InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gaza: bombardata una chiesa che ospitava civili

Sebbene siano rari, a Gaza esistono ancora una comunità cristiana e luoghi di culto. Giovedì sera è stata bombardata la chiesa ortodossa di San Porfirio. È la chiesa più antica della città. Secondo un ecclesiastico, il bilancio provvisorio delle vittime è molto alto, diverse decine. Il Patriarca ortodosso di Gerusalemme ha dichiarato: “Condanniamo fermamente il bombardamento della nostra chiesa storica da parte dell’esercito israeliano”.

da Contre Attaque

La chiesa era un luogo di rifugio per i civili cristiani e musulmani dai bombardamenti. Diverse centinaia di persone si trovavano all’interno della chiesa quando è stata colpita.

Libération ha parlato della sorte dei cristiani di Gaza in un articolo pubblicato il 17 ottobre. Il giornale ha spiegato che la piccola comunità “di circa 1.000 fedeli ha deciso di rimanere in città nonostante l’annuncio di un attacco da parte dell’esercito israeliano e l’ultimatum” di spostarsi verso sud.

“Praticamente tutti hanno scelto di rimanere, ritenendo che sia più sicuro perché la situazione è sempre più delicata ovunque”, ha spiegato il patriarca latino di Gerusalemme. “Spostarsi è molto pericoloso perché molte persone muoiono durante questi trasferimenti e i luoghi dove le persone possono trovare rifugio sono già sovraccarichi. Non c’è nessun posto dove andare”, ha aggiunto.

Quindi è stato colpito sia un luogo di culto che un noto rifugio. Le Monde ha riferito che l’obiettivo era “vicino” all’edificio. Se non fosse che le prime immagini disponibili mostrano la chiesa devastata da un’esplosione molto potente.

È importante notare che questa chiesa si trova vicino all’ospedale al-Ahli, che è stato colpito da colpi di arma da fuoco il giorno precedente. Ci sono quindi tutte le ragioni per credere che questa zona sia particolarmente bombardata…

L’esercito israeliano annuncia un’imminente invasione di terra. Questo attacco è un mezzo per terrorizzare gli ultimi civili rimasti nel nord della Striscia di Gaza?

I media continueranno a sostenere che si è trattato di un “razzo difettoso” di Hamas, come hanno fatto il giorno prima su un ospedale vicino?

Cosa dirà l’estrema destra europea, che sostiene “incondizionatamente” Israele e fantastica su uno scontro di civiltà tra l’Occidente “giudeo-cristiano” e il mondo musulmano, di questo bombardamento di una chiesa?

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

bombardamentiesercito israelianogaza

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Yesh Gvul: aumento senza precedenti del rifiuto dell’arruolamento nella guerra di Gaza

Mercoledì, un movimento israeliano di sinistra ha riferito di un aumento senza precedenti del numero di israeliani che si rifiutano di prestare servizio militare nella guerra in corso nella Striscia di Gaza, riferisce l’agenzia Anadolu.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La preghiera del venerdì a Palazzo Nuovo : un bel bagno di realtà.

Cosa ci insegna la Palestina. Questo è stato il contenuto politico del discorso di Brahim Baya a Palazzo Nuovo occupato all’interno del momento di preghiera di venerdì scorso tenutosi in Università.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Siamo di fronte al movimento studentesco globale della nostra epoca?

Le mobilitazioni in sostegno alla Palestina che attraversano le università in tutto il globo stanno indicando alcune questioni fondamentali.