InfoAut
Immagine di copertina per il post

1°maggio milanese, compagno tedesco a processo

Il 2 Novembre 2015 avrà luogo nel tribunale di Milano un processo contro un compagno di Francoforte arrestato durante la giornate di Mobilitazione contro l‘ EXPO.

Milano 27 Aprile, quattro e mezza del mattino: dalle porte di diversi appartamenti provengono tonfi e schiamazzi: la polizia politica perquisisce e sgombera diversi appartamenti e il centro del quartiere di Giambellino. Il tutto avviene una settimana prima del 1° Maggio. Da tempo per questa giornata sono state pianificate a Milano proteste contro l’apertura dell’Expo e il suo devastante impatto sociale. L’atmosfera è tesa, da diverse settimane gran parte della stampa e del panorama politico istigano l’opinione pubblica contro le proteste: esse sono un pericolo per l’ordine pubblico. E così le persone presenti negli appartamenti vengono portate via. Si tratta di un colorato ed eterogeneo raggruppamento internazionale, 25 persone in totale. Non che ci preoccupino le nazionalità, però i poliziotti chiamano coloro a cui trovano un passaporto in base alla loro nazionalità e non in base al loro nome: francese, italiano….tedesco. La stampa isterica avverte da settimane dell’arrivo del Blocco nero internazionale e sull’opportunità di dargli il… benvenuto.

La cosa non ci è nuova, durante la mobilitazione di Blockupy, a Francoforte, erano gli “italiani“ i “francesi“, a seconda del caso, il nemico esterno di cui avere paura… Dopotutto nelle case, occupate da anni, sono stati trovati materiali di difesa contro i gas lacrimogeni e tra l’altro 4 degli stranieri arrivano da Francoforte da dove circa un mese prima, il 18 Marzo, ci sono state azioni e scontri contro il regime dell’austerità e la politica capitalista della crisi. Questi sono! Ma alla fine della giornata l’ ” l’operazione anti-terrorista” ha un modesto successo: maschere, utensili da lavoro, uno striscione, sono il bottino delle perquisizioni di massa. Non è abbastanza per una buona storia.

E allora che cosa si può fare: nelle vicinanze la polizia trova un auto tedesca che senza tanti complimenti viene scassinata. Nel bagagliaio, come è d’ uso in ogni “buona” auto tedesca, utensili per guasti, bastoni da trekking, e naturalmente taniche di riserva da trasporto. Il tutto aggiunto alle bottiglie di succhi di frutta e acqua usate per il viaggio e un po’ di carte igienica, si trasformano, per la propaganda, in molotov. Nell’ immaginario della polizia in ogni caso. Il tutto si può presentare alla stampa. È possibile presentare un responsabile. E cosi viene deciso di rilasciare 3 dei 4 compagni tedeschi, ma ad uno dei 4 compagni viene applicata la custodia cautelare. Beh almeno uno deve essere… Alle proteste contro l’apertura dell’EXPO il primo maggio hanno partecipato numerosi attivisti, provenienti da tutte le direzioni, da diverse realtà della resistenza, anche da Francoforte: sono venuti tutti per dimostrare insieme contro il capitalismo e l’oppressione. Non ci facciamo dettare l’agenda su quello che dobbiamo fare o non fare da un sistema basato sullo sfruttamento. Sappiamo che qualsiasi opposizione all’ordine stabilito è un pugno nell’occhio per chi detiene il potere: siamo e saremo volentieri “il sale nelle loro ferite”.

Naturalmente fanno di tutto per dissuaderci dalle nostre idee e convinzioni, usando contro di noi tutte le possibili azioni di repressione preventiva. A questo opponiamo la nostra solidarietà, la nostra resistenza e la nostra creatività. Al peso di piombo di carceri e tribunali contrapponiamo il nostro affetto e amicizia il nostro sorriso e la consapevolezza di essere dalla giusta parte.

Lunedì 2 Novembre alle 11 avrà luogo a Milano il processo contro il nostro compagno di Francoforte. Il processo si svolgerà nel Palazzo di Giustizia di Milano in via Freguglia, primo piano sala H. Tutti sono invitati con noi a presenziare al processo per vigilare insieme sull’operato della giustizia italiana

Oltretutto, sono ancora molti i processi contro i manifestanti fermati il primo maggio, anche in questi casi ci sarà bisogno di tutta la solidarietà possibile.

La solidarietà non ha colori!

La solidarietà non ha confini!

La solidarietà è un’ arma!

@AntiRep_Ffm | anti.rep@notroika.org

 

**Sostenitori: Erste Tür Links Frankfurt (Collettivo studenti medi), AG Antirepression Frankfurt (Gruppo di lavoro contro la repressione), akj arbeitskreis kritischer jurist_innen / AK Recht, Aktionsgruppe für den Aufbau der 3. Reihe, Antifa Kritik und Klassenkampf (Antifascismo critica e lotta di Klasse), attivisti autonomia, Bunte Hilfe Darmstadt, Fantifa Fankurt, [iL*] Interventionistische Linke Frankfurt (Sinistra intervenzionista), krisengruppe, kritik&praxis – radikale Linke [f]rankfurt (Critica & prassi), noborder ffm, NoTroika / Blockupy Frankfurt, Redaktion linksnavigator.de, Rote Hilfe Ffm (Soccorso rosso), Schüler*innengruppe, Siempre*Antifa Frankfurt, turn*left ffm (Svolta a Sinistra), LiLi Linke Liste (Uni-Hochschulgruppe) e diversi attivisti nella lotta per la casa, e contro il precariato così come attivisti sindacali della FAU, ver.di e GEW

Per chi vuole contribuire alle spese processuali, Soccorso rosso raccoglie i fondi sotto la Rubrica „Milano“ conto bancario

Rote Hilfe Frankfurt/ IBAN: DE24 4306 0967 4007 2383 90/ BIC: GENODEM1GLS

Konto: 4007238390/BLZ: 43060967 GLS-Bank/ Rubrica: „Milano“


Da: Kritikundpraxis.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

MilanonoexpoPrimo Maggio

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio e la sorveglianza speciale

Il 28 febbraio 2023 la Procura di Torino ha chiesto la sorveglianza speciale e l’obbligo di dimora nel luogo di residenza per quattro anni per Giorgio Rossetto, disposto a fine giugno 2023.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere minorile “Beccaria” di Milano

Torture e violenze (anche sessuali) sui minorenni al Beccaria: arrestati 13 poliziotti penitenziari, 8 sospesi dal servizio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Milano: dalla montagna alla città contro le Olimpiadi insostenibili

Il 10 febbraio alle ore 15 partirà da Piazzale Lodi a Milano un corteo contro le Olimpiadi Milano-Cortina del 2026.