InfoAut
Immagine di copertina per il post

Kalkan: Difendiamo la giusta causa del popolo palestinese fino alla fine

Duran Kalkan, membro del Consiglio esecutivo della KCK, ha parlato della guerra in corso contro Gaza.

tradotto da ANF

Cosa ci può dire del conflitto in corso a Gaza?

Qualche tempo fa, gli armeni del Karabakh stavano affrontando un genocidio. La gente soffriva. Ora la stessa situazione si sta verificando a Gaza. Ma alcune persone parlano a buon mercato. Si occupano sempre dei propri interessi. Come Tayyip Erdoğan quando ha parlato a Istanbul qualche giorno fa. Sembrava un comizio elettorale per il sindaco di Istanbul. Ha parlato di Gaza, ha recitato preghiere, ma il calcolo che c’era dietro era quello di vincere le elezioni a Istanbul, per trasformarlo in propaganda elettorale. Il popolo palestinese è stato portato in una situazione tale da essere sacrificato e massacrato. Dio maledica chiunque sparga sangue per interessi materiali. Questo non è assolutamente il nostro approccio. Non abbiamo un approccio guidato dagli interessi. Abbiamo stretto amicizia con il popolo palestinese sui fronti di guerra. Il nostro movimento e il popolo curdo hanno dato il massimo sostegno alla resistenza palestinese. Difendiamo la giusta causa del popolo palestinese fino alla fine. A Gaza si sta praticando un genocidio che condanniamo fermamente. Ma quanto coloro che dicono di agire in nome del popolo palestinese rappresentino questo popolo, quanto pensino agli interessi del popolo o quanto siano diventati un’estensione di altri interessi, questo va visto e capito bene.

Israele sta facendo di tutto contro la popolazione civile. Questo fa parte della Terza Guerra Mondiale, incentrata sul Medio Oriente, che dura da più di 30 anni. L’unica soluzione è la filosofia di Rêber Apo della “nazione democratica” e del “confederalismo democratico”. Rêber Apo ha già dichiarato che sarà meglio attuarla come mentalità e politica, come progetto che risolverà persino il problema palestinese-israeliano. Lo ha definito il conflitto più grave. Questa è la nostra posizione come movimento. Siamo contro queste mentalità e strutture ideologiche che si scontrano sotto forma di religionismo e nazionalismo. Siamo ideologicamente contro di loro. Politicamente, il popolo palestinese è vittima di un conflitto di interessi. Noi ci opponiamo a questo conflitto di interessi. A questo proposito, i democratici e i socialisti ebrei criticano il governo Netanyahu. Noi sosteniamo la loro lotta e la giusta causa del popolo palestinese. Se il popolo palestinese, il popolo ebraico e i lavoratori di Israele avessero immaginato e si fossero basati sulla convivenza sulla base delle proprie caratteristiche nella linea di una nazione democratica, secondo il confederalismo democratico, e non con due Stati nazionali separati e il veleno del nazionalismo e del religionismo, se si fosse sviluppata una mentalità e una politica di questo tipo, questi conflitti sarebbero stati evitati.

Il 1° ottobre si è svolta ad Ankara un’azione che ha scosso l’intera Repubblica turca. Il 4 ottobre sono stati lanciati attacchi contro il Rojava sulla base della dichiarazione di genocidio di Hakan Fidan. La reazione è stata forte. Nel tentativo di impedirlo, l’AKP-MHP si è aggrappato alla Palestina e ha cercato di deviare l’agenda e di nascondere la verità all’opinione pubblica turca. La stampa di Stato, quella diretta dai servizi segreti turchi, il centro della guerra speciale, sta distorcendo i fatti. Sta conducendo una guerra psicologica. Nessuno dovrebbe fidarsi di loro, nessuno dovrebbe essere un loro strumento. Il comizio di Tayyip Erdoğan a Istanbul è stato proprio così. L’ha trasformato in un comizio elettorale. Si è scoperto che in realtà stava negoziando, nel senso di: “Voi chiamate terroristi l’YPG e io chiamerò terroristi Hamas”. Questo è ciò che ha dichiarato apertamente. La manifestazione del 7 ottobre ha rivelato chi ha iniziato la guerra. Tayyip Erdoğan si è assunto personalmente la responsabilità. Ha parlato come comandante in capo della guerra. Nessuno si lascia ingannare da questa guerra psicologica.

Nessuno si interroga sulle cause di questi conflitti. Invece di chiedersi perché non c’è un cessate il fuoco, perché non ci sono risultati, urlano a squarciagola le loro opinioni. Il risultato è sempre enfatizzato. Le consegne di aiuti umanitari, per esempio. Sì, anche loro sono importanti, non diciamo nulla su questo, ma dobbiamo anche vedere le cause. Se non si trovano e non si eliminano le cause dei problemi, questi non possono essere risolti. A questo proposito, ci sono stati approcci e valutazioni basati su risultati molto attuali, superficiali ed eccessivi. Non sono stati molto corretti. Il problema ha anche una dimensione storica. Il genocidio è stato praticato sul popolo palestinese per 75 anni. Noi siamo contro questo genocidio e a favore dei diritti legittimi del popolo palestinese. Ma, storicamente, anche il popolo ebraico ha subito molti genocidi. Un governo democratico e una vita libera nella loro patria sono anche un loro diritto. Siamo anche contrari ai massacri praticati sugli ebrei. In questo senso, il problema ha dimensioni storiche. Ha legami con il processo di sviluppo della Terza guerra mondiale, che dura da più di 30 anni. Ne ho già parlato in passato e non voglio ripetermi. Ci sono anche aspetti importanti in termini di ideologia e politica attuale. Per esempio, c’è un conflitto ideologico, deputati della stessa ideologia che si scontrano tra loro. Se questo approccio ideologico, questa mentalità, cioè la mentalità religiosa nazionalista, non viene superata, se non si sviluppa la democratizzazione della mentalità e del pensiero, questa lotta sarà sempre vissuta. Non ci sarà mai una soluzione.

In termini di politica attuale, spiccano alcuni dibattiti. Le rotte commerciali; queste discussioni si sono sviluppate dopo l’annuncio della rotta energetica da India, Siria, Israele, Cipro alla Grecia. Si tratta di un aspetto importante. La Cina e la Russia volevano stabilire relazioni con l’Europa attraverso l’Ucraina, ma la guerra in Ucraina ha messo fine a questo progetto. La Turchia ha aderito e ha gradito. Per quanto l’amministrazione di Tayyip Erdoğan abbia cercato di far funzionare di nuovo la vecchia Via della Seta, alla fine è stata annunciata la rotta meridionale. Gli Stati hanno raggiunto un accordo. La Turchia è stata esclusa a causa della mentalità e della politica di Tayyip Erdoğan. È stata esclusa da questo percorso. La vecchia Via della Seta è stata resa inutilizzabile. Perché non c’è fiducia, non c’è stabilità, c’è guerra. Anche gli Stati e il capitale non hanno visto la cosa nel loro interesse. I sicofanti dicono: “Tayyip Erdoğan ha portato la Turchia a qualcosa”, ma in realtà Erdoğan ha portato la Turchia al disastro, ha reso la Turchia sola. Di conseguenza, si è alzato e ha iniziato a sabotare.

Ad esempio, la guerra del Karabakh è stata sviluppata dall’AKP, dall’amministrazione di Tayyip Erdoğan. Sta cercando di aprire una nuova strada dall’Asia centrale attraverso la Turchia. Per questo, l’Azerbaigian ha catturato il Karabakh. Ora vuole conquistare lo stretto di Zengezor e collegare l’Armenia direttamente alla Turchia restringendo ancora di più l’Armenia, prendendo il territorio e mettendo da parte l’Armenia e l’Iran. Anche loro hanno reagito. Non ne hanno dato l’opportunità. È stato lui a scatenare la guerra. Questo è anche il modo in cui Hamas ha iniziato la guerra. Perché Hamas ha lanciato 5.000 missili all’improvviso? E lo ha fatto il 7 ottobre. Dobbiamo analizzare la tempistica, il motivo per cui è successo, chi l’ha diretto. Tayyip Erdoğan sta cercando di aprire una strada in Karabakh occupandola, e vuole sabotare la strada concordata sulla linea israeliana e palestinese. C’è stato un tentativo di provocazione. C’è una lotta di questo tipo. Coloro che si sono accordati sulla strada volevano liberarla. Chi era al di fuori della pianificazione, la Turchia e l’amministrazione dell’AKP, voleva sabotare questo progetto stradale. Per questo ha indirizzato Hamas. Hamas è sostenuto da molti ambienti, anche l’Iran sostiene Hamas. Questo non è un segreto. Ma Tayyip Erdoğan ha sicuramente una mano in questo ultimo attacco. Tayyip Erdoğan ha diretto Hamas proprio come ha diretto l’IS, che si è recato a Damasco, ad attaccare Kobanê il 15 settembre 2014, ora ha diretto Hamas ad attaccare Israele e ha causato l’inizio di questa guerra. Lo fa per sabotare quel luogo, per renderlo inaffidabile e per far sì che la strada passi presumibilmente attraverso di esso.

Ora, non so se produrrà risultati o meno, ma qual è questa guerra? Dobbiamo sapere chi sta combattendo questa guerra. Tayyip Erdoğan è in preda al panico, perché la sua colpa è stata smascherata. È lui il più coinvolto in questa storia. In secondo luogo, potrebbe essere stato ingannato. In altre parole, potrebbe essere stato manipolato. Alcune forze potrebbero avergli dato l’impressione che si possa fare questo lavoro facilmente. Tayyip Erdoğan sta cercando di proteggere Hamas ora che c’è stata una svolta totale contro Hamas. Prima voleva sabotare la situazione con Hamas. Si è reso conto che i calcoli si sono rivelati diversi; questa volta Hamas sarà indebolito e distrutto, quindi sta cercando di proteggerlo.

Dovremmo ragionare in questo modo. Quando il governo di Saddam Hussein attaccò il Kuwait il 2 agosto 1990, la CIA e il Mossad non ne erano a conoscenza? Cosa stavano facendo? Perché non l’hanno impedito? Perché non volevano impedirlo. L’America ha iniziato la Terza guerra mondiale sulla base dell’attacco di Saddam al Kuwait. Ha portato 150 mila soldati in Medio Oriente. Ecco come funziona. Ad esempio, fino all’attacco dell’11 settembre 2001, l’America aveva sostenuto la creazione di Al Qaeda – la CIA e il MOSSAD non lo sapevano? Perché non l’hanno impedito? Sono entrati in Afghanistan e a Baghdad come conseguenza di ciò. In altre parole, hanno fatto un’occupazione militare. Quindi volevano approfittarne. Quando hanno visto queste tendenze, le hanno sostenute. Ad esempio, la CIA e il MIT dormivano durante il tentativo di colpo di Stato del 15 luglio 2016? Hakan Fidan, che ora sfida i curdi, in qualità di sottosegretario del MIT, dormiva? Non lo era. Perché non l’ha impedito fin dall’inizio? Perché con lui controllavano e rafforzavano Tayyip Erdoğan; 40 giorni dopo, il 26 agosto 2016, hanno lanciato un attacco di invasione contro la Siria attraverso Jarablus e il territorio iracheno attraverso Çukurca. Biden e Masoud Barzani erano ad Ankara quando è iniziato questo attacco. Hanno dato la loro approvazione. Se questo non fosse accaduto, se non ci fosse stato quel tentativo di colpo di Stato, se Tayyip Erdoğan non avesse raggiunto un potere tale da scavalcare il Parlamento, non sarebbe stato in grado di farlo.

Anche Tayyip Erdoğan sa quanti tunnel ci sono sotto Gaza. Anche l’esercito israeliano lo spiega. Ma il Mossad, ad esempio, dormiva quando stava preparando 5.000 missili per lanciare un attacco? Perché non l’ha impedito? Non diciamo che l’ha fatto lui stesso, ma almeno sperava di trarre vantaggio da una cosa del genere. Dopo il tentativo di colpo di Stato del 15 luglio, cosa ha detto Tayyip Erdoğan? “Questa è una benedizione di Dio”. E questo era il “favore di Dio” a Netanyahu. In realtà, non è stata la grazia di Dio, ma quella di Tayyip Erdoğan. Tayyip Erdogan ha fatto questa grazia e ha provocato questo bagno di sangue. Ora, quando i calcoli in casa non si adattano al mercato, sta cercando di gettare la Turchia nel fuoco. Ha quasi portato la Turchia in conflitto con il mondo intero.

Hamas è un movimento dei Fratelli Musulmani e il progetto del Grande Medio Oriente era in realtà un progetto dei Fratelli Musulmani per dominare il Medio Oriente. Cosa disse allora Tayyip Erdoğan? Proclamò: “Sono il co-presidente di questo progetto”. AKP, Hüda Par, Qatar, Morsi, FSA fanno tutti parte del movimento dei Fratelli Musulmani chiamato Ahwal-i Müslimin. E anche Tayyip Erdoğan ne è alla guida. Come è possibile vedere le relazioni di Hamas con l’Iran e non vedere quelle con Tayyip Erdoğan? È sicuramente colui che ha più dita in questo attacco, colui che ha avviato questo processo di conflitto. Israele, l’America e altri stavano aspettando un’opportunità per rovinare questo percorso. Forse hanno diretto Tayyip Erdoğan da lontano, proprio come hanno fatto con Saddam, in modo che non dicessimo nulla. E quando Tayyip Erdoğan ha mobilitato Hamas per sabotarlo, ha ricevuto la benedizione di Dio.

Ora dicono che distruggeranno Hamas. E per distruggere Hamas, vogliono distruggere Gaza. Stanno praticando un genocidio su Gaza. Quale mentalità e quale politica hanno portato la popolazione di Gaza a questo tipo di sacrificio? Qual è il ruolo di Hamas in tutto questo? Qual è il ruolo dei Fratelli Musulmani, qual è il ruolo di Tayyip Erdoğan? Questo deve essere visto. Ora ha paura che questo venga rivelato. Prima lo nascondeva e poi, quando è stato scoperto, ha abbracciato apertamente Hamas. Ora sta cercando con tutte le sue forze di salvare Hamas dicendo che “ci deve essere un cessate il fuoco”. In altre parole, sta cercando di ottenere un cessate il fuoco e di salvare Hamas caricando sulle questioni umanitarie.

Güneri Civaoğlu, intervistando Rêber Apo all’inizio del 1990, gli chiese della situazione di Hafez Assad e Saddam Hussein. Rêber Apo rispose: “Hafez è approvato. Saddam ha un caso”. Ora sembra che ci sia approvazione per l’Iran e problemi in Turchia. Se la Turchia non si salva dalla mentalità e dalla politica fascista, colonialista e genocida di Tayyip Erdoğan e dell’Alleanza Repubblicana, il sistema di cui fa parte metterà la Turchia sul tavolo operatorio. Se continueranno con questa mentalità, la Turchia sarà danneggiata, perderà Cipro e la disintegrazione potrebbe essere all’ordine del giorno. Voglio esprimere questo concetto in questa sede. Dopo un po’, la svolta arriverà direttamente in Turchia. È già successo. Ma quando dico Turchia, intendo la mentalità dell’AKP e dell’MHP.

Una Turchia democratizzata, una Turchia che trovi una soluzione alla questione curda, non arriverà mai a una situazione del genere. In questo senso, i popoli, i lavoratori, le donne e i giovani hanno un ruolo importante da svolgere. Le forze democratiche e socialiste hanno un ruolo da svolgere. Basandosi solo sui risultati del conflitto, né il popolo palestinese né il popolo ebraico possono uscire da questa situazione, né l’umanità può condurre una lotta così giusta. Questa lotta per gli interessi deve essere contrastata, il saccheggio imperialista deve essere contrastato. Il popolo palestinese, i democratici ebrei e i popoli del mondo devono opporsi. A questo proposito lancio un appello. Potremmo dire che gli Stati dovrebbero essere un po’ più democratici e sensibili, ma la logica del potere e del sistema statale è chiara. Dobbiamo lottare contro di loro. Dobbiamo essere in grado di combattere in modo più efficace. Lo sviluppo della modernità democratica contro la modernità capitalista è lo sviluppo della linea della “nazione democratica” e del “confederalismo democratico”. Questa è l’unica soluzione. Se questa mentalità e questa politica non cambiano, se non lottiamo su questa base, andremo incontro ad altri genocidi e bagni di sangue. Ho sempre difeso e difenderò sempre la giusta causa del popolo palestinese. Ma anche i lavoratori del popolo ebraico hanno la loro giusta causa. A condizione che siano sulla giusta linea e abbiano un approccio democratico, agiremo anche con loro. Pertanto, prima i popoli palestinese ed ebraico, i socialisti, i rivoluzionari e i democratici devono risolvere il problema tra di loro. Anche l’umanità e i circoli democratici dovrebbero sostenerlo. Si tratta quindi di una situazione strategica efficace. In altre parole, un nuovo mondo, un nuovo mondo alternativo. Un mondo alternativo contro questo potere e questo sistema statale deve essere sviluppato su questa base. Altrimenti, servendo questa o quella cerchia di interessi in altri modi, questi problemi non possono essere risolti, né si può adottare un approccio umanitario corretto.

C’è stato il Movimento giovanile di Aydin in Turchia. Dopo la morte di un giovane in un ascensore, si è creato un movimento contro gli approcci e le politiche del fascismo dell’AKP-MHP che non sono al servizio dei giovani. Si dice che la Conferenza mondiale della gioventù sia la prima del suo genere, quindi è davvero importante. Li saluto e auguro successo ai giovani che la stanno organizzando.

Vorrei anche lanciare un appello ai nostri giovani curdi. Dovrebbero partecipare attivamente, non dovrebbero vedersi soli. Dovrebbero ascoltare i loro compagni e cercare di capirli. Dovrebbero portare alla conferenza Rêber Apo, il movimento per la libertà dei curdi, la nostra politica per la libertà delle donne e la teoria della “modernità democratica”, discuterne bene e rappresentarli. Perché i giovani sono il futuro. Il futuro è nella modernità democratica. I giovani che creeranno il futuro si creeranno un futuro libero e democratico nella misura in cui comprenderanno e assimileranno il paradigma della modernità democratica sviluppato da Rêber Apo e si organizzeranno e lotteranno su questa base.

Rêber Apo una volta disse: “Abbiamo iniziato da giovani, abbiamo successo da giovani”. Sulla base di questo slogan, la gioventù curda deve lavorare per portare i giovani di tutto il mondo a una coscienza, a una responsabilità e a un’organizzazione che si appropri maggiormente del loro futuro. Perché sono stati loro a vedere e conoscere la realtà di Rêber Apo prima di tutti i giovani. Speriamo e crediamo che la rappresenteranno bene. Questo sarà un inizio importante. La risposta a guerre come quella di Gaza e simili sarà data dai giovani che prenderanno il controllo del futuro diventando consapevoli e organizzati su questa base, e che riusciranno a creare il futuro lungo le linee della libertà e della democrazia. Su questa base, vi saluto ancora una volta e vi auguro di avere successo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

kurdistanpalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.