InfoAut
Immagine di copertina per il post

I quartieri di Pisa lottano, si organizzano, strappano

Dalle lotte territoriali per casa e reddito nasce il Coordinamento dei Quartieri Riuniti di Pisa

 

Premessa.

E’ appena trascorsa una settimana di mobilitazione diffusa nei quartieri della nostra città. Quello che nelle periferie limitrofe al centro storico si è mosso è stato rilevante non tanto per la dimensione massificata della protesta, quanto per la qualità dei soggetti che l’hanno messa in campo e per la profondità delle rivendicazioni e la loro capacità di essere fattore comune per una fascia proletaria poco avvezza al conflitto. Stiamo parlando della mobilitazione degli abitanti delle case di edilizia popolare. Una protesta che a livello azionale nelle ultime settimane è sintonizzata con ciò che succede nella borgata romana di Primavalle o nelle barricate del Giambellino di Milano; uno scontro sociale che mette in luce l’opera di un governo delle risorse pubbliche orientato esclusivamente alla messa a valore tramite la vendita del patrimonio e il risparmio su tutto ciò che riguarda la qualità delle nostre condizioni di vita. Ma ciò che viene fuori è anche la fisionomia di un soggetto poco avvezzo al compromesso, che intende la trattativa come fattore di conflitto di massa per ottenere pezzi di reddito.

A Pisa è un anno che partendo dalle esperienze di riappropriazione di spazi abbandonati nell’area urbana e periferica della città, nascono comitati che si battono contro l’abuso degli sfratti degli “abusivi” delle case popolari, per mettere poi sul piatto della rivendicazione la questione della dignità del vivere in periferia, partendo dalla richiesta di manutenzioni; dalla lotta al sovraffollamento a quella contro il pagamento delle morosità incolpevole per il mancato pagamento dell’affitto.

“Perchè a pagare dobbiamo essere sempre noi”? Questa domanda ha scosso la città già dall’occupazione della Palazzina dell’azienda gestore delle case popolari APES lo scorso 14 ottobre, conclusa con l’impegno su una piattaforma sociale rivendicativa prodotta tra gli spazi sociali, gli scantinati e le piazze dei quartieri di Sant’ermete, Cep, Gagno, San giusto. Si è preteso un impegno formale del pesidente dell’apes Lorenzo Bani contro il piano di dismissione tramite asta degli alloggi popolari; un impegno finanziario per un piano straordinario di manutenzione di tutti gli alloggi (compresi quelli sfitti per essere utilizzati per l’emergenza abitativa); la valutazione di entrare dentro le commissioni comunali in cui si decidono i regolamenti e le risorse da destinare alle case popolari.

La controparte era corsa ai ripari cercando di concedere piccoli ma significativi ed estesi contentini agli abitanti (qualche lavoro di manutenzione, promesse di interventi strutturali nel tempo di interi quartieri, l’abbassamento per centinaia di persone del canone di affitto per il mese di ottobre e novembre) cercando però di occultare e sminuire la portata di un conflitto organizzato dai comitati di quartiere, scomoda e pericolosa per la gestione di questo potere.

E’ così che da metà ottobre a metà novembre i Comitati si sono attivati coinvolgendo nuove realtà con un lavoro di propaganda e di iniziativa di base (da I Passi a La Cella, da Via Norvegia al Villaggio 2000) che ha coinvolto ed ampliato nuovi territori in cui le parole d’ordine di più manutenzione, di Stop sfratti; di stop sovraffollamento non erano ancora giunte. Volantinaggi, sportelli di quartiere, raccolta firme, video interviste ed assemblee permanenti hanno percorso in lungo e in largo le periferie pisane. Una diffusione enorme, impossibile anche solo da pensare senza l’attivazione reale e autonoma degli abitanti dei quartieri ad oggi più attivi; una preparazione che per la prima volta ha reso comune ed invariante i soggetti della lotta: nessuna strumentalizzazione, nessuna evocazione utile a qualche partitino; nessuna velleità politicista… Quello che si è mosso è stata un’inedita e determinata militanza di decine di persone -di generazione, nazionalità, genere differente – che si sono ri-conosciute in una lotta comune; con gli stessi obiettivi e con le stesse controparti.

 
Da lunedì 14 a giovedì 20 novembre tante iniziative si sono dislocate sui territori che hanno obbligato la controparte a rispondere, ad aprire spazi di contrattazione sociale nuovi e soprattutto ad accumulare forza e progetto contro la disuguaglianza sociale di cui le periferie ad oggi sono vittima.

Lunedì – Gagno
Dalle prime ore del mattino più di 30 persone si sono ritrovate nel quartiere di Gagno per impedire l’esecuzione forzosa dello sfratto di Alessia e dei suoi due bambini. Non era la prima volta che veniva organizzato dal Comitato Riprendiamoci Gagno e dalle famiglie in lotta contro l’emergenza abitativa un picchetto anti-sfratto. Oltre a rinviare l’esecuzione la novità è consistita in un corteino di quartiere che ha segnalato gli appartamenti sfitti nel quartiere; che ha dato voce alle tante famiglie che si sono organizzate nello sportello bisettimanale del comitato e che vivono in emergenza abitativa e in sovraffollamento. E’ astata effettuata una Ispezione popolare nel quartiere che ha riaperto un alloggio popolare vuoto da più di due anni affermando con forza la necessità di assegnarlo alle tante famiglie che, come Alessia, necessitano di una casa popolare. All’aministrazione è stato lanciato un ultimatum: per non far occupare le case basta assegnarle! Aumentare la quota di alloggi da destinare all’emergenza abitativa, costruire nuove liste di mobilità che tengano conto delle esigenze delle famiglie in sovraffollamento, destinare più fondi per la manutenzione di case popolari… tutto questo nella giornata di lunedì ha trovato espressione con l’azione in Gagno.

Martedì – CEP
Partendo dal “Nuovo spazio autogestito “ilnostroquartierecep” – occupato dai giovani e dalle famiglie del più grande quartiere popolare di Pisa lo scorso 16 ottobre – decine di persone martedì 18 novembre hanno attraversato tutto il quartiere nonostante la pioggia, per ispezionare i tanti cantieri che il Comune negli ultimi anni ha fatto partire al CEP. Cantieri che hanno cambiato il volto del quartiere cementificando e togliendo spazi di aggregazione importanti, e che soprattutto vanno a rilento: da 4 anni ancora le case di Via Vecelio non sono finite! Un altra denuncia fatta irrompendo all’interno di uno di questi cantieri e bloccando i lavori è stata quella relativa al degrado strutturale delle case popolari: anche e soprattutto a quelle di ultima costruzione! Sono noti infatti i meccanismi di appalto al ribasso che fanno costruire le case pubbliche con materiali scadenti e risparmiando su tutto quello che è possibile risparmiare, anche mettendo a rischio la sicurezza delle persone che vi andranno ad abitare. Come le case di Via Bernini che dopo poco finite di costruire cadono già a pezzi o sono già infiltrate di acqua e umidità: gli abitanti dei comitati hanno affermato basta con quei meccanismi utili a qualche dirigente delle istituzioni ed ai padroni delle aziende che vincono appalti al ribasso!
Nel corso della protesta la dirigenza dell’Apes, allarmate dal corteo selvaggio nel quartiere si è tenuta a distanza in maniera patetica dal corteo, con la paura di essere inseguita…

 

Mercoledì – Sant’Ermete, San Marco, San Giusto, La Cella
Sant’Ermete, San Marco, San Giusto, La cella: dalle 14 di pomeriggio alle 18 di mercoledì 19 novembre questi quartieri si sono riversati in strada per denunciare il pericolo di morte costituito dal cavalcavia della zona. Incidenti frequenti (uno anche lo stesso pomeriggio) e denunce che vanno avanti da anni, hanno portato l’esasperazione di più di 60 persone della zona a bloccare con tanto di copertoni ed altro materiale la zona! La richiesta è chiara: l’unico passaggio e collegamento di questa parte di Pisa Ovest con il centro è una passerella senza illuminazione, senza marciapiedi, senza manutenzioni… il Comune deve fare subito i lavori! Questa richiesta è stata avanzata in tante sedi e occasioni: l’ultima fu il consiglio di Circoscrizione aperto conquistato dal Comitato di Sant’Ermete lo scorso 23 settembre… le risposte istituzionali sono sempre le stesse… “ora faremo qualcosa, i soldi non ci sono, blablabla”. La rabbia è scattata anche dall’annuncio dell’investimento di ben 13 milioni di euro che la Sat, azienda dell’aeroporto, darebbe a Pisa per compensare il territorio della recente privatizzazione delle quote a favore di un Magnate Argentino… solo che questi soldi non sono destinati a riqualificare le periferie né a mettere in sicurezza il territorio! Oltre il danno la beffa! Infatti la scusa “non ci sono i soldi” non regge, ed è per questo che il blocco determinato è andato avanti molte ore fintantochè il Prefetto e il dirigente del comune non hanno accettato di incontrare una delegazione dei comitati.

 

Giovedì – Mobilitazione di tutti i quartieri
Di fronte all’organizzazione di questa spontaneità sociale, anche il livello mediatico cittadino non ha potuto far finta di niente. Interviste sulle televisioni locali, articoloni da prima pagina sui quotidiani, hanno percorso in contro tendenza il dibattito nazionale costruito dal Potere sulle periferie che da dieci giorni cerca di infiammare glia animi del paese. Da Tor Sapienza a Milano; dal disagio sociale alle occupazioni abusive, la rappresentazione mediatica delle periferie è stata quella in negativo generata dalla guerra tra poveri. Solo le resistenze e gli scontri degli ultimi giorni, in particolare a Milano, hanno fatto emergere una realtà di conflitto e lotta che inizia ad incrinare questa immagine di “degrado”. Ed a Pisa, chi ricercava il “degrado” nella guerra tra poveri, lo ha visto invece combattere da un corpo sociale unito contro le speculazioni della politica istituzionale e la sete di profitto imprenditoriale! Ai giornalisti che cercavano il sensazionalismo dell’abusivo occupante, è stata data immagine reale delle lotte per far assegnare le case vuote, lotte di picchetti anti sfratto e di presidi contro il sovraffollamento!
Giovedì pomeriggio queste rappresentazioni del reale si sono ritrovate per un’ulteriore appuntamento collettivo sotto il palazzo del Comune in Banchi. Una mega torta di carta pesta è stata messa dentro il comune… “la torta la vogliamo tutta”! Questo slogan ha accompagnato interventi dei singoli comitati che hanno annunciato la nascita del “coordinamento dei quartieri popolari riuniti” affinchè nelle prossime settimane cresca il Movimento delle periferie per ottenere le rivendicazioni incarnate dalle proteste degli ultimi giorni. Forze di polizia e carabinieri in imbarazzo a protezione ridicola del Comune hanno fatto per l’ennesima volta i conti con la determinazione di un soggetto popolare e di massa in formazione che ha tutta l’intenzione di auto-rappresentarsi e di decidere i propri passi per ottenere casa, reddito e dignità.

Di fronte a possibili tensioni, i portoni del Comune sono rimasti aperti e l’assessore comunale alle politiche abitative Zambito, per conto del Sindaco, è scesa ad incontrare il presidio. Le è stato consegnato lo Statuto del Coordinamento con la richiesta immediata di entrare nella Commissione Erp. L’assessore ha dato il suo parere positivo, da verificare in questa settimana.

Di sicuro il risultato sta nella consapevolezza che si può strappare, avanzare, ottenere quando la posta in palio è la produzione di un movimento sociale di massa che ha ben chiaro quelle che sono le proprie rivendicazioni e controparti! Nessuna guerra tra poveri, nessun politicismo né compromesso utile alla gestione dell’esistente. Il coordinamento dei quartieri riuniti è un passaggio di questo movimento poiché si basa sul riscatto e la partecipazione reale e conflittuale degli abitanti.. e questo in tanti lo stanno iniziando a capire.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

cepgagnopisaquartieri popolarisan giustosant'ermete

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fermiamoli ora: mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge sicurezza che criminalizza le lotte sociali

Inasprimento delle pene, da 2 a 7 anni,  per le occupazioni abitative ma anche per chi resiste allo sfratto e chi partecipa ai picchetti; pene draconiane da 7 a 20 anni per detenzione e diffusione di materiale che incita a impedire la realizzazione di opere ritenute strategiche; aumento delle pene per i reati di imbrattamento per colpire le pratiche di soggetti ambientalisti. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Il profilo del non votante è sempre più connotato sul piano sociale” L’analisi dei flussi elettorali con Marco Valbruzzi

“Il profilo del non-votante non è connotato sul piano politico-ideologico, invece è connotato sempre di più sul piano sociale“.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Ste, che la terra ti sia lieve

Se ne è andato Stefano, compagno, No Tav. Come redazione di InfoAut ci uniamo al ricordo del movimento No Tav ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza ed affetto ad Ermelinda, ai compagni ed alle compagne che hanno condiviso le piazze, le strade ed i sentieri di montagna con Stefano.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Nanterre: marcia per Nahel e contro l’impunità della polizia.

Di seguito l’appello del Fronte Unito per l’Immigrazione e i Quartieri Popolari per chiamare alla marcia di sabato 29 giugno a Nanterre per fare giustizia per Nahel Merzouk e tutti i giovani uccisi dalla polizia nei quartieri popolari.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Parigi: marcia contro il razzismo e islamofobia vietata dalla prefettura.

Il 21 aprile è prevista una importante marcia contro il razzismo e l’islamofobia, per la tutela dei giovani che nei quartieri popolari sono sistematicamente obiettivo della violenza e del razzismo della polizia e dello Stato.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Da Torino a Pisa continuano le mobilitazioni per la Palestina.

Le mobilitazioni a sostegno del popolo palestinese continuano, in particolare nei luoghi della formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lo scandalo della Torre e il senso di Giustizia

Venerdì 17 novembre, a Pisa, un partecipato corteo composto da un migliaio di studentə e lavoratorə in sciopero ha attraversato determinato e rabbioso le strade della città, è arrivato in Piazza dei Miracoli e ha occupato per un’ora uno dei monumenti più famosi del mondo, la Torre di Pisa, calando dalla sua cima una gigantesca bandiera della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Pisa: calata la bandiera palestinese dalla Torre in piazza dei Miracoli

Alla fine di un partecipatissimo corteo studentesco e cittadino a Pisa, che chiedeva il cessate il fuoco immediato, la fine del genocidio a Gaza e la liberazione della Palestina, lə manifestanti sono riuscitə a salire sulla Torre, sfidando il blocco delle forze dell’ordine, per calare una gigantesca bandiera Palestina. L’obiettivo era quello di mostrare ancora […]