InfoAut
Immagine di copertina per il post

Inghilterra: attivisti di Palestine Action sotto processo

Gli attivisti di Palestine Action sono sotto processo per aver fatto irruzione in una fabbrica della Elbit che spedisce tecnologie belliche a Israele. Ma al centro di questo caso c’è la storia e la tragedia delle operazioni israeliane a Gaza, e il ruolo svolto dalla struttura di Bristol nella morte e nella distruzione.

da thebristolcable.org

Stavit Sinai apre il telefono e scopre di essere stata aggiunta a un gruppo sull’app di messaggistica crittografata Signal.

Al 38enne, insegnante di filosofia in un college comunitario di Berlino, è stato chiesto di prendere parte a una protesta di azione diretta presso la sede di Bristol della Elbit Systems UK, una compagnia di armi che spedisce armi in Israele.

Tra i nomi delle persone aggiunte alla chat di gruppo, riconosce il suo compagno Ronnie Barkan, che, come lei, conduce da anni una campagna contro le azioni dello Stato israeliano: la sua decennale oppressione del popolo palestinese.

I due sono cittadini israeliani dissidenti con storie personali sulla devastazione delle operazioni delle forze israeliane a Gaza. Elbit, l’obiettivo del gruppo come parte di una campagna condotta da Palestine Action, aiuta a sviluppare tecnologie per droni, carri armati e altre armi utilizzate dall’esercito israeliano.

Elbit è il più grande produttore di armi israeliano, con nove siti nel Regno Unito. Bristol è la sua principale struttura operativa, e gli attivisti affermano che chiuderla è la chiave per porre fine alla “complicità” della Gran Bretagna in quello che loro e i gruppi internazionali per i diritti umani descrivono come il “regime di apartheid” di Israele.

È stata un’azione che ha portato Ronnie, Stavit e i loro cinque coimputati sul banco degli imputati presso la Bristol Crown Court, dove sono attualmente sotto processo accusati di furto con scasso e danni criminali.

Ma mentre sono i manifestanti ad essere processati, al centro delle prove c’è la storia, la tragedia e la devastazione del conflitto israelo-palestinese, e come ciò che accade all’interno della struttura di Bristol gioca un ruolo nella morte e nella distruzione ordinate dallo Stato israeliano.

Tradotto da Osservatorio Repressione

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAbdsFABBRICHE D'ARMIGran Bretagnapalestinapalestine action

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: ”RAI Radio Televisione Israeliana. No alla propaganda sionista”. La polizia carica i manifestanti 

“Rai Radio televisione israeliana. No alla propaganda sionista”. È uno dei tanti striscioni sorretto dai manifestanti, circa un migliaio, davanti alla sede Rai

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Ad Haiti c’è un caos pianificato, un piano del sistema neocoloniale”

Intervista ad Henry Boisrolín del Comitato Democratico Haitiano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Torino: contestazione alla RAI, cariche sui manifestanti

Hanno fatto molto scalpore in questi giorni le parole pronunciate dall’Amministratore Delegato RAI, Roberto Sergio, in sostegno al governo israeliano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stop al genocidio: cariche sotto la sede della RAI a Napoli

La vostra repressione non ci fermerà: Stop genocidio, 23 febbraio sciopero generale, 24 manifestazione nazionale a Milano!