InfoAut
Immagine di copertina per il post

Nuovo attacco al sindacalismo conflittuale a Campi Bisenzio

Riprendiamo il comunicato di SI Cobas Prato e Firenze sul nuovo attacco nei confronti del sindacalismo conflittuale avvenuto ieri mattina con la notifica di un altro foglio di via a Sarah, coordinatrice sindacale, dopo quello comminato a Luca qualche settimana fa.

Stamattina i Carabinieri hanno preso la nostra Coordinatrice Sarah Caudiero dalla sua casa per portarla in caserma. Ne è uscita, anche lei, con un Foglio di Via obbligatorio dal Comune di Campi Bisenzio. Come è successo già a Luca Toscano, anche lui coordinatore sindacale. Anche Sarah, secondo questo provvedimento, non dovrà più mettere piedi a Campi. Motivo? Aver protestato e volantinato davanti al negozio del brand LiuJo durante una vertenza sindacale. Tutto questo avviene a tre giorni dalla MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA SINDACALE E IL DIRITTO DI SCIOPERO-NO AL FOGLIO DI VIA di sabato.

Cosa rimane della “democrazia” se una sindacalista rischia sei mesi di carcere per ogni volta che osa mettere piede in una zona industriale?

Sarah e Luca a Campi Bisenzio ci vanno per un solo motivo: difendere i diritti di tutti i lavoratori. Perchè Campi, come Prato, è diventata una zona di sfruttamento selvaggio: lavoro nero, turni di dodici ore per sette giorni, lavoratori senza diritto alla malattia e alle ferie, contributi non pagati, false cooperative che vincono appalti al massimo ribasso. Nelle filiere della moda e nei magazzini della logistica.

Sarah e Luca danno fastidio, perchè dà fastidio l’attività del nostro sindacato. Diamo fastidio perchè abbiamo dimostrato che è possibile cambiare le cose, che è possibile vincere. Centinaia di lavoratori, grazie alle lotte del sindacato, in questi anni hanno conquistato un contratto regolare e si sono liberati dalla schiavitù del lavoro 12×7 e altrettanti hanno ottenuto condizioni migliori di quelle previste dai contratti nazionali. Diamo fastidio, perchè dietro a ditte e cooperative dello sfruttamento ci sono i grandi brand della moda e le grandi multinazionali della logistica i cui nomi scompaiono dietro le giungle di appalti e sub-appalti. Diamo fastidio perchè facciamo i loro nomi, come quello della LiuJo.

Più di tante parole parlano i fatti. Da quando è stato notificato il Foglio di via a Luca ad oggi che è stato notificato a Sarah, in 34 giorni il sindacato ha ottenuto:

✔️ Accordo alla ACCA Srl (logistica di abbigliamento con tre impianti tra provincia di Firenze e Prato) che prevedere stabilizzazione e regolarizzazione dei lavoratori. Stop lavoro nero e finti part-time. Applicazione del CCNL. Turni di otto ore e due giorni di riposo a settimana. Indennità di trasferta per autisti e facchini a bordo. 15 gg retribuiti (il CCNL ne prevede 5) in caso di lutto di familiari all’estero. Internalizzazione a tempo indeterminato di lavoratori prima “sotto cooperativa”. Riconoscimento dei giusti livelli di inquadramento.

  • Stabilizzazione a full-time di 70 lavoratori in appalto part-time involontari alla GLS di Campi Bisenzio e l’istituzione di servizio navetta gratuita a carico dell’azienda per il trasporto dei lavoratori.
  • Internalizzazione e stabilizzazione a tempo indeterminato di 22 lavoratori interinali nell’appalto BRT e trasformazione da part-time a full-time.
  • Ritorno dei volumi produttivi presso la Eurotaglio e la Z Production (pelletterie alta moda) di Campi Bisenzio, dove le scelte della committenza aveva comportato cassa integrazione a zero ore e rischio di perdita di 70 posti di lavoro. In corso una trattativa per il riconoscimento di una clausola sociale per garantire i posti di lavoro per i lavoratori della filiera in caso di cambi di appalto di lavorazioni.
  • Accordo per un ulteriore stabilizzazione a full-time di personale precario dei lavoratori in appalto alla ELT Express di Campi Bisenzio.
  • Accordo sindacale alla Sunshine Srl (tintoria) che estende a 15 i giorni di permesso retribuito in caso di lutto in famiglia (il CCNL ne prevede 3) e garantisce 40gg continuativi di permessi per i lavoratori con famiglia residente all’estero.
  • Passaggio da part-time a full-time per tutti i lavoratori della T.S. (ex Tintoria Superlativa), dopo quattro anni di lotte iniziate nel 2019 contro lavoro nero e sfruttamento 12×7.

A chi non piace l’attività del sindacato piace il lavoro nero, i turni 12×7, i contratti truffa, l’evasione contributiva, le finte cooperative, la precarietà. Il punto è questo.

Sabato saremo a Firenze, e saremo in tanti e tante. Ci vediamo alle 15:30 alla stazione SMN.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

CAMPI BISENZIOfoglio di viasfruttamentosi cobas

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Stellantis senza freni

Le ore successive allo sciopero del settore automotive a Torino sono state sorprendenti: i media hanno annunciato l’aumento dei compensi che si sono riservati i vari dirigenti del gruppo Stellantis, in primis il Ceo Tavares.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lotte operaie: bloccato per ore a Tortona un intero polo della logistica. Alle 20 si replica

Sciopero nazionale della logistica promosso da Si Cobas, Adl Cobas, Cobas Lavoro Privato, Sgb e Cub, esclusi dal tavolo di rinnovo del Ccnl, nonostante la forte rappresentatività tra facchini, driver e operai.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: maxi-sequestro a GS (Gruppo Carrefour). Quale futuro attende lavoratori e lavoratrici?

Si arricchisce di ulteriori dettagli il maxisequestro della Procura di Milano (65 milioni di euro) a Gs spa, il gruppo di 1.500 supermercati italiani di proprietà del colosso francese Carrefour.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Solidarietà a Giovanni Iozzoli

Il giorno 7 maggio 2024 il Tribunale di Modena ha condannato Giovanni Iozzoli, scrittore, delegato sindacale e redattore di “Carmilla online”, al pagamento di circa 20.000 euro (tra risarcimento e spese legali) a favore dell’azienda Italpizza, colosso dell’export agroalimentare emiliano.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Uscita la legge europea sull’Intelligenza Artificiale: cosa va alle imprese e cosa ai lavoratori

Il 13 marzo 2024 è stato approvato l’Artificial Intelligence Act, la prima norma al mondo che fornisce una base giuridica complessiva sulle attività di produzione, sfruttamento e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Sciopero degli addetti al settore cargo di Malpensa

Sciopero all’aeroporto di Milano Malpensa degli addetti al settore cargo.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.