InfoAut
Immagine di copertina per il post

USA: giustizia per Tyre Nichols

Codividiamo di seguito la traduzione di questo interessante contributo tratto da Liberation News sull’omicidio di Tyre Nichols che sta aprendo un nuovo ciclo di lotte contro la brutalità della polizia ed il razzismo negli USA.

Tyre Nichols, un uomo nero di 29 anni, è stato picchiato a morte senza pietà all’inizio di questo mese durante un blocco del traffico da cinque agenti del dipartimento di polizia di Memphis.

Tra poche ore, il video del suo omicidio sarà reso pubblico. La giusta indignazione sta già ribollendo in tutto il paese, e il Partito per il Socialismo e la Liberazione si unirà a migliaia di persone nelle strade stasera per chiedere giustizia. Solo un’azione di massa può rilanciare il movimento contro il terrore della polizia, e per porre fine a quel terrore alla fine è necessaria una rivoluzione – un cambiamento in chi detiene il potere in questo paese.

Tyre Nichols era un amato padre di un figlio di 4 anni cresciuto a Sacramento, in California, e trasferitosi a Memphis nel 2020. Tyre “era un’anima bellissima e ha toccato tutti”, ha ricordato sua madre in una conferenza stampa, e aveva una passione per la fotografia. Il fatto che sia stato fermato in quello che sembrava essere un semplice blocco del traffico e poi brutalmente picchiato per tre minuti mentre era completamente indifeso testimonia la totale disumanità della polizia in questo paese.

Questo orribile omicidio fa parte del terrore quotidiano a cui l’America nera è sottoposta per mano dei poliziotti. L’oppressione, la disuguaglianza e lo sfruttamento dei neri è un aspetto determinante del capitalismo statunitense – infatti, deve la sua esistenza ad esso. Dalla fondazione della schiavitù, questo ordine ingiusto è sempre stato applicato attraverso violenze indicibili, repressione e intimidazione, in particolare rivolte alla comunità nera. Questo non solo perché affronta in modo sproporzionato tutti i mali concentrati del capitalismo, ma perché ha la tradizione più militante di ribellione nei centri urbani dell’impero.

Il fatto che i cinque ufficiali che hanno ucciso Tyre siano neri non cambia questo fatto fondamentale. Il ruolo del dipartimento di polizia di Memphis come istituzione è quello di contenere e controllare la comunità nera con tutta la brutalità che ritiene opportuna. Chiunque diventi un ufficiale, indipendentemente da chi sia, si iscrive per farne parte.

Il fatto che i poliziotti e la loro vittima in questo caso condividano lo stesso colore della pelle parla anche del terrore della polizia come una caratteristica del capitalismo stesso. Ovunque la disuguaglianza è più acuta, dal Sudafrica alla Giamaica al Brasile, la brutalità della polizia è più diffusa. In tutto il mondo, è comune per le istituzioni di repressione arruolare persone che provengono dalle stesse comunità sottoposte alla peggiore repressione.

I cinque agenti di polizia erano stati nella “SCORPION Unit” di MPD, che è stata avviata nel 2021 presumibilmente per “inondare l’area bersaglio” per “combattere il crimine”. Ma in realtà, questa “unità speciale” – che ha molti paralleli nei dipartimenti di tutto il paese – è ben nota per la sua ossessione per la violenza e il terrore che infligge alle persone di Memphis. Parlando con l’emittente locale WREG-TV, Cornell McKinney ha detto di essere stato preso di mira dall’unità SCORPION di MPD il 3 gennaio mentre si trovava in una stazione di servizio – in uno scontro in cui la polizia gli ha detto: “Alza le mani prima che ti faccia saltare la testa”, sostenendo falsamente che avesse droga in macchina. L’unità SCORPION deve essere immediatamente sciolta come richiesto dalla famiglia di Nichols.

Trarre lezioni dalla lotta

Nel 2020, decine di milioni di persone sono scese in piazza in tutto il paese e in tutto il mondo contro le uccisioni razziste della polizia sulla scia dell’omicidio di George Floyd. Questo è stato il più grande movimento di protesta nella storia degli Stati Uniti. Mentre la coscienza di massa contro la brutalità della polizia è ancora lì, il livello di protesta è diminuito significativamente nei due anni e mezzo successivi. Lo stesso spirito di resistenza deve essere ravvivato manifestando in gran numero per chiedere giustizia.

Ma con ogni nuova ondata di lotta, dobbiamo anche riflettere sulle lezioni apprese nelle passate battaglie per la giustizia. Il fatto è che più persone vengono uccise dalla polizia che mai, raggiungendo il livello record di almeno 1.176 l’anno scorso. Allora perché il movimento non è stato così forte?

È ovvio che lo stato capitalista ha studiato da vicino il 2020 dal punto di vista della contro-insurrezione e sta facendo tutto il possibile per gestire la narrativa sulla violenza della polizia in generale e, nel caso di Tyre Nichols in particolare, per prevenire la ribellione.

Da quando la rivolta del 2020 si è placata, le forze politiche pro-polizia sono andate all’offensiva in tutto il paese. Hanno sfruttato le preoccupazioni della gente per l’aumento della criminalità violenta e hanno presentato falsamente i poliziotti come l’unica risposta. Tutti i politici del Partito Democratico che stavano facendo di tutto per adottare la retorica dell’antirazzismo e fare concessioni simboliche nel 2020, in modo da reprimere il movimento, hanno abbandonato la facciata. Joe Biden ha promesso di “sradicare il razzismo sistemico”, ma poi l’anno scorso ha pubblicato il suo “Piano Safer America”, che chiedeva l’assunzione e la formazione di 100.000 agenti di polizia aggiuntivi. Non dobbiamo dimenticare che questi stessi politici hanno ampiamente appoggiato e imposto il coprifuoco statale per fermare le mobilitazioni durante la loro fase più militante.

Nel frattempo, le braccia liberali dello stato capitalista hanno diretto letteralmente centinaia di milioni di dollari alle ONG. La funzione principale di questo era quella di costruire artificialmente un nuovo strato di “leaders” senza un orientamento rivoluzionario, che in genere rappresentavano poco nella comunità, e finirono per fuorviare e disperdere il movimento in mille piccoli progetti domestici piuttosto che costruirlo in una potente forza sociale nazionale a lungo termine.

Per diversi decenni, la forma dominante di organizzazione progressista è stata l’organizzazione senza scopo di lucro, dipendente dalle sovvenzioni di grandi fondazioni e donatori della classe dominante, e gestita principalmente da personale stipendiato, piuttosto che essere dipendente e responsabile nei confronti delle masse di persone. Indipendentemente dalle motivazioni degli individui coinvolti, questa non è una forma organizzativa in grado di costruire un movimento popolare sostenuto e di riuscire nella lotta contro un nemico formidabile come la classe capitalista statunitense. La direzione politica deve provenire da leader di base e organizzazioni ancorate nelle comunità della classe operaia.

Le richieste sollevate dal movimento in questo momento devono corrispondere al sentimento di massa travolgente che chiede giustizia. I poliziotti assassini dovrebbero essere rinchiusi in prigione, non solo per una questione di giustizia per Tyre Nichols, ma anche per porre fine alla cultura dell’impunità che incoraggia gli agenti di polizia a compiere terribili abusi su base routinaria. Sollevare una visione per un nuovo tipo di società è una parte essenziale di qualsiasi rivolta. Ma dovrebbe essere impostata attraverso le richieste immediate che sono in grado di unire milioni di persone nelle strade, non contrapposte agli aneliti di giustizia.

La polizia continua a uccidere impunemente in tutto il paese. Dobbiamo invertire la tendenza con mobilitazioni di massa. Attraverso l’unità e la determinazione, il popolo può sconfiggere i poliziotti!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ABUSI IN DIVISABLACK LIVES MATTERUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pestaggio al carcere di Venezia, detenuto in rianimazione

Un detenuto ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziario Santa Maria Maggiore di Venezia. Ancora un suicidio a Prato, è il ventunesimo dall’inizio dell’anno

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere a Reggio Emilia: incappucciato, picchiato, calpestato. Pubblicato lo stralcio di un video

La vittima è un 40enne detenuto a Reggio Emilia, lo scorso 3 aprile, e le immagini arrivano dalle telecamere interne che sono state allegate agli atti dell’inchiesta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Logistica di guerra: l’idea di difesa degli USA

I bombardamenti guidati da USA e Gran Bretagna in Yemen contro gli Huthi vengono spacciati dalla Nato come “difensivi”. Ma cosa difendono e per chi?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA e Gran Bretagna attaccano lo Yemen. Navi, sottomarini e aerei colpiscono la capitale e le città portuali

Le forze Houthi hanno fatto sapere che i bombardamenti di Stati Uniti e Gran Bretagna hanno ucciso 5 persone e ferito altre 6. I raid sono stati 73 e hanno colpito 5 regioni dello Yemen controllate dagli Houthi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

I pm dispongono l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso

Finalmente la Procura di Oristano ha acconsentito sulla base di una nuova testimonianza l’autopsia sul corpo di Stefano Dal Corso. Per sette volte avevano detto di No. Ma un audio accusa: il detenuto è stato ucciso. Cambia il capo di imputazione provvisorio: da omicidio colposo a volontario

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello”

Stefano Dal Corso era stato trovato senza vita nella sua cella ad Oristano, gli restavano 7 mesi da scontare. La famiglia non ha mai creduto che si fosse impiccato. Un testimone afferma: «Stefano Dal Corso ucciso a colpi di spranga e manganello». La Procura non ha mai voluto effettuare l’autopsia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Striscia di Gaza: Netanyahu prosegue il genocidio.

La situazione internazionale a fronte del genocidio perpetrato dal governo di Netanyahu all’interno della striscia di Gaza non accenna a dare segnali in senso contrario..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Omicidio Cucchi: La Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere

La Corte di Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere nel secondo processo per la morte di Stefano Cucchi

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bergamo: come è morto in carcere Oumar Dia? Mercoledì 1 novembre camminata di protesta a Milano

Cosa è successo a Oumar Dia, 21enne morto nel carcere milanese di San Vittore?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: la nuova ZAD contro l’A69 attaccata dai gendarmi

Sabato 21 ottobre, 10.000 persone hanno manifestato nella regione del Tarn contro l’inutile, assurdo e distruttivo progetto dell’autostrada A69 tra Castres e Tolosa.