InfoAut
Immagine di copertina per il post

Gilet Gialli: a che punto siamo quattro anni dopo?

Il 17 novembre 2018, un nuovo tipo di movimento è esploso sotto gli occhi di molti osservatori e ha colto di sorpresa i sindacati e i partiti politici, convinti di avere il monopolio della protesta: il movimento dei Gilet Gialli.

Tradotto da Contre Attaque

Ufficialmente 287.710 manifestanti, probabilmente 10 volte di più, si sono distribuiti in 2000 rotatorie in tutto il Paese, creando nuovi spazi di discussione. I cortei sono eterogenei, molti di loro non sono abituati a manifestare. Tutti ricordiamo l’appello del camionista Ghislain Coutard che improvvisò il simbolo delle manifestazioni, il gilet giallo di sicurezza. La sua rabbia e il suo colpo di genio “Abbiamo tutti un gilet giallo in macchina! Mettetelo sul cruscotto in bella vista per tutta la settimana. Si tratta di un piccolo codice colore che indica il vostro sostegno al movimento.”

Nelle settimane successive si verificò uno strano fenomeno: tutti ci guardavamo per strada, come per contarci. E siamo in tanti… Il resto lo sapete: 65 settimane di mobilitazione, migliaia di manifestanti feriti e presumibilmente 1.800 poliziotti feriti. Se la mobilitazione è senza precedenti, lo è anche la natura violenta della repressione.

Solo nel 2018, la polizia ha sparato 19.071 proiettili LBD e ha lanciato 5.420 granate. Una repressione totale. Purtroppo, le vittorie non sono altrettanto numerose. Se siamo riusciti a seppellire la carbon tax, l’elenco delle 42 richieste è rimasto per lo più lettera morta.

Le poche misure salvate dalla finta assemblea dei cittadini saranno ulteriormente erose dagli emendamenti dell’Assemblea. Non è che i Gilet Gialli avessero in mente questo quando hanno chiesto una maggiore democrazia diretta.

Quattro anni dopo, la maggior parte dei gruppi iniziali di gilet gialli non esiste più, ma alcuni attivisti persistono e non esitano a sostenere altri gruppi militanti. Dal loro caotico percorso, ricordiamo che il movimento dei Gilet Gialli ha mostrato a tutti i vecchietti la necessità di rinnovare la mobilitazione. Una lezione che è ancora lontana dall’essere integrata se osserviamo il successo dell’ultimo appello della CGT in Francia…

Sarebbe bene non lasciare ancora una volta il monopolio della mobilitazione a questi sindacati, abituati a simpatici cortei e poi a sparire. Il successo della mobilitazione di Sainte-Soline dimostra che dobbiamo lottare in modo diverso. Mobilitare strategie diverse e fare coesione tra cortei “pacifici” e “determinati”. I Gilet Gialli sono riusciti a soffiare sulla brace della mobilitazione sociale, sta a noi appiccare il fuoco!

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

FranciaGILETS JAUNES

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cop28 a Dubai: una comoda copertura per la repressione

I media e i politici occidentali difenderanno i diritti umani negli Emirati Arabi Uniti,  come non hanno invece fatto in Egitto?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fiumicino: bloccato il terminal della Turkish Airlines in solidarietà al Rojava sotto attacco

Bloccato ieri mattina il check-in Turkish-Airlines a Fiumicino. Una iniziativa di sostegno e solidarietà al Rojava sotto attacco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

COP27: l’agenda climatica di Israele è un “greenwashing” della sua occupazione di terre palestinesi?

Senza giustizia climatica per i palestinesi e per le minoranze arabe in patria, la strategia di Israele di utilizzare l’ambiente come trampolino di lancio per la cooperazione politica ed economica con i vicini equivale a un greenwashing del suo scarso record di diritti umani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come la pandemia ha cambiato il panorama del lavoro organizzato negli USA

La prospettiva dell’intreccio tra crisi sociale e crisi climatica e la centralità assunta da relativamente nuovi settori del lavoro contemporaneo accanto a mansioni più tradizionali ci paiono spunti di ragionamento fondamentali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: su Radio Onda d’Urto le corrispondenze dalla Siria del Nord e dell’Est, ancora sotto attacco turco

Radio Onda d’Urto è in Rojava, territorio della Siria del Nord e dell’Est che da dieci anni sperimenta l’autogoverno mettendo in pratica i principi del confederalismo democratico. Un territorio ancora una volta sotto attacco militare da parte dello Stato turco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Muore Hebe de Bonafini, storica presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo e simbolo mondiale della lotta per i diritti umani

La presidente delle Madri di Plaza de Mayo, Hebe de Bonafini, è morta domenica all’età di 93 anni, secondo fonti vicine all’attivista per i diritti umani.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: le forze israeliane attaccano e demoliscono scuole. A Hebron aggrediti brutalmente studenti e insegnanti

L’apartheid israeliana ha molti volti. Uno di questi è quello della persecuzione contro i giovani e giovanissimi palestinesi e l’attacco agli istituti della loro formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bombardamenti turchi in Rojava e Iraq contro il Confederalismo Democratico

Gli aerei da guerra dello Stato turco hanno bombardato la parte occidentale della Siria settentrionale e orientale: Kobanê e il villaggio di Belûniyê a Shehba, a sud-ovest di Kobanê. E’ stato colpito anche il villaggio di Teqil Beqil, vicino a Qereçox a Dêrik, nella parte orientale del Rojava e i magazzini di grano di Dehir Ereb, a nord-est di Zirgan.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: La polizia reprime una marcia in onore di un dirigente mapuche assassinato dai carabinieri nel 2018

La Polizia di Santiago (Cile) ha utilizzato la violenza per reprimere e disperdere le manifestazioni realizzate questo lunedì per il quarto anniversario dell’assassinio del comunero mapuche Camilo Catrillanca, che morì dopo che i carabinieri gli spararono alle spalle.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Parigi: per le autoriduzioni e contro Carrefour, una settimana d’azioni

Nel gennaio 2021, dopo quasi un anno di lockdown, 60 attivisti e lavoratori precari hanno effettuato un’autoriduzione presso il Carrefour Market di Rue Nationale a Parigi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La lotta a Sainte Soline contro il progetto di mega bacino idrico.

Lo scorso weekend si è tenuta una manifestazione importante a Sainte Soline, nel nord ovest della Francia, dove migliaia di persone messe in rete dal movimento Soulevement de la Terre si sono ritrovate per opporsi al progetto del mega bacino idrico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ritorno sulle mobilitazioni contro il carovita in Francia.

Dallo sciopero delle raffinerie alle manifestazioni per una giustizia sociale e climatica, una conversazione con un compagno della Plateforme d’Enquetes Militantes.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: scommessa vinta per il movimento No Bassines: più di 7000 invadono il sito di Sainte-Soline!

A Sainte-Soline, nelle paludi di Poitevin, più di 7000 oppositori ai mega-bacini si sono riuniti sabato scorso prima di riuscire a entrare nel cantiere del più grande bacino in costruzione, nonostante i pesanti divieti e una presenza di polizia senza precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: 29/30 ottobre, non un mega-bacino di più!

Riprendiamo da Les soulèvements de la terre l’appello per una grande manifestazione contro i mega-bacini idrici e l’agroindustria che avrà luogo il 29/30 a Sainte-Soline.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: lo sciopero delle raffinerie

Si avvia verso la fine lo sciopero dei lavoratori delle raffinerie in Francia Dopo tre settimane, soltanto due siti di TotalEnergies restano ancora bloccati per la protesta, quelli di Feyzin, vicino Lione, e quello di Gonfreville, in Normandia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Imponente marcia a Parigi: non abbiamo carburante, ma l’energia della strada!

Ieri si è tenuta a Parigi un’imponente mobiltazione contro il carovita ed emergenza climatica. La marcia era organizzata dall’alleanza di sinistra Nupes e ha visto la partecipazione di diversi settori sociali: lavoratori, giovani dei movimenti climatici e gilet gialli.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

G8 2001: No all’estradizione di Vincenzo Vecchi!

Continua la battaglia contro l’estradizione di Vincenzo Vecchi. La corte di giustizia europea si è pronunciata il 14 luglio scorso a favore della sua estradizione, facendo prevalere la richiesta italiana rispetto alla differenza di trattamento dei reati contestati nei due paesi interessati: Italia e Francia, nonostante in quest’ultima non esista il reato fascista di “devastazione […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cronometro e secchiello, il Ministero dell’Ecologia francese denuncia i metodi rocamboleschi di Telt per misurare il rischio idrico del Tav

La grande sete che sta colpendo tutto il Nord Italia ha rimesso al centro una grande preoccupazione sollevata da sempre dal movimento No Tav: lo sconvolgimento del paesaggio idrico alpino che sarà causato dal raddoppio della Torino-Lione. Le stime avanzate recentemente dal Comitato acqua pubblica Torino a partire dai dati raccolti (male come vedremo) dai […]