InfoAut
Immagine di copertina per il post

Inizia l’assedio contro la fabbrica di armi israeliane di Leicester

L’assedio di Palestine Action è iniziato. Centinaia di persone sono scese al Meridian Business Park di Leicester per costringere la fabbrica della Elbit a chiudere.

La folla ha iniziato ad arrivare nel pomeriggio ed è cresciuta di numero nel corso della giornata. Con striscioni, canti, bandiere e discorsi entusiastici pronunciati finora, la massa di persone è stata accolta più tardi da un’esibizione del rapper e attivista Lowkey, insieme al pluripremiato attore e drammaturgo Tayo Aluko, al palestinese Dabke, a poesie e altro ancora.

L’assedio contro l’UAV Tactical Systems (“U-TacS”) di Leicester, di proprietà di Elbit, è un’azione di massa che coinvolge un numero enorme di persone disposte a rimanere nel sito, utilizzando se stesse per interrompere il flusso degli affari [1]. Palestine Action si rifiuta di andarsene finché Elbit non lo farà.

Sul posto c’è una forte presenza di polizia, con furgoni antisommossa dispiegati e un muro di metallo eretto intorno alla fabbrica, ma gli attivisti, imperterriti, continuano ad arrivare sul posto. La polizia ha effettuato incursioni e arresti a caso, entrando nelle auto parcheggiate per “perquisirle”. In vista dell’azione, l’azienda ha anche rinforzato il sito con ulteriori recinzioni, telecamere e ha chiuso le finestre. Nonostante ciò, un accampamento nel bosco è stato costruito dagli attivisti giorni prima dell’inizio dell’assedio e inizialmente è passato inosservato per 12 ore, anche grazie alla sorveglianza “all’avanguardia” di Elbit. Altri si sono accampati sulla strada che porta alla fabbrica, impegnandosi a rimanere lì il più a lungo possibile.

U-TacS è una fabbrica di droni posseduta e gestita dalla più grande azienda israeliana di armi, Elbit Systems, in collaborazione con l’azienda francese di armi Thales. Il suo prodotto di punta è il drone Watchkeeper, modellato sull’Hermes 450 dopo che quest’ultimo è stato “testato in battaglia” sui palestinesi [2]. L’azienda si vanta che il Watchkeeper avrebbe operato per oltre 100.000 ore in Afghanistan e Iraq [3]. Nonostante insista nel dire che vende solo alle forze armate britanniche, U-TacS esporta ogni anno in Israele attrezzature militari per un valore di circa 5 milioni di sterline, che consistono principalmente in droni e/o componenti di droni, insieme a tecnologie di puntamento e sorveglianza e altre attrezzature militari [4].

Elbit produce l’85% della flotta di droni militari israeliani [5], non solo armando l’esercito israeliano con questi droni e sviluppandone la tecnologia, ma anche operando i droni a fianco dei militari, assistendoli direttamente nei loro attacchi. Palestine Action ha occupato la sede Elbit di Leicester per sei giorni nel maggio 2021 [6], al culmine dell’aggressione israeliana a Gaza nel 2021 – una campagna di bombardamenti che ha causato la morte di oltre 250 palestinesi, tra cui oltre 60 bambini [7].

L’assedio intende recidere quello che Palestine Action descrive come l’apparato dell’esercito israeliano che opera dalla Gran Bretagna:

“Le proteste, le petizioni e tutti gli appelli all’establishment britannico per porre fine alla loro secolare complicità sono falliti. Tuttavia, il movimento di massa di persone disposte a mobilitarsi per chiudere Elbit dimostra che la strada per la vittoria è quella della popolazione – e non quella dei poteri costituiti. Resisteremo fino alla vittoria”.

I giornalisti sono incoraggiati a continuare a frequentare il sito per tutto il mese di maggio e a testimoniare la spinta e la determinazione del pubblico a cacciare Elbit dalla città.

Aggiornamenti regolari sono disponibili sugli account Twitter [8] e sui social media [9] di Palestine Action.

[1] https://www.palestineaction.org/siege/
[2] https://waronwant.org/sites/default/files/Killer%20Drones%2C%20War%20on%20Want.pdf
[3] https://u-tacs.co.uk/product/watchkeeper-x
[4] https://caat.org.uk/data/exports-uk/licence-list?index=date&region=Israel&company=Elbit+Systems
[5] https://corporatewatch.org/elbit-systems-company-profile-2/
[6] https://www.bbc.co.uk/news/uk-england-leicestershire-57243045
[7] https://www.middleeastmonitor.com/20220506-remembering-israels-2021-onslaught-on-gaza/
[8] https://twitter.com/Pal_action
[9] https://www.instagram.com/pal_action/?hl=en

Palestine Action blocca UAV Tactical Systems, nel secondo giorno di assedio

Nel secondo giorno dell’assedio, quattro attivisti hanno utilizzato dei dispositivi di blocco per bloccare entrambe le strade che portano alla fabbrica della filiale di Elbit, UAV Tactical Systems. Bloccando completamente l’accesso, gli attivisti hanno messo in gioco i loro corpi e le loro libertà, nella determinazione di non permettere a Elbit di produrre le sue tecnologie per i droni a Leicester, né oggi né in futuro. Ulteriori sviluppi sono attesi nel corso della giornata, mentre decine di persone continuano a mobilitarsi contro gli UAV Tactical Systems in solidarietà con le vittime degli armamenti Elbit in Palestina e altrove.

Con l’ingresso sud già occupato – la strada che ospita un accampamento dal primo giorno – l’interruzione dell’attività di Elbit si è intensificata questa mattina. L’occupazione dell’accampamento è stata rafforzata da un blocco, così come l’ingresso a nord del sito, da parte degli attivisti che hanno superato la polizia e il muro di separazione metallico che presidiava il secondo ingresso del sito. Entrambi i punti di accesso sulla strada Meridian East sono stati bloccati.

Prima dell’assedio, Palestine Action aveva dichiarato che UAV Tactical Systems sarebbe diventato il terzo sito Elbit ad essere chiuso in modo permanente, dopo che le azioni sostenute presso la fabbrica di Oldham e la sede centrale di Londra avevano portato alla chiusura di quei siti [1, 2]. Il secondo giorno di assedio ha visto un’escalation di azioni da parte di Palestine Action, che ha cercato di rispettare questo impegno, interrompendo qualsiasi lavoro pianificato e minando le operazioni.

Questo avviene dopo che centinaia di persone hanno manifestato durante il primo giorno di assedio, radunandosi fuori dalla fabbrica per un’azione di massa. L’inizio della resistenza sostenuta è stato segnato da Dabke palestinese, poesie, discorsi e performance di Lowkey e Tayo Aluko. Gli attivisti si sono sistemati in due campi, oltre a quello nel bosco precedentemente creato [3], le tende sono state piantate sulla strada immediatamente fuori dalla fabbrica, in quello che Lowkey ha descritto come la creazione di un futuro “villaggio chiamato Palestina Libera”.

Come previsto, la polizia si è presentata in forze e ha usato diversi mezzi per intimidire le persone riunite per l’assedio. In totale sono stati effettuati tre arresti, tra cui un’irruzione notturna in una casa, poiché la polizia ha trovato motivi spuri per effettuare arresti e perquisizioni con il sospetto di “associazione a delinquere”.

A Leicester e negli altri 7 siti di Elbit in Gran Bretagna si producono tecnologie militari da esportare direttamente in Israele. Il sito di UAV Tactical Systems invia regolarmente droni e tecnologie per droni a Israele [4], dove i prodotti per droni di Elbit applicano brutalmente l’occupazione israeliana della Palestina. Il drone di punta di UAV Tactical Systems, il Watchkeeper, è stato utilizzato dalle forze armate britanniche in Iraq, Afghanistan e nel Canale della Manica – ma è a sua volta modellato sul famigerato e letale drone Hermes, dopo che quest’ultimo è stato “testato in battaglia” sui palestinesi [5].

Il modello di business di Elbit e UAV Tactical Systems si basa, in primo luogo, sull’agevolazione dell’apartheid e dei crimini di guerra di Israele; così facendo, Elbit sviluppa le proprie tecnologie attraverso “test di battaglia” sui palestinesi, prima di riconfezionare e vendere i prodotti utilizzati per alimentare la violenza all’estero. Elbit, la più grande azienda israeliana di armi, fornisce l’85% dei droni e l’85% delle attrezzature militari terrestri di Israele [6]. I suoi prodotti, tra cui l’Hermes, sono stati collegati a documentate aggressioni da parte dello Stato israeliano [7, 8].

Parlando degli eventi di oggi, un portavoce di Palestine Action ha dichiarato che:

“Questi individui si sono assunti la responsabilità di assicurarsi che UAV Tactical Systems non apra, e di opporsi al ‘business-as-usual’ di un’azienda i cui profitti sono intrisi di sangue palestinese. L’esistenza di questo sito è una macchia su questo Paese, e rimaniamo determinati a vedere U-TacS chiuso”.

[1] https://mondoweiss.net/2022/01/victory-in-oldham-elbit-forced-to-sell-ferranti-after-sustained-direct-action-campaign
[2] https://freedomnews.org.uk/2022/06/21/elbit-have-left-the-building-palestine-action-permanently-closes-down-the-companys-london-hq/
[3] https://freedomnews.org.uk/2023/04/30/palestine-action-occupy-leicesters-israeli-drone-factory/
[4] https://caat.org.uk/data/exports-uk/licence-list?index=date&region=Israel&company=Elbit+Systems
[5] https://waronwant.org/sites/default/files/Killer%20Drones%2C%20War%20on%20Want.pdf
[6] https://corporatewatch.org/elbit-systems-company-profile-2/
[7] https://theintercept.com/2018/08/11/israel-palestine-drone-strike-operation-protective-edge/?comments=1#comments
[8] https://whoprofits.org/company/elbit-systems/

33 arresti, tra cui due co-fondatori; l’assedio continua nonostante la repressione della polizia

AGGIORNAMENTO: in precedenza era stato reso noto che erano stati effettuati 26 arresti. Alle ore 18:00 del 03/05/23, il numero è stato confermato a 33.*

Un numero senza precedenti di 33 arresti è stato effettuato ieri nel sito dell’assedio di Palestine Action, mentre la polizia del Leicestershire ha adottato misure sproporzionate usando una forza ingiustificabile contro le persone che si erano presentate per opporsi al commercio di armi di Israele. L’assedio continua nel suo terzo giorno, una mobilitazione di massa contro la fabbrica di droni UAV Tactical Systems di Leicester – di proprietà della più grande azienda israeliana di armi, Elbit Systems.

La polizia del Leicestershire, dopo aver assistito ai discorsi, ai workshop, ai balli e alla mobilitazione della comunità che hanno caratterizzato l’assedio fino ad ora, è intervenuta con tutta la forza a sua disposizione per intimidire e arrestare coloro che si oppongono a Elbit. Per tutta la giornata di ieri sono stati effettuati arresti indiscriminati, senza prove e con la chiara motivazione di reprimere la crescente mobilitazione. La polizia, che ieri è arrivata con unità armate, ha messo in atto tattiche come circondare i manifestanti tramite cordoni di polizia, il sequestro di beni, l’irruzione nelle auto, l’irruzione nelle case e lo smantellamento degli accampamenti [1]. Dei 33 arrestati, la maggior parte è stata portata alla stazione di Euston Street e rilasciata su cauzione nella notte.

La polizia ha arrestato una ventina di persone che avevano popolato un accampamento nel bosco adiacente al sito [2], insieme a quattro persone che si erano agganciate l’una all’altra sulla strada, oltre a sostenitori e passanti. Come riportato dal Leicester Mercury, l’azione di lunedì, in cui si erano radunate 250 persone, era “trascorsa pacificamente” e la polizia non aveva fornito alcuna ragione per il suo sconfinamento nell’accampamento [3].

Gli arresti hanno riguardato anche i due co-fondatori di Palestine Action, Huda Ammori e Richard Barnard, presi in custodia per motivi ancora poco chiari, arrestati in un’altra giurisdizione e trasferiti a Leicester questa mattina presto. L’arresto dei due, non collegato ad alcun evento avvenuto nel sito della fabbrica, dimostra che la strategia della polizia è quella dell’intimidazione e della detenzione a tappeto.

La rete di attivisti Palestine Action si è impegnata a mobilitarsi contro gli UAV Tactical Systems e questa azione di massa continuerà a prescindere dalle aggressioni subdole e ingiustificate che la polizia intraprenderà per conto di Elbit Systems. La comunità è dalla sua parte: dopo che la polizia ha sequestrato le tende, le coperte, il cibo e i beni di coloro che si erano accampati nel sito, la comunità di Leicester è intervenuta per donare coperte, sacchi a pelo, cibo e altri beni di prima necessità di cui la polizia aveva privato i manifestanti [4]. Ieri sera, nel luogo dell’assedio, hanno recitato la Janazah Salah (preghiera funebre) in solidarietà con lo scioperante della fame Khader Adnan [5], e i residenti di Leicester hanno chiarito che la macchina da guerra di Israele non è gradita nelle loro strade.

I bombardamenti di ieri sera su Gaza [6], insieme alla morte in custodia illegale di Adnan, sottolineano lo scopo dell’assedio: liberare Leicester dalla macchia della complicità nei crimini di Israele. Un portavoce di Palestine Action ha dichiarato:

“L’assedio alla UAV Tactical Systems si è finora rivelato un successo: è riuscito a mettere a nudo la realtà della “protezione” della polizia – le sue tattiche aggressive e gli arresti arbitrari usati per proteggere gli interessi e la reputazione di una società di armi assassina. Il successo sta anche nella risposta che abbiamo visto: la gente si oppone alla repressione della polizia e la comunità si unisce per opporsi al commercio di armi di Israele. Come dichiarato, intendiamo far chiudere UAV Tactical Systems”.

A Leicester e negli altri 7 siti di Elbit rimasti in Gran Bretagna si producono tecnologie militari da esportare direttamente in Israele. Il sito di UAV Tactical Systems invia regolarmente droni e tecnologie per droni in Israele [7], dove i prodotti per droni di Elbit applicano brutalmente l’occupazione israeliana della Palestina. Il drone di punta di UAV Tactical Systems, il Watchkeeper, è stato utilizzato dalle forze armate britanniche in Iraq, Afghanistan e nel Canale della Manica – ma è a sua volta modellato sul famigerato e letale drone Hermes, dopo che quest’ultimo è stato “testato in battaglia” sui palestinesi [8]. Elbit, la più grande azienda israeliana di armi, fornisce l’85% dei droni e l’85% delle attrezzature militari terrestri di Israele [9]. I suoi prodotti, compreso l’Hermes, sono stati collegati a documentate aggressioni da parte dello Stato israeliano [10, 11].

[1] https://twitter.com/Pal_action/status/1653422029226356740?s=20
[2] freedomnews.org.uk/2023/04/30/palestine-action-occupy-leicesters-israeli-drone-factory/
[3] https://www.leicestermercury.co.uk/news/leicester-news/live-drone-factory-siege-updates-8401772
[4] https://twitter.com/Pal_action/status/1653693189981712385?s=20
[5] https://twitter.com/Pal_action/status/1653502069679050767
[6] https://thecradle.co/article-view/24365/israel-bombs-residential-area-in-gaza-resistance-hits-back
[7] https://caat.org.uk/data/exports-uk/licence-list?index=date&region=Israel&company=Elbit+Systems
[8] https://waronwant.org/sites/default/files/Killer%20Drones%2C%20War%20on%20Want.pdf
[9] https://corporatewatch.org/elbit-systems-company-profile-2/
[10] https://theintercept.com/2018/08/11/israel-palestine-drone-strike-operation-protective-edge/?comments=1#comments
[11] https://whoprofits.org/company/elbit-systems/

Palestine Action è una rete di azione diretta di gruppi e individui costituita con il mandato di agire contro i siti di Elbit Systems e di altre aziende complici dell’apartheid israeliano, chiedendo la chiusura di tutti questi siti.

da Palestine Action

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

contro industria armamentino armioccupazionepalestinapalestine action

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Verona: cariche al corteo contro la fiera delle armi

Sabato si è tenuta a Verona la “European Outdoor Show. Caccia, tiro sportivo, pesca, nautica, outdoor”, una Fiera internazionale delle armi, all’interno della quale sono presenti stand dei principali marchi al mondo dell’industria bellica e balistica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: aggiornamenti dal Libano

Bombardamenti nel Sud del Libano: un’escalation controllata?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stop al genocidio: cariche sotto la sede della RAI a Napoli

La vostra repressione non ci fermerà: Stop genocidio, 23 febbraio sciopero generale, 24 manifestazione nazionale a Milano!

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cannoni italiani contro i palestinesi di Gaza

La conferma giunge adesso direttamente dalla Marina Militare di Israele: alle operazioni di guerra contro Gaza partecipano le unità navali armate con i cannoni di OTO Melara del gruppo italiano Leonardo SpA.