InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ennesimo PM anti-No Tav nei guai per un favore ad un potente

Che sorpresa, ancora una volta un magistrato che si occupa di No Tav e lotte sociali in Val Susa e a Torino è finito nei guai per aver aiutato un potente a farla franca. Questa volta si tratta di Enzo Bucarelli, pm che negli ultimi anni ha sostituito insieme ad altri lo storico pool nella repressione di chi lotta contro la devastazione in Val Susa.

da notav.info

Bucarelli sarebbe accusato dalla procura di Milano di aver depistato le indagini sul calciatore del Torino, Demba Seck, denunciato dalla sua ex fidanzata per aver minacciato di diffondere pubblicamente un video intimo. Davanti a questo caso di “revenge porn”, il PM, secondo la segnalazione partita dal procuratore generale Francesco Saluzzo, avrebbe avvertito l’agente del giocatore prima di perquisirne la casa. All’arrivo della Guardia di finanza e carabinieri, nell’appartamento di Seck erano già presenti i legali del calciatore. Bucarelli avrebbe partecipato personalmente alla perquisizione e davanti a carabinieri e finanzieri avrebbe cancellato il video citato nell’esposto dell’ex fidanzata di Seck dal cellulare del calciatore: non solo dalla memoria del telefono, ma anche dalle chat con gli amici ai quali il 22enne avrebbe spedito il filmato. Da parte sua, sulla cancellazione del video, Bucarelli si sarebbe giustificato dicendo che non c’erano «esigenze investigative», visto che quel video era già in procura. L’episodio però è apparso quantomeno strano ai finanzieri, che lo hanno riportato in una relazione finita sulla scrivania della procuratrice vicaria Enrica Gabetta, a capo del pool anticorruzione.

Sui giornali la vicenda viene descritta con toni comici: Bucarelli diventa il “PM ultrà” che sarebbe stato influenzato dalla sua fede calcistica granata. Ma quanto è ipotizzato dagli inquirenti, se si rivelasse vero, è estremamente grave, perché testimonia la disposizione del magistrato a fare un uso improprio del suo ruolo per fare un favore ad un personaggio potente come un calciatore, oltretutto di fronte ad un comportamento di quest’ultimo particolarmente violento e pericoloso, come la diffusione di video che violano l’intimità di una donna.

Se fosse veramente bastata la fede granata a curvare le indagini, chi può dire quali altri tipi di pressioni, convincimenti personali e conoscenze potrebbero aver influenzato il PM nello svolgimento del suo lavoro?

Non è il primo caso in cui PM anti-No Tav finiscono nei guai per la “disinvoltura” con cui si rapportano alla legge ed in genere tutto si risolve con un trasferimento e tanta polvere sotto il tappeto, come nel caso di Padalino. Una domanda sorge spontanea, ma questi magistrati li vanno a cercare con il lanternino, o è semplicemente che avendo una maggiore predisposizione al “lavoro sporco” si adattano alla repressione di chi lotta contro la devastazione del territorio? Domande a cui difficilmente avremo una risposta.

Ricordiamo brevemente che Bucarelli è il Pm che nel 2018 aveva chiesto l’archiviazione e l’assoluzione per Mario Virano, ex commissario del governo alla Torino-Lione ed ex direttore generale di TELT da un’accusa di omissione di atti d’ufficio. Il procedimento era nato da un esposto di alcuni No Tav che avevano richiesto copie di alcuni atti dell’Osservatorio del governo per la Torino-Lione. Non avendo ottenuto risposte esaustive e celeri avevano cominciato una battaglia di carte bollate, con diffide e ricorsi al Tribunale amministrativo regionale del Piemonte che aveva ritenuto la loro richiesta generica, ma aveva invitato Virano a consegnare il materiale richiesto. Per sciogliere alcuni nodi l’allora commissario del governo si era rivolto all’Avvocatura dello Stato, facendo passare moltissimo tempo.

Da allora la sua attenzione nei confronti del movimento No Tav è cresciuta, tanto che ha ereditato alcuni dei processi già in corso e rappresenta attualmente l’accusa in almeno tre procedimenti in atto: una passeggiata di lotta partita da Giaglione il 18 novembre 2018, il primo maggio No Tav del 2019 per cui furono emesse 13 misure cautelari ai danni degli attivisti a Torino ed in Val Susa e l’8 marzo 2020 ai Mulini in Clarea. Inoltre Bucarelli è il magistrato che ha firmato la perqusizione al Centro Sociale Askatasuna dopo il concertone del 15 ottobre 2022 che ha portato al sequestro dell’impianto musicale e di alcuni wrustel. Sue sono anche le denunce nei confronti degli artisti che in quell’occasione avevano preso parte alla serata in difesa del centro sociale.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

bucarellimagistraturaMALAGIUSTIZIAnotavTRIBUNALE DI TORINO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Le guerre per l’acqua: attualità in Francia, prossimo futuro in Italia?

Lunga intervista realizzata dal progetto Confluenza a un attivista della regione del Poitou dove, in Francia, da quasi dieci anni va avanti un’importante lotta per la difesa del territorio contro il progetto dei mega bacini idrici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorgio e la sorveglianza speciale

Il 28 febbraio 2023 la Procura di Torino ha chiesto la sorveglianza speciale e l’obbligo di dimora nel luogo di residenza per quattro anni per Giorgio Rossetto, disposto a fine giugno 2023.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 clima, energia e ambiente: basta con i crimini ambientali, basta greenwashing, basta Tav!!!

Il 28, 29 e 30 aprile, Venaria sarà il palcoscenico del G7 dedicato all’energia, al clima e all’ambiente.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Richiesta sospensione al CSM per Bucarelli, pm anti-No Tav

Ancora guai per il PM Enzo Bucarelli, che negli ultimi anni si è distinto per le persecuzioni nei confronti dei No Tav.