InfoAut
Immagine di copertina per il post

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

da Coa Tventotto

Partendo dai presunti 70.000 euro di danni a seguito dell’occupazione, il Ministro dell’Istruzione Valditara, accorso in visita all’istituto, ha deciso di cogliere la palla al balzo, arrivando a dichiarare addirittura che si tratterebbe di: “…un’azione militare, di guerriglia. Qui ci sono diversi reati commessi, oltre all’interruzione di pubblico servizio c’è danneggiamento e violenza privata”. Si tratta in realtà di colpire gli studenti e le studentesse con azioni mai viste prima, così da provare a seppellire definitivamente le pratiche di occupazione e autogestione nelle scuole, storicamente messe in atto dai movimenti studenteschi per esprimere il proprio dissenso. Il governo, come annunciato dal ministro Valditara, già noto per la sua visione della scuola come luogo in cui è necessario umiliare per educare, vuole ora varare nuove norme contro le occupazioni degli istituti scolastici tramite una caccia alle streghe volta ad isolare e punire con la bocciatura chi verrà ritenuto responsabile.

Mercoledì 14 Febbraio alle ore 14.00 gli studenti e le studentesse del Severi Correnti hanno fatto un presidio fuori dai cancelli, in concomitanza con gli interrogatori di più di 50 di loro. L’accusa con la quale vengono chiamati davanti all’intero consiglio di istituto è quella di aver provocato danni all’edificio durante l’occupazione. I ragazzi e le ragazze implicati rischiano di venire espulsi dall’istituto e di perdere l’anno scolastico.

Al presidio, molto partecipato, gli studenti e le studentesse hanno ribadito con determinazione che: “Durante l’occupazione non si sono delineati rapporti di forza o di potere, ma ogni studente ha potuto vivere la scuola in un ambiente di piena libertà e autogestione. […] Durante l’occupazione non si è partecipato a un sistema valutativo, non si era un numero, semplicemente si era lì nell’imparare collettivamente e anche per chi ha voluto prendersi una pausa da ogni forma di apprendimento, la scuola si è trasformata in un luogo libero, caldo e accogliente a ogni ora del giorno e della notte.”.

Inoltre è emerso in maniera energica il bisogno degli studenti di rompere il silenzio delle istituzioni, quindi anche della scuola, nei confronti della causa palestinese. Silenzio che si fa complice di un governo che appoggia apertamente Israele. L’azione di Valditara è stata quindi duplice, da una parte l’obiettivo è quello di legittimare sempre più la spinta repressiva nei confronti degli studenti e delle studentesse, dall’altra è di continuare a ribadire che non bisogna parlare di Palestina.

Autogestione, autodeterminazione e libertà sono le istanze rivendicate attivamente dagli studenti attraverso la pratica dell’occupazione, ampiamente condivise anche negli interventi di diversi collettivi che si sono espressi in loro solidarietà.

Il presidio era circondato da decine di giornalisti (e non pochi poliziotti) che avevano chiaramente l’obiettivo di cavalcare l’onda dello scandalo mediatico criminalizzante messo in atto dal ministro dell’istruzione e del merito Valditara. La scuola non dovrebbe essere un laboratorio per la repressione e la criminalizzazione delle lotte, ma uno dei tanti luoghi in cui poter esprimere il proprio pensiero critico e la propria opposizione a politiche liberticide, uno dei tanti luoghi in cui praticare la solidarietà e non la competizione. “E’ questo che rende unico un momento di lotta, il compenetrarsi di diversi immaginari, che, in una dimensione autogestita sono in grado di porre sul piatto nuove modalità. Il tutto nella direzione del cambiamento dei rapporti di forza”, conclude il comunicato degli studenti che ha lanciato il presidio di oggi.

Lo facciamo nostro: è necessario quindi schierarsi ancora una volta con le studentesse e gli studenti contro un modello di scuola-azienda e di scuola-galera in cui si vorrebbe reprimere ogni forma di autonomia. Dai quartieri alle scuole, difendiamo ogni occupazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

Milanorepressionescuolascuole occupateValditara

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Nascono i Gio, “teste di cuoio” contro le rivolte nelle carceri

È nato per sedare le rivolte in carcere, il Gruppo di intervento operativo (Gio), creato come reparto specializzato della Polizia penitenziaria. Lo ha istituito il ministro di Giustizia Carlo Nordio con un decreto ministeriale del 14 maggio, anche se la pianificazione risale ai tempi in cui Marta Cartabia sedeva in via Arenula. 

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere minorile “Beccaria” di Milano

Torture e violenze (anche sessuali) sui minorenni al Beccaria: arrestati 13 poliziotti penitenziari, 8 sospesi dal servizio.