InfoAut
Immagine di copertina per il post

Processo Riders vs. Glovo: decisione rinviata

Il 4 novembre si è tenuta a Torino quella che avrebbe dovuto essere l’udienza finale del processo che vede la multinazionale del food delivery come imputata.

Il tribunale avrebbe dovuto decidere se il lavoro svolto dai riders va riconosciuto come subordinato e se l’algoritmo risulta discriminatorio nei confronti di chi sciopera. Ma la decisione è stata rinviata a data da destinarsi da parte del giudice.

Di seguito il Comunicato di Deliverance Project

Contro ogni aspettativa l’udienza finale del processo contro Glovo di ieri si è protratta per quasi 5 ore e ha portato la giudice della sezione civile del Tribunale di Torino a non comunicare sul momento un termine per la cosiddetta camera di consiglio.

Nei primi giorni della prossima settimana si saprà se verrà emesso il giudizio oppure, se alla luce di nuovi documenti presentati e contestati dalle parti, sarà necessario riaprire la fase di valutazione delle prove.

Tra i nuovi elementi esposti ieri in aula meritano attenzione le sentenze sui processi Eternit e Thyssen. Gli avvocati Bonetto e Druetta, infatti, dopo un’attenta descrizione del sistema gestionale di Glovo, hanno suggestivamente dato risalto alla questione della sicurezza.

Esiste, ad esempio, un danno risarcibile per chi lavora senza dispositivi di sicurezza o in assenza di visite preassuntive, per il solo fatto di subire un rischio per la propria salute? Ovviamente da parte nostra la risposta non può che essere affermativa.

Di tutt’altro avviso è la difesa di Glovo, azienda che attraverso un sistema gestionale estremamente opaco tenta di aggirare ogni onere previdenziale, fiscale e di prevenzione scaricando costi e rischi su lavoratori e lavoratrici.

Secondo l’avvocato Tanca (in difesa di Glovo), infatti, l’attività della società spagnola è organizzata in base alla totale libertà del rider di lavorare, come, se e quando vuole e l’equivalente libertà dell’azienda di ricevere la prestazione nei modi che ritiene più opportuni. Notevole è il paralogismo per cui alla pretesa libertà del rider di scegliere di non lavorare corrisponda in maniera equivalente la libertà del datore di lavoro di non far lavorare…

Liberi tutti, insomma, dal momento che queste condizioni sono del resto liberamente sottoscritte alla firma del contratto!

Nulla vale il gap linguistico vissuto da buona parte delle persone che vivono di questo lavoro.

Il punteggio e il controllo mediante GPS in quest’ottica sarebbero solo strumenti per supportare il o la rider nell’esperienza totalmente libera e spontanea di trasportare merci in base alle proprie esigenze di vita.

Da questo punto di vista, su Glovo non graverebbe nessun obbligo di fornire dispositivi di sicurezza o di verificare preventivamente l’idoneità fisica di chi lavora a svolgere un’attività dai carichi fisici intensi e costanti.

Sempre da questa prospettiva, non esisterebbe quindi alcuno squilibrio in termini di rapporti di forza economici tra una multinazionale valutata 2,3 miliardi di euro e una persona pagata circa 3 euro a consegna.

OK!

Al netto delle stronzate che siamo stati costretti ad ascoltare sotto l’occhio (da) vigile di DIGOS e carabinieri, riteniamo che sia fondamentale decostruire con ogni strumento a nostra disposizione una narrazione del lavoro distorta e ampliare il più possibile forme di solidarietà che riescano ad incidere sulla qualità delle nostre vite.

Un ringraziamento va a quanti e quante hanno preso parte sia al presidio che all’udienza.

A breve aggiornamenti.

#RIDER IN LOTTA

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

GLOVOprocessoRIDERStorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: Iron&Logistics smonta i macchinari pronta all’operazione “chiudi e riapri”

Le operazioni di smontaggio – prima spacciate per lavori di manutenzione – sono inziate già la scorsa settimana e si sono concluse ieri dopo una squadra di tecnici di una ditta esterna ha lavorato a ritmo incessante per tutto il fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: occupato ad oltranza il consiglio comunale. “Giù le mani da GKN. Difendere la fabbrica, rilanciare la lotta!”

“Basta parole, vogliamo risposte e le vogliamo adesso”. Così i lavoratori e le lavoratrici della GKN di Firenze hanno deciso di occupare, nella serata di lunedì 14 novembre, il Consiglio comunale del capoluogo toscano.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Dopo lo sciopero generale, il 3/12 tutti a Roma. Contro guerra e carovita: giù le armi, su i salari

Condividiamo di seguito l’appello per una manifestazione nazionale a Roma il sabato dopo lo sciopero generale dei sindacati di base del 2 dicembre.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

“Non disturberemo chi vuole fare” e la minaccia di sgombero dell’ex-GKN

Da oggi la fabbrica ex-GKN di Campi Bisenzio è a rischio di sgombero. Venerdì con una mail è stato annunciato ad i lavoratori dalla “nuova” proprietà che oggi sarebbero arrivati i camion per procedere allo svuotamento dello stabilimento.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Torino: 4 Novembre Processo contro Glovo, riders in lotta

Il 4 novembre alle ore 10 si terrà l’udienza contro la multinazionale del food delivery Glovo, per questo è stato chiamato un presidio dentro e fuori il tribunale di Torino in solidarietà con i riders in lotta.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Il punto reale sulla vertenza Gkn

Riprendiamo dal Collettivo di Fabbrica GKN un articolato aggiornamento sulla vicenda che coivolge la fabbrica di Campi Bisenzio…

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Imprese criminali

Secondo le ultime stime riferite al 2021, il “giro d’affari” dell’economia sommersa, in Italia, vale almeno 203 miliardi di euro. Di questi, oltre 70 miliardi, è nel mondo del lavoro, sotto forma di “vizio del rapporto contrattuale”, e “senza diritti individuali e sindacali” per gli occupati.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: dieci giorni di azione ai negozi Liu Jo per sostenere i 22 licenziati IronLogistic

Continua la lotta dei lavoratori licenziati della IronLogistic di Prato, che ora si rivolgono alle committenze dell’azienda chiedendo di non fare affari con chi sfrutta il lavoro. Alcune imprese hanno in effetti già interrotto i loro rapporti commerciali con IronLogistic, ma Liu Jo non è tra queste.

Immagine di copertina per il post
Culture

26 anni di Askatasuna: “In lotta nel presente, lo sguardo sul futuro”

Sono passati 26 anni: turbolenti, eccezionali, difficili, ma sempre ribelli.
Siamo ancora qui, nell’ ex asilo degli gnomi, nella casa rossa, al 47 di Corso Regina Margherita.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Lettera delle detenute della 3^ sezione femminile del carcere di Torino

I governi passano i disagi restano le parole e le intenzioni volano i guai aumentano come la tendenza di farci scontare la pena in un sistema illegale. Una contraddizione che non viene risolta …

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Continua l’epidemia di suicidi nel carcere di Torino, rivolta nel Blocco A

Nel giro di due giorni un uomo si è tolto la vita ed un altro ha tentato il suicidio nel carcere Lorusso Cotugno di Torino. Si tratta del quarto caso in un anno.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torino: come continua la lotta EsseNon

Il comitato EsseNon, nato per difendere una delle poche aree verdi presenti nella zona e contestare l’ennesima svendita di terreni alla grande distribuzione, non si è fermato, ma continua nel suo percorso.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Capire, camminare, costruire. Lettera di Giorgio dal carcere, ora ai domiciliari

Di seguito pubblichiamo l’ultima lettera che ha inviato Giorgio dal carcere che approfondisce le condizioni di vita dei detenuti e le mobilitazioni che ci sono state negli ultimi mesi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: vivere in case ATC nuoce gravemente alla salute, sgomberi e alloggi insalubri

In questi giorni abbiamo assistito a diversi sgomberi di case popolari occupate. Chi occupa una casa lo fa per un motivo semplice: il welfare abitativo cittadino non funziona.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Un altro suicidio nel carcere di Torino, era dentro per aver rubato delle cuffie

L’epidemia di suicidi nelle carceri non si ferma. Questa mattina un detenuto del Lorusso Cutugno di Torino si è tolto la vita impiccandosi, il giovane era stato arrestato pochi giorni fa per il furto di un paio di cuffie bluetooth.