InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

di Luca Pisapia da Valori

La mancata proroga del Decreto Crescita, scritto per far rientrare i cervelli in fuga e utilizzato per pagare meno tasse sui sontuosi stipendi dei calciatori stranieri, ha provocato i prevedibili strali di chi con il pallone non gioca, ma guadagna. Dirigenti e giornalisti sportivi ci hanno raccontato che ora il calcio italiano perde competitività, come se non fosse poco o nulla competitivo da anni, e per colpa della loro incapacità. Poi si sono spinti più in là, disperandosi per le sorti del Paese.

Senza Decreto Crescita, hanno spiegato commossi tra le lacrime, il calcio perde soldi. E quindi tutto il denaro che il movimento generosamente elargiva alla nazione sotto forma di tasse e ricaduta dell’indotto diminuirà drasticamente, lasciando i lavoratori in povertà e i bambini affamati a vagare per le strade. Ora, confutare qui la solita idiozia della trickle down economy per cui più i ricchi guadagnano meglio stanno i poveri è inutile. Lo ha già fatto la storia per noi.

Quello che è successo, infatti, è esattamente il contrario. Senza gli aiuti dello Stato i soldi che i club prima risparmiavano in tasse sugli stipendi dei calciatori stranieri (nell’ordine di decine di milioni l’anno) tornano ad essere versati all’erario, e quindi possibilmente destinati a scuole, case, ospedali e via dicendo. Perché quello che ci racconta questa storia, al di là della solita ipocrisia del mondo del pallone, è che il sistema calcio in tutta Europa rispecchia alla perfezione i dettami della scuola ordoliberale.

Detto in parole semplici, l’ordoliberalismo è quella variante del pensiero neoliberale che sostiene che la libertà del mercato si ottiene attraverso un rigido controllo da parte dello Stato, che interviene tramite la promulgazione di leggi e il sostegno pubblico. Sembra una contraddizione di termini, ma così non è. L’ordoliberalismo, sperimentato prima in Cile con la dittatura di Pinochet e poi in America e Regno Unito con Reagan e Thatcher, è oggi infatti la variante più diffusa del tardo capitalismo finanziario.

Lo abbiamo visto negli ultimi vent’anni in Europa e America con le politiche di austerity, il taglio dei tassi d’interesse, le leggi sul lavoro e sulle migrazioni: è sempre stato il legislatore pubblico a intervenire in favore della presunta libertà di accumulazione dei pochi privati. Lo abbiamo visto anche con il pallone, a partire proprio dalla Thatcher. Il rifacimento degli stadi che alla fine degli anni Ottanta permise la nascita della Premier League, la prima superlega privata europea, fu imposto per legge con il Taylor Report e finanziato dallo Stato attraverso un apposito fondo pubblico istituito dall’ultraliberista Thatcher.

Altro che capitali privati. Da allora nel resto d’Europa funziona così ovunque. Basti pensare a tutte le varie leggi stadi, in cui sono previsti fondi pubblici per opere private, soprattutto quando al Paese in questione sono assegnate manifestazioni importanti. O agli aiuti fiscali cuciti su misura per i club e i calciatori. Vedi il regime tributario speciale spagnolo, conosciuto come “legge Beckham”. O il trucco della detassazione dei diritti d’immagine in Inghilterra.

Per non parlare dell’Italia, Paese in cui il capitalismo da sempre prospera sugli aiuti pubblici, e da sempre all’avanguardia nel promulgare le cosiddette norme salvacalcio. Per questo, tutta la fanfara sulla mancata proroga del Decreto Crescita serve solo a dimostrare che il libero mercato (del pallone) non è tale. O meglio lo è ma nella sua unica variante possibile: quella ordoliberale per cui può definirsi libero solo quando è mantenuto dai soldi pubblici, ovvero dalle tasse dei cittadini. E non certo il contrario.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

calciocapitalismoDecreto Crescitasport

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Armi: verso il libero mercato?

L’intento è ben celato, ma evidente: smantellare la legge n. 185 del 1990, quella che introdusse in Italia “Nuove norme sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento”.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Al via a Davos il meeting dei super ricchi del mondo: “I vostri sono affari di guerra, crisi sociale e climatica”

Al via la kermesse dei super ricchi mondiali presso l’esclusiva località sciistica di Davos, in Svizzera.

Immagine di copertina per il post
Culture

PUMA non rinnoverà il suo contratto con la Federcalcio israeliana

La Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI), parte fondatrice del movimento BDS, accoglie con favore la notizia che PUMA non rinnoverà il suo contratto con la Federcalcio israeliana (IFA).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

È giunto il momento che la FIFA sospenda Israele!

I palestinesi chiedono di fare pressione sull’organo di governo del calcio mondiale, la FIFA, finché non sospenderà l’adesione di Israele, in conformità con i suoi principi e impegni. L’inazione della FIFA è il via libera affinché Israele continui il suo genocidio contro i palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Sport e dintorni – Guardare al calcio e ai suoi stadi in altro modo è possibile

Da qualche tempo a questa parte sembra quasi che la bellezza di uno stadio di calcio sia riducibile alla modernità delle sue strutture.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Celtic punisce i suoi tifosi che sostengono la Palestina

Un gruppo di tifosi del Celtic ha accusato la dirigenza del club di agire in modo vergognoso per “aver cercato di censurare e punire la solidarietà verso il popolo palestinese da parte dei tifosi”.