InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il Cinema Palestinese: dal servire la rivoluzione all’espressione creativa

I critici concordano sul fatto che il cinema è rimasto quasi sconosciuto in Palestina prima della Nakba nel 1948.

Fonte: English version

Interactive encyclopedia of the palestine question

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Gli inizi del cinema in Palestina non sono diversi dai suoi inizi in altri Paesi arabi come Tunisia, Algeria, Marocco ed Egitto, dove i fratelli Lumière inviarono cineoperatori a girare tra la fine degli anni 1890 e 1900. I cineoperatori stranieri hanno assunto il ruolo principale nella creazione di film nella regione, aprendo la strada alle iniziative locali dopo l’indipendenza. Il primo film noto girato in Palestina è stato del regista di Lumière Jean Alexandre Louis Promio, che girò alcune scene a Giaffa e Gerusalemme nell’aprile 1897.

I critici concordano sul fatto che il cinema è rimasto quasi sconosciuto in Palestina prima della Nakba nel 1948. Le eccezioni includono i pochi film documentari o semi-documentari realizzati da registi ebrei che ritraggono la Palestina, le sue città e la vita dei suoi abitanti, come il film di 29 minuti: The First Film of Palestine (Il Primo Film della Palestina), girato e prodotto nel 1911 da Murray Rosenberg, e Liberated Judaea (Giudea Liberata) di Ya’acov Ben-Dov, che mostra il Generale britannico Edmund Allenby che entra a Gerusalemme alla fine del 1917. Una vera svolta nel cinema in Palestina ha avuto luogo dopo l’emergere del Movimento Rivoluzionario Palestinese nella seconda metà degli anni ’60. Di seguito, consideriamo tre aree del cinema palestinese che hanno interagito dialetticamente.

I film della rivoluzione palestinese nella diaspora

Dopo la Nakba, i registi palestinesi si rifugiarono in diversi Paesi arabi. Ibrahim Hassan Sirhan è andato in Giordania, dove ha realizzato il suo film Sira’ fi Jerash (Struggle in Jerash – Lotta in Jerash) nel 1957. Si trattava di un lungometraggio, che si dice fosse il primo film del suo genere realizzato in Giordania; il secondo, sempre in Giordania, è stato il film Watani Habibi (Il Mio Amato Paese, 1964), del regista Abdallah Ka’wash. Nel 1969 Abdel Wahhab al-Hindi, diplomato all’Istituto Superiore di Cinema del Cairo, realizza Kifah Hatta al-Tahrir (Lotta Fino alla Liberazione) e al-Tariq ila al-Quds (The Way to Jerusalem – La Via di Gerusalemme), lungometraggi che ritraggono la causa palestinese attraverso storie sulla lotta di liberazione e l’eroismo dei palestinesi contro il nemico sionista. Il regista palestinese Mohammed Salih al-Kilani, emigrato al Cairo dopo la Nakba, ha realizzato una raccolta di film documentari, alcuni dei quali sulla Palestina, come il suo cortometraggio Qaʻidat al-ʻUdwan (Le Ragioni dell’Aggressione) nel 1964. Nel 1969, dopo essersi trasferito in Siria, ha diretto un film intitolato Thalath ʻAmaliyyat Dakhil Filastin (Tre Operazioni all’Interno della Palestina), lungometraggio di cui ha scritto la sceneggiatura in collaborazione con Samir Nawar.

Il cinema rivoluzionario palestinese è decollato quando il movimento Fatah ha istituito il Centro di Cinematografia Palestinese, che ha preso forma grazie agli sforzi di un gruppo di registi tra cui Hani Jawhariyyeh, Salafa Mersal e Mustafa Abu Ali. Questo Centro ha contribuito a fondare il Gruppo Cinematografico Palestinese, che è entrato a far parte del Centro di Ricerca dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), che ha prodotto un unico film nel 1973, Mashahid Min al-Ihtilal fi Ghazza (Scenes from the Occupation in Gaza – Scene dall’Occupazione a Gaza) del regista palestinese Mustafa Abu Ali, un documentario di 13 minuti sulla dura realtà nelle città, nei villaggi e nei campi della Striscia di Gaza. Dopo che le forze palestinesi hanno lasciato la Giordania nell’estate del 1971, Mustafa Abu Ali ha girato un film intitolato Bi-l-rūh wa-l-dam (With Soul and Blood – Con Anima e Sangue), in cui analizza i sanguinosi eventi del settembre 1970 attraverso filmati documentari dal vivo, mescolati con scene recitate.

Il Gruppo Cinematografico Palestinese ha successivamente cambiato nome in Palestine Films, l’Istituto Cinematografico Palestinese, come parte dell’Ufficio di Divulgazione Congiunto dell’OLP. Tra i registi che vi hanno contribuito c’erano Mustafa Abu Ali, Samir Nimer, Qasim Hawal e Rasmi Abu Ali. Altri gruppi cinematografici sono emersi come parte del Comitato Artistico del Dipartimento di Divulgazione del Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina, per il quale Rafik Hajjar ha diretto il primo film del Dipartimento nel 1973, e del Comitato Artistico del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina; Qasim Hawal ha diretto il suo primo film nel 1972 e anche il regista Jibril Awad ha lavorato per esso. Il Dipartimento di Cultura e Divulgazione dell’OLP ha prodotto un film nel 1972, diretto da Qais al-Zubaidi; ha continuato a lavorare in quel dipartimento e ha diretto diversi film, tra cui Watan al-aslak al-sha’ika (Homemade Barbed Wire[1] – Terra di Filo Spinato, 1980) e Filistīn: Sjjil Shaʻb (Palestine: The Record of a People[2] – Palestina: Il Record di un Popolo, 1984). La Fondazione di Produzione Cinematografica Samed ha prodotto il suo primo film nel 1976: al-Miftāh (La Chiave), diretto da Ghalib Shaath.

Nella prima fase dello sviluppo del settore cinematografico palestinese negli anni ’70, la produzione cinematografica è stata frammentata tra i vari gruppi di resistenza palestinesi e il Dipartimento della Cultura e della Divulgazione dell’OLP. Il numero totale di film prodotti in quel decennio ammontava a circa 50 documentari di varia durata e un lungometraggio: ‘Ā’id ila Haifa (Return to Haifa[3] – Ritorno ad Haifa, 1982) del regista Qasim Hawal, basato sull’omonimo romanzo di Ghassan  Kanafani. Sono stati pubblicati anche alcuni numeri della Rivista di Cinema Palestinese. A causa di questa frammentazione, i finanziamenti per i film erano esigui e la produzione non era di alta qualità. Tuttavia, alcuni di questi film hanno preso parte a festival internazionali, come il Festival di Lipsia e il Festival di Mosca.

Per unire gli sforzi di produzione, il Dipartimento della Cultura e della Divulgazione dell’OLP ha proposto di creare un istituto generale per il cinema palestinese che avrebbe preso la forma di un’accademia cinematografica, con una ragione giuridica indipendente e un bilancio speciale, che riunisse i dipartimenti di tutte le fazioni palestinesi nell’OLP. Abdullah Hourani, direttore generale del Dipartimento della Cultura e della Divulgazione, ha adottato la proposta con entusiasmo e un apposito comitato di esperti è stato incaricato di definire lo statuto dell’istituto. La proposta è stata sottoposta al Comitato Esecutivo dell’OLP per l’approvazione e l’autorizzazione del suo statuto e del bilancio. Ma il Comitato Esecutivo ha continuato a rinviare una discussione sulla proposta fino all’invasione israeliana del Libano, a seguito della quale l’OLP e le fazioni palestinesi si sono ritirate dal Libano.

“Opere prime” prodotte nella diaspora e nella Palestina storica

Nella seconda fase della produzione cinematografica, molti lungometraggi palestinesi prodotti hanno avuto successo ai festival cinematografici e sono stati proiettati nei cinema commerciali di molti Paesi. A differenza della prima fase, il fatto che molte entità producessero film è stato un fattore positivo perché ha contribuito all’emergere dei lungometraggi palestinesi e al loro successo.

Questa sezione descrive il modo in cui i primi registi i cui film hanno raggiunto un pubblico internazionale significativo hanno affrontato il problema dell’identità palestinese. Viene recensito il lavoro di quattro registi: Michel Khleifi, Elia Suleiman, Rashid Masharawi e Hany Abu-Assad.

Michel Khleifi, palestinese di Nazareth che ha studiato in Belgio, ha iniziato la sua carriera artistica dirigendo quattro film prodotti dalla televisione belga insieme al regista belga André Dartevelle. Ha poi prodotto il film al-Dhakira al-khasiba (Fertile Memory[4] – Memoria Fertile, 1980) e il film documentario Maʻlul tahtafil bi-dimariha (Ma‘lul Celebrates Its Destruction – Ma’lul Celebra la sua Distruzione, 1985), prima di dirigere il lungometraggio Urs al-Jalil (Wedding in Galilee – Matrimonio in Galilea, 1987), che parla della cerimonia di matrimonio del figlio di un capo villaggio palestinese, alla presenza del governatore militare israeliano e dei suoi ufficiali. Questo film, che era una coproduzione palestinese-belga-tedesco- francese-britannica, ha vinto numerosi premi, il più importante dei quali è stato il Premio Internazionale della Critica al Festival di Cannes nel 1987, la Conchiglia d’Oro al Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián nel 1987, e il Tanit d’Oro al Festival di Cartagine nel 1988.

Elia Suleiman, anch’egli palestinese di Nazareth e cittadino statunitense, ha iniziato la sua carriera di regista con un cortometraggio intitolato: Introduction to the End of an Argument (Introduzione Alla Fine di un Argomento, 1990), codiretto da Jayce Salloum. Ha fatto seguito nel 1992 con Homage by Assassination[5] (Omaggio per un Assassinio) un cortometraggio, e nel 1996 con un documentario/lungometraggio intitolato Chronicle of a Disappearance[6] (Cronaca di Una Scomparsa), che affronta i problemi di identità degli arabi palestinesi che sono cittadini di Israele. Quest’ultimo film ha vinto diversi premi, tra cui il Premio per la miglior opera prima al Festival del cinema di Venezia. Nel 2002 ha realizzato Yad Ilahiyya (Intervento Divino[7]), che ha vinto il Premio della Giuria al Festival di Cannes, e nel 2009 al-Zaman al-baqi: Sirat al-hadir al-gha’ib [L’ultima Volta: La Biografia del Ruggito Assente] (Il Tempo che ci Rimane[8]). Il consenso della critica è che attraverso questi tre film Suleiman abbia compiuto un salto di qualità nel cinema arabo, nella tecnica narrativa e nello stile e nel linguaggio cinematografico, un salto che ha permesso di cogliere i dettagli della causa palestinese e di seguirne il corso, in un linguaggio che non cade nella retorica rivoluzionaria che il cinema palestinese aveva adottato negli anni ’70.

Rashid Masharawi, cresciuto nel campo profughi di Shati’ (Spiaggia) nella Striscia di Gaza, ha iniziato la sua carriera artistica dirigendo diversi cortometraggi e un cortometraggio documentario. Il suo primo lungometraggio è stato Hatta ish’aar akhar (Coprifuoco), uscito nel 1993, una coproduzione palestinese-olandese-francese- tedesca. Il film racconta la vita dei palestinesi nel campo profughi di Shati’, che fu allestito come rifugio temporaneo per poi diventare una casa permanente per migliaia di famiglie che hanno riposto le loro speranze nell’Autorità Palestinese per garantire il loro ritorno, ma senza successo. Il film ha vinto diversi premi, tra cui il Premio Piramide d’Oro al 17° Festival del Cinema del Cairo nel 1993 e il Premio per la miglior opera prima alla Biennale del Cinema Arabo di Parigi nel 1994. Masharawi ha poi diretto numerosi film, soprattutto dopo aver fondato il Centro di Produzione e Distribuzione Cinematografica a Ramallah nel 1996.

Hany Abu-Assad è nato a Nazareth nel 1961 e ha la cittadinanza olandese. Ha iniziato la sua carriera artistica nel 2002 dirigendo Urs Rana (Rana’s Wedding – Il Matrimonio di Rana[9]), ma la sua notorietà ha iniziato a crescere dopo l’uscita del suo secondo film, al-Janna al-ann (Paradise Now[10]), su due uomini palestinesi che si preparano per una missione suicida in Israele. Il film ha vinto diversi premi, tra cui il Golden Globe per il miglior film in lingua straniera nel 2006 e il Golden Calf Prize (Premio Vitello d’Oro) a Utrecht per il miglior film olandese. Nel 2013 ha realizzato Omar, che è stato proiettato nella sezione Un Certain Regard (Emergenti) al Festival di Cannes e ha riscosso molto successo di critica e pubblico. Il film racconta la storia di un giovane che lavora in una panetteria e deve scavalcare il muro costruito dalle autorità israeliane in Cisgiordania per incontrare la sua ragazza Nadia, finché non viene arrestato dalle autorità di occupazione e sottoposto a gravi torture psicologiche. Al Festival del Cinema di Dubai nel 2013, il film ha vinto il Golden Muhr Award (Premio Sigillo D’oro) come miglior lungometraggio arabo. Nel 2020 Abu-Assad ha distribuito Salun Huda (Huda’s Salon – Il Salone di Huda), che è stato proiettato al Festival Internazionale del Cinema di Toronto nel 2021. Il film, basato su eventi reali, esplora i concetti di lealtà, tradimento e libertà, attraverso una storia su eventi che si svolgono in un salone di parrucchiere a Betlemme di proprietà di una giovane donna chiamata Huda. Una giovane madre di nome Reem si reca spesso al salone per cambiare acconciatura e le cose si complicano quando viene fotografata in pose compromettenti a causa di Huda, che sta cercando di ricattarla per fare qualcosa che va contro i suoi principi. Alla fine Reem deve scegliere tra il suo onore e tradire il suo Paese.

Oltre a questi quattro registi, sono emersi altri registi palestinesi, tra cui Nizar Hassan, Eyad AlDaoud, Sobhi al-Zobaidi, Fajr Yacoub e Hicham Kayed.

Film di registe donne palestinesi

Shashat (Schermi), una ONG palestinese fondata a Ramallah nel 2005 e gestita dalla regista Alia Arasoughly, è una delle più importanti istituzioni cinematografiche palestinesi che si è concentrata sui film di donne palestinesi sin dalla sua fondazione. Mostra film al femminile come parte del suo progetto Let’s See a Film (Andiamo a Vedere un Film) e ha prodotto circa 60 film di varia durata che mostrano la vita delle donne palestinesi in tutti i settori della società palestinese. Shashat ha vinto il premio per l’eccellenza nel cinema dal Ministero della Cultura Palestinese nel 2010. Oltre ai film che Shashat ha prodotto, ci sono stati film di spicco di registe palestinesi come Mai Masri, Annemarie Jacir e Najwa Najjar.

Nel 1983 la regista, montatrice e fotografa palestinese Mai Masri, che aveva studiato cinema a San Francisco, terminò il suo primo film Taht al-anqad (Under the Rubble – Sotto le Macerie), un documentario di 40 minuti su Beirut e l’invasione israeliana del 1982. Nei due decenni successivi Masri scrisse la sceneggiatura, curò la fotografia e il montaggio e diresse diversi film, a volte in collaborazione con il suo defunto marito, Jean Chamoun. I suoi film includono Beirut: Jil al-harb (War Generation – Generazione di Guerra, 1988), Atfal jabal al-nar (Children of the Fire Mountain – Figli della Montagna del Fuoco, 1990), Hanan Ashrawi: Imra’a fi zaman al-tahaddi (Hanan Ashrawi: A Woman of Her Time – Una Donna del Suo Tempo, 1995), Atfal Shatila (Children of Shatila – Figli di Shatila[11], 1998) e Ahlam al-manfa (Dreams of Exile[12] – Sogni d’Esilio, 2001). Nel 2015 il suo lungo film drammatico, Thalatat alaf layla (3000 Nights[13] – 3000 Notti), è stato proiettato al Festival Internazionale del Cinema di Toronto e ha vinto numerosi premi internazionali. Il film parla di un’insegnante palestinese che viene detenuta in una prigione israeliana con un’accusa infondata e dà alla luce un figlio in prigione.

Annemarie Jacir è nata a Betlemme nel 1974 e ha la cittadinanza statunitense. Il suo primo lungometraggio è stato Milh hadha al-bahr (Salt of This Sea[14] – Il Sale di Questo Mare, 2008), che mostrava le pratiche dell’occupazione israeliana, i posti di blocco e il disprezzo degli israeliani per la dignità umana in Cisgiordania, attraverso la storia di Thoraya, una giovane donna palestinese che nasce a Brooklyn negli Stati Uniti e decide di tornare in Patria per iniziare una nuova vita. Ma presto si scontra con la dura realtà quando scopre che non può reclamare i risparmi di suo nonno che erano stati depositati presso la Palestine-British Bank (Banca d’Inghilterra di Palestina) prima del 1948. Nel tentativo di superare l’amara realtà nei Territori Palestinesi, Thoraya si unisce a Emad, un giovane palestinese anch’egli in gravi difficoltà. I due decidono di rapinare la banca dove il nonno ha depositato i suoi risparmi. Il film è stato proiettato al Festival Internazionale del Cinema di Cannes nel 2008 e ha vinto il Premio FIPRESCI (Critica Cinematografica Internazionale ) e il Premio Speciale della Giuria al Festival del Cinema di Osian a Nuova Delhi. Annemarie Jacir è stata l’unica regista interessata ai film rivoluzionari palestinesi e ha cercato di riscrivere la storia dei film della rivoluzione e dei suoi inizi in collaborazione con un gruppo di registi e critici. Ha organizzato diverse proiezioni in Palestina, a partire dal progetto cinematografico Dream of a Nation (Sogno di una Nazione) e un programma di film rivoluzionari palestinesi negli Stati Uniti. Nel 2012 ha realizzato Lamma Shuftak (When I Saw You[15] – Quando Ti Ho Visto), un lungometraggio di coproduzione palestinese, giordana ed Emirati Arabi Uniti. Racconta la storia di una famiglia palestinese sfollata in Giordania dopo la guerra del 1967 con Israele e che si stabilisce nel campo profughi della città di Jerash. Il film ha vinto premi al Cairo, Orano, Cartagine e Abu Dhabi.

Najwa Najjar è nata a Washington, DC, nel 1973. Il suo primo lungometraggio è stato Pomegranates and Myrrh[16] (Melograni e Mirra) nel 2008, che affronta le sofferenze dei palestinesi sotto occupazione attraverso la storia di una famiglia cristiana palestinese di Ramallah. Il figlio sposa una giovane donna di Gerusalemme e le autorità di occupazione le confiscano la terra di sua proprietà. Nel 2014 Najjar ha diretto il suo secondo film Uyun al-haramiyya (Eyes of a Thief[17] – Occhi di un Ladro), ispirato a un’operazione condotta da un giovane cecchino palestinese chiamato Tha’ir Hammad a Wadi al-Haramiyya vicino a Ramallah. Hammad è stato in grado di sparare e colpire 23 soldati israeliani, usando un fucile della Seconda Guerra Mondiale e solo 25 proiettili, prima di scappare.

Conclusione

Tra il 1916 e il 2005 sono stati realizzati un totale di 799 film sulla Palestina che hanno coinvolto 204 registi. Tra il 2006 e il 2019 sono stati realizzati 547 film che hanno coinvolto 369 registi. Come spiegare questo interesse cinematografico per la Palestina, nonostante il declino dell’interesse arabo e internazionale per la causa del popolo palestinese?

Una delle ragioni più importanti per la continuazione dell’interesse cinematografico arabo in Palestina è il numero crescente di festival cinematografici arabi, alcuni dei quali finanziano e sovvenzionano la produzione di lungometraggi e documentari, organizzano proiezioni e danno preziosi premi ai film vincitori. Festival internazionali come Cannes, Venezia, Berlino, Locarno e Toronto hanno anche aperto le loro porte a lungometraggi e documentari palestinesi di varia durata, e festival dedicati specificamente ai film palestinesi di ogni tipo sono apparsi in diverse città europee, come Londra, Parigi, Strasburgo e Bruxelles, che hanno contribuito a promuovere i film palestinesi, presentare i registi al mondo e dare loro la possibilità di collaborare tra loro.

Note:

[1] Homemade Barbed Wire – Terra di Filo Spinato, 1980: https://palestinefilms. org/en/Film/1980/Homemade- barbed-wire

[2] Palestine: The Record of a People[2] – Palestina: Il Record di un Popolo, 1984: https://palestinefilms. org/en/Film/1984/PALESTINE-A- PEOPLE-S-RECORD

[3] Return to Haifa – Ritorno ad Haifa, 1982: https://www. palestinefilminstitute.org/en/ pfp/archive/return-to-haifa

[4] Fertile Memory – Memoria Fertile, 1980: https://www.mymovies.it/ film/1980/la-memoria-fertile/ pubblico/?id=755408

[5] Homage by Assassination – Omaggio per un Assassinio, 1992: https://youtu.be/ L25WlRh6OlI

[6] Chronicle of a Disappearance – Cronaca di Una Scomparsa, 1996: https://www. amiciziaitalo-palestinese.org/ index.php?option=com_content& view=article&id=1760&catid=79& Itemid=68

[7] Intervento Divino, 2002: https://www.mymovies.it/ film/2002/intervento-divino/

[8] Il Tempo che ci Rimane, 2009: https://www.mymovies.it/ film/2009/iltempochecirimane/

[9] Rana’s Wedding – Il Matrimonio di Rana, 2002: https://www. amiciziaitalo-palestinese.org/ index.php?option=com_content& view=article&id=1758&catid=79& Itemid=68

[10] Paradise Now, 2005: https://www.longtake.it/ news/paradise-now

[11] Children of Shatila – Figli di Shatila, 1998: https://youtu.be/ eoSrxdrT2EU

[12] Dreams of Exile – Sogni d’Esilio, 2001: https://www. palestinefilminstitute.org/en/ pfp/archive/frontiers-of- dreams

[13] 3000 Nights – 3000 Notti, 2015: https://www.recensito. net/cinema/3000nights- palestina-film-recensione.html

[14] Salt of This Sea – Il Sale di Questo Mare, 2008: https://youtu.be/ 6iNVYvhf9Vw

[15] When I Saw You – Quando Ti Ho Visto, 2012: https://www.mymovies.it/ film/2012/whenisawyou/

[16] Pomegranates and Myrrh – Melograni e Mirra, 2008: https://www.themoviedb. org/movie/74300-al-mor-wa-al- rumman

[17] Eyes of a Thief – Occhi di un Ladro, 2014: https://www.mymovies.it/ film/2014/eyesofathief/

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

cinemapalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Qatar. Calcio, sangue, armi, gas

La squadra italiana non parteciperà a questi mondiali perché non si è qualificata, ma al posto dei calciatori sarà comunque presente una task force italiana che comprende circa 600 militari e carabinieri, con mezzi e armamenti terrestri, navali ed aerei.

Immagine di copertina per il post
Culture

26 anni di Askatasuna: “In lotta nel presente, lo sguardo sul futuro”

Sono passati 26 anni: turbolenti, eccezionali, difficili, ma sempre ribelli.
Siamo ancora qui, nell’ ex asilo degli gnomi, nella casa rossa, al 47 di Corso Regina Margherita.

Immagine di copertina per il post
Culture

Guerra e rivoluzione nell’immaginario cinematografico contemporaneo

Un film che gronda letteralmente sangue, fango, violenza, paura, fame, orrore e merda. Sia fisica, quest’ultima, che ideologica. Ma che non sa sottrarsi alla vita politica della Germania odierna.

Immagine di copertina per il post
Culture

Sognavo di essere una camionista

La storia de Las Reinas de la 57, otto camioniste protagoniste di un progetto di documentazione del fotografo Miguel Pérez, che ha deciso di raccontare la loro quotidianità sulla strada, con i loro sogni e le loro lotte.

Immagine di copertina per il post
Culture

Complottismo e narrative egemoniche: sono così diverse?

Quello che accomuna “teorie del complotto” e narrative egemoniche è la costruzione di regimi di verità fondati su drastici meccanismi di semplificazione.

Immagine di copertina per il post
Culture

Gli sport da combattimento e Bolsonaro

Un punto di vista interessante sulla questione è sicuramente quello offerto dagli endorsement ricevuti in campagna elettorale dall’ex presidente Bolsonaro da parte di atleti di diverse discipline.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: Netanyahu torna al potere con l’ultradestra

Dopo lo spoglio del 85 % dei seggi (ore 12 del 2 novembre) il blocco dei partiti che sostengono Benyamin Netanyahu si avvia a conquistare 67 seggi sui 120 della Knesset, quindi la maggioranza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inviato ONU: la situazione della sicurezza in Cisgiordania è in una spirale di deterioramento

L’inviato delle Nazioni Unite per la pace in Medio Oriente, Tor Wencesland, ha informato venerdì il Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla situazione nei Territori palestinesi occupati. Ha affermato che la situazione in Palestina è “molto deteriorata” e che “la situazione della sicurezza nella Cisgiordania occupata è bloccata in un ciclo di continuo deterioramento”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Violenti scontri notturni a Gerusalemme

Violenti scontri sono scoppiati durante la notte e all’alba di sabato nella Gerusalemme occupata, a seguito dell’invasione della polizia israeliana in diverse località.

Immagine di copertina per il post
Culture

ORA BASTA! 2022 a Pisa in ricordo di Sciàscià

Segnaliamo l’evento che si svolgerà a Pisa, presso lo Spazio Antagonista Newroz, il 23 e 24 settembre. Il ricavato andrà a sostenere i comitati per la salute in Palestina.  Dopo due anni di stop, dovuti alla pandemia, ritorna la due giorni di iniziative in ricordo di Andrea Magagnini, Sciascià, nostro compagno e amico, scomparso nell’estate […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

PALESTINA: PESTATO E ARRESTATO HAFEZ HURAINI, STORICO ESPONENTE DEI COMITATI DI RESISTENZA POPOLARE A MASAFER YATTA

In Palestina monta la protesta, arrivata anche a livello internazionale, per il brutale intervento dell’esercito israeliano nella zona di Masafer Yatta, 19 storici villaggi palestinesi a sud di Hebron. I villaggi palestinesi a ridosso del Negev sono sotto minaccia di sgombero da mesi: diversi di loro sono già stati rasi al suolo per fare spazio […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’abuso dei poteri delle leggi “antiterrorismo” soffoca la libertà della società civile in Medio Oriente.

L’uso improprio della retorica e delle autorità antiterrorismo stanno incoraggiando gli Stati autoritari, contribuendo a un regresso democratico e diminuendo la nostra sicurezza collettiva.    In tutto il mondo, assistiamo a una pratica costante di abuso del linguaggio e delle leggi antiterrorismo per prendere di mira, mettere a tacere e danneggiare la società civile e […]