InfoAut
Immagine di copertina per il post

Pacchetti sicurezza che rendono insicure le nostre vite

Il decreto Meloni Salvini mette sul banco degli imputati non solo i giovani di Ultima generazione e i movimenti ambientalisti ma chiunque partecipando a cortei possa essere accusato di avere recato danni alle forze dell’ordine.

di Federico Giusti Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole e dell’Università

da Osservatorio Repressione

L’accordo tra Italia e Albania per il contrasto all’immigrazione irregolare rappresenta un precedente in quella che potremmo definire una nuova gestione dei flussi migratori costruendo fuori dal confine nazionale dei centri di accoglienza che potrebbero anche fungere , provvisoriamente, da istituti di pena.  Il Protocollo di Intesa firmato da Giorgia Meloni e dal presidente albanese Edi Rama prevede la costruzione, nel Paese delle Aquile, di due strutture di trattenimento – una presso il porto di Shengjin, vicino Tirana, e l’altra nel villaggio di Gjader, nell’entroterra – dove verranno portati i migranti sbarcati in Italia. I due centri saranno interamente gestiti dalle autorità italiane, e serviranno per identificare i migranti, per espletare le pratiche di asilo e per rimpatriare tutti coloro che non saranno ritenuti meritevoli di protezione.

La decisione di «esternalizzare» le procedure di asilo e di rimpatrio è particolarmente grave, e pone numerosi problemi come scrive Sergio Bontempelli, storico attivista dell’associazionismo a tutela dei migranti

 Secondo la legge italiana, infatti, il trattenimento dei migranti deve essere sempre autorizzato da un giudice: in che modo questo potrà avvenire nel territorio di un altro Paese? In che modo potrà essere garantito il diritto alla difesa? Come potranno i migranti far valere il loro diritto di asilo, se si troveranno fuori dal territorio italiano? Come potranno chiamare un avvocato, o rivolgersi a un’associazione di tutela?

Per il governo Meloni, evidentemente, i diritti sono solo un impiccio. Di cui liberarsi in ogni modo.

Sul pacchetto sicurezza rinviamo al volantino redatto dal sindacato CUB che ne fa una disamina puntuale toccando innumerevoli questioni

Gli aspetti salienti di questo ennesimo Pacchetto, che si aggiunge a numerosi decreti di Governi precedenti, sono anche rappresentati dall’avvento di una doppia morale, ad esempio l’Esecutivo invoca misure a tutela delle giovani madre ma non si fa scrupolo ad imprigionarle nel caso in cui commettano alcuni reati come il borseggio escludendo sul nascere misure alternative alla detenzione.

Pene severe previste per le manifestazioni di piazza, studentesche, sociali e sindacali che possano finire in tafferugli facendo leva sul ferimento delle forze dell’ordine e questa norma fa prefigurare l’ennesima criminalizzazione delle lotte sociali derubricate a problema di ordine pubblico.

Si rafforzano le pene per chi organizza rivolte carcerarie anche quando si materializzano in semplici proteste per il sovraffollamento , contro abusi e condizioni di vita inaccettabili. e questa norma vale tanto per le carceri quanto per i centri di detenzione migranti che il Governo Meloni vorrebbe costruire in ogni regione Italiana pur sapendo come questi centri non siano stati di alcuna utilità per combattere la immigrazione clandestina.

L’uso duale della tecnologia permetterà un domani di ricorrere ai sistemi informatici di controllo israeliani, sperimentati sulla pelle del popolo palestinese per controllare i confini italici, le rotte dei migranti ma anche costruire dei moderni sistemi di video sorveglianza attraverso la cosiddetta intelligenza artificiale

Nel pacchetto sicurezza di Salvini si costruiscono reati pesantissimi per chi scrive sui muri o imbratterà , senza alcun danno effettivo i monumenti, per quanti  insomma organizzeranno proteste civili e sociali come gli attivisti di Ultima Generazione o gli studenti in lotta contro il genocidio del popolo palestinese.

E’ in gioco la libertà di parola e di espressione, si materializza il capitalismo della sorveglianza affermando un modello sociale che intravede nel cittadino armato una sorta di diritto alla autodifesa,  ogni membro della pubblica sicurezza potrà girare armato,  anche se non con l’arma di ordinanza,  saranno agevolate le concessioni di porto d’armi e queste decisioni non fanno che introiettare il modello sociale statunitense, paese nel quale le stragi nelle scuole sono all’ordine del giorno.

Non è casuale siano alquanto carenti i fondi per la edilizia scolastica (ad esempio , nel caso del Pnrr, invece di costruire nuovi asili nido pubblici hanno preferito abbattere le strutture già esistenti per fabbricare nuovi edifici finalizzati al risparmio energetico e a un basso impatto ambientale,  invece di potenziare l’offerta formativa o aprire al pomeriggio gli istituti scolastici per attività sportive gratuite si spendano tante risorse per preparare alla evacuazione delle scuole in caso di attacchi terroristici alimentando una paura immotivata tra le giovani generazioni e costruendo alla occorrenza il nemico di turno contro il quale scatenare l’odio di massa.

Il decreto Meloni Salvini mette sul banco degli imputati non solo i giovani di Ultima generazione e i movimenti ambientalisti (da qui i reati previsti) ma chiunque partecipando a cortei possa essere accusato di avere recato danni alle forze dell’ordine. Non è accaduto negli anni settanta quando gli scontri di piazza erano quotidiani, avviene invece oggi come misura preventiva per criminalizzare il dissenso sociale.  L’impianto dei decreti sicurezza risponde sempre ad una logica: la costruzione del nemico di turno, oggi gli eco ambientalisti ieri gli operai che organizzavano presidi e blocchi stradali per difendere i posti di lavoro o rivendicare condizioni di vita e lavorative dignitose. E’ proprio la logica della criminalizzazione del dissenso il tratto comune di questi decreti dentro un contesto di crescente e asfissiante militarizzazione del corpo sociale a partire dalle scuole di ogni ordine e grado.

La stessa idea di costruire una società chiusa nella costante paura di attacchi terroristici e di rivolte sociali interne porterà ad accrescere la presenza nelle scuole dei militari e al rafforzamento della cultura militarista agendo al contempo direttamente sul codice penale con nuovi reati che prevedono anni di carcere.

Settimane or sono la Procura della Repubblica di Padova ha contestato ad alcuni attivisti di “Ultima Generazione” non solo una serie di reati che avrebbero commesso nel protestare contro l’inerzia istituzionale di fronte al cambiamento climatico, ma addirittura il grave reato di associazione per delinquere per aver organizzato blocchi stradali, imbrattamenti, interruzioni di pubblico servizio, manifestazioni non comunicate,

Su questo rinvio ad un appello dei giuristi democratici che meglio di noi denuncia la deriva securitaria del Governo Meloni

Appello – No alla criminalizzazione degli ecoattivisti – Giuristi democratici

Note e bibliografia minima

Deterrenza contro i soccorsi umanitari e contro le migrazioni di massa, tra propaganda elettorale e politiche europee, la fine del diritto di asilo. – ADIF (a-dif.org)

La chiamano sicurezza, ma si legge repressione (delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com)

“Non sono deportazioni, ci sarà un CPR”, tra il governo italiano e la Commissione europea rimbalzo di contraddizioni e di responsabilità: un attentato allo Stato di diritto. – ADIF (a-dif.org)

Il Cpr in Albania funzionerà anche come un carcere – Osservatorio Repressione

Milano: la vergogna del Cpr di via Corelli. Niente cure e cibo scaduto – Osservatorio Repressione

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

CAPITALISMO DELLA SORVEGLIANZAecoattivistiMELONIpacchetto sicurezzasalvini

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

27 gennaio: in Italia cortei per la Palestina vietati, confermati o…posticipati

In Italia ieri, sabato 27 gennaio 2024, diverse manifestazioni per il popolo palestinese, come accade costantemente ormai dall’ottobre 2023. In mezzo ci sono le Questure che hanno disposto, con prescrizioni, il divieto dei cortei.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La camera approva la legge contro gli ecoattivisti

La Camera ha approvato definitivamente la legge per contrastare le azioni simboliche dei movimenti che si battono per la giustizia climatica contro monumenti e opere d’arte. Pene da due a cinque anni di reclusione e sanzioni da 20mila a 60mila euro.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La quadratura della rete: criminalizzazione e sorveglianza tecnologica

Analiziamo alcuni dei passaggi chiave che hanno attraversato la societa’ francese a partire dagli attentati di Parigi del 2015 per capire come hanno influenzato il sistema di sorveglianza tecnologica fino ad arrivare ai piu’ recenti processi a carico di attivist*.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Salvini, Verdini e la marmellata di cemento

L’inchiesta emersa negli scorsi giorni sui giornali che ha portato all’arresto di Tommaso Verdini, figlio del più noto Denis e fratello della compagna del Capitone, ha tutti gli elementi di una classica storia all’italiana: familismo, cemento, appalti e politica.

Immagine di copertina per il post
Formazione

L’azienda italiana che può localizzare una persona in ogni angolo del mondo

Tykelab offre i suoi servizi tramite la ben più nota azienda di intercettazioni RCS.  RCS e Tykelab sviluppano uno spyware, Hermit, in grado di prendere il controllo del tuo smartphone e ascoltare tutto ciò che dici. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Intelligenza artificiale, Ai Act e panopticon globale

Lo scorso sabato parlamento, consiglio e Unione Europea si sono accordati sul testo finale per la regolamentazione dell’intelligenza artificiale. Un accordo selettivo, che consente l’utilizzo di strumenti di controllo, vietati per i cittadini europei, ai migranti.