InfoAut
Immagine di copertina per il post

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

da Osservatorio Repressione

Era fermo da sei mesi, alla Camera, il ddl Sicurezza. Ora, a ridosso delle elezioni, la maggioranza si è ricordata di quella norma-manifesto e ha deciso di scongelarla e, anzi, farla volare: dovrà arrivare in aula il 27 maggio prossimo, meno di una settimana. Le opposizioni protestano e dalle audizioni emergono solo critiche dagli addetti ai lavori. Gli avvocati penalisti avvertono: il testo, oltre ad essere assolutamente superfluo, è «segnato da inammissibili profili di incostituzionalità».

Il d.d.l. sicurezza del governo: più poteri alla polizia con la possibilità di possedere un’arma più leggera fuori dal servizio e l’estensione dell’esclusione della pena per gli agenti che”facciano uso di armi, della forma o di altri sistemi di coercizione fisica”. Istituzione di nuovi reati: rivolta in carcere e nei c.p.r. con la fattispecie estesa anche a chi istiga la rivolta da fuori; il blocco stradale, se commesso da più persone, da illecito amministrativo diventa reato penale con pena aumentata da 6 mesi e 2 anni ed esteso anche al blocco ferroviario. Altri aumenti di pena e misure speciali: le occupazioni abusive sono sanzionate da 2 a 7 anni; chi scrive sui muri prenderà un anno, 3 se recidivo; i giudici non potranno più sospendere la pena alle donne incinte o con minori a carico fino a 3 anni. Ciliegina sulla torta: per il rinnovo del contratto del personale in divisa c’è pronto un miliardo e mezzo.

«Ormai la destra ha imposto un nuovo modello in base al quale si legifera per necessità elettorali. Le necessità reali del Paese vengono dopo», denuncia per primo Filiberto Zaratti, capogruppo di Avs in commissione Affari costituzionali. Sulla stessa linea anche il dem Andrea Casu: «Oggi la maggioranza è in difficoltà e lo dimostra la fretta che vorrebbe imporre sul ddl Sicurezza. Rimasto congelato da novembre scorso, quando è stato approvato in Cdm, lo ritirano fuori perché serve alla propaganda della campagna elettorale». A sera, tutti i capigruppo delle opposizioni decidono di scrivere insieme una lettera al presidente della Camera, Lorenzo Fontana, per «stigmatizzare l’accelerazione impressa dai presidenti delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia sull’esame del ddl Sicurezza e chiedere la convocazione di una capigruppo» per riesaminare i tempi dell’iter di un provvedimento che «comprime libertà costituzionalmente garantite in particolare nel campo del diritto penale, del diritto dell’immigrazione e del diritto penitenziario». I firmatari – Chiara Braga (Pd), Francesco Silvestri (M5s), Matteo Richetti (Azione), Luana Zanella (Avs), Davide Faraone (Iv) e Riccardo Magi (Più Europa) – chiedono a Fontana di garantire tempi adeguati di discussione «nel rispetto delle prerogative di tutti i gruppi, di tutte le deputate e di tutti i deputati, tanto di maggioranza quanto di opposizione».

A premere sull’acceleratore sarebbe stata soprattutto Fd’I, determinata a replicare la forzatura messa in atto con il ddl autonomia, nella speranza di arrivare alla discussione generale prima delle europee, per poi rinviare i voti sugli emendamenti a dopo le elezioni. D’altronde, dal momento in cui era stato presentato alla Camera il 22 gennaio, al ddl Piantedosi-Nordio-Crosetto erano state dedicate solo due sedute di discussione generale a febbraio nelle commissioni riunite Affari Costituzionali e Giustizia. E poi il nulla, fino al 16 maggio quando sono iniziate le audizioni che si sono concluse ieri. Ora per le commissioni è previsto un vero tour de force: quattro giorni di tempo per esaminare il testo, con gli emendamenti da presentare entro oggi e il mandato al relatore da attribuire entro la settimana.

Nel merito, il presidente dell’Unione camere penali, Francesco Petrelli, nella sua audizione ha demolito il ddl: pene altissime, nuovi reati, criminalizzazione del dissenso e del disagio sociale, fattispecie evanescenti e dubbi di incostituzionalità. Su tutto c’è qualcosa che i penalisti non possono accettare: la possibilità di mandare in carcere le donne incinte. Un passo indietro persino rispetto al vituperato codice Rocco che “dovrebbe essere il parametro di un codice autoritario. Ma ora si fa peggio e a noi garantisti ci ripugna”, dice Petrelli a La Stampa. “Gli istituti a custodia attenuata per detenute madri sono appena 5 in tutta Italia. Finirà che le donne in attesa di partorire andranno in carceri normali e sfido chiunque a dire che è accettabile che una donna con un neonato o una puerpera possa stare in una cella dove le condizioni igieniche fanno pena, senza assistenza psicologica, in realtà sovraffollate. Non è da Stato di diritto”.

Il governo vuole usare il ddl in vista delle elezioni europee. I penalisti rispondono con questa memoria: “Le nuove norme, presentate quali soluzioni ai fatti criminali di maggiore appeal mediatico, come se nell’attuale assetto normativo non fossero già presenti disposizioni di legge che puniscono l’occupazione abusiva di immobili, il borseggio, le rivolte nelle carceri o l’aggressione dei rappresentanti delle forze dell’ordine, finiscono per fornire l’errato messaggio per cui è l’efficacia della risposta punitiva ad eliminare i fenomeni”.

Bestia nera del governo sono anche gli attivisti di Ultima generazione, ecologisti che bloccano le strade o che danneggiano opere d’arte, sia pure con lievissimi effetti. Giusto ieri hanno imbrattato la facciata del ministero della Giustizia. Ebbene, spiega l’Unione dei penalisti che il ddl è un “contrasto della protesta attraverso la criminalizzazione di comportamenti di dissenso anche laddove manifestati in forma non violenta”.

Appare tagliato su misura anche il reato di imbrattamento di edifici che ospitano uffici pubblici. “Considerando che è una protesta non violenta e dai principi condivisibili, entra in conflitto con il codice laddove invece prevede un’attenuante quando si sia mossi da alti valori sociali”. A metà strada tra criminalizzazione del disagio e del dissenso, è poi il nuovo reato di “rivolta all’interno di un istituto penitenziario”.

Vi si punisce con la pena della reclusione da 2 a 8 anni, chiunque promuova una rivolta. La novità è che agli atti di violenza sono equiparati quelli di resistenza passiva all’esecuzione degli ordini impartiti. Petrelli dice: “Al di là di tanti proclami, si fa marcia indietro rispetto alla riforma del 1975 che premiava la buona condotta”. Il veleno è nella coda: il detenuto che sia condannato per “rivolta carceraria” ricadrà sotto l’articolo 4bis dell’ordinamento penitenziario; significa impossibilità di avere benefici carcerari negli anni a seguire.

«Il tono è propagandistico; l’efficacia molto dubbia», afferma davanti ai membri delle commissioni di Montecitorio Giovanni Russo Spena, rappresentante dell’Associazione Giuristi democratici.

Secco no all’articolo 18 del ddl, quello che punisce la rivolta nelle carceri, anche da Luca Della Ragione, Gip del Tribunale di Napoli: «Crea problemi in relazione alla resistenza passiva – ha scritto il giudice in una nota – che può essere espressione di più svariate ragioni, anche da tutelare, e di certo non è parificabile alle altre condotte, che appaiono connotate da materialità e offensività».

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ddl sicurezzaelezioni europeeFRATELLI D'ITALIAMELONIpoliziarepressione

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

A cosa servono le scorte? Un caso esemplare a Torino

Come sempre all’avanguardia, a Torino si è sperimentata negli anni un’ulteriore funzione importante della scorta, quella di volano per il sovradimensionamento, sul piano dell’ordine pubblico, dei fenomeni legati alla conflittualità sociale.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fermiamoli ora: mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge sicurezza che criminalizza le lotte sociali

Inasprimento delle pene, da 2 a 7 anni,  per le occupazioni abitative ma anche per chi resiste allo sfratto e chi partecipa ai picchetti; pene draconiane da 7 a 20 anni per detenzione e diffusione di materiale che incita a impedire la realizzazione di opere ritenute strategiche; aumento delle pene per i reati di imbrattamento per colpire le pratiche di soggetti ambientalisti. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Fasciarsi la testa. Appunti sulle elezioni europee

Tutte e tutti a fasciarsi la testa, adesso. Però siamo ancora vivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio sorvegliato speciale in Val Susa, un aggiornamento sulla vicenda ai microfoni di Radio NoTav.

Sorvegliato speciale da luglio scorso Giorgio Rossetto, storico militante di area autonoma e compagno del movimento no tav, vedrà la fine di questo duro provvedimento allo scadere dei tre anni della misura.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.