi profondamente ”figlia” della […]