InfoAut
Immagine di copertina per il post

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Basta guerre sui nostri corpi: rivolta transfemminista! Queste le parole scelte per rappresentare il corteo contro la violenza sulle donne e i prossimi mesi di lotta. Il 29 e 30 ottobre a Reggio Emilia si è tenuta l’Assemblea Nazionale di Non Una Di Meno, un momento fondamentale per reincontrarsi dopo anni di pandemia e l’insediamento del nuovo governo. L’assemblea ha visto una larga partecipazione ed ha rappresentato un momento di analisi e costruzione potentissimo.

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Diventa fondamentale assumere una prospettiva decoloniale che possa realmente veder intersecarsi la lotta antirazzista con quella contro la violenza di genere e di classe: assumere uno  sguardo transnazionale che possa essere concretamente solidale nei luoghi che attraversiamo e altrove, sostenendo le lotte in Palestina,Iran, Usa, Ungheria e Latino-America. Si ribadisce l’importanza dei territori come luoghi di possibilità e con un agire politico che non deve essere ignorato.

Si dichiara la volontà di portare avanti le lotte sul lavoro che vedono Non Una Di Meno fin da subito coinvolta: dal lavoro di cura alle discriminazioni e alle molestie nei posti di lavoro, dalla precarietà contrattuale e retributiva fino alla richiesta di un reddito di autodeterminazione che permetta di essere indipendenti economicamente, autonom* e liber* dai ricatti dello sfruttamento.

Emerge come necessario l’uso dello strumento dello sciopero contro i nuovi attacchi del governo alla comunità lgbtqia+ e contro le limitazioni del diritto all’aborto che si vogliono attuare attraverso il ddl Gasparri. Centri antiviolenza locali che abbiano una postura transfemminista e che siano inseriti in delle reti territoriali diventano strumento di autodeterminazione.

Si vuole parlare di guerra, mostrando il nesso con la violenza patriarcale e assumendo  un’ottica transfemminista nel farlo, superando la polarizzazione insita nel dibattito pubblico. Si disegna una pace reale e transfemminista che tenga conto degli effetti materiali che i conflitti bellici hanno sulle nostre vite: dal carovita e l’inflazione agli attacchi all’autodeterminazione, nella consapevolezza che la guerra legittima il governo Meloni e l’avanzata delle destre. Emerge la centralità di schierarsi in solidarietà con i territori contro opere come i rigassificatori e le basi militari. 

C’è la necessità di confrontarsi con la crisi ecologica mostrando le intersezioni con la lotta al patriarcato e al razzismo, attraverso il rifiuto della transizione ecologica poiché non tiene conto della salute e perpetua la divisione sessuale del lavoro. È chiaro che la crisi ambientale è profondamente interconnessa con gli attacchi alle persone migranti e alla devastazione dei territori, dunque la lotta contro i responsabili della crisi climatica si presenta come istanza di tutte e tutti, non solo dei giovani. 

Dopo la potentissima Assemblea Nazionale di Non Una Di Meno a Reggio Emilia, sale la marea in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne e di genere!

Per camminare insieme e costruire il mondo futuro, il welfare, la cura e la sorellanza che vogliamo: il 26 novembre ci sarà un grande corteo con cui ci invadere le strade di Roma e il 27 novembre ci sarà l’assemblea nazionale di Non Una Di Meno.

Una due giorni in cui grideremo forte

BASTA GUERRE SUI NOSTRI CORPI: RIVOLTA TRANSFEMMINISTA

#RISALELAMAREA

#SORELL3IOTICREDO

#DONNAVITALIBERTA’

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

DONNAVITALIBERTARISALELAMAREASORELL3IOTICREDO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.