InfoAut
Immagine di copertina per il post

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Ad aprire la manifestazione lo spezzone dei centri antiviolenza. La marea fucsia ha invaso Roma, raggiungendo Piazza San Giovanni nel tardo pomeriggio. “Siamo almeno almeno 500mila” – La stima è delle organizzatrici di Non una di meno. La Capitale si è così mobilitata per la Giornata internazionale contro la violenza di genere e che “Non Una di Meno” ha chiamato la marea in piazza per l’ottavo anno consecutivo, “con più rabbia che mai”. La mobilitazione “non vuole essere una commemorazione delle vittime di femminicidio ma un punto di concentrazione della rivolta alla violenza strutturale che colpisce le nostre vite”, hanno ricordato dalla corteo.

Centinaia di migliaia le persone riunite con i volti segnati di rosso, o con dei fazzoletti al collo viola. Per Giulia Cecchettin, per le tante, troppe, vittime di femminicidio, hanno urlato in coro con le chiavi in mano le molte giovani in coro “ci vogliamo vive. Contro il patriarcato”. E contro le misure “insoddisfacenti” del Governo.

Azione poi nel pomeriggio a Roma a una delle sedi dell’associazione antiabortista ProVita e Famiglia. Non Una di Meno in viale Manzoni a Roma hanno aperto uno striscione recante la scritta “voi ProVita, noi ProVibra” accendendo alcuni fumogeni. Cariche da parte delle forze dell’ordine durante il blitz transfemminista.

ore 16 Primo collegamento con il nostro inviato Michele e alcune interviste realizzate dal nostro collaboratore Stefano Bertoldi. Ascolta o scarica

ore 16,30 Ancora interviste dalla manifestazione nazionale di Roma e la corrispondenza con Stefania della nostra redazione Ascolta o scarica

Alcune interviste raccolte da Stefania ad alcune giovani studentesse. Ascolta o scarica

ore 17,15 Le organizzatrici annunciano che almeno 500 mila persone stanno partecipando a questa marea fucsia che fatica a muoversi per le vie di Roma. Nuovo collegamento con Stefania della nostra redazione. Ascolta o scarica

17,50 La testa del corteo intravede Piazza San Giovanni dove è prevista la chiusura di questa imponente manifestazione, che oltre a ricordare la violenza sulle donne ha voluto ricordare il dramma della popolazione palestinese. Donne uomini e bambini da giorni obiettivi dell’attacco armato di Israele su Gaza. La corrispondenza con Michele di radio onda d’Urto. Ascolta o scarica

A Roma in mattinata blitz delle attiviste di Non Una di Meno alla sede Rai di viale Mazzini. “No alla spettacolarizzazione del dolore e al circo mediatico che quotidianamente normalizza violenze, stupri e femminicidi”, gridano le attiviste dal megafono davanti all’azienda televisiva, il cui ingresso è stato coperto dalla scritta “nostro il dolore, vostro lo share”. In 5 fermate dalla polizia e portate in questura.

Sempre questa mattina attiviste di Non Una Di Meno sono apparse davanti all’Altare della Patria di Roma, con un lettering che richiede l’immediato cessate il fuoco a Gaza e la fine del genocidio del popolo palestinese “Diamo solidarietà anche alle donne israeliane che sono state aggredite e stuprate. Abbiamo citato la Palestina perché è in atto una feroce aggressione alle civili e ai civili. È in atto un’occupazione da anni. E che Israele sia uno Stato di occupazione lo definisce l’Onu. La Guerra è l’espressione più alta del patriarcato. Dove lo stupro viene usato per il controllo. E questo è stato certamente fatto da Hamas, ma anche da altri eserciti. Come il nostro in Somalia”.ha ricordato una delle attiviste di Non Una Di Meno

Manifestazione anche a Messina organizzata da ‘Non Una di Meno’ al quale hanno partecipato in centinaia nonostante la pioggia battente, proveniente da Palermo, Catania, Lamezia Terme e Catanzaro. Il corteo che ha attraversando la città, è stato aperto da un flash mob con un ballo di flamenco per ricordare tutte le donne vittime di violenza di genere.

Oltre alle manifestazioni nazionali femministe e trasfemministe di Roma e Messina, centinaia oggi le iniziative, di piazza e non solo. Mobilitazioni anche a Torino dove hanno partecipato 15 mila persone, ed è stato organizzato un flash mob davanti alla sede Rai per denunciare come la narrazione dei fatti di violenza sulle donne sia spesso maschilista e di impronta patriarcale. ,Manifestazioni anche a Firenze, Bari, Parma flash mob ed eventi di studenti e studentesse, oltre agli incontri istituzionali. A Milano questa mattina in migliaia per dire basta a patriarcato e violenza nella manifestazione ‘Il patriarcato uccide’ promossa da diverse realtà.

da Radio Onda d’Urto

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

#25NfemminicidiNON UNA DI MENOroma

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Roma: manganellate della polizia sugli studenti a Montecitorio

Le forze dell’ordine in tenuta anti sommossa hanno caricato gli studenti dei collettivi degli istituti occupati che tentavano di raggiungere Palazzo Chigi. Fermi e identificazioni