InfoAut
Immagine di copertina per il post

Scontri in centro a Madrid, l’ennesima manifestazione di una destra ipocrita e disperata

“Chi può fare qualcosa, la faccia” diceva qualche giorno fa José María Aznar, ex premier e leader spirituale del Partito popolare (Pp).

Il messaggio è stato rilanciato da altri rappresentanti politici e mediatici della destra ed estrema destra spagnola —se nel paese iberico è ancora possibile fare questa distinzione— e ha spronato centinaia di persone a presentarsi davanti alle sedi del Psoe in diversi punti del territorio nazionale. A Madrid, le cui istituzioni comunali e regionali sono in mano alle destre, i manifestanti hanno occupato diverse strade nelle sere di lunedì e martedì, in particolare quelle vicine alla sede del Psoe di Calle Ferraz. Si sono registrate alcune cariche leggere della polizia verso la fine della manifestazione e utilizzo sparso di spray al peperoncino, anche se la maggior parte del tempo i circa 5.000 manifestanti hanno potuto spostarsi liberamente, “scortati” dagli agenti in tenuta antisommossa. Nonostante i toni drammatici dei messaggi lanciati da diversi manifestanti sui social —da persone evidentemente poco abituate a subire la violenza della polizia—, soltanto tre persone hanno avuto bisogno di cure mediche e sei manifestanti sono stati arrestati (numeri nettamente più bassi rispetto a molte manifestazioni recenti).

Il presidente del Pp e capo dell’opposizione Alberto Nuñez Feijóo ha negato che il suo partito abbia organizzato le proteste, ma ha anche convocato delle nuove manifestazioni per la prossima domenica 12 novembre davanti alle sedi socialiste di tutti i capoluoghi spagnoli. Santiago Abascal, ex militante del Pp e attuale presidente di Vox, ha denunciato “l’eccessiva violenza” della polizia contro i manifestanti, affermando che questi siano stati “pacifici”, ad eccezione di qualche “provocatore inviato da Ferraz”. È inutile dire che questi stessi rappresentanti politici applaudono puntualmente la polizia quando la violenza e gli arresti arrivano nel contesto di una qualsiasi manifestazione di contenuto sociale. Il leader del partito postfascista ha chiamato inoltre le forze dell’ordine “a disobbedire ordini illegali se dovessero arrivare di nuovo”.

Anche se per i leader dei partiti di destra i manifestanti erano semplici “cittadini arrabbiati”, una certa omogeneità politica e culturale era più che evidente: croci di Borgogna, morioni (entrambi vecchi simboli imperiali), braccia tese e bandiere franchiste; cori innegiando a Franco e invitando i celerini ad unirse a loro; presenza di membri del partito Falange, della società di sfratti extragiudiziali Desokupa, dei neofascisti di Hogar Social e, nella sera di lunedì —forse solo dopo hanno capito la sconvenienza della loro partecipazione—, anche di esponenti di Vox, partito che governa da solo o in coalizione con il Pp in diverse città e regioni del Paese.

La motivazione esplicita delle proteste era uno dei cavalli di battaglia delle destre spagnole: la difesa dell’unità di Spagna, minacciata in questo caso dal cosiddetto “governo più progressista della storia” —anche se molto ben voluto dai mercati internazionali— e dai suoi complici, i separatisti catalani. Il contesto era quello delle trattative fra il Psoe e Junts per Catalunya per raggiungere un accordo che permettesse a Pedro Sánchez di essere confermato alla guida di un nuovo governo di coalizione. Le trattative sono iniziate dopo il flop elettorale di Pp e Vox, che non sono riusciti a ottenere nelle elezioni dello scorso luglio una maggioranza sufficiente a governare, e anche dopo la messa in scena che ha visto come protagonista Alberto Nuñez Feijóo, candidato a premier per il Pp, che si è presentato davanti al parlamento per cercare di ottenere la fiducia, affrontando una votazione che sapeva persa in partenza.

Quel risultato elettorale, inoltre, ha dato a Junts per Catalunya, il grande partito della borghesia catalana, un inaspettato potere contrattuale. Considerando le alleanze già più o meno stabilite, il voto favorevole dei suoi sette deputati in Parlamento è indispensabile per permettere a Sánchez di rimanere premier. L’accordo con Junts, presentato pubblicamente ieri pomeriggio, è uno degli ultimi che i socialisti hanno dovuto chiudere per permettere la nascita di un nuovo governo di coalizione a maggioranza socialista. Il punto centrale dell’accordo è una promessa di legge di amnistia per le persone accusate di reati nel contesto del processo per l’indipendenza della Catalogna, tra cui c’è il presidente di Junts, Carles Puigdemont, trasferitosia Bruxelles dal 2017. Una misura che pretende di “degiuridicizzare” il conflitto politico fra la Catalogna e lo Stato spagnolo, e che dovrebbe far estinguere i reati di tutte le persone legalmente coinvolte nelle giornate del 9 novembre 2014 e del 1 ottobre 2017 (date in cui sono stati organizzati dalla Generalitat della Catalogna rispettivamente una consultazione sullo status della Catalogna e un referendum per l’indipendenza). Questo punto è stato anche incluso nell’acordo fra il Psoe e il partito Sinistra repubblicana di Catalogna (Erc), firmato pochi giorni fa.

La promessa amnistia è stata il bersaglio delle ire delle destre spagnole, lanciate in un’ipocrita crociata contro quella che considerano una resa della loro amata patria ai secessionisti. Ipocriti i boss della destra mediatica perché non hanno alzato la voce contro la grazia di cui, di fatto, gode il re emerito Juan Carlos de Borbón. Sebbene viva come esule volontario ad Abu Dhabi dall’estate del 2020 (dopo l’apertura di diversi processi giudiziari contro di lui), l’ex monarca ed erede del dittatore ha potuto da allora visitare in diverse occasioni la Spagna e poi tornare liberamente nella sua nuova casa. Ipocrita il Pp perché negli ultimi decenni i suoi dirigenti hanno graziato migliaia di persone mentre erano al governo: solo durante i governi Aznar si è arrivati a 5.948 graziati (molti dei quali accusati di corruzione e prevaricazione), includendo, fra gli altri, alcuni membri dei GAL (gruppi parapoliziali che hanno praticato il terrorismo di Stato contro l’Eta negli anni 80); mentre delle 898 persone graziate dai governi di Mariano Rajoy, l’ultimo primo ministro espresso finora dal Pp, “solo” 16 erano state accusate direttamente di corruzione.

In fondo a questo quadro spicca l’amnistia approvata nel 1977, pochi mesi dopo le prime elezioni “libere” in Spagna dal 1936 (a cui parteciparono anche i partiti messi al bando dal franchismo). Quella legge fece estinguere tutti i reati “derivati da atti di intenzionalità politica” realizzati prima di quell’anno, amnistiando tutte le persone colpite fino a quel momento dalle leggi franchiste. Ma non solo: sono state anche amnistiate tutte le autorità, i funzionari e gli agenti delle forze dell’ordine che avessero commesso reati o violato “i diritti delle persone” durante quei lunghi e sanguinolenti decenni. Un’equiparazione, dunque, tra repressori e repressi, tra boia e vittime, in un Paese che appena negli ultimi anni ha iniziato a fare i conti con la sua dittatura.

In ogni caso, non serve analizzare la situazione troppo in profondità per capire che per Pp, Vox e il sistema mediatico-giudiziario a loro favorevole, il problema non è tanto l’amnistia, quanto il fatto che, ancora una volta, stiano per perdere la possibilità di raggiungere il governo statale. Pare così che abbiano deciso di iniziare una campagna golpista, fatta sia di lawfare (grazie alla connivenza di una magistratura perlopiù “conservatrice”) sia —visti i fatti degli ultimi giorni— di agitazione di strada. Una situazione che richiama il tentativo di golpe del 23 febbrario 1981, il cui fallimento fu dovuto più alla scarsa capacità e determinazione dei suoi promotori che alle reazioni della controparte.

[foto di Dani Gago per El Salto]

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi Pedro CastrilloTag correlati:

spagna

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis agli arresti domiciliari a Budapest. Accolto il ricorso degli avvocati.

Ilaria Salis può uscire dal carcere e andare agli arresti domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ignobile pestaggio di Chef Rubio a Roma

Gabriele Rubini, a tutti noto come Chef Rubio, è stato aggredito mercoledì notte davanti alla sua casa romana da almeno sei persone, che lo hanno pestato e insultato al grido di “Pezzo di merd*, così impari”.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Puntata speciale 25 aprile: resistenze di ieri e di oggi.

In questa puntata del 25 aprile dell’informazione di Blackout abbiamo voluto sottolineare il legame forte e prioritario che ha la resistenza palestinese oggi con le possibilità che si aprono anche alle nostre latitudini.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Contro fascismo, sessismo, razzismo e guerra. Ora e sempre resistenza! Siamo sempre qua.

La facciata del centro sociale Askatasuna assume una nuova veste. In un presente senza storia rimettiamo al centro la Storia di ieri per guardare in avanti, in una prospettiva in cui c’è bisogno di tutta la capacità, le forze, le intelligenze di ognuno e ognuna per produrre trasformazioni .

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifa Budapest: Corteo a Roma né prigione né estradizione

Sabato 23 marzo a Roma c’è stato un corteo in solidarietà con Ilaria Salis, Gabriele e tutte le persone imputate per i fatti di Budapest. Il corteo è partito da metro Policlico, è passato nei pressi dell’ambasciata e poi è entrato nel quartiere di San Lorenzo dove si è concluso. Abbiamo raccolto diverse voci dal […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amnistia in Catalogna, prosegue il dibattito

In Spagna è stata respinta l’attesa legge sull’amnistia per gli attivisti indipendentisti catalani e per le persone coinvolte nel referendum dell’ottobre 2017.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Spagna: un’agricoltura che consideri l’acqua come un bene comune

L’inquinamento e la scarsità dell’acqua derivanti dal cambiamento climatico ostacolano le prospettive delle generazioni attuali e future.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna: smascherato un sesto agente di polizia sotto copertura nei movimenti

In 15 mesi, un totale di sei agenti di polizia sotto copertura sono stati identificati nei movimenti sociali in Spagna e Catalogna. L’ultimo poliziotto è stato scoperto dopo un’operazione di infiltrazione che è durata nove anni…

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Spagna, elezioni: avanti il PP, ma di misura. In calo i fascisti di VOX. PSOE e SUMAR tengono. Nessuno ha la maggioranza assoluta

Alle elezioni politiche in Spagna vince il Partido popular, ma di misura. La destra non sfonda. Contro i pronostici, i socialisti del Psoe, guidati dal premier uscente Sanchez, tengono. In calo, invece, la destra fascista e sovranista di Vox.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Una poliziotta si è infiltrata per tre anni nei movimenti popolari a Girona

L’ufficiale del Corpo di Polizia Nazionale spagnolo Maria I.T. è la quarta spia scoperta nella classe del 2019. La sua missione di spionaggio si è concentrata sull’indipendentismo, l’antirazzismo e il movimento per la casa.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna, alla polizia piacciono le palestre popolari. Per infiltrarsi

Identificata un’agente infiltrata nei movimenti di Madrid. Si aggiunge alla lista di poliziotti infiltrati a Barcellona e Valencia di Ter Garcìa da PopOff Quotidiano Mavi, come si è saputo, ha contattato La Animosa per la prima volta il 5 novembre 2022 per proporle di organizzare un evento legato alla giustizia climatica. All’epoca, l’assemblea del centro […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lo sciopero nazionale delle lavoratrici di Inditex in Spagna: “È una scintilla in espansione”

In Spagna, la multinazionale Inditex (Zara, Bershka, Pull and Bear ecc) sta vivendo un acceso conflitto lavorativo al suo interno, da quando, lo scorso dicembre, un gruppo di lavoratrici ha organizzato uno sciopero molto partecipato che ha portato ad un aumento significativo dei loro stipendi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Euskal Herria. Manifestazione di massa per chiedere che il ritorno a casa dei prigionieri politici baschi diventi realtà

Sotto lo slogan “Etxera bidea gertu” e dopo due anni di mobilitazioni decentralizzate nei villaggi a causa della pandemia, Sare e Bake Bidea hanno riunito decine di migliaia di persone a Bilbao in difesa dei diritti dei prigionieri baschi.