InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il comitato di Govone dice NO al progetto di centrale a biometano.

Diffondiamo con piacere la campagna di raccolta fondi del Comitato No Biometano di Govone , in provincia di Cuneo, che all’interno della lotta in opposizione al progetto di centrale a biometano, ha effettuato ricorso al TAR il quale ha accettato di sospendere con provvedimento cautelare l’attuazione dello stesso, fissando l’udienza a ottobre. Nel frattempo la SNAM ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sospensiva del Tribunale Amministrativo Regionale. Il direttivo del comitato ha deciso quindi di indire un’assemblea per venerdì 12/4 alle 21 con i legali, per deliberare il prosieguo delle azioni.

La questione dell’utilizzo di energie considerate bio/green da parte della narrazione che tenta di legittimare l’attuazione di progetti come questo è un aspetto centrale della critica alla transizione ecologica ed energetica così com’è concepita oggi nel quadro del Green New Deal europeo. Questo aprile a Venaria il G7 Ambiente & Energia sarà un momento in cui mettere in risalto le istanze che provengono dalle lotte territoriali che lucidamente intersecano la questione della transizione considerata verde con il tema della produzione, del consumo e del profitto. In questo senso è emblematica l’apparizione di un numero notevole di progetti sul territorio piemontese finanziati dal PNRR o da fondi europei, che individuano nell’energia “green” l’obiettivo della transizione non tenendo conto delle conseguenze ambientali e sulla salute. Un tema fondamentale riguarda il consumo di suolo e di come molti terreni agricoli dovranno essere destinati a progetti di impianti che riguardano l’energie rinnovabili, dall’agrifotovoltaico, all’eolico alle biomasse.

Di seguito la presentazione del comitato e della campagna a sostegno delle spese legali.

Il Comitato “No Biometano a Govone” è stato costituito in data 31.7.2023 con lo scopo di attuare e realizzare « ogni iniziativa idonea alla difesa e alla tutela dei diritti dei cittadini, della loro salute, dell’ambiente e della qualità della vita con particolare riferimento al contrasto all’insediamento di impianti inquinanti e/o ecologicamente non compatibilità, come le centrali a Biogas/Biometano/Biomasse »

Il comitato No Biometano a Govone propone una raccolta fondi a sostegno delle spese per il ricorso al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) depositato lo scorso 19 febbraio, di cui si attende l’esito.

Il ricorso è stato presentato nell’ambito della lotta contro la costruzione dell’impianto di produzione di Biometano in progetto a poche centinaia di metri dall’abitato, in una zona attualmente agricola, vicenda che ha portato l’estate scorsa alle dimissioni del sindaco e al commissariamento del comune.

L’appello rivolto ai cittadini indica “Insieme possiamo fare la differenza e proteggere il nostro territorio”.

QUI è possibile aderire alla campagna con una sottoscrizione.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Salvare il Meisino è compito cittadino!

Secondo quanto apprendiamo da giornali e delibere comunali l’avvio dei lavori per cementificare e cancellare l’oasi di biodiversità rappresentata dal parco del Meisino a Torino è imminente.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Giornata di giro di boa per IREN e Regione Liguria.

È stato disposto il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie e beni per un importo di oltre 570 mila euro ritenuti profitto dei reati di corruzione contestati all’ad di IREN Paolo Emilio Signorini e al presidente della Liguria Giovanni Toti, entrambi in custodia cautelare ai domiciliari.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Obbligati a produrre rifiuti e a devastare i nostri territori: il caso di Valledora.

Oggi il sistema ci impone non solo di essere consumatori di prodotti, ma anche produttori di rifiuti: senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarci a questo ruolo quotidiano obbligato, per quanto frugali cerchiamo di essere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Chi ha paura dei cittadini attivi ?

In molte città italiane le motoseghe che abbattono alberate al riparo di barriere e di schieramenti di forze dell’ordine stanno producendo anche lacerazioni tra popolazioni e amministratori. A cosa porteranno queste fratture? E quali saranno gli effetti del rifiuto dei tecnici comunali di confrontarsi con gli agronomi che sostengono le istanze dei cittadini?