InfoAut
Immagine di copertina per il post

G8 Genova 2001: sull’estradizione di Vincenzo Vecchi deciderà la corte appello di Lione

La Cassazione francese rinvia di nuovo la decisione sull’estradizione di Vincenzo Vecchi. La Corte di Lione prenderà la decisione definitiva sul mandato di arresto europeo contro l’ultimo manifestante condannato per gli scontri al G8 di Genova. Gli avvocati della difesa: «Non è finita. Continueremo a combattere»

La Cassazione parigina ha annullato la decisione della Corte d’appello di Angers che aveva negato l’applicazione del mandato d’arresto europeo (Mae) per Vincenzo Vecchi, 52 anni. Nel 2020 i giudici avevano rifiutato di consegnare all’Italia l’ultimo manifestante condannato per gli scontri al G8 di Genova che deve ancora scontare la sua pena: 12 anni di carcere, di cui 10 per devastazione e saccheggio.

Gli avvocati di Vecchi, che nell’agosto 2019 è stato arrestato in un paesino della Bretagna, hanno sempre insistito sulla mancanza di un corrispettivo nell’ordinamento giuridico francese del reato introdotto in Italia dal regime mussoliniano. I giudici di Rennes prima e Angers poi hanno dato loro ragione dicendo due volte No alla richiesta di Roma. Il procuratore generale della seconda città, però, ha presentato ricorso in Cassazione. Questa ha chiesto alla Corte di giustizia dell’Unione europea di interpretare alcuni punti del Mae. Il tribunale del Lussemburgo ha fornito una spiegazione restrittiva del principio della «doppia incriminabilità», cioè del requisito secondo cui il reato deve essere riconosciuto anche dal paese che dà esecuzione al mandato d’arresto.

In questo caso, dei sette elementi costitutivi la devastazione e il saccheggio cinque sono riconosciuti anche in Francia. Per la Cassazione parigina il diritto dell’Unione europea si impone su quello nazionale e dunque rispetto alla vicenda specifica ha dedotto che non è necessaria la mancanza di corrispondenza perfetta dell’infrazione tra i due ordinamenti. Ha così rimandato la decisione definitiva sulla consegna di Vecchi alla Corte di Lione, che dovrà esprimersi prossimamente.

Era una delle quattro possibilità a sua disposizione. Le altre tre: sollevare una questione di priorità costituzionale al Consiglio costituzionale (come chiesto dai legali di Vecchi); confermare la decisione della Corte di Angers; disporre direttamente il trasferimento in Italia.

«La questione di costituzionalità è stata rigettata – afferma l’avvocato Maxime ThessierLa Cassazione si inclina davanti alla Corte di giustizia dell’Unione europea. Useremo tutti i mezzi giuridici a nostra disposizione». Per Thessier è ancora possibile che il giudice di Lione neghi la consegna alle autorità italiane. «Continueremo a combattere per questo», afferma. Dopo la sentenza di ieri, però, la strada sembra segnata e le possibilità che a Vecchi sia risparmiato il carcere sono drammaticamente diminuite.

«La decisione della Cassazione “modella” la nostra Costituzione e calpesta i diritti fondamentali. L’accanimento continua», commenta il comitato di solidarietà con Vecchi. «Questa nuova tappa è un cattivo segnale per lo stato dei diritti e delle libertà in generale. Se questa giurisprudenza sarà confermata la Francia potrebbe ritrovarsi costretta a estradare persone condannate per dei fatti che non sono condannati nel nostro paese», scrive il partito di opposizione Nouvelle Union Populaire Écologique et Sociale (Nupes).

Quando è iniziato il suo esilio, Vincenzo si è trovato di fronte a una sfida immensa: farsi una vita, senza una rete di sostegno, in una condizione di clandestinità, senza documenti né conoscenza della lingua del Paese in cui si trovava” spiega Viviana, la sua compagna. “A poco a poco si è adattato perché ha un senso di collettività che può fare qualsiasi cosa. Anche per questo è stato amato“, aggiunge. La prova è nei fatti: subito dopo l’arresto, a Rochefort-en-Terre, il paesino di 600 abitanti in cui viveva, nacque il primo Comitato di sostegno di Vincenzo. Ci sono state manifestazioni davanti ai tribunali fino al suo rilascio.

Ma la questione è andata ben oltre la cittadina bretone, è diventata una vicenda, un caso.  Alla fine di settembre 2022, la Lega per i diritti umani ha rilasciato una dichiarazione di solidarietà in cui affermava che l’intero caso è una “vendetta giudiziaria per una persona perfettamente integrata nello Stato francese da dieci anni“.

A sostegno di Vecchi si sono schierate anche diverse personalità influenti del mondo della cultura, come la vincitrice del Premio Nobel Annie Ernau. Lei, insieme ad altri scrittori e personalità, ha pubblicato un articolo in cui ha definito il reato di devastazione e saccheggio un “dispositivo fascista ben lontano dal diritto democratico” e “una minaccia alle libertà pubbliche e al diritto di manifestare”. Anche 76 parlamentari della Nuova Unione Popolare Ecologica e Sociale hanno firmato una lettera di solidarietà all’attivista italiano. E anche il leader dell’opposizione Jean-Luc Melenchon ha dichiarato che “sarebbe di cattivo auspicio vedere Giorgia Meloni salire al potere in Italia, patria dell’umanesimo, e avere come primo rapporto con la Repubblica francese la resa di coloro che non hanno commesso alcun reato”.

Genova non è finita. Secondo Amnesty International, quanto accaduto nel luglio 2001, al controvertice del G8 a Genova, è stata “la più grande violazione dei diritti umani e democratici in un Paese occidentale dal secondo dopoguerra“. Dichiarazione rafforzata dalle tre condanne pronunciate dalla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo allo Stato italiano, per le torture perpetrate dagli agenti di polizia e il trattamento disumano dei manifestanti. Alcuni eventi che si possono riassumere con cifre terrificanti: 600 feriti, 360 arresti, 25 milioni di danni e, soprattutto, la morte di Carlo Giuliani. Ma Genova, non è ancora finita. Dopo più di vent’anni da quegli eventi, ci sono ancora persone in carcere, come Marina Cugnaschi o Francesco Jimmy Puglisi, arrestato a Barcellona nel 2013. Anche il caso di Vincenzo Vecchi, che potrebbe subire un drastico cambiamento di vita alla vigilia della sua cinquantesimo anniversario per decisione giudiziaria, è un altro tassello della complessa repressione che dal 2001 non si è ancora conclusa: «Abbiamo dovuto imparare a convivere con il disturbo mentale che è la repressione», conclude la compagna Viviana.

21 anni dopo le manifestazioni e gli scontri, la violenza delle forze dell’ordine e l’omicidio di Carlo Giuliani, Genova non è ancora finita.

La corrispondenza di Radio Onda Rossa con un compagno del Comitato di sostegno per VincenzoAscolta o Scarica

Da Osservatorio Repressione

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

Franciag8 genovaVINCENZO VECCHI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: attacco contro il centro culturale curdo Ahmet-Kaya, proteste e scontri di piazza

Dopo l’attacco, centinaia di giovani curdi e solidali si sono radunati attorno al Centro culturale dell’X arrondissement, dando vita a durissimi scontri con la polizia tra sanpietrini, lacrimogeni e cariche.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Pacco di Natale: dall’UE mancano 2 miliardi per il Tav. Salvini che fa?

Mancano quasi due miliardi per finanziare il TAV in Val di Susa. La notizia imbarazzante è stata data ieri dall’imbarazzato neo-ministro delle infrastrutture Salvini durante la riunione della conferenza inter-governativa con il suo omologo francese, Clément Beaunne.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A Marsiglia, lo stabilimento Lafarge di La Malle è stato occupato e sabotato da 200 attivist*

L’azienda, tra i leader in Europa nella fabbricazione di materiali di costruzione, è accusata anche di aver finanziato Daesh in Siria

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sainte-Soline: proposte per un’autonomia delle lotte

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa serie di traduzioni che partendo dalle lotte contro il mega-bacino idrico a Sainte-Soline aprono il dibattito sull’interpretazione dell’ecologismo e su quali strategie per un’autonomia delle lotte. Ci pare un dibattito interessante che pone alcuni interrogativi con cui sarebbe utile interagire, intanto buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Rosso banlieue: il politico nella periferia – Intervista ad Atanasio Bugliari Goggia

Atanasio Bugliari Goggia è autore di un libro uscito qualche mese fa che si chiama Rosso banlieue – un volume che si compone sostanzialmente di due parti: una parte più teorica e una invece più di racconto/restituzione di quella che è una ricerca, un’inchiesta potremmo dire, che Atanasio ha svolto nella banlieue nord-est di Parigi un po’ di anni fa – tra il 2011 e il 2013.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gilet Gialli: a che punto siamo quattro anni dopo?

Il 17 novembre 2018, un nuovo tipo di movimento è esploso sotto gli occhi di molti osservatori e ha colto di sorpresa i sindacati e i partiti politici, convinti di avere il monopolio della protesta: il movimento dei Gilet Gialli.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Parigi: per le autoriduzioni e contro Carrefour, una settimana d’azioni

Nel gennaio 2021, dopo quasi un anno di lockdown, 60 attivisti e lavoratori precari hanno effettuato un’autoriduzione presso il Carrefour Market di Rue Nationale a Parigi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La lotta a Sainte Soline contro il progetto di mega bacino idrico.

Lo scorso weekend si è tenuta una manifestazione importante a Sainte Soline, nel nord ovest della Francia, dove migliaia di persone messe in rete dal movimento Soulevement de la Terre si sono ritrovate per opporsi al progetto del mega bacino idrico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ritorno sulle mobilitazioni contro il carovita in Francia.

Dallo sciopero delle raffinerie alle manifestazioni per una giustizia sociale e climatica, una conversazione con un compagno della Plateforme d’Enquetes Militantes.