InfoAut
Immagine di copertina per il post

Una vita nella lotta senza perdere la tenerezza

Riceviamo e pubblichiamo volentieri…

di CSOA Officina99

Nella notte del 18 Ottobre 2022 il compagno Eduardo Sorvillo, da tutt* conosciuto come Pierino, se n’è andato dopo aver lottato strenuamente, per 13 anni, contro una terribile malattia. È stato troppo intenso il dolore di questi giorni, tanto da non permetterci di comunicare subito e in modo adeguato il peso della sua perdita.

Pierino è stato un comunista rivoluzionario che dopo aver militato in alcune strutture di movimento, in particolare Aut Op, passò nelle organizzazioni combattenti, maturando definitivamente la scelta della lotta armata, inizialmente in Prima Linea per poi confluire, in carcere, nelle Br-Pg.

Come altr* compagn*, in quella formidabile e complessa stagione di lotte, fu arrestato, torturato e condannato a più di 30 anni di reclusione accumulati in vari processi e di cui 15 scontati in carcere e 9 in regime di semilibertà.

Per inquadrare meglio Pierino all’interno di quella stagione, può essere utile un breve passaggio su ciò che ha significato, per un ragazzo di quei tempi, scegliere di lottare in maniera radicale in quel determinato contesto storico. A tal proposito riteniamo esplicative le parole di chi con lui ha condiviso lotta, militanza, galera e l’ha amato, ricambiato, ben oltre la fine di quell’esperienza.

«Quelli erano gli anni in cui vivevamo un sogno che volevamo tramutare in realtà e che con caparbietà e lucida follia eravamo pronti a gestire e portare a conseguenze estreme. Eravamo a volte consapevoli, più spesso ignari, della difficoltà di un progetto che non riuscivamo sempre ad inquadrare nelle sue linee strategiche. Perché a venti, ventidue, venticinque anni – questa era l’età media dei militanti della lotta armata, salvo sporadiche eccezioni – non era facile definire il campo di impegno e di lotta politica! Lo scenario internazionale, a quel tempo, stava verificando una possibile alternativa socialista (in varie forme) ai sistemi dominanti. In Medioriente, in Africa, in Sudamerica, si contavano numerose organizzazioni di resistenza, di guerriglia che lottavano per la trasformazione dei rapporti esistenti e per il potere. Tra i paesi europei l’Italia fu quello che vide il più gran numero di giovani militare nelle formazioni combattenti (o appoggiarle in maniera concreta). Ma l’Italia fu anche un “unicum’’ se consideriamo la giovane età dei quadri e dei militanti. In altri contesti le organizzazioni armate creavano formazioni giovanili che operavano sulla base di direttive centrali e compiti che venivano loro affidati. La crescita e l’esperienza maturavano con dinamiche di inserimento graduale nelle organizzazioni. Questo accadeva in Palestina con l’Olp e il Fplp, in Sudamerica con Tupamaros e Montoneros, in Europa con Eta e Ira.

Noi eravamo noi e basta…la storia l’abbiamo scritta man mano che procedevamo, la strategia – spesso- era una scoperta che facevamo sul campo. È come se ci realizzassimo più nella pratica che nella politica.

Ci venivano affibbiate diverse etichette: «compagni che sbagliano», «ragazzi sprovveduti», «provocatori» o addirittura «fascisti». E nella migliore delle ipotesi la risposta alla nostra lotta politica era «né con lo stato né con le Br». Ma noi siamo andati avanti per la nostra strada. La risposta dello Stato fu la repressione E alla repressione la lotta armata rispondeva».

Nonostante la brutale repressione e l’uso della tortura fisica e psicologica, come tante compagne e compagni Piero non ha mai ceduto alla delazione, né ha mai barattato la sua identità di comunista con il passaggio ai circuiti carcerari di differenziazione che lo Stato usò per dividere i prigionieri rivoluzionari.

Verso la fine degli anni ’70 ed ancor più agli inizi degli anni ‘80, nel pieno del dispiegamento della repressione – tra assassinii de* compagn*, carceri speciali, torture, desertificazione sociale e politica dei movimenti e di ciò che restava delle organizzazioni combattenti – un ruolo decisivo lo ebbero i/le familiari delle prigioniere e dei prigionieri, nel sostenerli. In questo senso un pensiero speciale va al compagno Gino, suo padre, che non personalizzò mai la sua lotta a sostegno del figlio prigioniero, ma anzi si fece promotore di iniziative contro le carceri speciali, contro l’art. 90 (poi confluito nel regime carcerario del 41 bis) e sostenne in ogni modo tutt* i/le prigionier*.

Come compagn* di Officina99 intorno al ’93-’94, iniziammo ad avere rapporti epistolari con Piero ed altri compagni prigionieri. Prezioso in tal senso fu il contributo di una compagna anch’essa ex prigioniera comunista. In quel periodo in Italia era ancora ben presente il tema della prigionia politica, con centinaia di militant* rivoluzionar* ancora dentro.

Durante un’assemblea nazionale dei centri sociali al CSOA Officina99, fu dedicato un ampio momento specifico proprio alla questione prigionieri politici.

Le proposte di lotta per un’amnistia generalizzata, purtroppo, rimasero senza continuità, nella consapevolezza che su questo tema era indispensabile il coinvolgimento proprio delle compagne e dei compagni prigionieri.

Quando Piero uscì nel febbraio del 1995 in regime di semi libertà, iniziando a lavorare nel terzo settore, si avvicinò al CSOA Officina99 e al Laboratorio Occupato SKA, diventando in breve tempo un punto di riferimento politico ed umano.

Fu tra i fondatori e perno principale del Collettivo Operatori Sociali, il quale a sua volta divenne punto di riferimento prima cittadino e poi nazionale per coloro che lavoravano in quel settore.

Lotta per i diritti delle lavoratrici e di lavoratori, per la gratuità, la qualità dei servizi sociali ed in generale contro i processi di precarizzazione lavorativa ed esistenziale erano la base della piattaforma del collettivo, che ebbe la capacità di connettersi con altre lotte, in particolare con quella di alcuni operai Fiat dello stabilimento di Pomigliano.

In questo ambito lavorativo si è dedicato fino a poco tempo fa anima e corpo, nonostante l’incedere della malattia, alla tutela dei più deboli: donne vittime di tratta e di violenza, migrant*, persone messe ai margini da questo infame modello economico e sociale.

Piero ha sempre rimarcato la necessità di un’opzione anticapitalista, verso una prospettiva di liberazione: il comunismo, quell’urgenza di comunismo che comincia dentro di noi e non rimanda al «sol dell’avvenire» ma comincia adesso, nelle relazioni sociali che riusciamo a costruire a partire dal presente, nelle lotte.

La sua sensibilità e le sue capacità politiche ed umane, la sua tenacia nel continuare a lottare e nel mettersi nuovamente in gioco, hanno permesso a tant* compagn* di crescere, di avvicinarsi sempre più ad una prospettiva politica generale, collettiva e a una critica radicale alla società nella quale viviamo.

Lo ricordiamo con il Collettivo Operatori Sociali nei 33 giorni di occupazione del Maschio Angioino nel 2011, nelle lotte contro l’emergenza rifiuti in Campania soprattutto a Gianturco durante le settimane di occupazione dell’ex Manifattura tabacchi, in prima fila negli scontri a Roma del 2015.

Ne ricordiamo la forza nel sostenere la necessità di una battaglia per rivendicare il reddito incondizionato di base, obiettivo di fase per unificare quelle figure sociali scomposte dai processi di frammentazione della classe messi in atto dal capitalismo in questi anni.

Lo ricordiamo come un militante internazionalista, incondizionatamente solidale verso le lotte di liberazione dei popoli oppressi, in particolare verso la Resistenza delle compagne e dei compagni palestinesi del Fplp, verso cui nutriva stima e grande empatia. Negli ultimi istanti di vita, trascorsi con grande dignità e determinazione, ha voluto fare una donazione e riservare un pensiero alle donne palestinesi di Gaza, vittime di violenza. Abbiamo fatto nostra questa sua indicazione, contattando l’Unione dei comitati delle donne palestinesi, che hanno risposto inviando un saluto di commiato a Piero, compagno nostro e compagno loro.

Questo era Piero, un militante rivoluzionario del quale vogliamo ricordare anche una grande capacità di relazionarsi empaticamente con tutt* al di là delle differenze di genere, etniche, anagrafiche, senza tra l’altro «far pesare» il suo ricco bagaglio di esperienza. Così lo ricorderemo sempre, inviando un abbraccio infinito a Gino, Irene, Blessing, Annalisa e Stefano.

Ciao Piero!

Ciao Lion’!

Un grande compagno in un mondo sempre più piccolo

CSOA Officina 99 – LO Ska

Compagne e compagni di Napoli

L’ ultimo desiderio di Piero (Eduardo Sorvillo scomparso nella notte del 18 Ottobre) è andato alle donne vittime di violenze a Gaza. Aveva espresso la volontà di sostenere la loro lotta contro colonialismo e patriarcato attraverso una donazione. Ci uniamo alla volontà di Piero e chiediamo a tutt* quell* che lo conoscevano, che hanno a cuore la Palestina e la lotta palestinese, di sostenere tale iniziativa.
Contro l’ apartheid israeliano, per l’autodeterminazione e la libertà delle donne, delle/i combattenti palestinesi e dei popoli oppressi, vi invitiamo a sostenere l’UPWC -Union Palestinian Women’s Committees, un’ organizzazione comunitaria femminista fondata nel 1980 che opera nella Palestina occupata e nella striscia di Gaza per l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne e lotta per costruire una collettività palestinese libera da ogni forma di discriminazione, alla ricerca della giustizia.
“NON PUOI LIBERARE LA TERRA, SENZA LIBERARE LE DONNE!”
Sito Ufficiale: http://upwc.org.ps/
IBAN: PS28 PALS 0454 3115163 03330 00000

LETTERA DI RINGRAZIAMENTO DALLE COMPAGNE DELL’UNIONE DEI COMITATI DELLE DONNE PALESTINESI

Al nostro compagno Piero…

L’Unione dei Comitati delle Donne Palestinesi (UPWC) porge alle compagne e i compagni di Napoli, agli attivisti, ai solidali e ai liberi del mondo le sue più sincere condoglianze e sincera vicinanza per la perdita dell’internazionalista rivoluzionario italiano Piero (Eduardo Sorvillo), scomparso dopo aver trascorso la sua vita a lottare per la Palestina e la sua gente.
La Palestina non dimentica… l’Unione dei Comitati delle Donne non dimenticherà ciò che ha fatto per far sentire la voce della Palestina, voce che denuncia l’occupazione sionista e i suoi crimini contro il popolo palestinese.
Non dimenticheremo, inoltre, la sua continua partecipazione nelle manifestazioni, eventi e sit-in a sostegno della lotta del popolo palestinese, denunciando le politiche di doppio standard con cui le autorità ufficiali europee, fra cui l’Italia, affrontano la questione palestinese.
L’Unione dei Comitati delle Donne Palestinesi, mentre saluta questo militante rivoluzionario, esprime la sua gratitudine, orgoglio e ringraziamento per l’iniziativa che l’amato compagno ha raccomandato di presentare alle compagne nella Striscia di Gaza, a sostegno e rispetto per le donne palestinesi.
L’Unione dei Comitati delle Donne promette al nostro compagno militante di continuare a tramandare il suo approccio, la sua eredità e passione per la Palestina e a lottare fianco a fianco con tutte le rivoluzionarie e i rivoluzionari del mondo per far sentire forte la voce della Palestina e far luce sulla sofferenza delle donne palestinesi che quotidianamente subiscono violazioni e crimini da parte dell’occupazione.
Pace ed eternità alla tua anima!

Union of Palestinian Women’s Committees اتحاد لجان المرأة الفلسطينية

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Contributidi redazioneTag correlati:

Eduardo Sorvillonapoliofficina 99

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Contributi

Un organo che tutto controlla, un controllo che tutto organizza

Smart control room a Venezia, polizia e giustizia predittiva, chip war e molte altre brutte cose!

Immagine di copertina per il post
Contributi

La guerra al sud e ai poveri del nord possiamo  fermarla!

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo estratto di Lavoro e Salute…

Immagine di copertina per il post
Contributi

“La primavera serba non può essere fermata”: in 60.000 in piazza a Belgrado contro il governo per la quinta volta consecutiva

Ad un mese dal massacro avvenuto nella scuola di Belgrado, sabato 3 giugno le strade di Belgrado sono state inondate per la quinta volta dalle proteste contro il governo.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Postfazione di “Le vene della Terra: un’antologia dei bacini idrici”

Riceviamo e pubblichiamo la traduzione della postfazione del libro “Les Veines de la Terre. Une anthologie des bassins‑versants” di Marin Schaffner, Mathias Rollot e François Guerroué.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Parma: “A Carnevale ogni scherzo vale?”

Riceviamo e pubblichiamo… “A Carnevale ogni scherzo vale?” Non questa volta, non per il collettivo di Art Lab Bene Comune di Parma. E’ bastata una locandina satirica per una festa di Carnevale come pretesto per accusarci di terrorismo, istigazione all’odio ed emulazioni sataniche dell’omicidio del Presidente del Consiglio. Evidentemente siamo così ingenux da pensare che […]

Immagine di copertina per il post
Contributi

Mehmet Akar e Veysi Taş: due azioni di Resistenza nel Nord del Kurdistan

Il 17 Gennaio giunge la notizia che Mehmet Akar, giovane curdo di 25 anni originario di Amed (Diyarbakir), si è dato fuoco per protestare contro l’isolamento detentivo di Abdullah Öcalan.

Immagine di copertina per il post
Contributi

L’Italia armata, i falsi miti e le zone grigie nel saggio di Giorgio Beretta

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa recensione del saggio “Il Paese delle armi. Falsi miti, zone grigie e lobby nell’Italia armata” di Giorgio Beretta a cura di Michele d’Amico

Immagine di copertina per il post
Contributi

LÜTZERATH BLEIBT-Riflessione con e oltre Lützerath, per una lotta ecologista consapevole, radicale e glocale

A Lützerath si sta combattendo la battaglia ecologica più importante degli ultimi tempi. 

Immagine di copertina per il post
Contributi

Il compimento della storia e il Comunismo nelle parole di un Ministro

Una crisi inarrestabile di un modo di produzione storico esce fuori dai pori della vita plasmata dal capitalismo reale.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Il sonno della ragione genera mostri

Il movimentismo non è sembrato immune dal tracollo delle grandi ideologie novecentesche che hanno trascinato con sé anche la struttura analitica tipica di quel novecento gravido di conquiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stop al genocidio: cariche sotto la sede della RAI a Napoli

La vostra repressione non ci fermerà: Stop genocidio, 23 febbraio sciopero generale, 24 manifestazione nazionale a Milano!

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche al corteo al fianco della Palestina

Cariche a Napoli ieri contro il corteo che stava percorrendo le strade della città partenopea in solidarietà con il popolo di Gaza e della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: cariche verso chi protesta contro la cancellazione del Reddito di Cittadinanza

Cariche ieri contro i disoccupati arrivati a Roma da Napoli per protestare contro la cancellazione del Reddito di Cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Caos totale. Ancora in piazza a Napoli contro l’eliminazione del reddito di cittadinanza

Ieri ha avuto luogo a Napoli la quarta giornata di mobilitazione in un mese contro l’abolizione del Reddito di Cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: cariche della polizia contro chi protesta per l’abolizione del Reddito di Cittadinanza

Questa mattina, lunedì 28 agosto, a Napoli è stata organizzata una manifestazione per protestare contro l’abolizione del Reddito: circa 500 persone si sono date appuntamento in piazza Garibaldi e hanno cominciato a muoversi in corteo verso corso Garibaldi, in prossimità della stazione della Circumvesuviana di Porta Nolana, bloccando il traffico in entrambe le direzioni.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Appello a tutti i percettori, ex-percettori, disoccupati/e, precari, realtà e movimenti

È il momento del contributo di tutte e tutti per alimentare e moltiplicare la partecipazione alle piazze unitarie contro il taglio del Reddito di Cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli paralizzata per la difesa ed estensione del Reddito. A Settembre tutti a Roma

Nuova giornata di mobilitazione oggi a Napoli in difesa del reddito di cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: giù le mani dal reddito, tagliate i fondi per la guerra, i vitalizi e l’evasione fiscale

Oggi un corteo spontaneo dei percettori del reddito di Cittadinanza insieme ai “Comitati per la difesa e l’estensione del Reddito” ed anche una folta presenza dei disoccupati 7 Novembre e di Scampia, hanno attraversato le strade di Napoli per protestare contro l’eliminazione del Reddito di Cittadinanza approvato lo scorso 1 Maggio dal Governo meloni ed annunciato nei giorni scorsi con un arido SMS che sta togliendo il sonno a centinaia di migliaia di famiglie a Napoli e nel resto d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: il mare è un bene comune, ribelliamoci alla privatizzazione delle spiagge!

Questa mattina una 50ina di attivisti dei comitati per il mare libero, gratuito e pulito di Napoli divisi in due gruppi una con Canoe da Mare e l’altro da terra hanno effettuato un simbolico arrembaggio alla Baia Donn’Anna per rivendicare l’accesso libero alla battigia come prescritto per legge “anche a scopo di balneazione”  lungo tutta la costa balneabile partenopea.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Nasce da Napoli una convergenza sociale a difesa del reddito e contro le politiche di sfruttamento e cancellazione dei diritti del Governo Meloni

Diverse centinaia di persone hanno partecipato all’assemblea popolare a difesa del reddito di cittadinanza e per la sua estensione che si è tenuta venerdì nel pieno centro storico di Napoli presso il cortile di Santa Chiara vicino Piazza del Gesù.