InfoAut
Immagine di copertina per il post

Santa Maria Capua Vetere: a processo iniziato agenti riabilitati e dirigenti promossi

Ricordiamo tutti la mattanza compiuta all’interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere quando 283 agenti di polizia entrarono all’interno del reparto Nilo del carcere Francesco Uccella armati di caschi, manganelli, alcuni a volto coperto, irrompendo nelle celle dei detenuti e prestando chiunque fosse presente.

La vicenda di gravissima violenza si inseriva in un frangente particolare, ossia il periodo di lockdown dovuto al covid, durante il quale la questione carcere fu una delle pagine più cupe della storia, andando a peggiorare – per quanto possibile – situazioni che si collocano già di per sé al di fuori delle logiche della dignità umana. Se all’esterno di quelle mura si era aperta una fase di totale confusione e di incapacità nel gestire l’emergenza in maniera razionale, all’interno delle carceri le violenze e l’astensione dai diritti fondamentali divenne ancor più socialmente accettata e legittimata. L’assenza di cure, di protocolli per la tutela della salute dei detenuti, il sovraffollamento, la decisione di sospendere i colloqui furono soltanto alcune delle violenze che passarono sotto silenzio. Proprio in questo contesto in molte carceri italiane si scatenarono rivolte, in particolare al Sud, da Salerno a Poggioreale, che esprimevano rabbia e soprattutto la chiara pretesa di non voler morire. Ad aprile dello stesso anno, a seguito di alcuni giorni di proteste per l’assenza di dpi e la diffusione dei contagi all’interno del carcere Francesco Uccella, con la richiesta da parte dei detenuti di un’interlocuzione con la magistratura tramite gesti di protesta come il rifiuto di rientrare nelle celle, la direzione del carcere per ristabilire l’ordine decise di operare una perquisizione straordinaria all’interno della sezione. La perquisizione diede di fatto il via libera a mettere in campo una mattanza. Il tutto venne registrato dalle telecamere in videosorveglianza.

Tra gli autori di questa perquisizione ci fu anche il reparto speciale chiamato Gruppo di supporto agli interventi, appena istituito in Campania a seguito delle rivolte dei mesi precedenti. Il 16 dicembre 2021 nell’aula bunker del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ebbero inizio le fasi preliminari del processo che vede coinvolti 108 imputati con accuse gravissime, dalla uso di autorità, al falso, al depistaggio, alla cooperazione di omicidio colposo, a lesioni e tortura. Tra questi, 52 imputati erano anche stati raggiunti da misure cautelari, tra i quali anche il provveditore dell’amministrazione penitenziaria campana. A novembre di quest’anno si è aperto il processo davanti alla corte d’Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta a carico di 105 persone, dai piani alti dell’istituto di pena sino ai funzionari di polizia penitenziaria oltre all’ex provveditore regionale Campania.

Ad oggi il governo vuole riabilitare gli agenti imputati nel processo, molti non sono nemmeno stati sospesi dal servizio e chi è stato raggiunto da misure cautelari si trova già in condizione di libertà. In particolare, l’obiettivo è quello di voler “differenziare le condotte degli imputati”, sostanzialmente per evitare di dover parlare di una violenza sistematica e strutturale data dall’esistenza stessa del sistema carcerario e insita nei corpi di polizia, per salvare la faccia di uno Stato che non lascia passare sotto silenzio una pagina amara, risolvendola con la solita storia delle mele marce. A esprimere questa posizione è in primis Lucia Castellano, provveditrice campana delle carceri che ha preso il posto di Antonio Fullone imputato nel processo, ed ex consigliera regionale di centrosinistra in Lombardia. Subito ripresa dal sottosegretario alla Giustizia della Lega Andrea Ostellari, che ha dichiarato la necessità di procedere prendendo in esame le singole condotte degli agenti e che sottolinea una disparità di trattamento tra gli imputati.

In effetti, ad esempio Nunzia Di Donato, dirigente della Polizia Penitenziaria è rimasta al suo posto e continuerà a mantenere il suo ruolo durante il processo che la vede accusata di tortura in concorso con chi ha materialmente eseguito le torture oltre a essere organizzatrice dei gruppi speciali e delle loro condotte. C’è anche chi, come la dirigente Tiziana Perillo imputata con trenta capi d’accusa, è stata promossa a nuovo incarico. Entrambe, nonostante i loro ruoli di comando non sono state raggiunte da misure cautelari, anzi la vicenda ha loro permesso di consolidare e migliorare la loro carriera.

Per non dover risalire a tempi troppo lontani basta far riaffiorare il ricordo di Genova 2001 per non doversi stupire di come funzioni la Giustizia in questo Paese quando riguarda alte cariche dello Stato e di conseguenza tutte le loro diramazioni nella società, in particolare quando si tratta del loro braccio armato. La sproporzione senza eguali tra i trattamenti riservati ai comuni cittadini (per non parlare di coloro che non sono considerati cittadini di serie A o stranieri) e le istituzioni da parte della Magistratura sono più che evidenti, quasi banale sottolinearne la distanza abissale. Le mosse del neo ministro Nordio aprono questioni interessanti, perlomeno portando al centro del dibattito l’utilizzo delle misure cautelari, delle intercettazioni, del sistema carcere. È scontato dire che le eventuali modifiche che verranno apportate al sistema giustizia avranno un’applicazione differenziale in base ai soggetti e alla loro funzione nella società. Anche perché non sarà sperando nelle trasformazioni operate dallo stesso sistema che si possa immaginare un cambiamento che vada in una direzione diversa, in ogni caso però portare all’ordine del giorno la problematica di una giustizia e di una Magistratura totalmente intente a tutelare gli interessi della casta é sicuramente urgente.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISAcarcereSANTA MARIA CAPUA VETEREtortura

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorni di protesta nelle carceri italiane

Sono giorni di proteste nei penitenziari italiani, da Trieste a Torino.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il caso Luigi Spera: l’accusa di terrorismo e la misura preventiva nel carcere speciale

Nei giorni scorsi è stata depositata un’interrogazione parlamentare da parte del deputato di AVS Marco Grimaldi in merito alla detenzione preventiva nel carcere di massima sicurezza di Alessandria di Luigi Spera, da quasi 4 mesi detenuto con l’accusa di terrorismo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: le proteste della generazione Z contro il presidente Ruto si allargano alle classi popolari

Nuove manifestazioni ieri in Kenya, organizzate dalle associazioni per i diritti civili e dai giovani della Generazione Z. Lo slogan delle piazze è: “Ruto se ne deve andare”.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Lettera di Luigi dal carcere: “Lottare per un mondo senza colonizzatori e sfruttatori”

Vi scrivo queste righe sull’onda del disgusto provocato dallo star seguendo la campagna mediatica delle ultime settimane sulle elezioni europee.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Senza acqua né cibo e in “condizioni inumane”, così sono stati i giorni in prigione per aver marciato contro la Legge Basi

Sofía Ottogalli si sente una perseguitata politica. Lei, insieme ad altre 32 persone, è stata detenuta la settimana scorsa mentre protestava al Congresso contro la Legge Basi che è promossa dal Governo di Javier Milei.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Strage senza fine in carcere: altri quattro suicidi in meno di due giorni

Altri quattro suicidi in carcere. Salgono a 44 i detenuti che si sono tolti la vita dall’inizio dell’anno, ma al dramma del sovraffollamento il governo risponde con nuovi reati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Il caso Luigi Spera, il vigile del fuoco che chiedeva pace, ed ora è imprigionato in alta sorveglianza

Luigi Spera, attivista palermitano del movimento Antudo, arrestato a marzo con l’accusa di aver sanzionato la sede di Leonardo,  si trova recluso nel carcere di Alessandria, rinchiuso nella sezione di alta sorveglianza riservata ai detenuti condannati per reati eversivi

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Depistaggi Cucchi, processo per altri tre carabinieri

Secondo i pm dissero il falso durante il processo sui depistaggi. Rinviati a giudizio un ufficiale e due marescialli dell’Arma

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fino a 25 anni di carcere a chi manifesta per “impedire di realizzare un’opera pubblica”

Con un emendamento presentato al ddl sicurezza dal deputato Igor Iezzi, attualmente in discussione in commissione Affari Costituzionali, la Lega propone l’inserimento di una nuova aggravante dei reati contro la pubblica incolumità che sembra ritagliata sulla variegata rete di attivisti che da anni protestano contro le grandi opere.