InfoAut
Immagine di copertina per il post

Barbara Balzerani e il richiamo della foresta

||||

La recensione di Militant A (Assalti frontali) al volume di Barbara Balzerani “L’ho sempre saputo” (Derive e approdi).

Esce in questi giorni il nuovo libro di Barbara Balzerani, “L’ho sempre saputo”, edito da DeriveApprodi. Barbara Balzerani, chiamata per anni la “primula rossa” delle Brigate Rosse, la più longeva, arriva con questo lavoro alla sua sesta opera e per noi leggere le sue pagine è anche cercare un segno, un’emozione, che ci racconti qualcosa di quel viso dolce che faceva trasalire i salotti buoni della borghesia italiana e infiammare la rivoluzione degli anni settanta. E mentre tutti i suoi compagni venivano arrestati, anno dopo anno, lei riusciva sempre a fuggire e contrattaccare mentre il mondo cambiava, e noi giovani ribelli che nascevamo negli anni ottanta la conoscevamo dalle foto segnaletiche e pensavamo: “Non la prenderanno mai”… “chissà quali imprese riuscirà ancora a fare”… invece un giorno la catturarono e furono più di vent’anni di galera per lei. Oggi, nel 2017, laureata in filosofia e poi in antropologia, ci porta in un viaggio, attraverso le tenebre del tempo ci accompagna alle origini della specie umana, alla ricerca degli istinti primordiali perduti, quando l’uomo viveva a contatto con la natura in modo armonioso e organizzava la vita in comunità, con il baratto e la solidarietà. “L’ho sempre saputo” ricorda “Il richiamo della foresta” nella sua idea di fondo, ma qui non c’è una terra libera dove fuggire dopo aver ritrovato i propri istinti, il lupo di Barbara è imprigionato nel mondo globalizzato e ulula contro il mitico “progresso”.

Il racconto si snoda attraverso pagine che sembrano prefigurare un romanzo, poi passano a momenti da testo universitario, si accendono di attacchi contro i responsabili del disastro, per tornare alla dimensione intima di una relazione. Ci troviamo in una cella, dietro sbarre di ferro, Barbara è lì. Come c’è finita? Il primo capitolo allude a battaglie degli anni ’60, giornate convulse, picchetti, manifestazioni contro gli Yankee, mani forti che indicano la strada, armi, una stagione di rivolta, non un motivo preciso, ma un sapere da che parte stare primordiale. L’autrice non è sola, insieme a lei c’è una donna, la chiama così, “La donna”, non sappiamo il nome ma conosciamo l’origine sociale: “La donna” appartiene a una terra antica, a un villaggio, una periferia, un mondo di sotto, di sfruttati e depredati, per vivere è diventa corriere internazionale di droga e l’hanno beccata. Oltre alle due protagoniste in cella c’è qualcun altro, una presenza. “La donna” rievoca la sua ultima gravidanza, racconta con una forza travolgente di quando aveva un cucciolo in pancia che nuotava nel liquido amniotico e per nove mesi, mentre il miracolo della vita si compieva e la specie umana si riproduceva, quel corpicino trasmetteva visioni, storie dall’Africa, dalle origini, che scuotono le fondamenta e mettono in discussione “tutto quello che pensavo di sapere”.

I neonati hanno una conoscenza iniziale, una memoria tramandata nel DNA, nei primi giorni di vita sanno camminare ma lo dimenticano subito, hanno l’istinto ad aggrapparsi come se cercassero un ramo, come se sentissero di cadere nel vuoto ricordando il tempo in cui dormivamo sugli alberi. Così, nello stretto della cella, nelle lunghe giornate trascorse insieme, la “donna” confida alla sua compagna le energie dimenticate che le ha trasmesso la pancia, i segnali, le voci che raccontavano di cosa c’era “prima”, quando l’uomo non era contaminato da sé stesso. E’ una trance, un’espediente narrativo per dirci in cento pagine che la rivoluzione industriale ha distrutto civiltà che erano sagge e quella saggezza annichilita e dimenticata era importante e senza di lei abbiamo prodotto errori fatali. L’idea occidentale per cui se non hai attraversato la modernità sei un primitivo, intendendo per primitivo un negativo, un arretrato, è stata una rovina. E Barbara si mette in gioco. La via della liberazione è complicata, ci dice, anche quando lei si è giocata tutto, la vita, la sua e quella degli altri, lo ha fatto nell’illusione che lo sviluppo delle forze produttive avrebbe portato la felicità e che il comunismo era l’ultimo stadio dello sviluppo. Ma forse quell’idea dell’ultimo stadio era impossibile perché “lo sviluppo” è stato una catastrofe, e bisogna tornare al primo stadio, all’inizio dimenticato, per ritrovare ossigeno e speranza rivoluzionaria.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

brigate rosseRECENSIONI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Moro, le bufale senza fine. Domenica su Report

Continuano i deliri complottistici e le menzogne costruite attorno alla storia del rapimento Moro.

Immagine di copertina per il post
Culture

«Fronte del porto», una recensione critica al libro di Sergio Luzzato sulla colonna genovese della Brigate rosse

L’imponente lavoro realizzato da Sergio Luzzato sull’insediamento delle Brigate rosse a Genova solleva un problema storiografico importante: l’arrivo della Brigate rosse è un parto degli intellettuali radicali della università di Balbi, come sostiene l’autore, oppure prende avvio all’Ansaldo e in porto, come riferiscono alcuni testimoni chiave, protagonisti di quella vicenda?

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Se fare storia è un reato

Paolo Persichetti La libera ricerca storica è ormai divenuta un reato. Per la procura di Roma sarei colpevole di «divulgazione di materiale riservato acquisito e/o elaborato dalla Commissione Parlamentare d’inchiesta sul sequestro e l’omicidio dell’on. Aldo Moro». Per questa ragione martedì 8 giugno dopo aver lasciato i miei figli a scuola, da poco passate le […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Ancora su i dieci anni che sconvolsero il mondo

di Piero Pagliani da Carmilla Raffaele Sciortino, I dieci anni che sconvolsero il mondo. Crisi globale e geopolitica dei neopopulismi, Asterios, Trieste 2019, pp. 312, euro 25,00 I libri che permettono di orientarsi tra quanto sta succedendo, non sono poi molti. Sono invariabilmente scritti da autori che non si concentrano su un solo punto – […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Shadowbahn. Hauntologie americane

Recensione a Shadowbahn, romanzo di Steve Erickson uscito in America nel 2017 “Salvate l’America da se stessa” è scritto sull’adesivo attaccato al paraurti di un camion rosso con le strisce da corsa dorate che sfreccia sulla Interstate 90, e l’autista, il ventenne Aaron è il primo personaggio che incontriamo quando arrivato nella regione delle Badlands, […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Chi c’era dietro alla Brigate Rosse?

“Tanti, tanti proletari” risponderebbe chi quell’esperienza l’ha attraversata o chi l’ha studiata con un po’ di serietà. Vi proponiamo due interviste a tema realizzate dalla redazione informativa di Radio Blackout.   Rieccoci. Non che parlare degli anni settanta ci dispiaccia. Ripercorrere quegli avvenimenti, interrogarne i protagonisti e ricostruire su linee nuove una narrazione che ci […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Sabato pomeriggio i funerali di Prospero Gallinari

Riportiamo, su segnalazione di baruda, queste dichiarazioni di Oreste Scalzone sulla figura di Prospero: Gallinari non si lascio’ mai estorcere alcuna “confessione d’innocenza” (ANSA) – PARIGI, 15 GEN – ”Gallinari non si lascio’ mai estorcere alcuna ‘confessione d’innocenza”’: lo ha detto all’ANSA Oreste Scalzone, ex leader di Potere operaio che conosceva bene l’ex Br morto […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Prospero Gallinari. Una storia del Novecento

  Qui postiamo i link all’intervista divisa in parti, su YouTube, con una breve descrizione dei capitoli. Sotto, l’intervista intera su Vimeo (scaricabile).    1. Introduzione, morti di Reggio Emilia Le origini contadine, il dopoguerra, la fame, l’educazione umana del contadino comunista e l’evento spartiacque: i morti del luglio ’60. https://www.youtube.com/watch?v=6wuPbV6f76s&list=UUtFyTBZBEHf9HNcvXrYjN3A&index=6 2. Vietnam, metropoli e […]