InfoAut
Immagine di copertina per il post

#12a, il Coisp si sente in guerra. E spara su Acad

«Nessuno dimentichi che questa ‘guerra’, che la si voglia chiamare così o in qualunque altro modo, la dobbiamo condurre noi, schierati in prima fila per la tutela di tutti gli altri». All’indomani del corteo del 12 aprile, arriva puntuale la rivendicazione del Coisp, per bocca del suo segretario generale Franco Maccari, balzato agli onori delle cronache per l’infelice manifestazione in difesa dei quattro uccisori di Federico Aldrovandi messa in scena a Ferrara a pochi passi dalle finestre dell’ufficio della madre del ragazzo.

Se non è chiaro rispetto ai soggetti che intende tutelare, non si può dire altrettanto rispetto all’approccio guerresco. Sembra proprio che questo sindacalista ritenga di essere in guerra con le persone che esercitano il diritto fondamentale di manifestare. Con i cittadini. Non è difficile da credere che la pensino così molti suoi colleghi, basta scorrere i video del 12 aprile, delle cariche violente al corteo per casa, reddito e dignità. Solo chi crede di essere in guerra e chi è addestrato per la guerra (e chi crede nella guerra) si accanisce – come evidenziano le immagini – sui “nemici” quasi sempre inermi, scelti nel mucchio, portatori di una sofferenza sociale così forte da essere spinti a manifestarla a rischio della propria incolumità. Nessuno si sarebbe aspettato nulla di diverso dalla sigla sindacale che prova a farsi largo nella pletora del sindacalismo di polizia rivendicando, a scapito dell’evidenza, tutti i comportamenti più estremi delle forze dell’ordine.

Da quello che si sa, il fuoco di fila di querele, si direbbe il proseguimento della guerra del Coisp in tempo di pace, contro i parenti delle vittime della polizia e contro chiunque solidarizzi con loro (giornalisti, parlamentari e cittadini), si sta rivelando un flop ma l’abitudine a deformare i fatti è tenacissima nel contegno del sindacatino. Ne è prova la lettera inviata da Maccari al ministro di polizia Alfano alcuni giorni prima del corteo di Roma, il 24 marzo. Prima c’è la solita tiritera sul «pezzo di Stato abbandonato» a chi «ritiene che il conflitto sociale debba esperirsi in maniera per nulla pacifica» poi c’è l’attacco frontale e mistificante ad Acad, l’associazione contro gli abusi in divisa accusata di aver attivato un numero verde per bloccare in tempo reale gli interventi della polizia.

In realtà Acad si prefigge di raccogliere le denunce attraverso un numero verde e di fornire sostegno legale. Ma a Maccari dev’essere sfuggito: «Un pezzo di Stato, quello che veste una divisa, è stato ultimamente abbandonato da chi ha governato il Paese e ciò ha prodotto molteplici effetti, il più pericoloso dei quali è la convinzione da parte di non pochi di poterlo delegittimare continuamente e con sempre maggiore forza.

L’Associazione contro gli abusi in divisa (Acad), presentata a Bergamo il 17 gennaio u.s., dietro la dichiarata legittima volontà di “sostenere le vittime di abusi da parte delle Forze dell’Ordine” sembra prefissarsi anche l’obiettivo di essere i controllori di Poliziotti, Carabinieri, etc.., e di intervenire, in ogni modo possibile, al fine di obbligare ad una verità e giustizia diversa da quella giudiziaria ogni qualvolta questa non porta alla condanna degli appartenenti alle Forze dell’Ordine. L’Associazione ha lo scopo di far “intervenire rapidamente” attivisti, non meglio specificati, laddove viene segnalato un presunto abuso da parte delle Forze di Polizia.

Tale Associazione è organizzata con un meccanismo di pronto intervento che, allertando l’avvocato di zona e avvisando gli attivisti attraverso la mailing list (.) e contattando direttamente le persone che si trovano più vicine al luogo consultando il database, chiede agli appartenenti al sodalizio di intervenire su un intervento in corso delle Forze di Polizia: “Prima si interviene e meglio è, vien da sé che più attivisti ci sono e più abbiamo possibilità di intervenire rapidamente”. Il tutto viene promosso su internet per il tramite di una Onlus. La volontà di delegittimare la Polizia di Stato e le altre Forze di Polizia sembra già più che chiara».

E qui il paladino dei poliziotti in guerra rispolvera un suo vecchio cavallo di battaglia, la mistificazione dei fatti di Piazza Alimonda. Come Pippo che non crede alla strega Nocciola, Maccari non riesce a credere che Carlo Giuliani raccolse l’estintore solo dopo aver visto la pistola impugnata da un carabiniere. Il video è agli atti del processo ma a Maccari dev’essere sfuggito.

A questo punto della lettera, il Coisp chiede ad Alfano, accusato di essere troppo distratto a promuovere il suo nuovo partito, di indagare sulla «effettiva natura», «se è lecito intervenire su un intervento in corso delle Forze di Polizia», «se tutto questo integrerà il reato di interruzione di un servizio pubblico o, peggio, favorirà il reato per il quale si sta procedendo», «se, addirittura, possa configurarsi il reato di resistenza a pubblico ufficiale, anche nella forma della resistenza passiva, laddove le modalità di intervento dovessero assumere i caratteri di un impedimento concreto per l’esercizio del pubblico ufficio in corso di svolgimento da parte delle Forze di Polizia». E si apprende che il rodato pool di avvocati del Coisp sta cercando di capire se può denunciare Acad in qualche modo.

Non fosse abbastanza chiaro, Maccari ci mette dell’altro discorrendo con una giornalista di un sito: la nascita stessa di Acad sarebbe un «fatto gravissimo, dell’esistenza cioè di soggetti animati da un evidente intento di delegittimare e infangare l’operato delle Forze dell’Ordine talmente forte da decidere di riunirsi ed organizzarsi e trovare nuovi attivisti trascinando quante più persone possibile nella subdola confusione che fa leva sull’odioso equivoco che tutte le tragedie con cui siamo, nostro malgrado, costretti a confrontarci, dipendano da un’inesistente crudeltà insita nei Tutori della Sicurezza… (Si) vorrebbe dare vita ad un gruppo di non meglio identificati ‘sceriffi’, legittimando un’inconcepibile interferenza dei comuni cittadini in attività loro quasi completamente sconosciute, riconoscendogli oltre tutto l’impossibile capacità di stabilire a priori se e quando esse possano integrare fattispecie di abusi, capacità che in realtà fa capo solo ed unicamente all’Autorità giudiziaria».

Da esperto di guerra, Maccari sa bene che la disinformazione è una delle armi decisive ma stia tranquillo che Acad e i suoi attivisti sono allergici agli sceriffi tanto quanto certi poliziotti sono allergici alla Costituzione e alla verità, e che le polizie italiane sanno benissimo screditarsi da sole. Ne sanno qualcosa i parenti delle loro vittime. I fatti però hanno la testa dura, più dura dei loro manganelli.

Di Ercole Olmi per Pop Off

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

#12Apoliziaromaviolenza di polizia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Kamo, Lenin e il “partito dell’insurrezione”

Emilio Quadrelli, L’altro bolscevismo. Lenin, l’uomo di Kamo, DeriveApprodi, Bologna 2024

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Roma: migliaia in piazza contro il governo Meloni. Scontri tra collettivi universitari e polizia

Si è svolto ieri a Roma, partito da piazza Vittorio Emanuele II, il corteo “contro il governo Meloni” diretto a Porta Pia a cui si sono aggiunti i collettivi universitari e liceali che si sono dati appuntamento a Piazzale Aldo Moro.  In testa al corteo lo striscione con lo slogan della manifestazione e il sottotitolo […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo