InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

di Luca Pisapia da Valori

La mancata proroga del Decreto Crescita, scritto per far rientrare i cervelli in fuga e utilizzato per pagare meno tasse sui sontuosi stipendi dei calciatori stranieri, ha provocato i prevedibili strali di chi con il pallone non gioca, ma guadagna. Dirigenti e giornalisti sportivi ci hanno raccontato che ora il calcio italiano perde competitività, come se non fosse poco o nulla competitivo da anni, e per colpa della loro incapacità. Poi si sono spinti più in là, disperandosi per le sorti del Paese.

Senza Decreto Crescita, hanno spiegato commossi tra le lacrime, il calcio perde soldi. E quindi tutto il denaro che il movimento generosamente elargiva alla nazione sotto forma di tasse e ricaduta dell’indotto diminuirà drasticamente, lasciando i lavoratori in povertà e i bambini affamati a vagare per le strade. Ora, confutare qui la solita idiozia della trickle down economy per cui più i ricchi guadagnano meglio stanno i poveri è inutile. Lo ha già fatto la storia per noi.

Quello che è successo, infatti, è esattamente il contrario. Senza gli aiuti dello Stato i soldi che i club prima risparmiavano in tasse sugli stipendi dei calciatori stranieri (nell’ordine di decine di milioni l’anno) tornano ad essere versati all’erario, e quindi possibilmente destinati a scuole, case, ospedali e via dicendo. Perché quello che ci racconta questa storia, al di là della solita ipocrisia del mondo del pallone, è che il sistema calcio in tutta Europa rispecchia alla perfezione i dettami della scuola ordoliberale.

Detto in parole semplici, l’ordoliberalismo è quella variante del pensiero neoliberale che sostiene che la libertà del mercato si ottiene attraverso un rigido controllo da parte dello Stato, che interviene tramite la promulgazione di leggi e il sostegno pubblico. Sembra una contraddizione di termini, ma così non è. L’ordoliberalismo, sperimentato prima in Cile con la dittatura di Pinochet e poi in America e Regno Unito con Reagan e Thatcher, è oggi infatti la variante più diffusa del tardo capitalismo finanziario.

Lo abbiamo visto negli ultimi vent’anni in Europa e America con le politiche di austerity, il taglio dei tassi d’interesse, le leggi sul lavoro e sulle migrazioni: è sempre stato il legislatore pubblico a intervenire in favore della presunta libertà di accumulazione dei pochi privati. Lo abbiamo visto anche con il pallone, a partire proprio dalla Thatcher. Il rifacimento degli stadi che alla fine degli anni Ottanta permise la nascita della Premier League, la prima superlega privata europea, fu imposto per legge con il Taylor Report e finanziato dallo Stato attraverso un apposito fondo pubblico istituito dall’ultraliberista Thatcher.

Altro che capitali privati. Da allora nel resto d’Europa funziona così ovunque. Basti pensare a tutte le varie leggi stadi, in cui sono previsti fondi pubblici per opere private, soprattutto quando al Paese in questione sono assegnate manifestazioni importanti. O agli aiuti fiscali cuciti su misura per i club e i calciatori. Vedi il regime tributario speciale spagnolo, conosciuto come “legge Beckham”. O il trucco della detassazione dei diritti d’immagine in Inghilterra.

Per non parlare dell’Italia, Paese in cui il capitalismo da sempre prospera sugli aiuti pubblici, e da sempre all’avanguardia nel promulgare le cosiddette norme salvacalcio. Per questo, tutta la fanfara sulla mancata proroga del Decreto Crescita serve solo a dimostrare che il libero mercato (del pallone) non è tale. O meglio lo è ma nella sua unica variante possibile: quella ordoliberale per cui può definirsi libero solo quando è mantenuto dai soldi pubblici, ovvero dalle tasse dei cittadini. E non certo il contrario.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

calciocapitalismoDecreto Crescitasport

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Culture

Approfondimento su Nutrire la rivoluzione

Un’autentica rivoluzione del XXI secolo, che rompa con il capitale e con la società divisa in classi, assumerà anch’essa le fattezze di una rivoluzione agraria, per quanto di segno significativamente diverso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Al via a Davos il meeting dei super ricchi del mondo: “I vostri sono affari di guerra, crisi sociale e climatica”

Al via la kermesse dei super ricchi mondiali presso l’esclusiva località sciistica di Davos, in Svizzera.

Immagine di copertina per il post
Culture

PUMA non rinnoverà il suo contratto con la Federcalcio israeliana

La Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI), parte fondatrice del movimento BDS, accoglie con favore la notizia che PUMA non rinnoverà il suo contratto con la Federcalcio israeliana (IFA).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

È giunto il momento che la FIFA sospenda Israele!

I palestinesi chiedono di fare pressione sull’organo di governo del calcio mondiale, la FIFA, finché non sospenderà l’adesione di Israele, in conformità con i suoi principi e impegni. L’inazione della FIFA è il via libera affinché Israele continui il suo genocidio contro i palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Sport e dintorni – Guardare al calcio e ai suoi stadi in altro modo è possibile

Da qualche tempo a questa parte sembra quasi che la bellezza di uno stadio di calcio sia riducibile alla modernità delle sue strutture.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Celtic punisce i suoi tifosi che sostengono la Palestina

Un gruppo di tifosi del Celtic ha accusato la dirigenza del club di agire in modo vergognoso per “aver cercato di censurare e punire la solidarietà verso il popolo palestinese da parte dei tifosi”.

Immagine di copertina per il post
Culture

Non avrai altro idolo all’infuori di me

E’ un testo difficilmente catalogabile – ricco, vitale, debordante -, questo libro di Gianni Vacchelli. Perché sfugge sapientemente all’incasellamento di genere e di stile.

Immagine di copertina per il post
Culture

Samir Amin: eurocentrismo, malattia congenita del capitalismo

Nel 1988 usciva Eurocentrismo, di Samir Amin. La casa editrice La città del sole ha reso disponibile in italiano la seconda edizione dell’opera – Eurocentrismo. Modernità, religione e democrazia. Critica dell’eurocentrismo, critica dei culturalismi