InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cancellieri e Ligresti: anche il governo Letta naufraga nel clientelismo

E al centro dell’attenzione c’è di nuovo lei: Annamaria Cancellieri. Acclamata commissario a Parma dopo il malgoverno di Vignali ed a Bologna dopo il disastro Delbono, viene nominata ministro dell’Interno dell’ultimo governo tecnico. Una posizione da cui non manca di venire in aiuto di un importante amico: Salvatore Ligresti. Arricchitosi durante il boom speculativo edilizio della Milano da Bere e provvisto di partecipazioni in importanti gruppi italiani (RCS, editore del Corriere della Sera, Unicredit, Pirelli, Fonsai), quando nel 2012 nella città meneghina il collettivo Macao occupa la sua, abbandonata, torre Galfa non ci pensa due volte a mobilitare il direttore generale della sua Fondiaria SAI, Piergiorgio Peluso. Figlio di Annamaria. Lo sgombero avverrà bypassando qualsiasi tavolo di mediazione e con notevole celerità.

Di lì a poco, l’impero Ligresti (grande dispensatore di incarichi ad ex di lusso del corpo prefettizio Italiano: dall’attuale commissario ALER Gian Valerio Lombardi a Bruno Ferrante, ex candidato sindaco DS a Milano e attuale commissario dell’ILVA) si sgretola sotto i colpi delle inchieste. Non senza una cospicua buonauscita per Piergiorgio di 3,6 milioni di euro. E la Cancellieri non è ingrata. Nel suo nuovo ruolo di ministro della Giustizia non esita ad esprimere in una telefonata privata di quest’estate il suo sdegno per le brutali condizioni di detenzione di Giulia Ligresti, coinvolta nelle indagini. Che non sono solo sue, ma di un’intera fetta della società italiana, costretta in un sistema carcerario disumano. Però Giulia ottiene gli arresti domiciliari pochi giorni dopo, mentre provvedimenti di clemenza più generalizzati restano nelle maglie di qualche commissione parlamentare.

Cosa verrebbe da pensare allora? E come mai oggi Gian Carlo Caselli, la cui procura torinese è titolare delle indagini sul gruppo Ligresti, difende la posizione della Cancellieri dopo essersi sincerato tramite procedura ufficiale delle condizioni di salute di Giulia? Excusatio non petita accusatio manifesta, verrebbe da dire, giuridicamente parlando…

 

…soprattutto quando l’alternativa ad uno dei ministri finora più “presentabili” del governo Letta è già nelle strade e nelle piazze del paese…

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

cancellierigoverno letta

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Kamo, Lenin e il “partito dell’insurrezione”

Emilio Quadrelli, L’altro bolscevismo. Lenin, l’uomo di Kamo, DeriveApprodi, Bologna 2024

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

La supercazzola di Renzi a Letta

1. La supercazzola sulla legge elettorale. Renzi ha presentato un tris di proposte (modello spagnolo, Mattarellum, sistema dei sindaci) per non dare alibi a nessuno e procedere all’approvazione di una legge elettorale che una volta in essere potrà togliere anche l’alibi del Porcellum, cosicché il voto anticipato potrebbe concretizzarsi con meno timori. Ma il tris di proposte […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Sempre meno ‘giustizia’ per chi non ha soldi

Infatti, anche se in sordina, nella nuova legge di stabilità sono state già introdotte, e approvate in Senato, alcune importanti variazioni economiche che riguardano la giustizia. Si parte con la riduzione di un 30% dei compensi per i difensori (ma anche per i consulenti tecnici, gli ausiliari e gli investigatori autorizzati) dei soggetti ammessi al […]

Immagine di copertina per il post
Culture

La due facce della Giustizia: Ligresti, Cancellieri e umani qualunque…

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una testimonianza dal carcere di uno  degli arrestati del 19 luglio sull’affaire Ligresti. Nel cortile del carcere delle Vallette, nell’ora d’aria delle 13, torrida come può esserlo una vasca di cemento sotto il sole di fine luglio, le storie di vita che si rincorrono sono tutte diverse ma tutte simili. Storie […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Macao: Torre Galfa sgomberata da Ligresti e Cancellieri?

Dal 5 al 10 maggio: dieci giorni e l’arrivo all’alba di polizia e Digos, più solerti del solito nel portare a termine lo sgombero. Perchè? Forse perchè la Torre Galfa era della famiglia Ligresti? E forse perchè l’attuale ministro dell’Interno era Annamaria Cancellieri, di cui proprio in questi giorni i giornali si occupano mettendo in […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La Taser fulmina-italiani

Molto lontano dagli scranni del potere, hanno ben poco di che gioire Comuni e popolazione. Pure il “Financial Times” si dichiara sconcertato dall’ impavidità dell’ Esecutivo italiano: “una stabilità politica pagata a caro prezzo”. Un paese blocato dal caso IMU per cento giorni: questione politica e non solo. I ceti abbienti risparmiano così un miliardo […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

NoMuos: manganellate e cariche nella notte per l’arrivo della gru

  Di seguito il report della nottata appena trascorso scritto ed inviato proprio dal presidio NoMuos di C.da Ulmo (Niscemi).   REPORT NOTTE DEL 10-11 gennaio 2013: Niscemi INVASA da centinaia di forze di polizia. Con inaudita violenza sono stati rimossi i blocchi dei manifestanti per il passaggio del convoglio con i mezzi per il […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

NoMuos: manganellate e cariche nella notte per l’arrivo della gru

  Di seguito il report della nottata appena trascorso scritto ed inviato proprio dal presidio NoMuos di C.da Ulmo (Niscemi).   REPORT NOTTE DEL 10-11 gennaio 2013: Niscemi INVASA da centinaia di forze di polizia. Con inaudita violenza sono stati rimossi i blocchi dei manifestanti per il passaggio del convoglio con i mezzi per il […]