InfoAut
Immagine di copertina per il post

Romano Alquati: una cooperazione libera ed aperta

di Ferruccio Gambino

Fino ai primi anni dello scorso decennio Romano Alquati ha continuato a scrivere e a insegnare, anche se i testi dell’ultimo periodo della sua vita sono conosciuti soltanto da cerchie ristrette. Uscito in forma di dispensa, il suo “Corso del 2000” di sociologia industriale è uno di tali scritti e, come altri di Alquati, ha l’apparenza di un testo magmatico, irto di rimandi, sospensioni, dissolvenze. In realtà, ad una lettura appena attenta, il “Corso 2000” costituisce un notevole saggio inteso a rilanciare lo studio della società industriale contro una sociologia generale che oggi “rimuove l’industrialità dell’agire”. Si tratta di un’industrialità, come egli scrive, nella quale è immerso circa”un quinto” dell’umanità, mentre gli altri quattro quinti ne sono ai margini. A prima vista, l’analisi  risulta impassibile rispetto ai problemi politici; in realtà, non appena ci si addentra nella  prosa parlata di queste lezioni, la passione politica di Alquati traspare nella forma interrogativa in cui egli pone agli interlocutori/interlocutrici le aporie della nostra condizione.
Come sempre, non sorprende la proverbiale franchezza  di Alquati nei confronti di posizioni che egli giudica ormai superate. Neppure il Marx  dei “Lineamenti fondamentali” viene risparmiato. Contrariamente a quel Marx, che definiva la società come “la somma delle relazioni, dei rapporti in cui…[gli] individui stanno l’uno rispetto all’altro”, Alquati presenta la sua definizione di società spingendola in avanti verso il suo contesto industriale: “una trama d’attività\lavori cui sono stati addetti attori\lavoratori…regolata da un mix di mercato e gerarchia (quindi – fra l’altro – non è una trama di relazioni fra persone…”. Tratto differenziale di tale società rispetto al passato pre-industriale e ancora largamente comunitario è la condizione della “salarietà”. Nelle sue varie declinazioni la condizione salariale è il “connettente” di un  edificio sociale che Alquati non esita a definire “una piramide (con al vertice il dominio)”. Il dominio è tutt’altro che insensato – per quelli che lo detengono. I due macro-ruoli, asimmetricamente legati e dotati di reciproco potere, continuano a essere quelli del padrone e del proletario. Gli individui lavorano industrialmente come operatori  addetti a funzioni pre-scomposte e ridistribuite, diventando tanto meno “individui” e tanto più  “singoli” quanto più si vogliono membri di una società individualista. In breve, la nostra unicità tende a diventare tutt’altro che unica.
Le spinte oggettive verso la  trasformazione dell’individuo  in “individuo presunto” oppure in “singolo” possono essere frenate o addirittura invertite dal conflitto: paradossalmente “l’individuazione è tanto più forte (e libera) quanto più ha luogo in un collettivo forte e libero, almeno con momenti davvero autonomi” che tengano lontano il connubio di tecnoscienza e capitalismo. Alquati continua a schierarsi per le ragioni di una vera individuazione, con la coerenza che gli veniva già riconosciuta nel corso delle sue giovanili esperienze politiche.: “…lo sguardo funzionalista e oggettivante della tecnica sull’umanità e sul mondo ha portato oggi anche a distruzioni e ad una distruttività che va combattuta tornando alle radici sia della tecnica sia della tecnoscienza e cercando per loro una nuova qualità e una nuova strada”.
Nel tentativo di  sottrarsi alla “tremenda pressione della necessità” o di attenuarla,“gli spiriti vitali… hanno sviluppato qualcosa che per migliorare la vita dà anche la morte”. Con la consapevolezza di chi sa qual è la posta in gioco, Alquati si schiera: “La storia ha mostrato e mostra che non ci si può servire del capitalismo come mezzo per fini diversi o meglio in contrasto coi suoi… Per farlo un poco se ne pagano enormi prezzi… i capitalisti… hanno un’immensa potenza di persuasione e di coazione e la usano sempre, anche talora con grande e mostruosa violenza”. Tuttavia può succedergli [al capitalismo] “un sistema, una civiltà, anche peggiore!”.
Coerente con la sua critica risoluta e più che quarantennale al socialismo reale e ai suoi epigoni, Alquati sembra stabilire all’inizio di questo millennio una correlazione positiva tra un generale atteggiamento difensivo dei salariati e la loro asserita accettazione dell’offerta capitalistica. Si potrebbe obiettare che oggi l’atteggiamento difensivo e consumistico del salario in tutte le sue forme non è né costante nel tempo né tantomeno uniforme globalmente. Tuttavia per Alquati tale obiezione non è il punto cruciale. Essenziale, per contro, è il tema incombente dell’asservimento nella sua forma di precarietà salariale, oltre che nelle sue manifestazioni più crude di traffico di esseri umani, fino alla regressione alla coercizione fisica e alla schiavitù: “… i classici  escludevano sia la schiavitù ed il servilismo, che il ritorno di lavoratori formalmente autonomi. Li ritenevano estinti irreversibilmente; ma si sbagliavano”.
Altrettanto coerente nel corso del tempo è la sua analisi sia della pervasività del fare industriale sia dello sfruttamento dell’intelligenza di coloro che producono, secondo considerazioni che muovono contro quello che egli chiama  “il tangibilismo” delle mani callose e contro il suo opposto, l’”immaterialità” produttiva come processo senza precedenti, quasi che nel passato non avessero agito “uomini interi” ma soltanto “delle mere mani e stomaci”. La polemica non è sotterranea: “… non posso defilarmi” dal cogliere l’”(iper)industrialità nella società complessiva… come fa invece la grandissima maggioranza dei sociologi odierni”. Alquati non svicola dai due temi che raramente vengono associati: la pressione esercitata dai ritmi necessari alla sopravvivenza su gran parte dell’umanità e il ricorso alla dimensione religiosa per sollevarsi  dagli “abissi terrificanti” delle devastazioni mentali che la modernità provoca. Si apre qui un’avvertenza alquatiana, destinata alla ricerca sociale affinché non rimanga sempre più concentrata “su fenomeni e teorie di basso livello di realtà sociale, locali, di frammento”.
Si tratta sempre di questioni sulle quali egli si pone sul terreno del dialogo, riconoscendo  il contributo al dibattito offerto dalla differenza e dal contrasto. In uno squarcio insolito nel tempo in cui scriveva, Alquati rinvia a una prossima lettura non sequenziale del suo testo, quando il computer consentirà “al cosiddetto libero navigante” di stabilire la successione degli argomenti” in modo da essere un po’ più libero; Allora l’approccio reticolare potrà sfociare “nell’effettiva cooperazione libera ed aperta”.
Questa della cooperazione libera e aperta è una delle tante prospettive per l’avvenire che Romano Alquati ci lascia e per le quali si è speso nel corso di un’esistenza a tratti difficile e spesso punteggiata da silenziosi sacrifici ma ricca di una grande generosità nei confronti di chi lo avvicinava, per “camminare insieme”, come egli stesso era solito dire e soprattutto fare.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

AlquatiFerruccio Gambino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alle radici dell’Antropocene

L’Antropocene può essere definito come l’era del pianeta Terra in cui una singola specie (Homo sapiens sapiens) ha preso il sopravvento su tutte le altre e ha tanto rapidamente e radicalmente trasformato l’intera ecosfera da mettere in pericolo la propria stessa esistenza.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Centralizzazione della proprietà e capitalismo contemporaneo – A proposito di “La guerra capitalista”

La tesi del libro è molto semplice e chiara. Secondo gli autori, nel capitalismo contemporaneo è ravvisabile, dati alla mano, una “legge” di tendenza verso la centralizzazione del capitale, che inevitabilmente porta alla distruzione della democrazia e fomenta la guerra.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Circuiti di guerra” di Marco D’Eramo

L’articolo affronta il recente ed esteso blocco tecnologico imposto dagli Stati Uniti alla Cina soprattutto nel settore fondamentale dei semiconduttori/microchip.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove va la globalizzazione?

La crisi indotta dalla pandemia covid-19 ha impattato un sistema economico globale che a inizio 2020 era già percorso da molte­plici smottamenti: guerra dei dazi Usa-Cina, caduta delle borse nel 2018 tamponata con le solite iniezioni di liquidità delle banche centrali, segni di recessione in Giappone e Germania ed enormi interventi sul mercato repo [1] della Federal Reserve statunitense a fine 2019.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le Autonome. Storie di donne del Sud

Nel testo, l’autrice prova a tracciare – a nostro avviso con lucidità e schiettezza – le connessioni, spesso tortuose, tra i movimenti autonomi, i femminismi e la «questione meridionale», ponendo l’accento sulla difficoltà e sui nodi irrisolti dell’essere al contempo donna, femminista e militante al sud. 

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sainte-Soline: proposte per un’autonomia delle lotte

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa serie di traduzioni che partendo dalle lotte contro il mega-bacino idrico a Sainte-Soline aprono il dibattito sull’interpretazione dell’ecologismo e su quali strategie per un’autonomia delle lotte. Ci pare un dibattito interessante che pone alcuni interrogativi con cui sarebbe utile interagire, intanto buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alcune riflessioni sulle lotte della logistica

Nel settore della logistica appunto lo scontro quotidiano è caratterizzato dalla riscoperta di forme di lotta territoriali, già proprie del vecchio movimento operaio, dai picchetti ai blocchi stradali, che sono molto efficaci, in quanto vanno a bloccare la circolazione delle merci, provocando danni notevoli al padronato.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

13-14 dicembre: InfoWarfare – Il campo di battaglia dell’informazione

Al giorno d’oggi, assistiamo sempre più ad un fenomeno di omologazione nel mondo dell’informazione.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Economia e guerra

Quello che ci interessa capire è in che modo il «ritorno» dello Stato al centro dei processi regolativi per coniugare ciclo economico e interessi di difesa nazionale (quello che è stato definito «nuovo capitalismo politico») e il tentativo (se c’è davvero) di ricostruzione di nuovi blocchi sociali (attorno alla stessa questione della guerra?),si coniugano con le fibrillazioni geopolitiche ed una guerra scoppiata nel cuore dell’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Rosso banlieue: il politico nella periferia – Intervista ad Atanasio Bugliari Goggia

Atanasio Bugliari Goggia è autore di un libro uscito qualche mese fa che si chiama Rosso banlieue – un volume che si compone sostanzialmente di due parti: una parte più teorica e una invece più di racconto/restituzione di quella che è una ricerca, un’inchiesta potremmo dire, che Atanasio ha svolto nella banlieue nord-est di Parigi un po’ di anni fa – tra il 2011 e il 2013.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sulla figura di Danilo Montaldi

Danilo Montaldi è stata una figura complessa di militante comunista. I suoi lavori hanno un carattere pionieristico nel campo della storia orale del sottoproletariato e degli emarginati e hanno contribuito alla riscoperta della centralità e della vita quotidiana delle classi subalterne. 

Immagine di copertina per il post
Culture

La società del gioco lavorativo. A proposito del libro di Alquati sulla riproduzione

Sulla riproduzione della capacità umana vivente. L’industrializzazione della soggettività (DeriveApprodi 2021) non è certo un libro facile da recensire, si tratta più che altro di una mappa di ragionamenti, legati a doppio filo con le riflessioni che l’autore, Romano Alquati, ha prodotto negli anni precedenti alla scrittura di questo testo, rimasto per lungo tempo inedito. […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alla ricerca di nuove soglie: il senso politico del pensiero di Romano Alquati

di Veronica Marchio da Machina Continuiamo ad approfondire il rapporto tra le nuove generazioni militanti e il pensiero di Romano Alquati. Un pensiero incarnato in un metodo, un metodo incarnato nelle trasformazioni della composizione di classe e della specifica civiltà capitalistica. È quanto sostiene Veronica Marcio, autrice di questo prezioso contributo. L’autrice ipotizza dunque cosa può […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Guida al pensiero vigoroso e creativo di Romano Alquati

Una recensione di Diego Giachetti a “Un cane in chiesa” a cura di Francesca Ioannilli e Francesco Bedani Nel libro di Gigi Roggero, L’operaismo politico italiano (DeriveApprodi 2019), Guido Borio sostiene che nella storia dell’operaismo emergono tre figure emblematiche: Mario Tronti, Toni Negri e Romano Alquati. Mentre i primi due sono nomi «noti» e ricorrenti, […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il cammino stretto per strappare una vita diversa

di Luca Perrone da Commonware Sono passati dieci anni dalla morte di Romano Alquati e la casa editrice DeriveApprodi pubblica nella collana Input il libro Un cane in chiesa. Militanza, categorie e conricerca di Romano Alquati, che sistematizza, attraverso nove contributi a cura di Francesco Bedani e Francesca Ioannilli, il corso di formazione politica svolto […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Prefazione – Un cane in chiesa

Testo introduttivo del volume su Romano Alquati curato da Francesco Bedani e Francesca Ioannilli (collana Input di DeriveApprodi, maggio 2020) Alquati è sempre stato un cane in chiesa, non solo nell’università ma ovunque si è trovato, anche tra molti «compagni», non parliamo degli intellettuali italici. È sempre stato uno che dava fastidio e per questo […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Un ricordo di Gaspare De Caro

A Ferruccio Gambino chiediamo di parlarci di Gaspare De Caro un compagno che è mancato la settimana scorsa. Gaspare De Caro è mancato il 6 ottobre a Casalecchio sul Reno in provincia di Bologna. Nato a Roma nel 1930, si laurea in Filosofia nell’Università di Roma. E’ poi borsista per un anno all’Istituto di Studi […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La conricerca contro l’industrializzazione dell’umano

di Emiliana Armano e Devi Sacchetto Romano Alquati, instancabile ricercatore scalzo, attivista politico e intellettuale, analista della soggettività, dei processi di soggettivazione e della composizione di classe, esponente di spicco del pensiero operaista è morto a Torino il 3 aprile del 2010. Una giornata di convegno,1 a un anno circa dalla sua scomparsa, è stato […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Romano Alquati: chi era costui?

Chi era per me Romano Alquati? Un collega? No, se non di fatto: non lo avrei mai definito tale, a chi mi avesse rivolto quella domanda. Un amico? Anche, ma non soltanto. Un compagno? Men che meno, benché non fossimo certo due camerati. Un Maestro? Non mi sono mai messo in posizione di allievo,  né […]