InfoAut
Immagine di copertina per il post

Torino: il corteo antifa si prende le strade, Forza Nuova barricata nell’hotel

||||||||

Si è conclusa da poco la manifestazione antifascista lanciata dall’assemblea cittadina torinese che in queste settimane si è riunita più volte per contrastare la presenza delle formazioni di estrema destra in città.

Con la complicità delle istituzioni e degli organi preposti alla “sicurezza”, negli ultimi giorni sono stati molti i tentativi di intimidazione e sciacallaggio a mezzo stampa per tentare di disincentivare la partecipazione in piazza. Tentativo fallito alla luce di questa nuova giornata di lotta.

Nonostante il freddo pungente, infatti, nel tardo pomeriggio oltre 500 persone si sono ritrovate in Piazza Statuto per una manifestazione con delle semplici parole chiave: “Torino è antifascista, non vogliamo gli stragisti amici di Traini nella nostra città!”. Per quanto infatti partiti ed editorialisti abbiano provato a spostare l’attenzione su pratiche di piazza considerate illegittime per il perimetro dell’antifascismo istituzionale, quello della memoria imbalsamata, oppure su una maestra colpevole di essere antifascista (e farla quindi sospendere dal suo lavoro), le centinaia di persone scese in piazza in questi giorni hanno avuto ben presente la posta in palio: non accettare la retorica dell’antifascismo ipocrita ed istituzionale, di comodo e funzionale alla pace sociale garante dei loro interessi, che predica bene ma poi stende tappeti rossi al passaggio di formazioni come Casapound oppure Forza Nuova.

La manifestazione partita da Piazza Statuto ha attraversato il quartiere di San Donato – dove italiani e migranti convivono tranquillamente da decenni alla faccia dei proclami razzisti dei forzanovisti, condividendo piuttosto la mancanza di servizi e di attività sociali – per poi passare di fronte al Sacrario del Martinetto, luogo simbolo per la storia della Resistenza torinese dove tra il settembre del 1943 e l’aprile del 1945 furono eseguite molte condanne a morte di partigiani e oppositori politici. La manifestazione ha quindi lambito l’Hotel Royal dove centinaia di poliziotti in assetto antisommossa e idranti hanno circondato e protetto i fascisti di Forza Nuova, che dopo aver blaterato per giorni di voler manifestare in una piazza del centro hanno infine dovuto ripiegare sull’ennesima sala congressi isolata (guardandosi comunque bene dal dichiarare il luogo di ritrovo fino al giorno prima). Un hotel a 4 Stelle, che lo diciamo a fare, degno del pugno di fascisti seguaci di Roberto Fiore. L’immagine, infatti, è la stessa della serata antifascista di giovedì scorso: i fascisti negli hotel (di lusso), gli antifascisti nelle strade e tra la gente!

La questura, come al solito, ha tentato di giocarsi il suo ruolo da protagonista, bloccando la linea del tram 3 mezzora prima del concentramento per fermare e perquisire 10 antifascisti che si stavano recando in piazza Statuto, sequestrando striscione e megafono e portando uno studente delle scuole superiori in Questura. Stessa sorte per la macchina che portava l’impianto della manifestazione, fermata, sequestrata, e con essa due giovani studentesse ed un altro studente che erano a bordo. I giovani antifascisti sono stati rilasciati solo in serata dopo essere stati trattenuti per ore in Questura e la macchina è stata posta sotto sequestro poiché conteneva l’impianto…anche questa volta magra figura e scarso bottino per la Questura di Torino e tutti i suoi fan istituzionali. Giovedì scorso per far parlare di sé avevano confezionato ad arte la bufala delle bombe ripiene di schegge di legno (sic!), questa volta cosa si inventeranno per giustificare il sequestro della macchina con l’impianto della manifestazione?

Torino è antifascista!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

antifascismoforza nuovatorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per un sollevamento antifascista.

Abbiamo tradotto il documento redatto dal movimento Soulèvement de la Terre a proposito della fase storica che si sta vivendo in Francia, verso le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis è libera!

Ilaria Salis è libera: la polizia ungherese le ha tolto il braccialetto elettronico e rilasciato la documentazione della scarcerazione- Probabilmente lunedi 17 giugno il rientro in Italia

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Un fronte più salutare che popolare.

Traduciamo un commento da parte del collettivo francese Cerveaux Non Disponible rispetto alle elezioni per dare un quadro il più possibile composito di quali siano gli animi nei movimenti francesi a seguito della decisione di Macron.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Storia di Classe – 5 puntate speciali dedicate alla strage fascista, di Stato e della NATO di Piazza della Loggia a Brescia

In onda su Radio Onda d’Urto lo speciale di Storia di Classe dedicato alla strage fascista, di Stato e della Nato di piazza della Loggia, il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: i Giuristi Democratici denunciano “nuove minacce dai neonazisti ungheresi”

Nuove minacce, stavolta dirette, dei neonazisti ungheresi contro l’antifascista ai domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis agli arresti domiciliari a Budapest. Accolto il ricorso degli avvocati.

Ilaria Salis può uscire dal carcere e andare agli arresti domiciliari a Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ignobile pestaggio di Chef Rubio a Roma

Gabriele Rubini, a tutti noto come Chef Rubio, è stato aggredito mercoledì notte davanti alla sua casa romana da almeno sei persone, che lo hanno pestato e insultato al grido di “Pezzo di merd*, così impari”.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Giorni di protesta nelle carceri italiane

Sono giorni di proteste nei penitenziari italiani, da Trieste a Torino.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

A cosa servono le scorte? Un caso esemplare a Torino

Come sempre all’avanguardia, a Torino si è sperimentata negli anni un’ulteriore funzione importante della scorta, quella di volano per il sovradimensionamento, sul piano dell’ordine pubblico, dei fenomeni legati alla conflittualità sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.