InfoAut
Immagine di copertina per il post

California: bloccata fabbrica Raytheon che arma l’esercito israeliano

Il 13 novembre, alcuni manifestanti nel sud della California hanno bloccato una struttura di un appaltatore della difesa in solidarietà con i Palestinesi che vengono colpiti dalle bombe che produce. Questo reportage analizza come sono riusciti a farlo.

da CrimethInc

Alle 7 del mattino del 13 novembre, decine di persone sono confluite nel vasto campus della California meridionale dell’azienda di difesa Raytheon, in risposta a un appello di Lavoratori in Palestina a intraprendere un’azione diretta per bloccare il flusso di armi all’esercito israeliano. Hanno bloccato la struttura per più di sette ore, durante le quali altre centinaia di manifestanti si sono uniti all’azione a ondate, attirati dagli annunci sui social media. Insieme, sono riusciti a bloccare le operazioni dell’impianto per tutto il giorno.

Il cartello all’ingresso principale della struttura.

Situata a sud dell’aeroporto internazionale di Los Angeles e di fronte alla controversa raffineria di petrolio Chevron, Raytheon è uno dei numerosi produttori di armi con sede nel sud della California. Come Lockheed Martin, Northrup Grumman, Boeing, Elbit Systems e General Dynamics, Raytheon trae profitto dai contratti con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Questi contratti consentono a Raytheon e ad altri produttori di armi di trarre profitto dalla fornitura di tecnologia militare come i missili Sidewinder, le bombe a guida laser Paveway, i missili intercettori Tamir e le munizioni per attacco diretto congiunto (JDAM) all’esercito israeliano.

Tali contratti hanno permesso all’esercito israeliano di uccidere oltre 11.000 palestinesi dall’attacco di Hamas del 7 ottobre. L’esercito israeliano ha intenzionalmente preso di mira ospedali, abitazioni e strutture scolastiche; quasi la metà dei morti palestinesi sono bambini. Circa una persona su duecento a Gaza è stata uccisa e non c’è alcuna indicazione che il governo israeliano abbia intenzione di fermarsi. Elementi del governo israeliano hanno esplicitamente proposto di costringere ogni singolo palestinese che non viene ucciso a fuggire nella penisola del Sinai, uccidendo o sfollando 2,3 milioni di persone.

Questo è un genocidio. L’esercito israeliano sta intenzionalmente uccidendo palestinesi a migliaia, unicamente sulla base della loro etnia. Un’azione diretta contro l’industria delle armi che rende possibile tutto questo è una delle uniche cose che potrebbe mitigare il disastro.

Persone che reggono striscioni per bloccare l’ingresso principale di El Segundo, a mezzogiorno.

L’azione

Le persone hanno indetto e coordinato questa azione in modo autonomo, senza il coinvolgimento formale di alcuna organizzazione o gruppo. La mattina di sabato 11 novembre, sui social media è circolato un volantino che indirizzava le persone a un link per iscriversi a un canale Telegram dedicato. Questo annuncio ha fornito meno di due giorni di preavviso dell’azione. Esattamente un’ora prima dell’inizio dell’azione, alle 6 del mattino, sul canale Telegram è apparso un messaggio che annunciava il luogo esatto e l’obiettivo.

Un’ora dopo, i gruppi si sono riuniti in quattro punti della struttura, poiché era necessario bloccare tutti e tre gli ingressi principali per interrompere il lavoro per la giornata. I punti di incontro comprendevano l’ingresso principale della struttura all’incrocio tra El Segundo Boulevard e Continental Boulevard, il primo ingresso a piedi/con tessera elettronica su Continental Boulevard, l’ingresso a piedi/con tessera elettronica nella vicina piazza con i ristoranti e l’ingresso posteriore su South Hughes Way e South Allied Way.

Le barre rosse rappresentano le posizioni dei blocchi nel corso dell’azione. Alcuni di questi sono stati mantenuti per sette ore, mentre altri sono emersi temporaneamente in risposta all’evolversi della situazione.

In primo luogo, le persone hanno sbarrato l’ingresso principale e gli ingressi pedonali. I dipendenti sono stati reindirizzati all’ingresso posteriore, che si trovava a più di un miglio di distanza, a quindici o venti minuti di cammino. Era l’ingresso più isolato di tutti e l’ultimo a essere transennato.

Quando i partecipanti sono arrivati all’ingresso posteriore di Hughes/Allied Way, alle 7:20 circa, sono bastate tre persone per iniziare a creare una barricata e allontanare le auto. Poco dopo l’arrivo di altre persone in quel luogo, un grande camion Raytheon è uscito dal cancello. La gente ha fermato il camion davanti alla barricata e l’autista si è girato, disperando di poter lasciare l’impianto. In quest’area, i partecipanti hanno utilizzato i materiali da costruzione presenti nelle vicinanze per creare tre strati di barricate che si estendevano dall’ingresso posteriore fino alla strada trasversale.

I dimostranti tengono uno striscione davanti alla barricata all’ingresso posteriore.
La barricata su South Hughes all’ingresso posteriore, che ha impedito a un camion di lasciare la struttura all’inizio del blocco.

A due dei tre ingressi, le persone hanno distrutto i tastierini per i codici di accesso come fossero pignatte. Una strada a quattro corsie, molto trafficata, è stata riempita di rocce provenienti da aree commerciali vicine, oltre che di vari materiali per la costruzione, i lavori stradali e il controllo del traffico. L’atmosfera era vivace, con musica fornita da un sistema audio mobile e l’uso occasionale di fumogeni. Alcuni hanno esposto striscioni, altri hanno aggiunto messaggi ai cartelli Raytheon. I partecipanti non si sono controllati a vicenda, ma hanno comunicato con rispetto.

La tastiera dell’ingresso pedonale accanto all’ingresso principale, in tarda mattinata.

La decisione degli organizzatori di non condividere il luogo dell’azione fino all’ultimo momento può aver limitato il numero dei partecipanti, ma è anche riuscita a ritardare la risposta della polizia. La polizia è arrivata all’ingresso posteriore alle 9:25, oltre due ore dopo l’inizio del blocco. Tra queste, la polizia di El Segundo (ESPD), la polizia di Culver City (CCPD) e la polizia di Hermosa Beach (HBPD). Gli agenti del dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles (LASD) li hanno raggiunti più tardi.

La polizia di El Segundo è arrivata all’ingresso principale alle 10:53, ma alla fine se ne è andata. La polizia di Torrance e Inglewood si è presentata all’ingresso con il supporto di altre agenzie alle 12:04.

La polizia ha impiegato molte ore per stabilire il controllo della situazione. I vari dipartimenti di polizia chiamati hanno faticato a coordinarsi tra loro. Gli agenti sembravano confusi. Quelli di un dipartimento davano un ordine da una direzione e gli agenti di un altro dipartimento li interrompevano con un altro ordine da una direzione diversa. Non era chiaro cosa stessero dicendo alla gente di fare; spesso i loro ordini erano completamente incomprensibili.

Non sembrava che la polizia locale fosse esperta nel controllo della folla in questo tipo di situazione. La priorità è stata quella di entrare nel campus Raytheon per proteggerlo dall’interno piuttosto che interagire con i manifestanti.

Un partecipante che si aggira tra le barricate adiacenti all’ingresso principale.

Quando è apparsa la prima barricata all’ingresso posteriore, più isolato, la polizia è scesa dai veicoli e ha faticosamente spostato le barriere, i coni stradali e le recinzioni. Dopo che la barricata sul retro è stata sgomberata, i manifestanti hanno istituito un picchetto itinerante, spostandosi ulteriormente nelle due strade che conducevano all’ingresso posteriore. Questo ha permesso loro di continuare a bloccare l’accesso alla struttura.

Questo picchetto itinerante è stato infine spostato dal gran numero di poliziotti che hanno iniziato a entrare nel sito per posizionare gli agenti all’interno della barricata all’ingresso principale. Dopo l’ingresso di un certo numero di auto di routine della polizia, hanno iniziato ad arrivare diversi Humvee della SWAT e veicoli di emergenza.

Alla fine, la risposta della polizia ha incluso agenti di El Segundo, Torrance, Manhattan Beach, Hermosa Beach, Culver City, Gardena, Hawthorne e Inglewood, oltre al dipartimento dello sceriffo di Los Angeles e alla polizia dell’aeroporto internazionale di Los Angeles. Quattro elicotteri hanno sorvolato il sito per ore. Ciononostante, i manifestanti si sono spostati strategicamente tra i tre ingressi, rafforzando il numero di persone secondo le necessità e proteggendosi efficacemente l’un l’altro dall’arresto. L’azione si è conclusa senza arresti o feriti, nonostante il fatto che, quando i partecipanti hanno deciso di disperdersi, il numero di manifestanti e di poliziotti fosse più o meno pari.

L’ingresso principale della struttura a mezzogiorno.

Contesto

Questa non è stata la prima azione contro Raytheon dall’inizio dell’ultimo capitolo della tragedia in Palestina. Il 1° novembre, oltre 100 attivisti ebrei e palestinesi hanno inscenato un die-in per bloccare l’ingresso di un ufficio Raytheon a Tucson, in Arizona. L’8 novembre, gli attivisti di Arlington, in Virginia, hanno inscenato un die-in e hanno consegnato alla Raytheon un “mandato di comparizione” per un Tribunale dei Mercanti di Morte. Il giorno seguente, 150 persone hanno interrotto la sede di Raytheon a Goleta, in California, per pretendere che il governo degli Stati Uniti chieda un cessate il fuoco, la fine dei contratti militari privati tra Raytheon e il Dipartimento della Difesa e che gli Stati Uniti smettano di armare Israele. Hanno bloccato l’ingresso principale del sito, costringendo i lavoratori a entrare da un altro ingresso. Tutte queste azioni hanno attirato l’attenzione sul ruolo di Raytheon, ma restava da vedere come un numero minore di persone avrebbe potuto chiudere completamente un impianto Raytheon, anche solo per un giorno.

Los Angeles può essere un contesto difficile in cui organizzare azioni dirette. Quasi 13 milioni di persone vivono nelle vicinanze dell’area metropolitana, ma questa popolazione è distribuita su un vasto territorio. I mezzi di trasporto pubblico sono disponibili, ma raramente sono accessibili o rapidi, il che rende difficile il raduno, sia per l’organizzazione che per le azioni. La maggior parte delle reti politiche più radicali sono più o meno isolate, a causa della geografia, dei conflitti ideologici e delle complicazioni della politica identitaria.

Di conseguenza, l’affluenza alle manifestazioni in questa città è stata spesso molto inferiore a quella che ci si aspetterebbe in un luogo con una popolazione così numerosa. Molti di coloro che si presentano sono persone di sinistra e liberali che, nella migliore delle ipotesi, vengono assorbite da organizzazioni che si concentrano su azioni che comportano un alto grado di controllo dall’alto e un impatto deliberatamente limitato. Tali organizzazioni spesso usano la retorica della sicurezza per giustificare la collaborazione con la polizia.

Adiacente al cancello principale: rocce paesaggistiche che fanno la loro parte.

Questo tipo di azione organizzata orizzontalmente è rara nel panorama politico di Los Angeles. Il metodo con cui è stata annunciata l’azione non ha attirato un numero massiccio di persone, ma ha minimizzato il pericolo che la polizia o i contro-protestanti si mobilitassero in risposta. Una volta che l’azione ha preso il via, la notizia ha attirato altre persone, che sono state parte integrante del suo successo.

Vale la pena notare che il Dipartimento di Polizia di Los Angeles (LAPD) non ha risposto all’azione, e questo è stato un fattore che ha influito sul suo svolgimento. La polizia di Los Angeles è una delle più grandi forze di polizia degli Stati Uniti; ha molta pratica nel controllo delle folle e nelle tattiche di contro-insurrezione e si addestra con le forze di occupazione israeliane. Allo stesso tempo, hanno un protocollo più consolidato per affrontare le proteste, quindi possono essere in qualche modo più prevedibili. In alcuni casi, scelgono un approccio più distaccato nel rispondere alle occupazioni. Probabilmente è più facile sopraffare i dipartimenti di polizia più piccoli delle città vicine, ma questo può portare ad adottare un approccio pesante. In questo caso particolare, l’assenza della polizia di Los Angeles ha funzionato per il meglio, poiché i poliziotti della piccola città erano sovraccarichi e non hanno attaccato frontalmente la folla.

La barricata all’ingresso principale della struttura.
I dimostranti aggiungono sassi alla strada mentre la polizia li guarda.

Andare avanti

Partecipare ad un’azione diretta implica sempre un atto di fede, un affidarsi al valore della solidarietà e un mettersi alla ricerca di ciò che è possibile fare nel corso dell’azione. È una cosa che richiede pratica: dobbiamo agire, riflettere e riprovare. Questo particolare esperimento è riuscito a creare un ponte tra diverse comunità, mettendo insieme persone con strategie, esperienze, competenze, background e gradi di tolleranza al rischio diversi. Dare priorità alla sicurezza, alla diversità delle tattiche e all’impatto concreto rispetto al simbolismo ha posto le basi per un intervento efficace rispetto al numero di persone che vi hanno partecipato e al tempo necessario per pianificarlo.

Tra le barricate del cancello principale, guardando Raytheon in lontananza.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASSEDIO DI GAZAcaliforniapalestinastati unitiTRAFFICO DI ARMI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Federico II di Napoli: assemblea di massa in solidarietà con il popolo palestinese

Napoli venerdi 12 aprile, h 11.30. Dopo aver impedito al direttore di Repubblica Molinari di portare avanti la sua propaganda guerrafondaia, dopo aver occupato il rettorato, gli studenti della Federico II hanno costretto ad un tavolo il rettore Lorito.  L’aula Conforti della facoltà di Giurisprudenza è stracolma, parliamo almeno di 500 persone.  L’intervento d’apertura da […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni USA: non solo uno scontro tra un “rimbambito” e un “delinquente”

Dopo il Super Tuesday del 5 marzo, la partita delle primarie presidenziali negli Stati Uniti si è chiusa con lo scontato risultato della vittoria di Biden da un lato e di Trump dall’altro, che quest’estate verranno incoronati quali candidati per la corsa del novembre 2024 nelle Conventions dei rispettivi partiti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’obiettivo finale di Netanyahu e le ambizioni regionali dell’estrema destra israeliana

Gli eventi degli ultimi giorni suggeriscono che potremmo vedere prendere forma l’obiettivo finale di Israele. Gli obiettivi del governo di estrema destra di Netanyahu non si limitano a Gaza: vuole conquistare tutta la Palestina e iniziare una guerra anche con Hezbollah e l’Iran.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sudamerica: crisi diplomatica dopo l’assalto della polizia ecuadoregna all’ambasciata del Messico a Quito.

Il presidente messicano Obrador ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, dopo che la polizia ha fatto irruzione nell’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, legato all’ex presidente Correa, da tempo rifugiatosi in Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tribunale della libertà conferma gli arresti per Anan, Alì e Mansour

L’Italia conferma la propria collaborazione con il progetto israeliano di repressione della resistenza palestinese. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

GMO: l’esercito israeliano ha ucciso oltre 400 civili dentro e intorno all’ospedale di Al-Shifa.

Gaza. L’Ufficio Media governativo (GMO) di Gaza ha affermato che più di 400 persone – pazienti, civili sfollati di guerra e personale sanitario – sono state uccise negli attacchi israeliani durante 13 giorni di assedio militare all’ospedale Al-Shifa e ai quartieri vicini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello dei lavoratori palestinesi per la Giornata della Terra. Lottiamo per la nostra terra e per la nostra libertà

Il 30 marzo in Palestina è il Giorno della Terra, che ricorda i caduti negli scontri del 30 marzo 1976 quando l’esercito israeliano inviò le proprie forze in tre paesi (Sachnin, Arraba e Deir Hanna) allo scopo di reprimere le manifestazioni che ebbero luogo a seguito della decisione delle autorità israeliane di espropriare vasti terreni agricoli. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: dopo le cariche all’inaugurazione dell’anno accademico, occupato il rettorato

Occupato il rettorato dell’Università di Bologna. L’iniziativa si inserisce all’interno della “Israeli Genocide Week”, settimana di solidarietà e mobilitazione nelle Università contro il genocidio in corso a Gaza, promossa dai Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

VOI SETTE, NOI 99%

Dentro la Reggia di Venaria dal 28 al 30 aprile ci saranno i ministri delle 7 potenze mondiali a parlare di transizione ecologica ed energetica. A Torino si sta costruendo un percorso di avvicinamento che vede coinvolti comitati, associazioni ambientaliste, collettivi studenteschi e giovanili, realtà ecologiste.