InfoAut
Immagine di copertina per il post

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Fonte: English version
Di Mariam Barghouti – 8 novembre 2022

Immagine di copertina: Militanti palestinesi della Brigata Jenin durante una conferenza stampa nel campo il 1 marzo 2022 (photo Ahmed Ibrahim /Apa Images)

“Ci stiamo difendendo”, dice, con una voce chiara e ferma, apparentemente anticipando la domanda. “Sono diventato un ricercato da Israele per la prima volta due anni fa”, dice.

Arma sempre a portata di mano, statura imponente, andatura eretta. Abu Daboor, 28 anni, si trova all’ingresso del campo profughi di Jenin. La carnagione marrone delle sue mani contrasta con la sua divisa scura. Dietro di lui, oltre la rotatoria e attraverso le barricate all’ingresso del campo profughi di Jenin, un goffo graffito recita: “il Nido delle Vespe ti dà il benvenuto”.

Allestito nel 1953, i 420 metri quadrati di estensione del campo ospitano quasi 12.000 palestinesi, molti dei quali sono originari di aree vicino a Haifa e Nazareth, a Nord della Palestina storica.

Il campo profughi di Jenin è ampiamente conosciuto dall’apparato di sicurezza israeliano come “il Nido delle Vespe”, termine che all’inizio di quest’anno è ritornato popolare, soprattutto durante i primi mesi dell’assalto militare israeliano in corso ai bastioni della resistenza palestinese.

Sono quasi le 3 del mattino e le sentinelle del campo stanno pattugliando le strade vicine, pronte a proteggere il campo dalle invasioni israeliane. Nonostante l’ora tarda, gli uomini sono attenti a qualsiasi faccia sconosciuta, temendo che possano essere forze speciali israeliane sotto copertura in una missione di assassinio. Quest’anno, più di 16 combattenti della resistenza sono stati presi di mira e assassinati nella sola Jenin, il risultato di un ritorno alla decennale politica israeliana di “eliminazione”.

Barricate poste nel campo (photo MAriam Barghouti- Mondoweiss)

Cooperazione delle fazioni armate a Jenin

“Questa è la prima volta che vedo attacchi così mirati”, ha detto Yara Eid, una studentessa e attivista che è stata corrispondente da Gaza durante l’Operazione Alba Spezzata (Breaking Dawn), ad agosto. Si riferiva agli attacchi israeliani contro i comandanti della Jihad Islamica Palestinese (PIJ) a Gaza. L’assalto israeliano a Gaza, che ha causato la morte di 51 palestinesi, 17 dei quali erano bambini, è stato motivato dal ruolo del PIJ nel finanziamento di gruppi armati in Cisgiordania.

Uno dei principali gruppi fondati dalla PIJ era la Brigata Jenin, Katibet Jenin in arabo. Sebbene la Brigata inizialmente funzionasse come un ramo Jenin di Saraya al-Quds (le Brigate Al-Quds, l’ala armata della PIJ), la Brigata Jenin si è ora evoluta in una formazione più complessa e politicamente non affiliata. Opera come un’organizzazione ombrello per una serie diversificata di gruppi armati, e le ideologie politiche e frazionali dei vari combattenti nella Brigata sono passate in secondo piano rispetto all’obiettivo immediato di proteggere il campo e respingere le incursioni israeliane.

“Ogni fazione opera in modo indipendente”, ha detto Abu Mujahed, 43 anni, portavoce del campo per la Brigata dei Martiri di Al-Aqsa (il braccio armato di Fatah), da una casa che aveva ospitato i due palestinesi fuggiti dalla prigione di Gilboa, Munadel Nufeiat e Ayham Kamamji. “Ma quando l’esercito israeliano invade, siamo tutti schierati”, ha detto.

Con “tutti”, Abu Mujahed si riferisce a tutte le organizzazioni politiche armate, indipendentemente dalla fazione politica. Da quando Saraya al-Quds e la Brigata dei Martiri di Al-Aqsa operano in sinergia, Israele non è più interessato a prendere di mira o isolare una fazione rispetto a un’altra. L’effetto che questo ha avuto sui palestinesi è quello di erodere, se non dissolvere, le rivalità tra fazioni. Ciò, tuttavia, non ha significato il venir meno dell’affiliazione di fazione.

Per i combattenti, far parte di una fazione non è necessariamente un fatto ideologico o una linea politica, ma piuttosto diventa un mezzo per operare all’interno della sicurezza dell’appartenenza. “Ottengo la mia legittimità, la mia forza dalla Brigata dei Martiri di Al-Aqsa”, dice Abu Mujahed.

“Abbiamo informato direttamente la dirigenza dell’Autorità Palestinese  che non deporremo le armi”, ha continuato Abu Mujahed. Lanciando occasionalmente un’occhiata al telefono per cercare notizie di una possibile invasione israeliana del campo, si gira verso di me e dice con aria di sfida: “Stiamo con la resistenza armata”.

Poiché i combattenti della resistenza si rifiutano di operare clandestinamente, consentono una trasparenza che ritaglia uno spazio per la diversità politica e l’unità di battaglia. Ciò continua a consentire ai gruppi di resistenza di ostentare la loro presenza nelle strade, ai loro concittadini palestinesi, ma anche al mondo, come gruppo armato legittimo che resiste a un’occupazione israeliana illegale.

Un’area palestinese liberata

A sole due ore dalle preghiere dell’alba, le strade del campo profughi di Jenin sono deserte. Le ombre del campo si allungano sulle sentinelle che vi si muovono all’interno. Tutti gli altri sono nelle loro case, sapendo che è più che probabile che si verifichi un’incursione dell’esercito israeliano.

A giugno, l’account di social media dell’esercito israeliano ha descritto Jenin come “una roccaforte per i gruppi terroristici più pericolosi del mondo”. Questo linguaggio ricorda i precedenti dell’invasione della Cisgiordania nel 2002, quando Israele lanciò l’Operazione Scudo Difensivo (Defensive Shield) contro città, paesi e villaggi palestinesi. Jenin e Nablus, che si trovano nella Cisgiordania settentrionale, hanno subito il peso maggiore dell’attacco.

L’obiettivo principale dell’Operazione era “colpire le infrastrutture terroristiche palestinesi e porre fine all’ondata di attacchi terroristici contro cittadini israeliani”, secondo il sito web ufficiale dell’esercito israeliano. Eppure, quasi due decenni dopo la brutale invasione, che ha causato il numero maggiore di danni alla popolazione civile, in particolare ai bambini, la resistenza continua a sorgere da Jenin e altrove.

Come Areen al-Usud, la Tana dei Leoni, che opera fuori dalla Città Vecchia di Nablus, il campo profughi di Jenin è diventato un quartiere di uomini ricercati lasciati a difendere se stessi e i loro concittadini dagli attacchi dell’esercito e delle forze speciali israeliane.

Abu Daboor sta con le braccia incrociate all’ingresso del campo. Il giovane combattente mostra per un momento la sua arma e la ripone. “Considero il campo profughi di Jenin un’area palestinese liberata”, dice con entusiasmo.

Durante le operazioni dell’esercito israeliano e le incursioni nelle città e nei paesi palestinesi, spesso si sente un soldato gridare dall’altoparlante posizionato sui veicolo dell’esercito che l’area è dichiarata “una zona militare chiusa”.

Questa pratica illegale funge da precursore di una violenta repressione dei palestinesi nell’area. Durante gli anni della Seconda Intifada, e dopo di essa, i soldati israeliani minacciavano comunemente attraverso gli altoparlanti che “chiunque sarà trovato in giro verrà ucciso”.

Eppure, per la prima volta, il campo profughi di Jenin non può essere trasformato in un’area militare chiusa e invaso dalle forze israeliane liberamente e senza impedimenti. “Jenin è una zona liberata. Speriamo che si estenda al resto della Palestina, man mano che le piccole aree liberate si allargano”, ha detto Abu Daboor, sperando che una tale strategia possa gradualmente vincere “un po’ alla volta”. È qui che risiede il potere del modello Jenin, nell’ispirare i palestinesi, se non con il successo, con le lezioni apprese dai fallimenti passati.

Nel mezzo della violenta repressione della resistenza palestinese a Nablus e Jenin, a Ramallah e Al-Bireh ha preso forma una nuova “brigata di disturbo”. Questo avviene in un momento in cui i giovani palestinesi di Ramallah, Nablus, Betlemme e molte altre aree della Cisgiordania stanno trovando nuovi mezzi di confronto.

Un movimento di resistenza emerge sotto il naso della dirigenza dell’Autorità Palestinese

Prima dell’assassinio dei tre combattenti della resistenza di Nablus l’8 febbraio, la Brigata Jenin stava già suscitando l’ansia israeliana attorno allo spettro dello scontro armato palestinese con l’esercito.

“Non mentirò”, ha detto Abu Mujahed. “Non c’è una vera strategia qui. Stiamo seguendo il flusso, ad essere onesti”, ha osservato con disarmante candore. “Tutto questo, è un’ondata popolare collettiva”.

I combattenti della resistenza palestinese non sono né separati dalla più ampia comunità palestinese, né isolati dai loro coetanei. In una mano portano l’arma e con l’altra perseguono l’unità di lotta e stringono legami di cameratismo.

“Il nostro approccio è aumentare e rafforzare la resistenza palestinese e l’unità nazionale”, afferma Abu Mujhad. Tuttavia, poiché i gruppi di resistenza palestinesi a Jenin e Nablus incarnano l’unità politica nella loro lotta contro il colonialismo, l’unità a livello politico rimane sempre lontana.

Le interazioni osservate tra i leader palestinesi e i rappresentanti sia di Hamas che dell’Autorità Palestinese (AP) mostrano una crescente disconnessione dalla realtà vissuta palestinese, così come le strutture diplomatiche in base alle quali i leader operano, al fine di garantire la propria sopravvivenza, rilevanza, o controllo frazionale.

“Dopo essere stato rilasciato dalle carceri israeliane, sono stato preso di mira dall’Autorità Palestinese”, ricorda Abu Daboor, sottolineando di aver trascorso quasi cinque anni nelle prigioni israeliane durante i suoi vent’anni. “Sono stato preso di mira dall’Autorità Palestinese per la prima volta un anno e mezzo fa, dopo che in passato aveva cercato di eliminarmi due volte.” Il tono di Abu Daboor diventa aspro, mentre racconta l’attentato alla sua vita dell’anno scorso.

Militanti delle brigate Al Quds partecipano a un servizio in memoria dei palestinesi uccisi durante l’operazione Alba spezzata – 25 agosto 2022 (photo Shadi Jarar’ah/Apa)

Dopo il marcato aumento della resistenza palestinese contro l’espansione illegale degli insediamenti israeliani, l’Autorità Palestinese e la dirigenza di Hamas hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche di sostegno alla resistenza.

Eppure entrambi sono rimasti in varia misura a guardare e hanno permesso che avvenissero gli assassinii mirati di combattenti della resistenza. Questo è stato il caso della mancanza di intervento di Hamas durante il recente attacco a Gaza: quando Israele ha preso di mira gli uffici del PIJ a Gaza e ha assassinato il comandante della PIJ Tayseer Al-Jaabari, Israele era sicuro di non danneggiare nessuno degli uffici di Hamas nell’edificio condiviso con la PIJ.

L’Autorità Palestinese si è ampiamente collusa, partecipando direttamente alla repressione della resistenza e facendo il lavoro sporco di Israele. Questo è stato il caso dell’arresto da parte dell’Autorità Palestinese di due membri della Tana dei Leoni a Nablus a settembre.

L’aspirazione della popolazione palestinese a vivere in modo indipendente, libero e con il controllo sul proprio destino è il principale motore di questo periodo di scontro armato. Ma mentre i riflettori sono ora puntati sui gruppi armati, la popolazione palestinese in generale si è impegnata in un confronto aperto con le autorità israeliane. L’impunità della violenza dei coloni e la persistente espansione degli insediamenti non fanno che alimentare la rabbia e il risentimento e provocare una marea di inquietudine collettiva.

Mariam Barghouti è la principale corrispondente per la Palestina di Mondoweiss.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

CAMPO PROFUGHIJeninpalestinaresistenza palestinese

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Grecia il più grande sciopero generale dal 2012 contro l’aumento dei prezzi

Ieri è andato in scena in Grecia uno sciopero generale di ventiquattro ore contro carovita ed inflazione. Decine di migliaia di manifestanti ad Atene e Salonicco, trasporti bloccati e scontri nei pressi del Parlamento.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Cinema Palestinese: dal servire la rivoluzione all’espressione creativa

I critici concordano sul fatto che il cinema è rimasto quasi sconosciuto in Palestina prima della Nakba nel 1948.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: Netanyahu torna al potere con l’ultradestra

Dopo lo spoglio del 85 % dei seggi (ore 12 del 2 novembre) il blocco dei partiti che sostengono Benyamin Netanyahu si avvia a conquistare 67 seggi sui 120 della Knesset, quindi la maggioranza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inviato ONU: la situazione della sicurezza in Cisgiordania è in una spirale di deterioramento

L’inviato delle Nazioni Unite per la pace in Medio Oriente, Tor Wencesland, ha informato venerdì il Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla situazione nei Territori palestinesi occupati. Ha affermato che la situazione in Palestina è “molto deteriorata” e che “la situazione della sicurezza nella Cisgiordania occupata è bloccata in un ciclo di continuo deterioramento”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Violenti scontri notturni a Gerusalemme

Violenti scontri sono scoppiati durante la notte e all’alba di sabato nella Gerusalemme occupata, a seguito dell’invasione della polizia israeliana in diverse località.

Immagine di copertina per il post
Culture

ORA BASTA! 2022 a Pisa in ricordo di Sciàscià

Segnaliamo l’evento che si svolgerà a Pisa, presso lo Spazio Antagonista Newroz, il 23 e 24 settembre. Il ricavato andrà a sostenere i comitati per la salute in Palestina.  Dopo due anni di stop, dovuti alla pandemia, ritorna la due giorni di iniziative in ricordo di Andrea Magagnini, Sciascià, nostro compagno e amico, scomparso nell’estate […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

PALESTINA: PESTATO E ARRESTATO HAFEZ HURAINI, STORICO ESPONENTE DEI COMITATI DI RESISTENZA POPOLARE A MASAFER YATTA

In Palestina monta la protesta, arrivata anche a livello internazionale, per il brutale intervento dell’esercito israeliano nella zona di Masafer Yatta, 19 storici villaggi palestinesi a sud di Hebron. I villaggi palestinesi a ridosso del Negev sono sotto minaccia di sgombero da mesi: diversi di loro sono già stati rasi al suolo per fare spazio […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’abuso dei poteri delle leggi “antiterrorismo” soffoca la libertà della società civile in Medio Oriente.

L’uso improprio della retorica e delle autorità antiterrorismo stanno incoraggiando gli Stati autoritari, contribuendo a un regresso democratico e diminuendo la nostra sicurezza collettiva.    In tutto il mondo, assistiamo a una pratica costante di abuso del linguaggio e delle leggi antiterrorismo per prendere di mira, mettere a tacere e danneggiare la società civile e […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Il razzismo del sistema di accoglienza greco: lo sgombero del campo di Eleonas ad Atene e la resistenza

In Grecia le persone migranti, in particolare i richiedenti asilo, sono costrette a sottostare a un sistema di “accoglienza” militarizzato e razzista, che prevede la loro ghettizzazione in campi su isole dalle quali non possono uscire o in posti dell’entroterra lontanissimi dalle città. Questa condizione comporta chiaramente forte isolamento sociale, aumento della povertà e condizioni […]