InfoAut
Immagine di copertina per il post

Nuovo “pacchetto sicurezza”: piu’ armi per le forze dell’ordine, piu’ carcere per tutti gli altri

Il Consiglio dei ministri ha approvato l’ennesimo pacchetto sicurezza: un libro degli orrori con le forze dell’ordine che potranno pure avere un’arma privata a casa, un nuovo reato per le proteste nelle carceri; da 2 a 7 anni per chi occupa un immobile a scopo abitativo e procedure lampo per gli sgomberi degli immobili, 6 anni per la proteste dei migranti nei lager detentivi chiamati Cpr, un ulteriore giro di vite sui blocchi stradali.

A corredo: più carcere per tutti, comprese le donne detenute in gravidanza o con figli fino a 3 anni. Salta infatti l’automatismo dei domiciliari.

Le norme di palazzo Chigi, denuncia Antigone Onlus, “sono un imbroglio sulla sicurezza con risvolti drammatici su carceri e tribunali…una strategia illiberale diretta a stravolgere il nostro sistema penale e penitenziario con l’evidente scopo di racimolare un consenso altrimenti fragile.

Qualora dovesse essere così approvato – continua Antigone – avremo risvolti drammatici per ciò che riguarda il lavoro dei tribunali e delle carceri. Le Corti, anziché doversi occupare di fatti di indubbia rilevanza, quali omicidi e mafia, saranno intasati da tutto ciò che tradizionalmente ha a che fare con questioni solo socialmente rilevanti. Prevedere la criminalizzazione di ciò che riguarda stile di vita giovanili (graffiti), oppure occupazione delle case da parte dei soggetti più vulnerabili della società, potrebbe determinare un ingolfamento dei tribunali, semmai quelle norme saranno prese sul serio dalle forze di polizia.

Gli innalzamenti di pena generalizzati, per una grande tipologia di reati, potrebbe portare a tassi di sovraffollamento che, aggiunti agli attuali, renderanno ingestibili le carceri, sottoponendo lo Stato italiano al rischio di plurime condanne per trattamenti inumani e degradanti. Particolarmente inaccettabili sono le norme che prevedono la reclusione delle donne incinte, un vero e proprio obbrobrio giuridico e umano, che non tiene conto della salute della donna e del futuro nascituro, alla faccia della cultura della famiglia. Quest’ultime sembrerebbero norme, peraltro, dal sapore vagamente razzista, perché pensate guardando alle donne rom.

Tra le tante norme previste nel disegno di legge anche quelle che consentono l’impiego di un’arma da fuoco, diversa da quella d’ordinanza, per gli appartenenti alle forze dell’ordine, anche quando non sono in servizio. Non è così che si costruisce sicurezza, così si costruiscono tragedie e un sistema alla far west che negli Stati Uniti ha prodotto solo morti e danni, laddove il possesso e l’utilizzo delle armi debba essere ben regolato e controllato.

Infine, c’è un generico riferimento all’ingresso dei privati nella gestione penitenziaria. Aspetto che riteniamo inaccettabile e contrario ai nostri principi costituzionali.

Ci appelliamo a tutte le forze sindacali e politiche, affinché esprimano il loro netto dissenso, sapendo che questa non è sicurezza e questo provvedimento non va chiamato pacchetto sicurezza, bensì imbroglio sulla sicurezza”

Con noi Patrizio Gonnella, di Antigone Onlus. Ascolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

carceriCPRddl sicurezzaoccupazionisgomberi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola Resistente: viaggio dentro gli istituti romani occupati

Una critica è rivolta anche verso una scuola concepita come azienda o come “ufficio di collocamento” e non, come pretendono gli stessi studenti, come luogo di cultura.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bologna: Studentessa colpita con un calcio al pube. I collettivi accusano polizia

E’ successo durante le proteste che mercoledì hanno risposto agli sgomberi di via Corticella e via Filopanti: è “una violenza sessuale praticata da un uomo, nel corso dello svolgimento di un’attività in divisa”, affermano Cua e Plat, annunciando l’intenzione di “denunciare questo poliziotto, il suo caposquadra, il questore ed il ministro”.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Chi sono i prigionieri palestinesi in Israele

Con lo scambio di prigionieri tra Israele e Hamas si è scatenata una fiera di maldicenze o di luoghi comuni non verificati: come, ad esempio, il fatto che i prigionieri palestinesi rilasciati, minorenni al momento dell’arresto, fossero tutti accusati o colpevoli di crimini gravi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Utilizzare le ex caserme come carceri? Una soluzione inefficace e dannosa

Carceri su barche galleggianti ancorate al largo, nelle caserme dismesse, negli ospedali o nei manicomi abbandonati , non difetta la fantasia dei governanti ogni qual volta si tratta di rafforzare le istituzioni totali.