InfoAut
Immagine di copertina per il post

La repressione del rap politico in Spagna: i casi di Pablo Hasel, Valtonyc e La Insurgencia

elsaltodiario.com||||

In Spagna, non tiene banco solo il caso del conflitto catalano come processo politico e culturale in cui viene portata avanti dalle istituzioni centrali un soffocamento delle libertà d’ espressione e la repressione tramite incarceramento di politici e sostenitori dell’indipendentismo.

Dal post 2012 e nelle stagioni successive, che videro mobilitazioni imponenti mettere in discussione il sistema della rappresentanza parlamentare e i diktat dei tagli ai settori sociali più deboli e ai servizi maggiorente basilari, il Governo ha cominciato a martellare imponendo una serie di modifiche all’ordinamento giuridico volto a reprimere il dissenso, sia esso fisico che verbale.
Sia esso dettato da manifestazioni di supposta resistenza passiva, sia di quella di resistenza attiva; sia espressioni di tipo verbale nelle piazze, che quelle che circolano attraverso diversi canali mediali virtuali, e tra queste la musica.
E’ in questo contesto di attacco alle libertà collettive e individuali, e un aumento generalizzato di un clima di cattiveria, che alcune figure cardine del giovane rap politicizzato spagnolo sono finiti in carcere con condanne quantomeno pesanti. Questo negli ultimi quattro anni. Una fotografia eloquente del clima esercitato dalle governance che al contempo sfuggono e si salvano dalle imputazioni per corruzione e finanziamento illecito; l’ ultimo caso di rapper incriminato è quello di Valtonyc, che già fu cindannato nel 2017, e del quale il tribunale Supremo ha confermato una settimana fa la pena.

Nel 2014 invece arrivò la condanna per il rapper catalano Pablo Hasel, che in queste settimane si ritrova di fronte a un’ altra causa per diversi tweets e altre sue canzoni: due anni di carcere comminati dalla Audencia Nacional, che non scontò dentro l’ istituto penitenziario avvalendosi del fatto che la pena non superava i 24 mesi.
Secondo lui stesso, l’accanimento contro i suoi testi e la sua persona è dovuta al fatto che lo Stato si muove per fare piegare la schiena contro chi dimostra di non avere paura di fronte alle sue minacce. Non solo, Hasel oltre a non rinnegare la natura estremamente “antisistema” e critica dei suoi testi, ha rivendicato il fatto che per lui ci siano state perfino mobilitazioni e manifestazioni solidali a partire da Lleida, sua città natale.
“La libertà d’ espressione finisce laddove inizia a disturbarli, pertanto non c’è”, una delle sue dichiarazioni.
Alcune delle sue espressioni maggiormente contestate sono “Mio fratello entra nella sede del PP gridando !Gora ETA!”, “pena di morte subito alle patetiche figlie del Re”, e altre per le quali secondo i tribunali ci sarebbe un chiaro incitamento all’odio
di matrice terroristica.

Josè Miguel Arenas beltràn, alias Valtonyc, fu condannato dall’ Audiencia nacional a tre anni e mezzo di carcere nel febbraio dell’ anno scorso. Una sentenza che motivava il suo ingresso in prigione, dacché la pena era superiore ai due anni. Tra qualche tempo si saprà l’ esito del suo ricorso.
“Voglio trasmettere agli spagnoli un messaggio di speranza; ETA è una gran nazione”; “che non si spaventi nessuno la giustizia è semplice, però è in vacanza con Publio Cordon nei Caraibi”; .”Se capisci, come per il caso Barcenas, perdo le carte e nei quartieri grido Gora ETA”. Nelle sue composizioni incriminate, ci sono riferimenti alla famiglia reale, come “Borghese, né tu ne nessun altro mi farà cambiare opinione, caprone, compiere l’ atto dì fucilare il Borbone”.

Prima della sua condanna, il rapper che per l’ appunto viene dalle Baleari ha confermato che continuerà nel dire che i “Borboni sono dei mafiosi”,. Durante le udienze, ha assicurato parlando in catalano che è solo un poeta e un artista. Secondo il Tribunale Supremo, i testi di Valtonyc “non sono irrilevanti; non realizzano una critica politica al capo dello Stato, ma ingiuriano, calunniano, e minacciano di morte al Re o a membri della Famiglia Reale”. In questo contesto, il rapper ha ricevuto appoggio da diverse formazioni politiche. Il leader di Podemos, Pablo Iglesias, ha criticato la decisione del supremos, mentre vari senatori di Esquerra Republica de Catalunya hanno mostrato nella Camera Alta svariati cartelli chiedendone la liberazione.

Il collettivo di rapper “La Insurgencia” fu condannato per incoraggiamento al terrorismo a due anni e un giorno, il che li ha portati a stare in carcele per 24 ore. Tutti i dodici membri del gruppo erano senza antecedenti.
Per Shahid, uno dei membri, la loro musica è rivendicativa, e segue uno stile che non “hanno scelto, ma ci hanno obbligato a scegliere”.

“Chiaramente reppiamo con rabbia, e abbiamo rancore verso chi ci ha rubato il futuro”, dice in alcune interviste. “In qualunque quartiere operaio si sta vedendo la miseria assoluta, come per le pensioni dei nonni o per i lavori precari”. Anche nei loro testi menzionano la famiglia reale, e lanciano anatemi contro la Polizia e il sistema giudiziario. Nonostante la censura e la condanna assoluta dei media generalisti spagnoli, molti video continuano a essere visti e fatti circolare tramite Youtube.
Come per altri gruppi rap in passato in Europa, (vedasi i casi francesi, in particolare per i rapper delle banlieues), la gogna della censura spagnola arriva ora che la crisi si acuisce e crescono i risentimenti populisti da una parte, così come l’ odio verso i poteri costiuiti covano in maniera più o meno esplicita ai margini della società. E, molto spesso, vengono incarnati e trovano una eloquenza nei testi come quelli di Vitalyc, Hasel o di “La Insurgencia”.

*[tutte le citazioni virgolettate sono liberamente tratte e tradotte da El Salto Diario]

 

 

Pablo Hasel

[iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/iJ3vqy-G6Zk” frameborder=”0″ allow=”autoplay; encrypted-media” allowfullscreen ]

@PabloHAsel on YouTube

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

rapspagna

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Culture

Immagini di classe. Produzione artistica, operaismo, autonomia e femminismo

Jacopo Galimberti, Immagini di classe. Operaismo, Autonomia e produzione artistica, DeriveApprodi, Bologna 2023

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amnistia in Catalogna, prosegue il dibattito

In Spagna è stata respinta l’attesa legge sull’amnistia per gli attivisti indipendentisti catalani e per le persone coinvolte nel referendum dell’ottobre 2017.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Scontri in centro a Madrid, l’ennesima manifestazione di una destra ipocrita e disperata

“Chi può fare qualcosa, la faccia” diceva qualche giorno fa José María Aznar, ex premier e leader spirituale del Partito popolare (Pp). Il messaggio è stato rilanciato da altri rappresentanti politici e mediatici della destra ed estrema destra spagnola —se nel paese iberico è ancora possibile fare questa distinzione— e ha spronato centinaia di persone […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Spagna: un’agricoltura che consideri l’acqua come un bene comune

L’inquinamento e la scarsità dell’acqua derivanti dal cambiamento climatico ostacolano le prospettive delle generazioni attuali e future.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna: smascherato un sesto agente di polizia sotto copertura nei movimenti

In 15 mesi, un totale di sei agenti di polizia sotto copertura sono stati identificati nei movimenti sociali in Spagna e Catalogna. L’ultimo poliziotto è stato scoperto dopo un’operazione di infiltrazione che è durata nove anni…

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Spagna, elezioni: avanti il PP, ma di misura. In calo i fascisti di VOX. PSOE e SUMAR tengono. Nessuno ha la maggioranza assoluta

Alle elezioni politiche in Spagna vince il Partido popular, ma di misura. La destra non sfonda. Contro i pronostici, i socialisti del Psoe, guidati dal premier uscente Sanchez, tengono. In calo, invece, la destra fascista e sovranista di Vox.

Immagine di copertina per il post
Culture

SPECIALE BANLIEUE “Vogliamo che questi prigionieri vengano rilasciati”. Intervista al rapper Médine

Médine, pseudonimo di Médine Zaouiche, è un rapper francese di origini algerine. I suoi nonni emigrarono in Francia dopo la seconda guerra mondiale ed è cresciuto nel quartiere popolare di Caucriauville a Le Havre.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Una poliziotta si è infiltrata per tre anni nei movimenti popolari a Girona

L’ufficiale del Corpo di Polizia Nazionale spagnolo Maria I.T. è la quarta spia scoperta nella classe del 2019. La sua missione di spionaggio si è concentrata sull’indipendentismo, l’antirazzismo e il movimento per la casa.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna, alla polizia piacciono le palestre popolari. Per infiltrarsi

Identificata un’agente infiltrata nei movimenti di Madrid. Si aggiunge alla lista di poliziotti infiltrati a Barcellona e Valencia di Ter Garcìa da PopOff Quotidiano Mavi, come si è saputo, ha contattato La Animosa per la prima volta il 5 novembre 2022 per proporle di organizzare un evento legato alla giustizia climatica. All’epoca, l’assemblea del centro […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lo sciopero nazionale delle lavoratrici di Inditex in Spagna: “È una scintilla in espansione”

In Spagna, la multinazionale Inditex (Zara, Bershka, Pull and Bear ecc) sta vivendo un acceso conflitto lavorativo al suo interno, da quando, lo scorso dicembre, un gruppo di lavoratrici ha organizzato uno sciopero molto partecipato che ha portato ad un aumento significativo dei loro stipendi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Euskal Herria. Manifestazione di massa per chiedere che il ritorno a casa dei prigionieri politici baschi diventi realtà

Sotto lo slogan “Etxera bidea gertu” e dopo due anni di mobilitazioni decentralizzate nei villaggi a causa della pandemia, Sare e Bake Bidea hanno riunito decine di migliaia di persone a Bilbao in difesa dei diritti dei prigionieri baschi.