InfoAut
Immagine di copertina per il post

Solidarietà ai Soulèvement de la Terre

Il 21 giugno, in occasione di una riunione del Consiglio dei Ministri, il governo ha avviato la procedura di scioglimento di Les Soulèvements de la Terre.

da Les Soulèvement de la Terre

Dopo averci lanciato in faccia le sue granate mutilanti, sostiene che non abbiamo più il diritto di esistere insieme, né di organizzarci. Ora sta cercando di dissolvere una rivolta, reprimendo coloro che lottano per la terra con ogni mezzo necessario – anche arrestando gli attivisti nelle loro case, come ha fatto ieri: qui il comunicato.
Inizia quindi la battaglia legale, perché questo scioglimento rappresenta già un attacco particolarmente grave alla libertà di dissenso, e noi andremo in tribunale per ribaltare questa decisione iniqua.
Ma se questo scioglimento fosse in realtà un invito ministeriale a unirsi a un grande movimento di resistenza? Una rete che vanta già 113.000 membri dichiarati, 170 comitati locali forti di altrettante persone impegnate nella vita sociale, nelle reti degli agricoltori, nei collettivi e nei sindacati.
Il governo ha dichiarato di volerci eliminare, ma in realtà diventiamo ogni giorno più visibili.
Data la persistenza di questa minaccia, vi proponiamo un grande gioco. Un gioco che non potrebbe essere più serio, un gioco che forma una rete di resistenza. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, lavoreremo insieme per far apparire Les Soulèvement de la Terre in 1.000 modi diversi nello spazio pubblico: davanti ai pub e ai centri sociali, nei cantieri o nel cuore di un sito industriale, attraverso incontri aperti, reti internazionali, scritte sui muri, striscioni e feste, tramite la pratica del disarmo, capaci di spuntare ovunque.
Ciò che sta crescendo ovunque non può essere dissolto.
Si comincia stasera, con manifestazioni di sostegno organizzate in oltre 100 città in tutta la Francia alle 19.00, davanti alle prefetture: consulta qui la carta dei presidi di solidarietà.
Noi, partecipanti alle sollevazioni di tutto il mondo, vi chiediamo di unirvi agli oltre 180 comitati locali che si sono formati negli ultimi mesi (https://lessoulevementsdelaterre.org/comites), alle centinaia di gruppi di resistenza e di lotta locali e alle sezioni sindacali esistenti che hanno pubblicamente dichiarato di appartenere al movimento. La parola di Les Soulèvements de la Terre appartiene a loro e appartiene a voi.
Insieme, continueremo a sostenere i nostri feriti. Continueremo le lotte sul territorio ovunque e convergeremo in numero ancora maggiore.
Sono già stati fissati due eventi per quest’estate, due momenti essenziali per la mobilitazione a tutela dell’acqua in piena estate e nel bel mezzo di una siccità storica:

Il convoglio d’acqua da Poitiers a Parigi dal 18 al 27 agosto: qui

La campagna 100 giorni per seccarli: qui

Al di là di questi pochi spunti immediati, creeremo i legami necessari per fermare davvero l’avanzata del bitume, l’inaridimento dei suoli, l’avvelenamento delle acque e la dissoluzione dei legami.


Ci ritroveremo. Voi siete, noi siamo, la Terra che si rivolta/Les Soulèvement de la Terre.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

Franciamovimentorepressionesolidarietàsoulevement de la terre

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: i migliori slogan visti sui trattori

Ma la rabbia degli agricoltori va ben oltre le semplici richieste sul diesel o sugli standard ecologici, come vorrebbe farci credere la FNSEA. Per molti, si tratta di una rabbia per la dignità, per una paga equa e per la fine del neoliberismo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Proteste degli agricoltori in tutta Europa. In Francia una giovane donna investita durante un blocco

Dopo le mobilitazioni degli agricoltori in Germania il movimento si estende in Francia, in particolare nella regione dell’Occitanie. Bloccata la A64 a Carbonne, i blocchi si moltiplicano a macchia d’olio intorno a Tolosa nella Haute-Garonne, bloccata anche l’autostrada A20 di Montauban.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: Olimpiadi del colonialismo e della pulizia etnica

Lo stato coloniale, che sta commettendo attualmente una pulizia etnica contro il popolo palestinese, sarà comunque presente alla cerimonia di apertura.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La camera approva la legge contro gli ecoattivisti

La Camera ha approvato definitivamente la legge per contrastare le azioni simboliche dei movimenti che si battono per la giustizia climatica contro monumenti e opere d’arte. Pene da due a cinque anni di reclusione e sanzioni da 20mila a 60mila euro.