InfoAut
Immagine di copertina per il post

Scontri in autostrada. Le forche per gli ultras, il silenzio sulla gestione dell’ordine pubblico

Ora che avete sbattuto sui giornali le foto di chi deve essere punito. Ora che sappiamo dove lavorano, chi sono i loro figli, quali sono i loro volti, se nella vita avevano già litigato e se dieci anni fa sono stati accusati di qualcosa.

Ora che la lettura delle chat, l’ascolto degli audio “inoltrati molte volte”, la scandagliatura dei commenti su facebook vi hanno fornito granitiche prove per invocare leggi speciali.  Ora che avete pubblicato infografiche allarmanti sul crescente numero di furti in autogrill. Ora che avete protestato perché quell’ossimoro normativo che è la “flagranza differita” non ha retto all’udienza di convalida dei primi due arrestati. Ora che la vostra giustizia ha iniziato il proprio corso, è possibile che nessuno si faccia domande sulla gestione dell’ordine pubblico?

Che ruolo ha avuto la polizia in questa storia? Gli “operanti” erano presenti a Badia al Pino, così come al seguito dei VAN dei tifosi e negli altri autogrill dell’autostrada, ma non hanno ritenuto di dover evitare che i romanisti transitassero difronte all’autogrill in cui sostavano alcune centinaia di tifosi del Napoli. Gli “operanti” erano presenti e hanno verosimilmente realizzato e divulgato in tempo reale video nelle chat e sui social (ad esempio questo spezzone al minuto 1:40 pubblicato dal corriere non si capisce chi altro può averlo realizzato e divulgato se non un poliziotto) seguendo non si sa bene quale protocollo. La DIGOS di Roma ha provveduto ad effettuare due perquisizioni (senza trovare nulla) contestualmente all’esecuzione dei due arresti il giorno successivo ai fatti senza tenere conto delle minime limitazioni esistenti all’utilizzo della “flagranza differita”. Il ministro Piantedosi in televisione spiega tutto con la penuria di uomini e mezzi a disposizione. Possibile che la spiegazione convinca tutti?

Nessun tentativo di adombrare complotti, ma solo un’amara riflessione: può essere che non ci sia uno straccio di giornalista interessato a capire come si stanno comportando le forze dell’ordine in questa vicenda? Può essere che neanche questa sia l’occasione buona per riflettere su quanto sia arbitraria la gestione dell’ordine pubblico? Può essere che l’unica sagace analisi formulata è “con gli ambientalisti e con i raverz sono cattivi, con gli ultras sono buoni”?

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

repressionestadioultras

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Iskra: multe e repressione non ci fermeranno

Ieri abbiamo appreso la notizia della condanna al pagamento di oltre 4mila euro comminata a Eddy, nostro compagno, per una iniziativa di lotta del 2016 del Movimento “Disoccupati 7 Novembre.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La camera approva la legge contro gli ecoattivisti

La Camera ha approvato definitivamente la legge per contrastare le azioni simboliche dei movimenti che si battono per la giustizia climatica contro monumenti e opere d’arte. Pene da due a cinque anni di reclusione e sanzioni da 20mila a 60mila euro.