InfoAut
Immagine di copertina per il post

Attanasio aggredito nel carcere di Massana.

Riportiamo i comunicati della Cassa AntiRep delle Alpi Occidentali sulla grave vicenda che ha coinvolto Alessio Attanasio detenuto per 20 anni in regime di 41bis e ora spostato in Alta Sicurezza.

Alessio Attanasio aggredito nel carcere di Massana

Su richiesta di Alessio Attanasio, recluso nella sezione AS1 di Massama (Oristano), diffondiamo la notizia che Alessio ha dovuto affrontare recentemente due gravi soprusi da parte del personale di custodia.
Prima gli è stata rifiutata la consegna della sedia con schienale prescrittagli dal medico per alleviare i dolori causati da una lombosciatalgia cronica di cui soffre.
Lo scorso 2 gennaio invece, per impedire ad Alessio di telefonare al suo legale, un gruppo di secondini ha cercato di strangolarlo, e solo l’intervento di altri detenuti presenti ha impedito che l’aggressione avesse conseguenze gravi. Nonostante i numerosi testimoni e il fatto che l’aggressione sia stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza,
Alessio è stato colpito da un provvedimento disciplinare per essersi difeso dal tentativo di strangolamento.
Per questo Alessio ha sporto una denuncia contro il commissario dei secondini e un reclamo contro il provvedimento disciplinare a cui è stato sanzionato dopo l’aggressione subita, in cui tira in causa i secondini responsabili dell’aggressione e il personale del carcere (direttrice, educatrice e criminologa) che hanno cercato di insabbiare i fatti. Alessio ci chiede di diffondere questa notizia perché, come scrive nel suo reclamo, “… si tratta di prassi penitenziarie ancora in uso in molti istituti che vengono avallate dai direttori, dagli educatori e dai criminologi…”.

Alessio ci informa che, a seguito della sanzione disciplinare che gli è stata data (dopo essersi difeso dall’aggressione di cui già a suo tempo avevamo dato notizia), dal 25 gennaio è stato spostato in isolamento appunto per scontare la sanzione. Le zelanti guardie hanno aggravato arbitrariamente l’isolamento tenendo il blindo della cella chiuso per 24 ore al giorno: secondo Alessio si tratta di una ritorsione per punire il
fatto che non intende ritrattare la denuncia dell’aggressione da cui ha dovuto difendersi.
Alessio, dopo 20 anni ininterrotti di 41bis (è stato declassificato l’anno scorso ed è ora in regime di AS1), soffre di disturbi claustrofobici riconosciutigli anche da passati provvedimenti della magistratura di sorveglianza.

Per esprimere solidarietà ad Alessio:
Alessio Attanasio
Località Su Pedriaxiu
09170 Massama (Oristano)

Contro tutte le galere!
Cassa AntiRep delle Alpi occidentali

Pubblichiamo di seguito la lettera indirizzata all’Associazione Culturale Senza Pazienza, scritta da Alessio Attanasio durante la detenzione in 41bis in risposta al trattenimento di due fumetti di Zero Calcare a lui spediti e mai recapitati poiché bloccati dalla censura del carcere.


Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

41biscarceresenza pazienzasolidarietà

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pestaggio al carcere di Venezia, detenuto in rianimazione

Un detenuto ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziario Santa Maria Maggiore di Venezia. Ancora un suicidio a Prato, è il ventunesimo dall’inizio dell’anno

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Per un aumento delle liberazioni anticipate. Lettera dal carcere femminile di Torino

Sta circolando in rete questa lettera-appello da parte delle detenute del carcere Lorusso-Cotugno di Torino. Le detenute ancora una volta cercano di attirare l’attenzione sulle condizioni di vita all’interno dei penitenziari.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: intervista a Khaled El Qaisi, rientrato in Italia tre mesi dopo l’arresto arbitrario da parte di Israele

Radio Onda d’Urto ha avuto la possibilità di intervistare Khaled El Qaisi, lo studente e ricercatore italo-palestinese dell’Università La Sapienza di Roma, fondatore del Centro documentazione palestinese, arrestato senza alcuna accusa formale dalla polizia israeliana lo scorso 31 agosto 2023 al confine tra i territori palestinesi occupati e la Giordania.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Su Cesare Battisti e Alfredo Cospito il terrorismo dell’antiterrorismo

Repressione senza sovversione fatta da persone in mala fede che mistificano la realtà odierna al fine di sentirsi più importanti.