InfoAut
Immagine di copertina per il post

Salvare il Meisino è compito cittadino!

Secondo quanto apprendiamo da giornali e delibere comunali l’avvio dei lavori per cementificare e cancellare l’oasi di biodiversità rappresentata dal parco del Meisino a Torino è imminente.

Per questo è necessaria una presa di responsabilità collettiva per difendere un luogo così prezioso. Invitiamo dunque a partecipare alle iniziative del prossimo week end per organizzarsi, incontrarsi e conoscere il parco.

Fermiamo la devastazione e lo sfruttamento economico del Meisino!

Il parco del Meisino è una delle aree naturalistiche urbane più interessanti d’Europa: presenta una zona umida fondamentale per la conservazione dell’avifauna. All’interno del Parco infatti è inserita una Zona di Protezione Speciale (ZPS) di 245 ettari, situata alla confluenza tra la Stura di Lanzo, la Dora Riparia ed il Po.

Le Zone di Protezione Speciale (ZPS) sono aree istituite in base alla “Direttiva Uccelli” 79/409/CEE con lo scopo di garantire la conservazione delle specie ornitologiche di interesse comunitario.

Nonostante le premesse di grande valore ecosistemico del parco, l’Amministrazione comunale ha presentato il progetto “Cittadella dello Sport” finanziato con 11,5 milioni di euro del PNRR, in pieno contrasto con un’area che andrebbe tutelata e salvaguardata. Le conseguenze del progetto avranno impatti devastanti sia per le specie ornitologiche e il loro habitat umido ripariale, sia per le cittadine e i cittadini che il parco lo frequentano e lo attraversano quotidianamente.

Sabato 18 maggio alle ore 10.00 in Strada del Meisino 81, ci sarà un’attività di birdwatching con Riccardo Alba, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell’Università degli Studi di Torino.

Conoscere il parco, con le sue specie e i suoi habitat, è necessario per poter capire e comprendere a fondo l’importanza delle aree verdi minacciate costantemente da progetti di speculazione e privatizzazione.

Salviamo il Meisino, proteggiamo l’avifauna!

Domenica 19 maggio: UNA GIORNATA AL MEISINO!

Fermiamo la devastazione del parco!

Di seguito il programma:

PERCHE’ TRASFORMARE IL MEISINO IN UN’ALTRA COSA?

La petizione online nata per contrastare il progetto “Parco dello Sport” nella sola area dell’ex galoppatoio militare, dopo che l’intervento era stato esteso a tutto il Parco del Meisino ha preso forza, ad oggi 8.392 persone hanno firmato. Mancano 8 firme per arrivare a 8.400; 1.608 per arrivare a 10.000!

Se non avete ancora firmato dimostrate la Vostra contrarietà al progetto in:
https://www.change.org/p/no-al-parco-dello-sport-nell-ex-galoppatoio-militare-di-torino


Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Confluenzadi redazioneTag correlati:

resistenza verdeSalviamo il Meisinotorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Giornata di giro di boa per IREN e Regione Liguria.

È stato disposto il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie e beni per un importo di oltre 570 mila euro ritenuti profitto dei reati di corruzione contestati all’ad di IREN Paolo Emilio Signorini e al presidente della Liguria Giovanni Toti, entrambi in custodia cautelare ai domiciliari.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Obbligati a produrre rifiuti e a devastare i nostri territori: il caso di Valledora.

Oggi il sistema ci impone non solo di essere consumatori di prodotti, ma anche produttori di rifiuti: senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarci a questo ruolo quotidiano obbligato, per quanto frugali cerchiamo di essere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Chi ha paura dei cittadini attivi ?

In molte città italiane le motoseghe che abbattono alberate al riparo di barriere e di schieramenti di forze dell’ordine stanno producendo anche lacerazioni tra popolazioni e amministratori. A cosa porteranno queste fratture? E quali saranno gli effetti del rifiuto dei tecnici comunali di confrontarsi con gli agronomi che sostengono le istanze dei cittadini?

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Alessandria: manifestazione contro il deposito nazionale di scorie nucleari.

Sabato 6 aprile si è svolta ad Alessandria la manifestazione che si oppone alla realizzazione del deposito nazionale delle scorie nucleari sul territorio alessandrino.