InfoAut
Immagine di copertina per il post

Distruttori del Pianeta: come i piani di estrazione di petrolio e gas di 20 paesi rischiano di bloccarci nel caos climatico

Questo nuovo rapporto, intitolato “Distruttori del Pianeta: come i piani di estrazione di petrolio e gas di 20 paesi rischiano di bloccarci nel caos climatico”, viene pubblicato pochi giorni prima del vertice del Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, “Climate Ambition Summit“, a New York, dove più di 10.000 persone marceranno per protestare contro l’inazione verso i combustibili fossili.

da ECOR Network

Guterres ha chiesto ai paesi di impegnarsi a fermare l’espansione del petrolio e del gas e di pianificare una graduale eliminazione della produzione esistente in linea con il limite di 1,5°C.

Il rapporto mostra che:

  • Solo 20 paesi Distruttori del Pianeta sono responsabili di quasi il 90% dell’inquinamento da anidride carbonica (CO2) derivante dai nuovi giacimenti di petrolio e gas e dai pozzi di fratturazione pianificati tra il 2023 e il 2050.
  • Se questi 20 Planet Wreckers dicessero “no” alla loro nuova produzione di petrolio e gas, come li esorta a fare il Segretario Generale delle Nazioni Unite, 173 miliardi di tonnellate (Gt) di inquinamento da carbonio rimarrebbero nel sottosuolo. Ciò equivale all’inquinamento prodotto da quasi 1.100 nuove centrali a carbone, o a più di 30 anni di emissioni annuali di carbonio negli Stati Uniti.
  • L’espansione del petrolio e del gas da parte dei 20 paesi Planet Wreckers renderebbe impossibile contenere l’aumento della temperatura entro 1,5°C. Anche estrarre solo i combustibili fossili dai siti esistenti a livello globale comporterebbe un inquinamento da carbonio del 140% in più rispetto al budget consentito per 1,5°C. Se questi paesi procedessero con la loro nuova estrazione, l’inquinamento da carbonio impegnato supererebbe del 190% il budget di 1,5°C, rischiando di bloccare più di 2°C pericolosi di riscaldamento.
  • Fermare la produzione di nuovo petrolio e gas avvicinerebbe il mondo ad una traiettoria di emissioni allineata a 1,5°C, ma non sarebbe sufficiente. Senza nuovi giacimenti di petrolio e gas o con zero licenze, la produzione globale di petrolio e gas diminuirebbe del 2% all’anno fino al 2030 e del 5% all’anno dal 2030 al 2050. Tuttavia, limitare il riscaldamento a 1,5°C richiederebbe che i governi andassero oltre, chiudendo giacimenti già produttivi.
     
  • Gli USA sono il principale Planet Wrecker e rappresentano oltre un terzo dell’espansione globale pianificata di petrolio e gas fino al 2050, seguiti da Canada e Russia. Anche gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono destinati a diventare uno dei maggiori paesi in espansione della produzione di petrolio e gas, nonostante si siano impegnati a sfruttare la presidenza della COP per “mantenere in vita l’obiettivo 1,5°C”.
     
  • Cinque paesi del nord del mondo con i maggiori mezzi economici per eliminare gradualmente la produzione sono responsabili della maggioranza (51%) dell’espansione pianificata da nuovi giacimenti di petrolio e gas fino al 2050: Stati Uniti, Canada, Australia, Norvegia e Regno Unito. Nuove trivellazioni in paesi con redditi elevati, economie diversificate e con un’enorme responsabilità storica nel causare la crisi climatica, nonostante affermino di essere leader climatici, sono imperdonabili. Questi paesi non devono solo fermare immediatamente l’espansione, ma anche muoversi per primi e più velocemente per eliminare gradualmente la loro produzione e pagare la loro giusta quota per finanziare una giusta transizione energetica globale.
  • Romain Ioualalen, responsabile della politica globale e coautore del rapporto presso Oil Change International, ha dichiarato: “È semplice: quando sei in una buca, il primo passo è smettere di scavare. La crisi climatica è di natura globale, ma è atrocemente ingiusta. Alcune delle nazioni più ricche del mondo stanno mettendo a rischio il nostro futuro ignorando volontariamente le richieste di eliminare rapidamente i combustibili fossili. Nonostante la scienza ci dica chiaramente cosa ci aspetta oltre 1,5°C, questi cosiddetti leader climatici stanno pianificando il caos climatico. Il proseguimento ovunque della produzione di combustibili fossili, non è compatibile con un futuro vivibile ed è stato giustamente definito “follia morale ed economica” dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Guterres. Tutti i paesi devono presentarsi al Climate Ambition Summit delle Nazioni Unite con piani per fermare immediatamente l’espansione di petrolio e gas, ma questi cinque paesi hanno la responsabilità aggiuntiva di muoversi per primi e più velocemente per eliminare gradualmente la loro produzione, e pagare la loro giusta quota per finanziare una giusta transizione energetica globale. Il mondo sta guardando e coloro che intendono portarci al disastro saranno ritenuti responsabili”.
  • Julia Levin, Direttore Associato, National Climate, Environmental Defense Canada, ha dichiarato: “Il Canada è stato giustamente denunciato come uno dei peggiori inquinatori del pianeta, alla luce dei suoi piani per l’aumento della produzione di petrolio e gas. È stata un’estate devastante in tutto il Canada, per le persone che hanno perso la vita, le loro case e le loro comunità a causa dei disastri climatici. Eppure i governi canadesi stanno gettando benzina sul fuoco espandendo la produzione di petrolio e gas, mentre il governo federale ritarda su nuove regole che limiterebbero e ridurrebbero le emissioni del settore petrolifero e del gas. Ulteriori ritardi nella riduzione dell’inquinamento da petrolio e gas sono imperdonabili”.
     
  • Tessa Khan, direttrice esecutiva di Uplift, ha dichiarato: “Ci viene spesso detto che il Regno Unito è un leader in materia di clima, ma ciò conferma che ora facciamo parte di un piccolo club di paesi che stanno avendo un ruolo enorme nel guidare la crisi climatica. Sappiamo che non possiamo continuare ad aprire nuovi giacimenti di petrolio e gas se vogliamo un mondo vivibile, eppure questo è esattamente ciò che sta facendo questo governo. Rishi Sunak deve smettere di piegarsi alle richieste delle imprese dei combustibili fossili, che continuano a racimolare profitti osceni mentre milioni di noi non possono neanche permettersi di riscaldare le proprie case. Quel che è peggio è che non abbiamo bisogno di far parte di questo club di distruzione. Il Regno Unito dispone di risorse rinnovabili in abbondanza, sufficienti ad assicurarci una fornitura di energia più economica e pulita. Non si può più consentire alle compagnie petrolifere e del gas di influenzare le politiche energetiche o climatiche del Regno Unito”.
  • James Sherley, attivista per la giustizia climatica presso Jubilee Australia, ha dichiarato: “Nonostante la realtà della crisi climatica, il governo australiano continua a facilitare l’espansione dell’industria dei combustibili fossili. Negli ultimi anni gli australiani sono stati colpiti da incendi boschivi e da inondazioni tra le più gravi della nostra storia, è inconcepibile che i dollari dei nostri contribuenti stiano ancora sostenendo l’industria che causa questa distruzione. Firmando la Dichiarazione di Glasgow, il governo può porre fine al suo sostegno alle esportazioni di combustibili fossili e reindirizzare quel capitale integrale verso la rivoluzione dell’energia pulita. Questo è solo un passo che l’Australia deve compiere se vogliamo ricostruire una certa credibilità riguardo all’azione globale per il clima, particolarmente importante, considerando la nostra offerta di ospitare la COP31 insieme ai nostri vicini delle Isole del Pacifico”.
  • Frode Pleym, di Greenpeace Norvegia, ha dichiarato: “Questo rapporto conferma che la Norvegia sta già percorrendo la strada verso l’inferno climatico. La scienza non potrebbe essere più chiara: non c’è spazio per una sola goccia di petrolio proveniente dai nuovi giacimenti. Eppure, lo Stato sta spendendo miliardi per esplorare sempre più risorse, anche nella vulnerabile regione artica”
  • Caroline Brouillette, direttrice esecutiva del Climate Action Network Canada, ha dichiarato : “Dalle ondate di caldo agli incendi alle inondazioni, quest’estate i canadesi hanno sperimentato impatti climatici devastanti, tutti legati ai combustibili fossili. L’inquinamento derivante dal settore petrolifero e gasiero canadese è aumentato incontrollato da decenni e il settore sta ancora pianificando un’ulteriore espansione, distruggendo attivamente la nostra possibilità di un futuro sicuro e sano. Le imprese produttrici di combustibili fossili non porranno rimedio da sole alle proprie azioni: il Canada ha bisogno di un tetto forte e ambizioso alle emissioni, così da garantire che l’industria del petrolio e del gas si assuma finalmente le proprie responsabilità”.
     
  • Helen Mancini, 16enne Fridays For Future di New York City, ha dichiarato: “Il rapporto Planet Wreckers presenta prove inequivocabili del pericolo dell’espansione dei combustibili fossili, tenendo conto degli storici inquinatori del mondo, vale a dire gli Stati Uniti, e di come dobbiamo responsabilizzarli. L’attivismo che stanno portando avanti i giovani non è radicale, è una richiesta di sopravvivenza a cui i Planet Wreckers devono prestare attenzione”
  • Lavetanalagi Seru, coordinatore regionale della Pacific Islands Climate Action Network (PICAN), ha dichiarato: “Il tradimento dell’Australia è ancora una volta messo a nudo, affinché tutti possano vederlo. Questo rapporto mette fine al presunto cambiamento nella retorica sul clima da parte del governo di Anthony Albanese e denuncia l’Australia per quello che è veramente: prigioniera dell’industria dei combustibili fossili incatenata alla sua pericolosa agenda. Risulta incomprensibile che il governo australiano continui ad alimentare il fuoco della crisi climatica nonostante le brutali ferite inferte dagli incendi boschivi e dalle inondazioni senza precedenti, impresse sui suoi paesaggi, e con piena consapevolezza del profondo impatto che l’industria dei combustibili fossili infligge alle comunità delle First Nations e del Pacifico. Con la finestra di opportunità per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C che si sta rapidamente chiudendo, un’eliminazione graduale globale dei combustibili fossili – rapida, equa e finanziata – deve essere la nostra massima priorità. I leader del Pacifico devono agire con determinazione, affinché l’Australia corregga la rotta prima di dare il proprio sostegno alla candidatura alla COP31”.

    *   Originale su 
    * * Traduzione Ecor.Network

Planet Wreckers: How 20 Countries’ Oil and Gas Extraction Plans Risk Locking in Climate Chaos
Oil Change International
Report by Romain Ioualalen and Kelly Trout, based on research conducted by Kelly Trout
Oil Change International, September 2023 – 29 pp.

Download

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

CRISI CLIMATICAFOSSILEpetrolioTRANSIZIONE ECOLOGICA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..