InfoAut
Immagine di copertina per il post

Olimpiadi 2024, la medaglia d’oro per la sorveglianza di massa

I Giochi Olimpici del 2024 spenderanno centinaia di milioni di euro in telecamere, droni e polizia per monitorare Parigi. È probabile che queste misure eccezionali continuino anche dopo la competizione.

Tradotto da Reporterre

Decine di migliaia di agenti di polizia, gendarmi e guardie di sicurezza private saranno presenti nelle strade. Sulle facciate degli edifici, nelle cavità dei lampioni, tra le pale dei droni, telecamere di videosorveglianza, che catturano immagini analizzate in tempo reale da intelligenze artificiali incaricate di rilevare qualsiasi comportamento “sospetto”.

Non è lo scenario di un film di fantascienza, ma il mondo in cui potrebbero vivere i parigini da qui all’inizio dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024, il 26 luglio. A meno di un anno dal grande evento sportivo, gli attivisti per le libertà civili sono preoccupati per la portata delle misure di sicurezza previste per i Giochi. E temono che queste misure eccezionali diventino una caratteristica permanente del paesaggio.

Il governo prevede di utilizzare droni dotati di telecamere durante i Giochi Olimpici. CC BY-SA 4.0 / Marica Massaro / Wikimedia Commons

Per garantire la sicurezza di queste trentatreesime Olimpiadi, dove sono attesi 15 milioni di visitatori, le autorità francesi hanno puntato in alto: un budget minimo di 419 milioni di euro, di cui 50 milioni di euro per l’installazione di 900 nuove telecamere solo nella capitale e nei dintorni.

È stata inoltre annunciata la creazione – al costo di 25 milioni di euro – di una “stazione di polizia del futuro” dotata di droni a Élancourt (Yvelines), e la costruzione di un nuovo centro di videosorveglianza a Saint-Denis (Seine-Saint-Denis) in grado di registrare “fino a 500 reati al giorno”

<<Satureremo lo spazio pubblico con agenti di polizia>>

“Più ci avviciniamo alle Olimpiadi, più satureremo lo spazio pubblico con agenti di polizia”, ha avvertito il prefetto di Parigi Laurent Nuñez in aprile a Le Parisien. L’obiettivo dichiarato è quello di rendere Parigi un’area “libera dal crimine” e di ridurre al minimo il rischio di violenza da parte della folla o di un attacco mortale, come avvenne ai Giochi di Monaco del 1972.

Per raggiungere questo obiettivo, saranno mobilitati 30.000 agenti di polizia e gendarmi su base giornaliera, con il supporto di 15.000 guardie di sicurezza che il Pôle Emploi dovrà reperire con urgenza, come rivelato dai nostri colleghi di Mediapart.

Il Ministero dell’Interno prevede inoltre di istituire posti di polizia nelle stazioni ferroviarie per “facilitare la presentazione di denunce” e di raddoppiare il numero di pattuglie sui trasporti pubblici.

Missili sui tetti

“Lo abbiamo visto ogni volta: i Giochi Olimpici e Paralimpici portano a una militarizzazione dello spazio pubblico”, lamenta Thomas [*], del collettivo Saccage 2024. L’attivista cita come esempio l’installazione di missili sui tetti di Londra nel 2012: “Parigi 2024 non farà eccezione”.

“I Giochi Olimpici e Paralimpici sono soprattutto uno spettacolo di sicurezza”, osserva l’antropologo Matheus Viegas Ferrari, che sta scrivendo la sua tesi sui Giochi di Parigi 2024. “Dopo le guerre, è qui che viene speso il maggior budget per la sicurezza.”

Nel 2012, in occasione dei Giochi di Londra, sono state posizionate batterie di missili sui tetti degli edifici (qui mostrati durante un’esercitazione prima dei Giochi). OGL v1.0 / Richard Watt / Defence Imagery via Wikimedia Commons

Il governo francese è stato impegnato anche in ambito legislativo. Due disposizioni della legge sui Giochi olimpici e paralimpici, apparse sul Journal officiel del 20 maggio, sono state particolarmente criticate dai difensori delle libertà.

La prima, all’articolo 17, prevede una multa di 7.500 euro per chi staziona nell’area di gara di uno stadio sportivo – un metodo di azione favorito dagli attivisti ambientalisti, in particolare da Dernière rénovation.

Il secondo, all’articolo 10, autorizza la videosorveglianza algoritmica di eventi “sportivi, ricreativi o culturali” fino al 31 dicembre 2024.

Comportamenti ritenuti anomali

L’idea è quella di affidare a un sistema di intelligenza artificiale il compito di analizzare le immagini catturate da telecamere fisse o da droni, consentendogli di avvisare la polizia non appena rileva un comportamento considerato anomalo – ad esempio, camminare nella direzione sbagliata o rimanere fermi per troppo tempo.

Spetta allo Stato – o alle aziende che forniscono il software – stabilire quali situazioni debbano essere considerate sospette. Una novità assoluta nell’Unione Europea.

Secondo Katia Roux di Amnesty International Francia, questa tecnica costituisce una violazione di diversi diritti fondamentali: il diritto alla privacy, “poiché i dati comportamentali e corporei saranno analizzati da questo algoritmo”; ma anche la libertà di espressione e la libertà di riunione pacifica.

“Una sorveglianza di questo tipo può avere un effetto estremamente dissuasivo sull’esercizio di questi diritti, perché le persone non agiscono allo stesso modo quando sanno di essere osservate o quando pensano di essere osservate”, spiega la responsabile dell’advocacy. “Può far pensare due volte prima di partecipare a una manifestazione o di parlare.”

Le interruzioni di eventi sportivi, come quelle praticate l’anno scorso da Dernière Rénovation, come in occasione del Tour de France o del Roland-Garros, potrebbero essere punite ancora più severamente. Dernière Rénovation

Questa disposizione è ancora più problematica, sottolinea l’autrice, perché la sorveglianza automatizzata “non si è mai dimostrata efficace contro la criminalità e il terrorismo, mentre sono state provate le sue conseguenze sulle libertà fondamentali”.

Una volta adottate, queste tecnologie possono essere “deviate dai loro obiettivi primari”, teme. “Questi strumenti vengono utilizzati sempre contro le stesse persone: attivisti, quartieri popolari, stranieri”, aggiunge Noémie Levain, responsabile dell’analisi legale e politica di La Quadrature du Net. “Più droni, più telecamere algoritmiche, più sorveglianza, significa più potere coercitivo per lo Stato”. Le due donne temono che le misure di sicurezza messe in atto per i Giochi continuino anche dopo la fine delle celebrazioni.

“Intrinsecamente, i Giochi olimpici e paralimpici producono uno stato di eccezione che i funzionari della sicurezza e i loro alleati nei governi convertono in un’opportunità per accumulare le loro scorte di armi e approvare leggi il cui orizzonte temporale si estende ben oltre le cerimonie di chiusura”, spiega a Reporterre l’ex atleta e accademico Jules Boykoff, autore di Power Games: a political History of the Olympics (Verso, 2016). “Più volte, le leggi create per proteggere i Giochi sono rimaste in vigore molto tempo dopo la loro conclusione”.

<<Tre anni dopo, veniva utilizzato per identificare gli oppositori e arrestarli>>

La storia delle Olimpiadi è piena di esempi di questo tipo. In Australia, la legislazione messa in atto per garantire i Giochi estivi di Sydney nel 2000 ha “impoverito le libertà civili”, secondo i ricercatori, in particolare dando alla polizia il diritto di perquisire o evacuare da certi luoghi persone considerate un fastidio. Alcune disposizioni sono sopravvissute ai festeggiamenti.

I Giochi di Londra del 2012 hanno contribuito all’estensione della videosorveglianza nelle strade, mentre il riconoscimento facciale è stato autorizzato in Russia per i Mondiali di calcio del 2018. “Tre anni dopo, veniva utilizzato per identificare gli oppositori e arrestarli nelle loro case”, afferma Katia Roux.

Un altro esempio è la legge “anti-cospirazione” adottata in Giappone per le Olimpiadi di Tokyo del 2020, che è stata criticata dalle Nazioni Unite per gli ampi poteri di sorveglianza che conferisce allo Stato.

Non-ritorno

Il rischio di un punto di non-ritorno è ancora maggiore quando si tratta di videosorveglianza algoritmica, poiché la posta in gioco economica è alta. “Lo sviluppo di questi sistemi rappresenta un grande investimento finanziario per le aziende. Non lo faranno in perdita”, afferma Katia Roux.

In Francia, afferma Noémie Levain, è nato un vero e proprio mercato: Thalès, Atos, Idemia, Aquilae, Wintix e altri. “Ci sono molte aziende che stanno facendo pressione sulla CNIL (Commission nationale de l’informatique et des libertés) affinché rinnovi l’autorizzazione.”

<<Gli abitanti delle città sono costretti a servire come campione>>

Per l’industria della sicurezza, i Giochi Olimpici e Paralimpici rappresentano un’“opportunità”, osserva Matheus Viegas Ferrari. “Per migliorare, un algoritmo ha bisogno di persone. Ospitando i Giochi, gli abitanti delle città sono costretti a fungere da campione. I Giochi sono uno strumento al servizio dell’industria della sicurezza, non il contrario.

I problemi che possono essere posti da queste tecnologie, continua, sono mitigati dal “regime di spettacolarizzazione” prodotto dai festeggiamenti: “Tutti gli occhi del mondo sono puntati sulla città ospitante, il che giustificherebbe misure eccezionali”.

Ci sono già dei piani per il futuro

Lo scorso aprile, i deputati Philippe Gosselin (Les Républicains) e Philippe Latombe (MoDem) hanno pubblicato una relazione informativa sull’argomento, in cui salutavano la “moltiplicazione delle capacità” resa possibile dalla videosorveglianza algoritmica e prevedevano di “renderla parte permanente del diritto comune” se i suoi risultati fossero stati convincenti durante i Giochi Olimpici e Paralimpici. “La fase successiva è già arrivata”, afferma Noémie Levain.

È ormai troppo tardi per tornare indietro sulle misure di sicurezza messe a punto per i Giochi. Tuttavia, la lotta è solo all’inizio per evitare che la videosorveglianza algoritmica venga nuovamente autorizzata nel 2025: “Continueremo a sensibilizzare l’opinione pubblica e a spiegare perché è estremamente pericolosa in termini di diritti umani”, promette Katia Roux. Con una speranza: che la Francia non finisca con la medaglia d’oro per la sorveglianza di massa.

Immagine di copertina: © Patrick Batard / Hans Lucas / Hans Lucas via AFP

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

CAPITALISMO DELLA SORVEGLIANZAFranciaintelligenza artificialeolimpiadi 2024

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per un sollevamento antifascista.

Abbiamo tradotto il documento redatto dal movimento Soulèvement de la Terre a proposito della fase storica che si sta vivendo in Francia, verso le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: mobilitazioni di massa per la Palestina.

Lunedì 27 maggio, migliaia di persone sono scese spontaneamente in piazza a Parigi e in altre città per esprimere la loro rabbia contro il genocidio in corso a Gaza, all’indomani di atroci bombardamenti sulle tende dei rifugiati a Rafah

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.