InfoAut
Immagine di copertina per il post

Bologna risponde al sequestro degli spazi di autogestione e alle misure cautelari

Se la decisione che è stata presa sulle nostre vite questo martedì ci ha colpite, quello che è successo ieri lo ha fatto ancora di più.

da CUA Bologna

In migliaia abbiamo ripreso le strade del centro di Bologna con un potentissimo grido di solidarietà e di rabbia per le misure repressive che hanno colpito tante di noi e che hanno espulso due compagne, uno studente e una studentessa, una piccola parte di un noi molto più grande, dalla città di Bologna.

Ieri sera abbiamo dimostrato con il sorriso, a testa alta, che ogni attacco alle nostre lotte per la libertà, per la vita, vedrà risposte collettive determinate. Per una vita bella, che ci permetta di stare bene, di non sottostare ad alcun ricatto economico o di merito, che non disciplini i nostri corpi e i nostri desideri. Per questo in tanti e tante, in un battito di cuore collettivo e potentissimo, abbiamo ancora una volta ripreso le strade di questa città che tenta costantemente di normarci, rifiutarci, espellerci.

Già da mesi il clima mediatico, giudiziario e questurino tenta di porre un freno alla rabbia sociale che muove i nostri passi per le strade di Bologna e che fa bruciare un desiderio impellente di riscatto. Lo abbiamo sperimentato con lo sgombero di via Oberdan, che dava casa a tant3 student3 cui l’unica accoglienza che la città di Bologna e l’UniBo avevano dato era stata un serenissimo “è un vostro problema”. Lo abbiamo sperimentato sulle nostre pelli, sulle nostre vite precarie alla ricerca di un divano o nella fatiscienza di una casa sempre inadeguata e troppo costosa. Lo abbiamo sperimentato negli attacchi ingiustificati ad ogni nostra possibilità di muoverci per le strade di una città che è anche la nostra; lo abbiamo sperimentato negli espliciti attacchi polizieschi subiti di fronte ad un desiderio di parola, di protagonismo sul nostro presente, di riscatto rispetto ad un mondo in cui ogni marginalità è tenuta a debita distanza (esempio ne è l’aggressione da parte della polizia durante il corteo del 07/02 quando 17 manifestanti sono dovuti andare in ospedale per aver riportato traumi e contusioni).

Ma ancora una volta la Bologna del desiderio, la Bologna capace di immaginare qualcosa di altro, la Bologna che pretende una vita bella, ha contaminato ogni strada e ogni piazza con la propria ambizione.

Quello di ieri è stato solo un piccolo passo, un primo momento per incontrarci di nuovo, ritrovare negli occhi dell3 compagn3 intorno a noi la stessa rabbia, la stessa gioia, lo stesso desiderio che anima i nostri. Non ci fermeremo davanti alle dichiarazioni espresse contro le nostre lotte, non ci fermeremo davanti ad un’università che ci chiude i battenti in faccia: ci troverete ancora e sempre qui.

Per questo, per il dissequestro degli spazi di vita – più che dignitosi, potenti – conquistati con le lotte che arrivano dal basso, per la libertà dell3 nostr3 compagn3 punit3 per la sola colpa di aver rifiutato la non esistenza cui siamo relegat3 come giovani e giovanissim3 precari3. Per Split, per Isa, per Fede, per altro, per tutto!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

BolognaINSORGIAMOmisure cautelarisequestroSplituniversità

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

No Tav: Nicoletta è di nuovo ai domiciliari

Nicoletta da ieri è nuovamente agli arresti domiciliari. Il provvedimento è stato emesso dalla giudice Elena Massucco in seguito alla condanna definitiva per evasione di 1 anno e 9 mesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: dopo le cariche all’inaugurazione dell’anno accademico, occupato il rettorato

Occupato il rettorato dell’Università di Bologna. L’iniziativa si inserisce all’interno della “Israeli Genocide Week”, settimana di solidarietà e mobilitazione nelle Università contro il genocidio in corso a Gaza, promossa dai Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: “UNIBO complice del genocidio. Stop accordi con Israele”. La polizia carica il corteo per la Palestina

Centinaia di studentesse e studenti in corteo per le strade di Bologna mentre si svolge l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università felsinea alla presenza della ministra Bernini.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.